Dalla scatola "nera" alla scatola bianca - Pagina 3
La migliore protezione contro la recessione? E’ Beyonce. Parola della CIO di Goldman
Mentre l?inflazione continua a correre e la Federal Reserve tenta di correre ai ripari tra i timori di una recessione all’orizzonte, gli investitori di tutto il mondo stanno cercando di …
Premier Olanda perentorio sullo spread Btp-Bund: tocca all’Italia creare condizioni per ridurlo
Il primo ministro olandese, Mark Rutte, non usa giri di parole per far capire all’Italia che dovrebbe farsi carico della gestione del costo del suo debito pubblico nei mercati finanziari. …
Re Rebaudengo (Elettricità Futura): “Rinnovabili sono strada maestra per indipendenza energetica e bollette più leggere”
L’invasione della Russia in Ucraina ha esacerbato la crisi energetica, facendo lievitare ulteriormente il costo del gas. Un’emergenza che ha visto subito una risposta concreta dell’Unione Europea che ha varato …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #21
    L'avatar di P.A.T.
    Data Registrazione
    May 2001
    Messaggi
    29,940
    Blog Entries
    4
    Mentioned
    39 Post(s)
    Quoted
    9551 Post(s)
    Potenza rep
    42949694
    Citazione Originariamente Scritto da P.A.T. Visualizza Messaggio
    Credo che se l'esperimento black box venisse condotto con tutti i crismi, la risposta al quiz da parte della black box dovrebbe convergere verso una % di circa 2/3, che equivale grosso modo alle risposta white box che vennero date in quiz similari proposti negli anni 70 da parte di (vado a memoria) Rapoport, Gardner, Hofstaedter
    Per capire come i 2/3 sia un buon punto di equilibrio nella contrattazione, ci soccorre il ricordo di alcuni risultati empirici che erano iniziati da una rubrica di Gardner negli anni 60/70 sulla rivista Scientific American riguardo i giochi di cooperazione/defezione.

    Oggi il grande tema di discussione in Europa e' il salario minimo.

    Ipotizziamo di offrire per un lavoro non specialistico (esempio l'archiviazione di documenti in una bibilioteca) 3 compensi diversi a dei diversi soggetti. Prendo dati dall'esempio fornito in un libro dallo studioso di scienze cognitive Piattelli Palmarini:

    A) 15 Euro l'ora (offerta congrua di mercato)
    B) 5 Euro l'ora
    C) 0 Euro l'ora (volontariato)

    Si e' osservato sperimentalmente che A e C scelgono di aderire, mentre B) rifiuta.
    Se a B invece vengono offerti 2/3, cioe' 10 Euro, i soggetti B) generalmente accettano.

    Pragmaticamente lo scenario e' comprensibile, ma sotto l'aspetto logico la preferenza di C) rispetto a B) non e' giustificata.

  2. #22
    L'avatar di P.A.T.
    Data Registrazione
    May 2001
    Messaggi
    29,940
    Blog Entries
    4
    Mentioned
    39 Post(s)
    Quoted
    9551 Post(s)
    Potenza rep
    42949694
    Infine, un ultimo aspetto importante.

    In un book di contrattazione ORDER DRIVEN e' anche determinante il tempo di decisione sulla strategia da intraprendere e in presenza di trading non algoritmico va tenuto conto anche di esso.

    Con tempi di decisione sufficienti la strategia dell'investitore/risparmiatore/trader in fase di asta puo' essere correlata alla scelta idonea nel contesto.

    Con tempi di decisione non sufficienti, la scelta dell'investitore/risparmiatore/trader non puo' essere correlata alla positivita' della scelta tattica idonea da intraprendere ed e' il motivo per cui nelle aste di chiusura giornaliere i market maker espongono PDN fittizie per non fornire la rappresentazione corretta di mercato
    che poi tolgono negli ultimi istanti.

    In particolare le aste di chiusura trimestrale della terza settimana di marzo, giugno, settembre e dicembre vengono sempre "truccate" fino a pochissimi secondi prima della chiusura.

    Perche' i market maker cercano di ingannare fraudolentemente gli investitori/risparmiatori/trader in asta di chiusura per poter chiudere a loro favore le posizioni aperte in opzioni ?

    I market maker non ve lo saprebbero spiegare.

    La risposta e' legata anche qui alla contrapposizione solita tra scatola bianca vs. scatola nera.

  3. #23
    L'avatar di P.A.T.
    Data Registrazione
    May 2001
    Messaggi
    29,940
    Blog Entries
    4
    Mentioned
    39 Post(s)
    Quoted
    9551 Post(s)
    Potenza rep
    42949694
    L'ultima di Deep Mind: Gato

    Gato (DeepMind) - Wikipedia

    Dalla scatola "nera" alla scatola bianca-gato.jpgDalla scatola "nera" alla scatola bianca-gato.jpg



    Dal Sole 24

    Gioca ai videogiochi della Atari, controlla un
    braccio meccanico, genera immagini a partire da
    un testo scritto ed esegue ben 640 compiti diversi. Si chiama
    Gato ed è un prototipo dei programmi di intelligenza
    artificiale di ultima generazione sviluppato da
    DeepMind, la società di Google che si occupa di Ai.

    A differenza delle forme di intelligenza artificiale più
    conosciute che sanno per esempio giocare a scacchi o
    risolvere specifici problemi è multitasking, come gli esseri
    umani. Anche per questo è stata salutata con grande
    entusiasmo come il primo passo verso la macchina che
    ragiona e impara come noi.

    ......

    Quello che contraddistingue Gato è la sua capacità di
    codificare lo sviluppo tecnico di capacità cognitive umane in
    grado di risolvere problemi e raggiungere risultati anche in
    relazione alla realizzazione di obiettivi sconosciuti e
    imprevisti. Detto in maniera più semplice, passa da un
    compito all’altro senza dover dimenticare un’abilità prima di
    impararne un’altra.

  4. #24
    L'avatar di P.A.T.
    Data Registrazione
    May 2001
    Messaggi
    29,940
    Blog Entries
    4
    Mentioned
    39 Post(s)
    Quoted
    9551 Post(s)
    Potenza rep
    42949694
    Citazione Originariamente Scritto da Cren Visualizza Messaggio
    Se non ricordo male, in caso di haircut è sempre subentrata una nuova gerarchia: non più preferibili i titoli con le classiche metriche di disallineamento e/o marcato roll-yield bensì quelli più vicini al prezzo di "taglio".

    Spesso - finché lo spettro del taglio di capelli non si manifesta per davvero e la curva si inverte - questi titoli a prezzo più basso sono anche quelli più lunghi, ovvero quelli che danno virtualmente anche il tempo di ristabilire un rimborso a 100 una volta sanata l'emergenza.

    Con la Grecia mi pare che, una volta messa sul piatto l'ipotesi di haircut, la curva invertí e i titoli cominciarono a scambiare al recovery rate, come in tutti i casi simili (vedi obbligazioni ucraine di recente).

    Comunque ti ricordo che i nostri BTP hanno le CAC per casi come questo, e che comunque prima dovrebbe intervenire il MES a imporre misure draconiane volte a favorire il pagamento degli interessi sul debito.
    Pessima iniziativa quella del manifesto Tagliadebito, firmata da 100 economisti e banchieri.
    Ovvero lodevole negli intenti, ma pessima nel generare o aggiungere ulteriore confusione.
    Era una proposta da proporre a tempi debiti, non sotto l'onda devastatrice della speculazione che attacca l'Italia.

    L'unica cosa da fare adesso e' invocare il MES, con il cappello in mano.
    E io trovo incredibile che persone autorevoli come Daniele Franco e Draghi aspettino ancora.

    Lo vorranno fare con il decennale a 500 bp ? O a 300-350 bp di spread, come avrebbero consigliato di fare alte fonti della BCE ?

    Non ci sono alternative, il manifesto Tagliadebito promosso da Messina e' fuori luogo in questa fase.
    E la BCE, come si e' visto chiaramente, non puo' agire con strumenti specifici antiframmentazione, altrimenti lo avrebbe annunciato giovedi'

  5. #25

    Data Registrazione
    Oct 2009
    Messaggi
    10,576
    Blog Entries
    61
    Mentioned
    28 Post(s)
    Quoted
    806 Post(s)
    Potenza rep
    42949685
    Citazione Originariamente Scritto da P.A.T. Visualizza Messaggio
    Pessima iniziativa quella del manifesto Tagliadebito, firmata da 100 economisti e banchieri.
    Ovvero lodevole negli intenti, ma pessima nel generare o aggiungere ulteriore confusione.
    Era una proposta da proporre a tempi debiti, non sotto l'onda devastatrice della speculazione che attacca l'Italia.

    L'unica cosa da fare adesso e' invocare il MES, con il cappello in mano.
    E io trovo incredibile che persone autorevoli come Daniele Franco e Draghi aspettino ancora.

    Lo vorranno fare con il decennale a 500 bp ? O a 300-350 bp di spread, come avrebbero consigliato di fare alte fonti della BCE ?

    Non ci sono alternative, il manifesto Tagliadebito promosso da Messina e' fuori luogo in questa fase.
    E la BCE, come si e' visto chiaramente, non puo' agire con strumenti specifici antiframmentazione, altrimenti lo avrebbe annunciato giovedi'
    Penso che ci siamo già passati e mi tornano in mente tutti i ricordi del 2011 quando ero un ragazzino sul trading desk.

    Da pochi giorni su tutti i trading desk non ci sono altri trade da fare nella testa degli operatori che non siano:
    1. long USD vs. tutti;
    2. short credito (specie se HY) ed azionario;
    3. short BTP.

    Personalmente non ho dubbi che ci sia ancora tanto spazio per salire di rischio credito sui BTP, le uniche preoccupazioni sono le stesse che avevo 10 anni fa: l'Italia "pulita e produttiva" vorrebbe l'attivazione del MES e il commissariamento; il resto del Paese andrebbe volentieri avanti a colpi di patrimoniali e prelievi forzosi gridando all'equità, quand'anche non agitando il solito spettro dell'uscita dall'euro.

    La differenza rispetto a 10 anni fa è che questa volta nessuno può fare nulla per contrastare questo disastro se non sperare in un miracolo che faccia frenare l'inflazione.

    Probabilmente una bella enorme devastante recessione globale sarà l'unico modo in cui usciremo da questa situazione.

    Ci sono una serie di passi obbligati che possono riportare il contesto a essere favorevole per comprare, e schemi altrettanto rigidi che guidano le scelte degli investitori nelle varie fasi: in questa fase, tutte le imprese zombie che sono rimaste in vita per anni rifinanziando a tassi infimi dei business non profittevoli e fatti solo di aria fritta devono fallire; questo è il primo atto di pulizia della domanda aggregata: una strage di start-up inutili, di nicchie di mercato inefficienti che vivono di lavoro precario, di settori sussidiati dallo Stato per continuare a produrre perdite di esercizio.

    Come secondo passo, a seguito della decisione di rimandare gli investimenti (il denaro costa troppo) e di contrarre il business, dovranno contrarsi i margini operativi e gli utili di esercizio, dando il colpo di grazia all'azionario (al momento stiamo solo correggendo i multipli per depurarci dalle follie del periodo pandemico... c'è ancora tanto spazio per scendere); per lo stesso meccanismo, l'immobiliare deve esplodere dalla bolla in cui si trova ora.

    Come terzo passo, il crollo degli investimenti in capacità produttiva e i margini in deterioramento distruggeranno la domanda di materie prime e semilavorati da parte delle imprese; il crollo dei salari in termini reali e la disoccupazione faranno il resto per calmierare i prezzi dei beni.

    Questi sono i passi obbligati prima che le banche centrali possano tornare a drogare il mercato finanziando occultamente i deficit statali.

    In questo processo globale, mi sembra relativamente facile vedere il ruolo dell'Italia visto che parliamo di un Paese in via di de-industrializzazione la cui unica risorsa è rimasto il risparmio privato.

  6. #26
    L'avatar di P.A.T.
    Data Registrazione
    May 2001
    Messaggi
    29,940
    Blog Entries
    4
    Mentioned
    39 Post(s)
    Quoted
    9551 Post(s)
    Potenza rep
    42949694
    Citazione Originariamente Scritto da Cren Visualizza Messaggio
    La differenza rispetto a 10 anni fa è che questa volta nessuno può fare nulla per contrastare questo disastro se non sperare in un miracolo che faccia frenare l'inflazione
    C'e' una differenza rispetto ad allora, nel senso che rispetto a Tremonti e Berlusconi oggi avremmo Draghi, che conosce perfettamente i mercati. Mi sfugge il motivo per cui dall'alto della sua autorita' non rivolga un appello al paese avvertendolo che la situazione economica e finanziaria e' drammatica e che occorra con decorrenza immediata una sforbiciata alla giungla dei bonus e quant'altro inerente.

    Draghi non dovrebbe lasciare il paese andare alla deriva in questo modo.

  7. #27
    L'avatar di P.A.T.
    Data Registrazione
    May 2001
    Messaggi
    29,940
    Blog Entries
    4
    Mentioned
    39 Post(s)
    Quoted
    9551 Post(s)
    Potenza rep
    42949694
    Nuovo paper.
    https://twitter.com/DeepMind/status/...CwybSqqdMqAAAA

    Pensando a cio' che di straordinario e di incredibile sta realizzando questo gruppo di scienziati a Deep Mind, mi vengono in mente le parole del segretario di stato americano (forse Kissinger ?) ai tempi dell'LSD e di Woodstock: "Timothy Leary e' l'uomo piu' pericoloso al mondo, andrebbe fermato"

    Che dire del founder Demis Hassabis ? O di questo De Freires, il capo ricerca di Deep Mind, che ha twittato questo tweet ed in un tweet precedente aveva scritto trionfante ...

    "The game is over"

Accedi