La matematica del CoronaVirus: platicurtosi vs. leptocurtosi - Pagina 24
Unicredit e Intesa Sanpaolo suonano la carica a Piazza Affari, Ftse Mib chiude a +1,3%
Piazza Affari rialza la testa a fine ottava dopo il quasi -2% della vigilia. Il Ftse Mib ha chiuso a +1,34% a 19.767 punti sotto la spinta dei sorprendenti riscontri …
Posizioni nette corte: Maire la più shortata di Piazza Affari, sul podio anche Banco e Bper
Dall?aggiornamento di oggi di Consob sulle posizioni nette corte (PNC) si apprende che il titolo più shortato a Piazza Affari è Maire Tecnimont con 2 posizioni short aperte per una …
Il trading non è un gioco e scotta tanti giovani americani, l’App Robinhood sotto accusa. L’inchiesta del NYT
Mentre in Italia la reazione alla crisi è stata quella di incrementare la quota di risparmio, oltreoceano nei mesi del lockdown ha preso ancor più piede la tendenza di molti …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #231
    L'avatar di Paolo1956
    Data Registrazione
    Jun 2010
    Messaggi
    5,574
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    1448 Post(s)
    Potenza rep
    42949683
    Il Robert Koch Institute pubblica quotidianamente una stima dell'Ro in DE:

    https://www.rki.de/DE/Content/InfAZ/...ublicationFile

    Oggi riporta 1,07 (al 95% 0,88/1,29). I due estremi dell'intervallo di confidenza rappresentano due scenari radicalmente diversi (0,88 è buono, 1,29 è decisamente bruttino). In DE si riportano ieri 357 nuovi casi, la gran parte in due stati, Baviera e NR Westfalia.

    In queste situazioni l'Ro mi sembra meno utile per capire dove si sta andando.

    Altri sistemi come il tasso di utilizzo delle TI essendo molto delayed mi sembrano ancor meno utili.

  2. #232
    L'avatar di cammello
    Data Registrazione
    Jan 2005
    Messaggi
    4,439
    Mentioned
    7 Post(s)
    Quoted
    557 Post(s)
    Potenza rep
    42949688
    Citazione Originariamente Scritto da Paolo1956 Visualizza Messaggio
    Il Robert Koch Institute pubblica quotidianamente una stima dell'Ro in DE:

    https://www.rki.de/DE/Content/InfAZ/...ublicationFile

    Oggi riporta 1,07 (al 95% 0,88/1,29). I due estremi dell'intervallo di confidenza rappresentano due scenari radicalmente diversi (0,88 è buono, 1,29 è decisamente bruttino). In DE si riportano ieri 357 nuovi casi, la gran parte in due stati, Baviera e NR Westfalia.

    In queste situazioni l'Ro mi sembra meno utile per capire dove si sta andando.

    Altri sistemi come il tasso di utilizzo delle TI essendo molto delayed mi sembrano ancor meno utili.
    in che senso?

    C

  3. #233
    L'avatar di Paolo1956
    Data Registrazione
    Jun 2010
    Messaggi
    5,574
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    1448 Post(s)
    Potenza rep
    42949683
    Citazione Originariamente Scritto da cammello Visualizza Messaggio
    in che senso?

    C
    Beh, io faccio questo ragionamento: quanto un patogeno si propaga dipende da due fattori, uno è le caratteristiche del patogeno, l'altro è le caratteristiche sociali della popolazione. Tutto questo viene riassunto in un numero che è una media, l'Ro. Quando i numeri degli infetti sono grandi la media ha un senso. Quando i numeri sono molto piccoli, una singola persona con una vita sociale intensissima (i famosi superspreaders) può spostare di molto i nuovi contagi/infetti. E quindi l'Ro diventa molto ballerino.

    Io mi sono fatto questa idea...

  4. #234
    L'avatar di cammello
    Data Registrazione
    Jan 2005
    Messaggi
    4,439
    Mentioned
    7 Post(s)
    Quoted
    557 Post(s)
    Potenza rep
    42949688
    Citazione Originariamente Scritto da Paolo1956 Visualizza Messaggio
    Beh, io faccio questo ragionamento: quanto un patogeno si propaga dipende da due fattori, uno è le caratteristiche del patogeno, l'altro è le caratteristiche sociali della popolazione. Tutto questo viene riassunto in un numero che è una media, l'Ro. Quando i numeri degli infetti sono grandi la media ha un senso. Quando i numeri sono molto piccoli, una singola persona con una vita sociale intensissima (i famosi superspreaders) può spostare di molto i nuovi contagi/infetti. E quindi l'Ro diventa molto ballerino.

    Io mi sono fatto questa idea...
    direi Ni
    non so se hai letto della corea del sud che ha chiuso le discoteche ecc dopo che è espoloso un focolaio.
    Hanno verficato che un singolo ha infettato un centinaio di persone, da cui direst r0 = 100, se fai analisi puntuale.
    Mi pare che per evitare questi sbalzi (o volatilità) per il re-lockdown useranno un valore settimanale (mi pare detto R7).
    Per cui, il fatto che R0 in fase discendent sia troppo volatile è ben presente. Poi da capire se siano i giornalisti a semplificare dicendo sempre R0 o se siano gli scienziati per non confondere ulteriormente.

    Interessante questo, fa una specie di bignami del come si propaghi il contagio
    The Risks - Know Them - Avoid Them

    C

  5. #235
    L'avatar di Paolo1956
    Data Registrazione
    Jun 2010
    Messaggi
    5,574
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    1448 Post(s)
    Potenza rep
    42949683
    12 maggio 2020 - Dati e analisi emergenza coronavirus su Sky Tg24 con Giorgio Sestili - YouTube

    Qui l'ottimo Sestili da una spiegazione simile alla mia dell'incertezza di Ro con pochi casi.

    Comunque, sulla qualità media dei giornalisti lasciamo perdere...un tempo c'erano i giornalisti scientifici, oggi purtroppo no....

    Bellino quell'articolo che segnali, un caro amico che è nel settore (e purtroppo per lui in una zonaccia) mi ha fatto la stessa considerazione: quantità di carica virale e tempo di esposizione. Meglio le finestre aperte...

  6. #236
    L'avatar di cammello
    Data Registrazione
    Jan 2005
    Messaggi
    4,439
    Mentioned
    7 Post(s)
    Quoted
    557 Post(s)
    Potenza rep
    42949688
    leggo questo articolo, in cui il vocabolo "no" è composto da due parole e poi prosegue senza molto senso logico.
    Rinunciare al lockdown per "salvare" l'economia? Ecco perche la ricetta svedese non ha funzionato - la Repubblica

    L'unico spunto è questa frase
    "gli infettivologi si aspettavano che almeno un terzo degli abitanti di Stoccolma fosse entrato in contatto con il virus. Invece, siamo solo al 7,3 per cento"
    Allora già sappevamo che in Svezia il no lock ha provocato morti per diversi multipli rispetto agli altri scandinavi.
    Però penso che tutti ci aspettassimo una discreta diffusione, non un 7%.
    E' corretto dedurre che in determinate aree il virus non è particolarmente infettivo ma se ti becca sono aspri augelli?
    Penso all'Italia sotto la linea Gotica, i morti ci sono ma non è che si sia diffuso chissà quanto (per il lockdown o per questa caratteristica).
    In Pianura Padana tra inquinamento ed errori grossolani (mi scusino Fontana e Cirio ma la loro autoassoluzione cozza coi numeri) invece non questo ragionamento non mi pare sia valido.

    C

  7. #237
    L'avatar di Blacksmith.
    Data Registrazione
    Apr 2016
    Messaggi
    4,797
    Mentioned
    54 Post(s)
    Quoted
    3062 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Inps: “Dati sulla mortalita della protezione civile poco attendibili” - la Repubblica

    Secondo l'Istituto nazionale della previdenza sociale il conto non torna: mancano quasi ventimila vittime del coronavirus nel conteggio elaborato dalla Protezione civile.

    Nel periodo dal primo marzo al 30 aprile registra un aumento di 46.909 decessi rispetto ai 109.520 attesi. Il numero di morti dichiarate come Covid-19 nello stesso periodo è stato di 27.938.

    Il Nord Italia ha quasi un raddoppio del numero dei morti giornalieri pari al +84% contro il +11% del Centro e il +5% del Sud.

    "La quantificazione dei decessi per coronavirus, condotta utilizzando il numero di pazienti deceduti positivi fornito su base giornaliera dal dipartimento della Protezione civile, è considerata poco attendibile, in quanto influenzata non solo dalla modalità di classificazione della causa di morte, ma anche dall'esecuzione di un test di positività al virus". Inoltre, "anche il luogo in cui avviene il decesso è rilevante poiché, mentre è molto probabile che il test venga effettuato in ambito ospedaliero, è molto difficile che questo venga effettuato se il decesso avviene in casa".

  8. #238

  9. #239

  10. #240
    L'avatar di Paolo1956
    Data Registrazione
    Jun 2010
    Messaggi
    5,574
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    1448 Post(s)
    Potenza rep
    42949683

    Secondo Voi

    Qual'è secondo voi il parametro migliore per valutare la risposta sanitaria nei vari paesi?

    Di primo acchito mi verrebbe il numero di morti x mln di abitanti, ma pensandoci bene mi pare un parametro che penalizza gli stati piccoli (se la lombardia fosse stata indipendente avrebbe avuto un tasso mostruoso; stesso problema negli USA, tutti insieme o stato per stato?).

    Forse il rapporto morti/casi accertati ?

    Voi che dite?

Accedi