Il mio Taleb - Pagina 4
Il mito di Buffett tentenna con un mercato ‘troppo veloce’ per i suoi gusti, ecco cosa ha sbagliato prima e post Covid
Il rally del 40% di Wall Street dai minimi di marzo ha colto impreparato Warren Buffett che sembra aver perso il suo tocco magico e ha fatto fatica a destreggiarsi …
UniCredit: Memory Cash Collect con rimborso anticipato e barriera profonda
UniCredit lancia una nuova gamma di Memory Cash Collect Worst Of con premi trimestrali e autocallability. Diversi gli aspetti interessanti di questa nuova emissione che appare pensata per affrontare al …
ESG: Hsbc Global Asset Management quota su Borsa Italiana tre nuovi Etf azionari sostenibili
HSBC Global Asset Management annuncia la quotazione a partire da lunedì 6 luglio 2020 su Borsa Italiana di tre nuovi ETF azionari sostenibili: l’HSBC Europe Sustainable Equity UCITS ETF, l’HSBC …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #31

    Data Registrazione
    Nov 2008
    Messaggi
    207
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    0 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Interessante l'effetto snow ball.

    Ma mi chiedo quale tecnica, se accettata e comunemente praticata, non
    sortirebbe l'effetto palla di neve?

    La salvezza potrebbe venire dalla diversificazione genetica.

    Però mettetevi nei panni di chi "sgama per primo" che i sub prime non sono
    un buon affare o che i bulbi del tulipano cremisi non possono valere quanto una casa....

    Lui si ritrae dal mercato mentre gli altri fanno affari d'oro.
    Se è un ceo viene licenziato. Poi un giorno il mercato si sveglia e la casa
    brucia.

    Il vecchio ceo è andato a fare l'agricoltore nella sua tenuta, il nuovo
    viene liquidato profumatamente.

    Siamo di fronte a processi inevitabili?

  2. #32
    L'avatar di csepel
    Data Registrazione
    Oct 2008
    Messaggi
    1,171
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    0 Post(s)
    Potenza rep
    22106147
    ringrazio paponzi per le recensioni, interessanti e direi largamente condivisibili.

    le domande proposte da MP3 sono molto profonde. e direi che sono l'essenza del problema. l'errore insito in un modello tipo VaR non è tanto, come pensa Taleb, che chi lo usa è un ******* e pensa di affidarcisi ciecamente. il problema è che le ipotesi di qualunque modello VaR o non VaR valgono solo per il singolo intermediario e non per il sistema as a whole.

    per questo io ritengo un errore concettuale e pratico colossale aver adottato le tecniche VaR-like nella vigilanza prudenziale.
    come giustamente sostiene Taleb il VaR è un ottimo metodo per i trader, ma non per i risk manager e figurarsi per chi si occupa di vigilanza sistemica...

    l'altra questione posta da MP3 è l'herd behaviour, già affrontata da Keynes e altri. sto cercando di ragionarci in modo più organico. per ora posso solo dire che il ragionamento esposto è giustissimo. a tutti conviene fallire in branco...

  3. #33
    L'avatar di cuccureddu
    Data Registrazione
    Mar 2006
    Messaggi
    234
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    0 Post(s)
    Potenza rep
    22333533
    In questo insieme di proposizioni bisognerebbe intanto definire “l’evento” e poi procedere.
    Se poniamo che l’evento in esame fosse stato ,nel 1930, “futuro anno-mese-giorno-ora della presa autoritaria del potere in Germania” tutti avrebbero adottato una “wiew talebiana” dichiarando la non prevedibilità, intesa nel senso di calcolabilità della probabilità di tale evento: non ci sarebbe stata disputa.
    Se poniamo invece che l’evento in esame fosse stato, in tal periodo, “presa autoritaria del potere in Germania” anche i talebiani (ante litteram) si sarebbero “piegati” ad ammettere che, pur se non esprimibile con un numero compreso fra quasi zero e quasi 1, la probababilità di un tale evento era da considerare piuttosto elevata: ancora non ci sarebbe stata disputa.

    In altre termini: spesso "conflitti" accesi sarebbero evitati, o subito risolti, con lo sgombero dei possibili missunderstanding.
    Questa idea mutata ( forse stiracchiatamente”?) dai giovanili ricordi della assiomatizzazione propedeutica ai calcoli delle probabilità, gradirebbe un tuo pur fugace commento.

    giugin[/QUOTE]


    Evento: depletion dei giacimenti, incapacità del not yet found di far fronte al calo di produzione, scarsa visibilità delle tecnologie sostitutive,fine dell'economia basat sui combustibili fossili.
    Esito: molto probabile ( quando, Come, Chi soffrirà, chi morirà, chi prospererà ?.... Non si sa)

    Traduzione in numeri.... vedi allegato. ( da notare che l'inchiostro non è ancora asciutto ed è già tutta sballat.... figurati nel 2030)

    http://www.worldenergyoutlook.org/ke...Key_Graphs.pdf

  4. #34
    L'avatar di csepel
    Data Registrazione
    Oct 2008
    Messaggi
    1,171
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    0 Post(s)
    Potenza rep
    22106147
    non entrerei sul tema riserve fossili perchè non concordo con la teoria chimico-fisica alla base della nascita degli idrocarburi ma non ne so abbastanza per dirne nulla.

    tornerei invece sul tema "previsioni nelle scienze sociali". Taleb lo esclude e fa male. la società ha delle leggi di movimento, solo che non possiamo pretendere che si applichino ciecamente come si trattasse di pianeti.

  5. #35
    L'avatar di cuccureddu
    Data Registrazione
    Mar 2006
    Messaggi
    234
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    0 Post(s)
    Potenza rep
    22333533

    la prospettiva cieca ovvero "inferire dagli ex voto"

    Mi reco spesso per lavoro a Livorno, città di mare con un grande futuro alle spalle. Mi fermo a mangiare ( bene) sul colle di Montenero ai piedi dell'omonima abbazia che contiene fra le altre cose una splendida serie di sale zeppe di ex-voto ( con zeppe intendo che in apparenza la mole di dati è piu' che sufficiente).
    E' possibile inferire la storia della città dai suoi ex voto? e cosa raccontano una storia di vita o una storia di morte?

    Poche malattie ( a Livorno si ammalano poco o l'abbazia è cieca ai malanni perchè è specializzata in incidenti?)
    Molti naufragi ( ci sta tutto)
    Salti "quantici" nel senso che dopo 4 pareti di miracolose sopravvivenze a marosi e tempeste diluiti in periodi molto lunghi accadono improvvise moltiplicazioni dei miracoli ( un grosso fortunale, una grossa nave con molti sopravvissuti? ) e si riempiono due pareti in un mese.

    Poi il declino del mare e dei naufragi ( affondavano meno o navigavano meno?)


    Infine l'ultima grande esplosione di miracoli: a decine, a centinaia, (1915/1918) .Medagliette che deviano pallottole, assalti suicidi da cui si è usciti vivi e quant'altro. Tre sale come minimo.


    Poi l'onda della fede nella scienza ha spento tutto...... negli ultimi 50 anni a Livorno non è successo piu' niente.


    Azzardo questa tesi: non è possibile inferire dagli ex voto dell'aAbbazia di Montenero il futuro della città di Livorno.
    E' possibile con molta molta prudenza ( e facendosi anche un giro al cimitero) trarre qualche riflessione sul passato.

  6. #36
    L'avatar di csepel
    Data Registrazione
    Oct 2008
    Messaggi
    1,171
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    0 Post(s)
    Potenza rep
    22106147
    tutto vero. per questo l'ipotesi di aspettative razionali non ha senso...

  7. #37

    Data Registrazione
    Nov 2008
    Messaggi
    207
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    0 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Forse conviene ragionare in termini Ricardiani di vantaggio competitivo.

    Ma vale per i vivi, non per i morti.

  8. #38
    L'avatar di Andygo
    Data Registrazione
    Dec 2006
    Messaggi
    11,926
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    558 Post(s)
    Potenza rep
    42949686
    Citazione Originariamente Scritto da cuccureddu Visualizza Messaggio
    Mi reco spesso per lavoro a Livorno, città di mare con un grande futuro alle spalle. Mi fermo a mangiare ( bene) sul colle di Montenero ai piedi dell'omonima abbazia che contiene fra le altre cose una splendida serie di sale zeppe di ex-voto ( con zeppe intendo che in apparenza la mole di dati è piu' che sufficiente).
    E' possibile inferire la storia della città dai suoi ex voto? e cosa raccontano una storia di vita o una storia di morte?

    Poche malattie ( a Livorno si ammalano poco o l'abbazia è cieca ai malanni perchè è specializzata in incidenti?)
    Molti naufragi ( ci sta tutto)
    Salti "quantici" nel senso che dopo 4 pareti di miracolose sopravvivenze a marosi e tempeste diluiti in periodi molto lunghi accadono improvvise moltiplicazioni dei miracoli ( un grosso fortunale, una grossa nave con molti sopravvissuti? ) e si riempiono due pareti in un mese.

    Poi il declino del mare e dei naufragi ( affondavano meno o navigavano meno?)


    Infine l'ultima grande esplosione di miracoli: a decine, a centinaia, (1915/1918) .Medagliette che deviano pallottole, assalti suicidi da cui si è usciti vivi e quant'altro. Tre sale come minimo.


    Poi l'onda della fede nella scienza ha spento tutto...... negli ultimi 50 anni a Livorno non è successo piu' niente.


    Azzardo questa tesi: non è possibile inferire dagli ex voto dell'aAbbazia di Montenero il futuro della città di Livorno.
    E' possibile con molta molta prudenza ( e facendosi anche un giro al cimitero) trarre qualche riflessione sul passato.
    Confermo tutto, sono livornese e mi fa piacere che la mia citta' sia citata da chi livornese non e'. Sara' che sono lontano dalla mia citta' da un po'.

    Bello il Santuario, bello il panorama, buona la cucina. Se capitate in zona fateci un salto, merita

  9. #39

    Data Registrazione
    Nov 2008
    Messaggi
    207
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    0 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Statisticamente quanto vale un ex voto?


    Per saperlo bisognerebbe aver conto di tutti quelli che il voto non lo hanno
    avuto esaudito e quindi non hanno lasciato traccia di sè

    Quanto vale una lapide?
    Bisognerebbe sapere quelli senza lapide quanti sono....

  10. #40
    L'avatar di cuccureddu
    Data Registrazione
    Mar 2006
    Messaggi
    234
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    0 Post(s)
    Potenza rep
    22333533
    Citazione Originariamente Scritto da mp3.2 Visualizza Messaggio
    Statisticamente quanto vale un ex voto?


    Per saperlo bisognerebbe aver conto di tutti quelli che il voto non lo hanno
    avuto esaudito e quindi non hanno lasciato traccia di sè

    Quanto vale una lapide?
    Bisognerebbe sapere quelli senza lapide quanti sono....
    Lei mi chiede piu' dati, e poi ancora di piu' e quando mi dirà basta ?

    Io le parlo di decidere con i dati che si hanno, e decidere per il futuro non per dare un senso al passato.
    Torniamo ai suoi ebrei tedeschi: il punto di vista in queste cose è tutto.

    Non siamo piu' storici del 2000 ma eccomi qui 50 anni due figli all'università un avviato commercio di birra in una città tedesca.
    Ho vissuto gli orrori di Weimar e pue essendo ebreo anch'io invoco un unomo forte.
    Erano prevedibili i forni? Erano probabili?
    Mentre l'aria cominciava a cambiare dovevo decidere; vendere tutto, corrompere qualcuno all'ambasciata, impegnare tutto cio che avevo, la mia intera vita e ricominciare in America magari.
    Ma è meglio aspettare, ancora un giorno ancora un'ora... non ho abbastanza dati..... e sono passato per il camino.


    Cambiamo continente.

    Crisi di Cuba, la guerra nucleare è probabile, ci siamo andati a tanto così ed invece è diventata un non fatto, uan prova silenziosa direbbe taleb.

    Ho 50 anni, due figli all'università ed una ferrementa a Cincinnati....e ho un rifugio antiatomico in giardino.

    Me la gioco, svendo tutto, chiudo la famiglia nel rifugio....... e quando ne esco
    ho fatto la figura del ***** e ci ho rimesso un sacco di soldi.


    La trappola dell'autocampionamento è inesorabile: facciamo parte del campione, siamo la moneta non il lanciatore.
    Hitler ha inventato i forni, Kennedy non ha tirato i missili..... perchè?
    Non lo so.

Accedi