Ripartizione spese di riscaldamento in un condominio
Allergia a regole Covid, si dimette presidente Credit Suisse che violò quarantena per godersi finali Wimbledon (vinte da Djokovic)
La violazione delle regole anti-Covid non perdona, che si tratti di un'icona dello sport, come il campione di tennis Novak Djokovic o di una star del mondo della finanza, come …
Partita Generali, patto in azione: mercato osserva mosse Caltagirone e Del Vecchio      
Sembra di assistere a una avvincente partita di scacchi, dove ogni mossa è calcolata con estrema attenzione e nulla è lasciato al caso. Si tratta della partita per il controllo …
Piazza Affari naviga a vista, disputa per presidente della Repubblica può far saltare il banco. Berlusconi e il rischio Italia orfana di Draghi
I massimi pluriennali toccati a inizio anno sopra i 28mila punti sono ancora a portata di mano per il Ftse Mib, ma l’impressione è che questa seconda metà di mercato …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1

    Data Registrazione
    May 2021
    Messaggi
    46
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    27 Post(s)
    Potenza rep
    2165943

    Ripartizione spese di riscaldamento in un condominio

    La sentenza n. 28282 della 2a sezione civile della Cassazione, pubblicata il 4 novembre 2019, ha enunciato il seguente principio di diritto, ai sensi dell'art. 384 c.p.c., comma 1:

    "le spese del riscaldamento centralizzato di un edificio in condominio, ove sia stato adottato un sistema di contabilizzazione del calore, devono essere ripartite in base al consumo effettivamente registrato, risultando perciò illegittima una suddivisione di tali oneri operata, sebbene in parte, alla stregua dei valori millesimali delle singole unità immobiliari, né possono a tal fine rilevare i diversi criteri di riparto dettati da una delibera di giunta regionale, che pur richiami specifiche tecniche a base volontaria, in quanto atto amministrativo comunque inidoneo ad incidere sul rapporto civilistico tra condomini e condominio".

    Domanda: questo principio giuridico deve quindi essere applicato automaticamente in tutti i condomini in Italia ?

  2. #2

    Data Registrazione
    Jun 2011
    Messaggi
    1,180
    Mentioned
    21 Post(s)
    Quoted
    552 Post(s)
    Potenza rep
    42949683

  3. #3

    Data Registrazione
    May 2021
    Messaggi
    46
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    27 Post(s)
    Potenza rep
    2165943
    OK wheell, ma in mancanza di assemblea straordinaria condominiale successiva al dlgs 73/2020 (causa Covid), l'amministratore deve applicare automaticamente la norma secondo cui:
    "l’importo complessivo è suddiviso tra gli utenti finali attribuendo una quota di almeno il 50 per cento agli effettivi prelievi volontari di energia termica" ?

  4. #4

    Data Registrazione
    Jun 2011
    Messaggi
    1,180
    Mentioned
    21 Post(s)
    Quoted
    552 Post(s)
    Potenza rep
    42949683
    No. L' amministratore deve convocare l'assemblea, anche su richiesta da parte del condomino, con inserimento di un punto specifico all' ordine del giorno.
    Per adottare la nuova tabella è necessario il voto della maggioranza degli intervenuti che rappresenti almeno i 500 millesimi. Qualora non venga raggiunto il quorum, ogni condomino è legittimato a rivolgersi all’Autorità Giudiziaria a norma dell’articolo 1137 del Codice civile.

Accedi