Machine Learning: la mia esperienza - Pagina 37
Vietnam e Arabia alla guida dei VARPS. Focus su cinque paesi decorrelati dai mercati emergenti principali
Di seguito pubblichiamo il commento a cura di Tim Love, Investment Director responsabile delle strategie azionarie dei paesi emergenti di GAM Nel 2016 abbiamo identificato cinque mercati chiave all’interno dell’universo …
Mps-UniCredit: da Stato aumento capitale per il Monte fino a 7 miliardi? Intanto arrivano rumor pro-banche su proroga dote fiscale
Mps-UniCredit, lo Stato dovrà versare di tasca sua (nostra) fino a 5-7 miliardi di euro per favorire la cessione del Monte dei Paschi al gruppo di Andrea Orcel? Sembrerebbe così, …
L’Intelligenza Artificiale va controcorrente, ecco i tre mercati con più peso nell’ETF AI Powered
L’intelligenza artificiale guarda all’Estremo Oriente come migliore opportunità d’investimento del momento. L’ETF che segue i che punta ai titoli al di fuori degli Stati Uniti sta accumulando azioni giapponesi e …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #361

    Data Registrazione
    Sep 2008
    Messaggi
    9,360
    Mentioned
    12 Post(s)
    Quoted
    2801 Post(s)
    Potenza rep
    42949686
    Citazione Originariamente Scritto da Cren Visualizza Messaggio
    Io trovo più interessante che uno dei filoni dell'arbitraggio statistico faccia ancora affidamento su modelli di mezzo secolo fa e che la principale innovazione sia in termini di potenza computazionale, adesso passata al calcolo quantistico per poter lavorare su un numero maggiori di sottostanti in contemporanea.
    Per non parlare dei costi di transazione.

    Sono scettico che l'HFT si possa sposare con la Statistical Arbitrage in quanto moltissime transazioni in pochissimo tempo conducono a spread inevitabilmente piccoli e quasi sempre maggiori dei costi di transazione. Più probabile una time frame di giorni dove lo spread tra due prezzi può essere sensibilmente maggiore.

  2. #362
    L'avatar di fricchettone
    Data Registrazione
    Feb 2021
    Messaggi
    212
    Mentioned
    4 Post(s)
    Quoted
    84 Post(s)
    Potenza rep
    3440774
    Citazione Originariamente Scritto da amartya78 Visualizza Messaggio
    Per non parlare dei costi di transazione.

    Sono scettico che l'HFT si possa sposare con la Statistical Arbitrage in quanto moltissime transazioni in pochissimo tempo conducono a spread inevitabilmente piccoli e quasi sempre maggiori dei costi di transazione. Più probabile una time frame di giorni dove lo spread tra due prezzi può essere sensibilmente maggiore.
    Loro non hanno costi ma vengono pagati in quanto usano order limit.
    Una piccola parte la mangiano deutsche bank(broker) e nomura(società di collegamento ai vari exchange)

    Io ho fatto una prova l'anno scorso. prendete molte coppie simili e guardate la differenza giornaliera in media e di quanto si allargano gli spread. Molte volte questi spread il giorno dopo in apertura di mercato si vanno a chiudere in un guadagno consideravole. Ma anche nel corso della stessa giornata si allargano e si stringono. Alcuni titoli va considerato un 0,02% su altri 0,05 altri ancora 0,10/0,20%. Per cui loro si piazzano con size studiate con modelli apposta order limit su vari step e una volta eseguiti modificano gli order limit sugli altri titoli fino a quando chiudono in guadagno e fanno questo migliaia di volte al giorno.

    Quando gli spread si allargano troppo o vanno overnight chiudono o si comprono con le opzioni. Per cui hanno tante piccole vincite e poche non grosse ma "consideravoli" perdite.
    Questo con l'arbitraggio statistico a bassa frequenza non è possibile e si arriva sempre al giorno del fallimento. Per via delle grosse size concentrate su poche posizioni.

    Bene o male rentech è sempre neutrale al mercato. Ma penso che in futuro guadagneranno di meno in quanto c'è più concorrenza anche se sono poche le società che fanno questo
    e per via del miglioramento delle esecuzioni perchè adesso le esecuzioni si vanno a concentrare nelle pool di esecuzioni e non trovi più il bocconiano che sposta 50 milioni su un
    titolo facendo click per una quarantina di volte.

    D'altronde questi spread si vanno a formare quasi sempre per pressioni in esecuzione e rumore. Ovvio che se esce una notizia nella giornata su un titolo che la fa volare o cadere non troverai più queste società a fornire liquidità.

    Per quanto riguarda al livello di potenza computazionale rimango dell'idea che sono balle. Per me rentech può gestire tutte le sue strategie con 2 cpu xeon di media potenza.

    Per fare un esempio "tradebot" società di uno del kansas partito con 10 mila dollari nel dormitorio dell'università è arrivato a guadagnare più di 1 miliardo di dollari, diceva
    che aveva hadoop con svariati petabyte di dati e potenze comparabili a migliaia di pc messi insieme. Erano tutte balle in quando l'anno scorso per l'esodo di alcuni dipendenti
    si è scoperto cosa facevano. Praticamente lavoravano nell'arbitraggio di latenza ed erano specializzati nelle darkpool. Nell'arbitraggio di latenza sono sufficienti server ad hoc
    e collegamenti superveloci tra i vari exchange.

    Non dilettatevi nell'arbitraggio statistico perchè ci vogliono almeno $50-200M per atturare la strategia e spalmare bene i rischi.

  3. #363

    Data Registrazione
    Sep 2008
    Messaggi
    9,360
    Mentioned
    12 Post(s)
    Quoted
    2801 Post(s)
    Potenza rep
    42949686
    Citazione Originariamente Scritto da fricchettone Visualizza Messaggio
    Loro non hanno costi ma vengono pagati in quanto usano order limit.
    Una piccola parte la mangiano deutsche bank(broker) e nomura(società di collegamento ai vari exchange)

    Io ho fatto una prova l'anno scorso. prendete molte coppie simili e guardate la differenza giornaliera in media e di quanto si allargano gli spread. Molte volte questi spread il giorno dopo in apertura di mercato si vanno a chiudere in un guadagno consideravole. Ma anche nel corso della stessa giornata si allargano e si stringono. Alcuni titoli va considerato un 0,02% su altri 0,05 altri ancora 0,10/0,20%. Per cui loro si piazzano con size studiate con modelli apposta order limit su vari step e una volta eseguiti modificano gli order limit sugli altri titoli fino a quando chiudono in guadagno e fanno questo migliaia di volte al giorno.

    Quando gli spread si allargano troppo o vanno overnight chiudono o si comprono con le opzioni. Per cui hanno tante piccole vincite e poche non grosse ma "consideravoli" perdite.
    Questo con l'arbitraggio statistico a bassa frequenza non è possibile e si arriva sempre al giorno del fallimento. Per via delle grosse size concentrate su poche posizioni.

    Bene o male rentech è sempre neutrale al mercato. Ma penso che in futuro guadagneranno di meno in quanto c'è più concorrenza anche se sono poche le società che fanno questo
    e per via del miglioramento delle esecuzioni perchè adesso le esecuzioni si vanno a concentrare nelle pool di esecuzioni e non trovi più il bocconiano che sposta 50 milioni su un
    titolo facendo click per una quarantina di volte.

    D'altronde questi spread si vanno a formare quasi sempre per pressioni in esecuzione e rumore. Ovvio che se esce una notizia nella giornata su un titolo che la fa volare o cadere non troverai più queste società a fornire liquidità.

    Per quanto riguarda al livello di potenza computazionale rimango dell'idea che sono balle. Per me rentech può gestire tutte le sue strategie con 2 cpu xeon di media potenza.

    Per fare un esempio "tradebot" società di uno del kansas partito con 10 mila dollari nel dormitorio dell'università è arrivato a guadagnare più di 1 miliardo di dollari, diceva
    che aveva hadoop con svariati petabyte di dati e potenze comparabili a migliaia di pc messi insieme. Erano tutte balle in quando l'anno scorso per l'esodo di alcuni dipendenti
    si è scoperto cosa facevano. Praticamente lavoravano nell'arbitraggio di latenza ed erano specializzati nelle darkpool. Nell'arbitraggio di latenza sono sufficienti server ad hoc
    e collegamenti superveloci tra i vari exchange.

    Non dilettatevi nell'arbitraggio statistico perchè ci vogliono almeno $50-200M per atturare la strategia e spalmare bene i rischi.
    Interessante la tua analisi.

    Diciamo che l'arbitraggio statistico è un approccio macro poi le strategie con cui perseguirlo possono essere molteplici. Chiaramente quelle che si basano sugli spread tendono ad essere poco o nulla performanti.

    Sono molto concentrato a ridurre i costi di transazione che si mangiano una parte importante dei guadagni. Il punto è che se uso l'order limit posso ridurre anche del 50% le puntate e quindi non allocare tutte le puntate e quindi poi o aumento la size della singola puntata ovvero non alloco tutto il capitale destinato, se invece vado at the market piazzo tutto ma subisco le perdite dei costi di transazione.

    E' vero anche che oggi gli spread sono scesi sensibilmente anche solo fino a pochi anni fa.

    Altra info che può essere utile è che è accertato che gli spread bid-ask sul mercato americano hanno andamento discendente durante le contrattazioni. Sono molto alti durante l'apertura dove si ha un punto di massimo e si riducono durante l'orario di mercato sino a toccare il punto di minimo al close time.

    Questo comporta che se si chiude la posizione all'apertura la % di guadagno sarà sensibilmente inferiore rispetto a quella che si realizzerebbe tenendo in considerazione il prezzo corrente, mentre alla chiusura il market, bid e ask price sono sensibilmente più allineati.

Accedi