Ripartizione spese di riscaldamento in un condominio
Voyager in bancarotta, la società del magnate crypto Sam Bankman-Fried risulta azionista, creditore e debitore
Voyager Digital, piattaforma crypto con sede negli Stati Uniti, ha presentato istanza di protezione di fallimento, Chapter 11, diventando l’ultima vittima del caos nei mercati degli asset digitali. Voyager Digital …
Se il titolo MPS vale meno della metà di una tazzina di caffè. AD Lovaglio: ‘Adesso o mai più, diamo alla banca il valore che merita’
E non si può neanche più dire che il titolo Mps valga come una tazzina di caffé: con l'inflazione che corre e che di certo non ha risparmiato l'Italia, le …
Banca Akros lancia sul mercato la nuova serie di 12 Equity Premium Autocallable Certificate con durata 2 anni ed effetto memoria
Banca Akros (Gruppo Banco BPM) ha emesso e quotato in direct listing su Cert-X di Borsa Italiana la terza serie di Investment Certificate destinati ai ?self directed investors?. Si tratta …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1

    Data Registrazione
    May 2021
    Messaggi
    56
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    37 Post(s)
    Potenza rep
    2165944

    Ripartizione spese di riscaldamento in un condominio

    La sentenza n. 28282 della 2a sezione civile della Cassazione, pubblicata il 4 novembre 2019, ha enunciato il seguente principio di diritto, ai sensi dell'art. 384 c.p.c., comma 1:

    "le spese del riscaldamento centralizzato di un edificio in condominio, ove sia stato adottato un sistema di contabilizzazione del calore, devono essere ripartite in base al consumo effettivamente registrato, risultando perciò illegittima una suddivisione di tali oneri operata, sebbene in parte, alla stregua dei valori millesimali delle singole unità immobiliari, né possono a tal fine rilevare i diversi criteri di riparto dettati da una delibera di giunta regionale, che pur richiami specifiche tecniche a base volontaria, in quanto atto amministrativo comunque inidoneo ad incidere sul rapporto civilistico tra condomini e condominio".

    Domanda: questo principio giuridico deve quindi essere applicato automaticamente in tutti i condomini in Italia ?

  2. #2

    Data Registrazione
    Jun 2011
    Messaggi
    1,957
    Mentioned
    25 Post(s)
    Quoted
    892 Post(s)
    Potenza rep
    42949684

  3. #3

    Data Registrazione
    May 2021
    Messaggi
    56
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    37 Post(s)
    Potenza rep
    2165944
    OK wheell, ma in mancanza di assemblea straordinaria condominiale successiva al dlgs 73/2020 (causa Covid), l'amministratore deve applicare automaticamente la norma secondo cui:
    "l’importo complessivo è suddiviso tra gli utenti finali attribuendo una quota di almeno il 50 per cento agli effettivi prelievi volontari di energia termica" ?

  4. #4

    Data Registrazione
    Jun 2011
    Messaggi
    1,957
    Mentioned
    25 Post(s)
    Quoted
    892 Post(s)
    Potenza rep
    42949684
    No. L' amministratore deve convocare l'assemblea, anche su richiesta da parte del condomino, con inserimento di un punto specifico all' ordine del giorno.
    Per adottare la nuova tabella è necessario il voto della maggioranza degli intervenuti che rappresenti almeno i 500 millesimi. Qualora non venga raggiunto il quorum, ogni condomino è legittimato a rivolgersi all’Autorità Giudiziaria a norma dell’articolo 1137 del Codice civile.

Accedi