L'uomo che riuscì a predire il futuro!!!!!! - Pagina 6
Unicredit e Intesa Sanpaolo suonano la carica a Piazza Affari, Ftse Mib chiude a +1,3%
Piazza Affari rialza la testa a fine ottava dopo il quasi -2% della vigilia. Il Ftse Mib ha chiuso a +1,34% a 19.767 punti sotto la spinta dei sorprendenti riscontri …
Posizioni nette corte: Maire la più shortata di Piazza Affari, sul podio anche Banco e Bper
Dall?aggiornamento di oggi di Consob sulle posizioni nette corte (PNC) si apprende che il titolo più shortato a Piazza Affari è Maire Tecnimont con 2 posizioni short aperte per una …
Il trading non è un gioco e scotta tanti giovani americani, l’App Robinhood sotto accusa. L’inchiesta del NYT
Mentre in Italia la reazione alla crisi è stata quella di incrementare la quota di risparmio, oltreoceano nei mesi del lockdown ha preso ancor più piede la tendenza di molti …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #51
    L'avatar di ciroascarone
    Data Registrazione
    Mar 2007
    Messaggi
    20,201
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    3495 Post(s)
    Potenza rep
    42949686
    Citazione Originariamente Scritto da amartya78 Visualizza Messaggio
    Vorrei capire. Impone un certo prezzo a cui comprare(bid) ed impone un certo prezzo a cui vendere(ask) nel caso Long, e quindi sostanzialmente elimina lo spread(immagino ben sapendo che se il mercato dopo che acquisti non raggiunge il valore di vendita entro un certo time frame allora il modello ti fa vendere a mkt sopportando lo spread, in tal caso la scommessa sarebbe vinta se e solo se il numero di operazioni in profit e la loro dimensione è tale da assorbire sia le operazioni in perdita + spread). Sono molto interessato a questo argomento.

    Scusate l'OT. Che poi non è OT in quanto fu quello il 2° game changer alla Renaissance.

    Se ci fate caso i rendimenti della Renaissance crescono all'aumentare della volatilità e si perchè con bassa volatilità l'HFT teoricamente diventa un bagno di sangue visto che cmq su time frame molto ristretti il prezzo varia poco mentre lo spread rimane costante.
    si, quello da te descritto è stato grossomodo la strategiA degli scalper artigianali che operavano ad esperienza con tecnica mean reversion acquistando sui supporti e vendendo sulle resistenze...le macchinette dell hft li hanno falciati praticamente tutti efficientando i mercati dove operano...infatti credo siano rimasti pochissimi a scalpare, i migliori, e con margini di guadagno risicatissimi visto che per sfruttare questa inefficienza bisogna competere con dei titani accontentandosi delle briciole...

  2. #52
    L'avatar di ciroascarone
    Data Registrazione
    Mar 2007
    Messaggi
    20,201
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    3495 Post(s)
    Potenza rep
    42949686
    Citazione Originariamente Scritto da francs Visualizza Messaggio
    Pensa che viene da una tesi PHD

    La statistica, cmq, è importantissima, soprattutto in campo industriale, dov'è un ottimo indicatore della bontà di un processo produttivo, per non parlare del marketing. Quando si inizia a parlare di analisi del rischio...(in qualsiasi campo) o peggio di modelli predittivi (di sistemi non fisici - e anche coi fisici la previsione perfetta è di là da venire -)...bisogna stare mooolto ma moooolto attentini.

    Poi, ripeto, se qualcuno ti paga la blablability, ben venga e chissene frega, al limite dovrai essere bravo a venderla.
    certamente...a mio avviso avventurarsi nel trading odierno senza avere almeno una preparazione di base di statistica equivalente almeno a quella che si consegue negli esami propedeutici delle facoltà scientifiche ( statistica descrittiva , calcolo probabilità, inferenza) è garanzia praticamente certa di fallimento più o meno clamoroso a seconda degli strumenti tradati...ma questo è pleonastico vista la preparazione che possono vantare gli utenti che scrivono in questo 3d ed abitualmente in questa sezione di fol in generale
    Ultima modifica di ciroascarone; 26-12-19 alle 21:15

  3. #53
    L'avatar di francs
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Messaggi
    12,046
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    1322 Post(s)
    Potenza rep
    42949682
    E comunque fra gli uomini che hanno previsto il futuro c'è anche Michael Burry

    Dalla storia del suo fondo si capisce che è stato davvero un blade runner e che se il tracollo avesse tardato un po' di più (indipendentemente se si fosse verificato) sarebbe finito a zampe all'aria (a proposito di timing).

  4. #54
    L'avatar di Nicolas Flamel
    Data Registrazione
    Jul 2007
    Messaggi
    6,578
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    646 Post(s)
    Potenza rep
    42949685
    Citazione Originariamente Scritto da francs Visualizza Messaggio
    Pensa che viene da una tesi PHD

    La statistica, cmq, è importantissima, soprattutto in campo industriale, dov'è un ottimo indicatore della bontà di un processo produttivo, per non parlare del marketing. Quando si inizia a parlare di analisi del rischio...(in qualsiasi campo) o peggio di modelli predittivi (di sistemi non fisici - e anche coi fisici la previsione perfetta è di là da venire -)...bisogna stare mooolto ma moooolto attentini.

    Poi, ripeto, se qualcuno ti paga la blablability, ben venga e chissene frega, al limite dovrai essere bravo a venderla.
    Infatti sarei curioso di sapere cosa ne pensa Taleb di quest'uomo che riesce a predire il futuro

  5. #55

    Data Registrazione
    Feb 2005
    Messaggi
    1,524
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    362 Post(s)
    Potenza rep
    42949688
    Citazione Originariamente Scritto da amartya78 Visualizza Messaggio
    1) il 1990 e’ l anno in cui c’è la svolta sembrerebbe grazie ad una figura chiave Berlekamp. L anno successivo Simons lo liquida, lui si apre una società di investimenti con mediocri risultati. Quindi abbiamo già qui diverse opzioni sul tavolo: il modello si è evoluto, L infrastruttura di Simons era migliore, Berlekamp aveva accesso ad una sola parte del sistema.
    Opto per la terza ipotesi ….
    In realtà Simons ha sempre detto – nelle poche interviste e video – che il sistema è UNO (anche se molto complesso e con tante parti interconnesse), e che tutti sono a conoscenza di tutto, perchè così si massimizza la possibilità che qualcuno possa scovare dei miglioramenti.

    Poi possiamo sempre pensare che anche quello che Simons racconta del “sistema” sia fumo negli occhi….. ci potrebbe stare anche questo.

    Semmai la cosa pazzesca è che nessuno di chi sa, pensionati e fuoriusciti compresi, …. parli (in finanza non esistono "segreti" che durano 30 anni, anche solo il broker che esegue i tuoi trades alla lunga capisce che stai facendo….). Evidentemente l’assegno annuale dei profitti di Medallion è un dissuasore abbastanza potente.

    Citazione Originariamente Scritto da amartya78 Visualizza Messaggio
    L unica cosa che può spiegare il fatto che Berlekamp uscendo e mettendosi in proprio abbia avuto mediocri risultati e che lavorasse ad una parte sebbene importante del sistema e ciò spiegherebbe anche perché Simons si trovi a NY mentre il team si trovava in California.
    Calma.
    Innanzitutto, Berlekamp esce da Rentec nel 1990, e fonda “Berkeley Quantitative” nel 2008, occupandosi di tutt’altro negli anni successivi (Berlekamp è mancato, ma la sua biografia è ancora sul sito di Berkeley: Elwyn Berlekamp - Biographies)
    In 18 anni, è possibile che il sistema di Medallion sia abbastanza cambiato.

    In secondo luogo, se anche il metodo di derivazione dei segnali predittivi non fosse cambiato, è appena ovvio che il profitto va a che va meglio a mercato in termini di esecuzione, è una situazione da “winner takes it all”, non è che il secondo che arriva prende il secondo premio, il secondo che arriva non trova più l'edge che sta cercando... per nulla .


    Citazione Originariamente Scritto da amartya78 Visualizza Messaggio
    Cosa faceva Simons in tutti quegli anni a NY non si capisce. Non ci credo che stesse solo a trattare con gli investitori.
    Dato che James Ax si lamentava pubblicamente di questo, a questo direi di credere. James Ax è quello che ha realizzato il primo sistema “complicato” sulle commodities che è stato messo realmente a mercato (anche se Simons più tardi dirà che, ridotto all’eseenzioale era semplice trend following). Se avesse avuto aiuto da Simons..... lui avrebbe dovuto accorgersene...

    Del resto mi ricordo di aver letto da qualche parte – non so più se nel libro o altrove – che Simons fosse un pessimo programmatore (ironia della sorte). Ciò non toglie nulla alla sua grandezza, semmai dimostra che è stato un grande imprenditore, che – con tutto il rispetto per i programmatori - è uno skill di un ordine di importanza decisamente superiore.
    Ultima modifica di Imar; 30-12-19 alle 20:51

  6. #56

    Data Registrazione
    Sep 2008
    Messaggi
    8,115
    Mentioned
    8 Post(s)
    Quoted
    1593 Post(s)
    Potenza rep
    42949684
    Ho letto la biografia di Berlekamp dal link che hai postato. Adesso è più chiaro cosa è successo. Lui non creò subito la sua società quantitativa ma dopo 18 anni e quindi è normale che il modello fosse cambiato abbastanza. Dal libro non si capisce o io non l'avevo capito.

    Cmq Berlekamp rimane il 1° game changer.

    Credo anche di aver, da un punto di vista macro, capito la strategia che poi è simile al percorso che ho preso, ribadisco da un punto di vista macro.

    1) Il sistema è unico e individua le anomalie o patterns, i prezzi rivestono almeno sino al 2001-2002 un ruolo fondamentale. E' un buon sistema predittivo;
    2) Il vero breakthrough è dato dalla seguente relazione: dato un modello predittivo applicabile generalmente con probabilità di successo >50% allora per la legge dei grandi numeri per n scommesse fatte, in un certo range temporale, che tende a N (grande) allora la probabilità di successo converge al valore stimato già dentro quel range temporale(basta avere un numero sufficientemente grande di scommesse dentro quel range). Quindi la sommatoria dei profitti/perdite di molte scommesse in poco tempo è un valore sempre positivo.
    3) Alla Renaissance fanno due cose accorciano sempre più il lasso temporale ed estendono il numero di underlying su cui scommettere già nel 2001 scommettevano su oltre 8300 stocks. Un numero enorme sopratutto se fatto n volte al giorno. E' chiaro che devono avere un codice sorgente strepitoso e tale da annullare lo spread.
    Le difficoltà di questo approccio risiedono nel:
    1) avere un modello predittivo davvero valido ed indipendente dagli underlying e dal tempo;
    2) avere infrastrutture di calcolo e di orders routing migliori di chiunque altro;
    3) avere un codice sorgente omnicomprensivo e ultraveloce;

    insomma davvero difficile da realizzarsi, non per noi, ma anche per altri hedge fund.
    Ultima modifica di amartya78; 30-12-19 alle 18:44

  7. #57

    Data Registrazione
    Sep 2008
    Messaggi
    8,115
    Mentioned
    8 Post(s)
    Quoted
    1593 Post(s)
    Potenza rep
    42949684
    Citazione Originariamente Scritto da margherita1989 Visualizza Messaggio
    si ma continuiamo a fare credere che semplici programmatori siamo dei fuoriclasse della non so cosa. Basta farsi un giro su reddit e altri social. pensano di essere dei super eroi. patetici.
    ho presente.

    Mi capita spesso di vedere le skills richieste dalle risorse umane per un Data Scientist o un Quant credo di non essere fit a sufficienza per passare la selezione. Non capisco neanche il 30% di tutte le sigle richieste, quasi sempre tools e built-in functions di qualche programma. E' chiaro che se tu utilizzi le stesse built-in functions che usano altri 100.000 non vai da nessuna parte.
    Io fossi alle risorse umane chiederei di sapere solo se sanno programmare in C++, in riferimento alla sola skill di coding, ma ormai è una moda.

    Forse dentro la Rentec non si utilizzerà matematica complessa(ne sono convinto anche io), e quando intendo complessa intendo al livello di complessità studiata dai matematici, però di fatto furono i matematici a creare la Rentec, sopratutto quelli che sapevano ANCHE programmare .

    Ma perchè allora solo matematici? e non ingegneri?

    La mia spiegazione è che se la tua mente si spinge a comprendere come limite un livello arbitrario di complessità diciamo 1000, allora quando ti trovi un livello di complessità 100 questo non solo lo comprendi ma lo manipoli. Se invece il tuo livello limite è 100 allora puoi manipolare 10 e così via. Motivo per cui Simons assume sostanzialmente matematici di livello "world class" (testuali parole)

    Secondo me la caratteristica principale per cui è allenato chi studia matematica è aver a che fare con la complessità, con una infinità di variabili, complessità e variabili che hanno una logica sottostante.

    Prendi la geometria fino a 3 dimensioni riesci ad immaginarla, ma dopo?

  8. #58

    Data Registrazione
    Sep 2008
    Messaggi
    8,115
    Mentioned
    8 Post(s)
    Quoted
    1593 Post(s)
    Potenza rep
    42949684
    Citazione Originariamente Scritto da margherita1989 Visualizza Messaggio
    xtx market ltd(uk) si è staccato da qualche anno da gsa capital ed è diventato uno dei maggiori market maker europei. La mifid 2 ha messo dei paletti. ma io sono favorevole alle darkpool pure. Quest'anno hanno guadagnato circa 700 milioni. Loro sono diventati leader nel settore valutario fx. Secondo me sono esecutori(n el valutario) come virtu oltre a fare da semplici mm. Le banche d'affari non vengono più utilizzati per i servizi di esecuzione. Sono sempre loro ad avere fatto infrazioni di ogni tipo. Foreign exchange turnover in April 2019
    Immagino che chi è market maker non può essere anche investitore per evitare conflitti di interesse?

    In riferimento al thread la Rentec non può essere market maker, in altri termini non può speculare sullo spread, ne può basare i suoi investimenti sul fatto che conosca gli ordini di tanti altri investitori. Mi immagino ci siano regolamenti molto stringenti su tale aspetto al NYSE.

  9. #59
    L'avatar di Nicolas Flamel
    Data Registrazione
    Jul 2007
    Messaggi
    6,578
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    646 Post(s)
    Potenza rep
    42949685
    Citazione Originariamente Scritto da amartya78 Visualizza Messaggio

    ... La capacità di scrivere algoritmi è tutto...
    in totale disaccordo, anche e soprattutto per aver studiato programmazione. Trovare l'algoritmo è tutto, trovare la soluzione del problema. Per scriverla tradotta in un codice informatico basta pagare un programmatore, ma se prima non si ha una soluzione a livello teorico non vai da nessuna parte.

  10. #60

    Data Registrazione
    Sep 2008
    Messaggi
    8,115
    Mentioned
    8 Post(s)
    Quoted
    1593 Post(s)
    Potenza rep
    42949684
    Citazione Originariamente Scritto da Nicolas Flamel Visualizza Messaggio
    in totale disaccordo, anche e soprattutto per aver studiato programmazione. Trovare l'algoritmo è tutto, trovare la soluzione del problema. Per scriverla tradotta in un codice informatico basta pagare un programmatore, ma se prima non si ha una soluzione a livello teorico non vai da nessuna parte.
    effettivamente è una affermazione infelice. Volevo in realtà dire che se sai la soluzione e non la sai tradurre in codice probabilmente sarà un grande spreco di intelligenza. Lo spreco è una cosa che odio.

Accedi