Revisione auto da fare all'estero
Tassateci ora: “Patriotic Millionaires” protestano a Davos contro il World Economic Forum
Un gruppo di milionari si è unito per protestare contro il World Economic Forum, raduno dell’élite economica e politica a Davos, in Svizzera, chiedendo ai governi “tassateci ora” per affrontare …
Prezzo gas giù in Europa (minimi da scoppio guerra), mentre balza negli Usa. Ecco il perché di questa dicotomia
Ieri si è assistito a un andamento dicotomico dei prezzi del gas naturale, con quello USA che continua a a salire (ieri è balzato di oltre l’8%), mentre quello TTF …
Kairos prudente su mercati, ma vede opportunità da ritorno a Piazza Affari del ‘primario’. Plenitude (Eni) e l’idrogeno di De Nora (con Snam), le Ipo 2022 più attese
Trabattoni resta cauto sul mercato secondario, mentre si potrebbero aprire nuove opportunità dal ritorno a Piazza Affari del mercato primario
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1
    L'avatar di Pred_01
    Data Registrazione
    Oct 2014
    Messaggi
    22,199
    Mentioned
    42 Post(s)
    Quoted
    9402 Post(s)
    Potenza rep
    42949680

    Revisione auto da fare all'estero

    Buongiorno, ho la revisione biennale dell'auto che scadrà a fine agosto.
    Dovrei, già da metà luglio recarmi con l'auto presso un paese area UE e conto di rimanerci fino alla metà di settembre.
    Ora, poichè avrei una 15ina di giorni in cui la revisione sarebbe di fatto scaduta, chiedo di capire come comportarmi : io preferirei farla li nel luogo dove mi troverei, anzichè anticiparla a data precedente la partenza dall'Italia; pensate sia possibile?


    (molti anni fa - luglio 2002 - ero in Belgio e li fu possibile, ma quella revisione era propedeutica al cambio di immatricolazione, passavo dalle targhe italiane a quelle temporanee belga, in questo caso io non intendo cambiare immatricolazione, ma solo rispettare le norme sulla revisione, norme che comunque hanno un'origine in sede UE).

  2. #2

    Data Registrazione
    Oct 2012
    Messaggi
    24,306
    Mentioned
    67 Post(s)
    Quoted
    8553 Post(s)
    Potenza rep
    42949682
    Ma è così importante NON anticiparla a luglio?

    Pensa che io avevo sempre la revisione biennale che mi scadeva a novembre ma dovevo fare il tagliando (anch'esso biennale) sempre ad agosto.

    Beh fatto sta che per non andare in officina 2 volte, quest'estate ho deciso di anticiparla ad agosto per fare revisione e tagliando lo stesso identico giorno.

    Secondo me, nel tuo caso, anticipare di 1 mese la revisione non è assolutamente la fine del mondo.

    Che poi, mi chiedo, sei sicuro si possa fare la revisione di auto con targa italiana all'estero seppur in UE? A me pareva di ricordare di no a meno che non è cambiato qualcosa ultimamente.

  3. #3

    Data Registrazione
    Nov 2016
    Messaggi
    2,688
    Mentioned
    6 Post(s)
    Quoted
    1473 Post(s)
    Potenza rep
    42949678
    Citazione Originariamente Scritto da Pred_01 Visualizza Messaggio
    Buongiorno, ho la revisione biennale dell'auto che scadrà a fine agosto.
    Dovrei, già da metà luglio recarmi con l'auto presso un paese area UE e conto di rimanerci fino alla metà di settembre.
    Ora, poichè avrei una 15ina di giorni in cui la revisione sarebbe di fatto scaduta, chiedo di capire come comportarmi : io preferirei farla li nel luogo dove mi troverei, anzichè anticiparla a data precedente la partenza dall'Italia; pensate sia possibile?


    (molti anni fa - luglio 2002 - ero in Belgio e li fu possibile, ma quella revisione era propedeutica al cambio di immatricolazione, passavo dalle targhe italiane a quelle temporanee belga, in questo caso io non intendo cambiare immatricolazione, ma solo rispettare le norme sulla revisione, norme che comunque hanno un'origine in sede UE).
    Premesso che la revisione costa meno di 80 euro, anticipare di un mese la revisione significa perdere 1/24 di tale cifra.

    Ossia circa 3 euro ..... ho detto tutto .....

  4. #4
    L'avatar di tbtcot
    Data Registrazione
    Jun 2013
    Messaggi
    3,738
    Mentioned
    22 Post(s)
    Quoted
    1138 Post(s)
    Potenza rep
    42949681
    Secondo me non è possibile fare una revisione italiana all'estero....
    Revisione auto all'estero: tutte le perplessita - AutoToday.it.
    Ognuno ha le sue regole...

  5. #5
    L'avatar di Pred_01
    Data Registrazione
    Oct 2014
    Messaggi
    22,199
    Mentioned
    42 Post(s)
    Quoted
    9402 Post(s)
    Potenza rep
    42949680
    Citazione Originariamente Scritto da Riccardo.M Visualizza Messaggio
    Premesso che la revisione costa meno di 80 euro, anticipare di un mese la revisione significa perdere 1/24 di tale cifra.

    Ossia circa 3 euro ..... ho detto tutto .....
    Citazione Originariamente Scritto da rickiconte Visualizza Messaggio
    Ma è così importante NON anticiparla a luglio?

    Pensa che io avevo sempre la revisione biennale che mi scadeva a novembre ma dovevo fare il tagliando (anch'esso biennale) sempre ad agosto.

    Beh fatto sta che per non andare in officina 2 volte, quest'estate ho deciso di anticiparla ad agosto per fare revisione e tagliando lo stesso identico giorno.

    Secondo me, nel tuo caso, anticipare di 1 mese la revisione non è assolutamente la fine del mondo.

    Che poi, mi chiedo, sei sicuro si possa fare la revisione di auto con targa italiana all'estero seppur in UE? A me pareva di ricordare di no a meno che non è cambiato qualcosa ultimamente.
    Il punto è che la direttiva che istituì la revisione è di origine UE.
    Quindi, non vedo perché trovandomi in un qualsiasi paese della UE, non possa fare li la revisione.

    Circa l'essere sicuro o meno, come ho già scritto, nel 2002 era fattibile, tant'è che la feci in Belgio; quello che non ricordo/non so, è che quella volta feci la revisione perché era "condizione necessaria" al fine di immatricolare (temporaneamente) l'auto con targa (provvisoria) belga.

    La mia domanda, mira appunto a capire se all'occorrenza esiste (o meno) questa possibilità, perché comunque il mio piano "B" prevede appunto il far fare la revisione in Italia prima della partenza.

    Un dettaglio, circa la potenziale "perdita" dei tre Euro : sempre quella volta li in Belgio, scoprii che da loro (almeno in quegli anni), la revisione aveva durata annuale : se da parte mia fosse una banale questione di TRE Euro, appare evidente che mi converrebbe farla in Italia, dove almeno ad oggi, la durata della revisone, successiva alla prima, è di DUE anni.

  6. #6
    L'avatar di Pred_01
    Data Registrazione
    Oct 2014
    Messaggi
    22,199
    Mentioned
    42 Post(s)
    Quoted
    9402 Post(s)
    Potenza rep
    42949680
    Citazione Originariamente Scritto da tbtcot Visualizza Messaggio
    Secondo me non è possibile fare una revisione italiana all'estero....
    Revisione auto all'estero: tutte le perplessita - AutoToday.it.
    Ognuno ha le sue regole...
    Grazie per il link.

  7. #7

    Data Registrazione
    Oct 2012
    Messaggi
    24,306
    Mentioned
    67 Post(s)
    Quoted
    8553 Post(s)
    Potenza rep
    42949682
    Citazione Originariamente Scritto da Pred_01 Visualizza Messaggio
    Il punto è che la direttiva che istituì la revisione è di origine UE.
    Quindi, non vedo perché trovandomi in un qualsiasi paese della UE, non possa fare li la revisione.

    Circa l'essere sicuro o meno, come ho già scritto, nel 2002 era fattibile, tant'è che la feci in Belgio; quello che non ricordo/non so, è che quella volta feci la revisione perché era "condizione necessaria" al fine di immatricolare (temporaneamente) l'auto con targa (provvisoria) belga.

    La mia domanda, mira appunto a capire se all'occorrenza esiste (o meno) questa possibilità, perché comunque il mio piano "B" prevede appunto il far fare la revisione in Italia prima della partenza.
    Il punto per cui avevo scritto indicando proprio il discorso TARGA ITALIANA, ed il link evidentemente mi dice che ricordavo bene, è che per detto motivo non si poteva fare la revisione in UE.

    Per questo che ti consigliavo di anticipare di UN solo mese la revisione, sempre meglio che rischiare di andare all'estero e poi sentirti dire che NON possono farti la revisione e poi, quando torni in Italia, ti ritrovi con un solerte agente che ti ferma e ti applica quanto segue:
    ""Revisione scaduta: per il trasgressore multa e divieto di circolazione del mezzo
    L’articolo 80 del Codice della Strada prevede per la violazione una sanzione amministrativa che varia dai 169 ai 680 euro: gli importi si raddoppiano in caso di revisione omessa per più di una volta. Oltre alla sanzione, è disposto il divieto di circolazione fino a revisione effettuata. Chi invece circola anche durante il periodo di sospensione, rischia una multa fino a 7.993 euro, più il fermo amministrativo di 90 giorni.""

    Detto questo informati bene sulla data di scadenza effettiva della revisione in quanto essendo in periodo di pandemia potrebbe pure essere che le scadenze siano state procrastinate.

  8. #8
    L'avatar di Pred_01
    Data Registrazione
    Oct 2014
    Messaggi
    22,199
    Mentioned
    42 Post(s)
    Quoted
    9402 Post(s)
    Potenza rep
    42949680
    Che avessi/ho dei dubbi circa l'oggetto della discussione, dovrebbe essere evidente, altrimenti non l'avrei iniziata.

    Aggiungo, nel lontano 2002, la mia auto di allora venne sottoposta a revisione in Belgio pur avendo in quel momento ancora targa italiana.

  9. #9

    Data Registrazione
    Oct 2012
    Messaggi
    24,306
    Mentioned
    67 Post(s)
    Quoted
    8553 Post(s)
    Potenza rep
    42949682
    Il mio intervento era in senso propositivo, non per mettere in dubbio le tue affermazioni e gasarmi perchè a quel link confermano il mio dubbio.

    Detto questo spero che qualcuno possa dirimere definitivamente le tue perplessità.

  10. #10
    L'avatar di Pred_01
    Data Registrazione
    Oct 2014
    Messaggi
    22,199
    Mentioned
    42 Post(s)
    Quoted
    9402 Post(s)
    Potenza rep
    42949680
    Appunto, il motivo della mia discussione è proprio quello di portare a pensare al fatto che se da un lato la UE, si preoccupa giustamente di far fare un'azione che ritengo giusta ai fini di aumentare la sicurezza sulle strade, dall'altro non so spiegarmi perché me la lascia tronca : insomma, detto senza polemica alcuna, se per altre cose tipo la telefonia mobile, si preoccupa di elimiarni il roaming (sulle chiamate voce), proprio perché si è in un'area definita comune, mi stabilisce una moneta comune in molti degli stati della UE, non capisco perché in sede di sicurezza della strada mi lascia le cose a metà.
    Aggiungo, che trovo altrettanto discutibile il fatto che un'autorità di un qualunque paese della UE che ha ratificato quella direttiva, (tra l'altro seguendo un processo tutt'altro che semplice almeno da noi), alla fine dei giochi possa non riconoscere cosa ha certificato analoga autorità di altro paese della UE.

    E' tutto qua il mio punto, poi se per evitarmi rogne devo far fare il lavoro in Italia piuttosto che altrove nella UE .... vabbè lo faccio, ma non mi sembra quella la soluzione, quello è il sapersi adattare.

Accedi