Aiuto per modificare testamento olografo
PIL USA strabilia nonostante omicron, ecco perché. Fed pronta a ‘digerire’ anche un inizio 2022 a crescita negativa, priorità è scalfire l’inflazione
Debolezza dietro la facciata di un dato scintillante. Il PIL statunitense segna +6,9% nel quarto trimestre del 2021, ben oltre il +5,5% atteso. Il 2021 si chiude così con un corposo …
Non solo bitcoin ed ether, VanEck propone un ETN esposto su sei criptovalute
Investire in più criptovalute per diversificare l’esposizione implica la sfida di identificare quelle più rilevanti tra le tante disponibili. Per andare incontro a tale esigenza VanEck ha quotato sulla borsa …
IG vara il cash-back per chi fa trading con i Turbo24
IG ha presentato la sua iniziativa ?cash-back?, che permette ai trader di ricevere un rimborso mensile in base all?operatività. I clienti che operano sulla piattaforma proprietaria Spectrum Markets riceveranno infatti …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1

    Data Registrazione
    Jan 2015
    Messaggi
    320
    Mentioned
    5 Post(s)
    Quoted
    229 Post(s)
    Potenza rep
    1486948

    Aiuto per modificare testamento olografo

    Un parente, di comune accordo con tutti noi familiari, vuole lasciare a me casa sua. Il notaio ci ha chiesto quasi 1000 euro per il testamento pubblico ma ci ha detto che eventualmente va bene anche quello olografo considerato che siamo tutti d'accordo sul da farsi. Un primo testamento olografo lo fece una decina d'anni fa, designando i 2 fratelli eredi universali, quindi una traccia cel'abbiamo già in mano. Volevo chiedervi aiuto per redigere quest'altro, in cui lascia a me che sono il nipote la casa mentre tutto il rimanente sempre ai 2 fratelli per come era già indicato sul precedente.
    Posto qui di seguito il testo dell'olografo precedente:
    QUESTO E' IL MIO TESTAMENTO
    Io sottoscritta [...], vedova [...] nata a [...], il [...], e qui residente [...], nelle mie piene facoltà mentali, volendo disporre del mio patrimonio per il tempo in cui avrò cessato di vivere, con il presente dispongo e stabilisco quanto appresso:
    nomino, ed istituisco, eredi universali di tutti i miei beni quali risulteranno di mia proprietà al momento della successione (immobili, mobili, denaro, titoli, crediti e quant'altro) indivisamente e in pari quota i miei fratelli germani [...] e [...] e, in caso di loro premorienza, i rispettivi eredi per rappresentazione.
    Revoco ed annullo ogni mio precedente testamento, intendendo dare valore solo al presente.
    Preciso che la casa singola in cui abito, acquistata indivisamente con il mio defunto marito, [...], fin dal suo decesso, avvenuto in data [...], è stata da me sin da allora posseduta nel suo intero, in maniera pubblica, pacifica e continua, e ne ho sempre usufruito come unica ed esclusiva proprietaria.
    Il presente, scritto tutto di mio pugno viene da me sottoscritto e datato.

  2. #2
    L'avatar di spozzxzzops
    Data Registrazione
    Dec 2008
    Messaggi
    15,852
    Mentioned
    14 Post(s)
    Quoted
    4904 Post(s)
    Potenza rep
    42949686
    Molto dettagliato, ma non c'è manco bisogno di revocare il precedente, lo butti via e fai quello nuovo

    Puoi anche aggiungere :in pieno possesso delle mia facoltà e senza costrizione alcuna....

    LUOGO,DATA E FIRMA

  3. #3

    Data Registrazione
    May 2020
    Messaggi
    207
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    149 Post(s)
    Potenza rep
    7130017
    Citazione Originariamente Scritto da baratto80 Visualizza Messaggio
    Un parente, di comune accordo con tutti noi familiari, vuole lasciare a me casa sua. Il notaio ci ha chiesto quasi 1000 euro per il testamento pubblico ma ci ha detto che eventualmente va bene anche quello olografo considerato che siamo tutti d'accordo sul da farsi. Un primo testamento olografo lo fece una decina d'anni fa, designando i 2 fratelli eredi universali, quindi una traccia cel'abbiamo già in mano. Volevo chiedervi aiuto per redigere quest'altro, in cui lascia a me che sono il nipote la casa mentre tutto il rimanente sempre ai 2 fratelli per come era già indicato sul precedente.
    Posto qui di seguito il testo dell'olografo precedente:
    Il testamento olografo ha la stessa validità di un testamento pubblico. Tuttavia potrebbe essere più facilmente impugnabile dagli eredi, che potrebbero disconoscerne l'autenticità, la firma, la data, ecc.
    In un testamento olografo poi possono essere utilizzate espressioni che possono dare adito ad impugnazioni (ad es. uno degli ultimi che mi è capitato di leggere, il Testatore intendeva (probabilmente) lasciare l'immobile in nuda proprietà al nipote ed in usufrutto al marito, ma ha scritto qualcosa del tipo "lascio a mio marito con obbligo che alla sua morte lo lasci a mio nipote Tizio" (si tratta di una disposizione nulla).

    Pertanto consiglierei di far redigere il testamento pubblico al Notaio (1.000,00 euro è un prezzo onesto). Il testamento pubblico ha una forza probatoria maggiore rispetto al testamento olografo: vi è certezza della provenienza delle manifestazioni di volontà da parte del testatore (fa prova fino a querela di falso) ed il documento è posto al riparo da qualsiasi evento (furto, smarrimento, distruzione, incendio, ecc). Poi il soggetto che custodisce il testamento olografo originale potrebbe avere interesse a farlo sparire.. (la fotocopia di un testamento olografo non avrebbe in quel caso nessuna validità).

    Tra l'altro comunque il testamento olografo deve essere pubblicato dopo la morte e comunque occorrerà pagare il Notaio.

    Ciò premesso... se il testatore vuole redigere un testamento olografo, ai fini della validità, è importante che il testamento sia scritto integralmente dalla mano del testatore e deve necessariamente essere datato (la data non deve essere cancellata, interlineata, pena la sua annullabilità).

  4. #4
    L'avatar di rothangpass
    Data Registrazione
    Apr 2013
    Messaggi
    1,039
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    529 Post(s)
    Potenza rep
    42949681
    io per non saper nè leggere nè scrivere investirei i 1000 euri e dormirei tranquillo. My two cents

  5. #5

    Data Registrazione
    Jan 2015
    Messaggi
    320
    Mentioned
    5 Post(s)
    Quoted
    229 Post(s)
    Potenza rep
    1486948
    Il fatto è che la parente non ha più i soldi quasi neppure per mangiare ed io non navigo in ottime acque e di certo non posso pretendere che gli altri paghino per un beneficio che toccherà a me. Ok che tutti i parenti siamo d'accordo ma preferirei farle redigere l'olografo nel modo più "inattaccabile" possibile. Ho chiesto parere a voi perchè ritengo -nella mia estraneità circa la materia- che sia "semplice" per chi mastica questa roba, inoltre una traccia valida già c'è perchè mi pare che quello già redatto (sopra postato) fu scritto da un amico avvocato.
    Ho dato un'occhiata a questa pagina in cui ci sono degli esempi e, se ho ben inteso, basta aggiungere un paragrafo che comincia con "lego" a seguire al paragrafo già presente:
    nomino, ed istituisco, eredi universali di tutti i miei beni quali risulteranno di mia proprietà al momento della successione (immobili, mobili, denaro, titoli, crediti e quant'altro) indivisamente e in pari quota i miei fratelli germani [...] e [...] e, in caso di loro premorienza, i rispettivi eredi per rappresentazione.
    lego a mio nipote [mio nome e cognome] l'immobile di mia proprietà sito in Via xxx e la mobilia "necessaria" (cucina, armadi, letto, etc) ivi presente al momento della mia dipartita;
    Il senso è: a me la casa, ed il necessario per cominciare subito ad abitarci, mentre agli altri parenti tutto il resto, compresi i preziosi presenti a casa, le argenterie, porcellane, ect. Come detto ci sono ottimi rapporti in famiglia e non avrò problemi a farli entrare a casa a prendere e dividersi ciò che vogliono (fuorché appunto mobilia e necessario) all'indomani della dipartita.

  6. #6

    Data Registrazione
    Nov 2010
    Messaggi
    27,472
    Blog Entries
    1
    Mentioned
    20 Post(s)
    Quoted
    4413 Post(s)
    Potenza rep
    42949684
    Per evitare problemi e dormire tranquillo ti consiglio di fare adesso qualche rinuncia, qualche risparmio e pagare tu il notaio.
    Di solito prima sono tutti d'accordo, dopo cominciano le grane.

  7. #7
    L'avatar di asimpleplan
    Data Registrazione
    Nov 2019
    Messaggi
    3,699
    Mentioned
    24 Post(s)
    Quoted
    3101 Post(s)
    Potenza rep
    23232636
    Citazione Originariamente Scritto da Lawyer2020 Visualizza Messaggio
    Il testamento olografo ha la stessa validità di un testamento pubblico. Tuttavia potrebbe essere più facilmente impugnabile dagli eredi, che potrebbero disconoscerne l'autenticità, la firma, la data, ecc.
    In un testamento olografo poi possono essere utilizzate espressioni che possono dare adito ad impugnazioni (ad es. uno degli ultimi che mi è capitato di leggere, il Testatore intendeva (probabilmente) lasciare l'immobile in nuda proprietà al nipote ed in usufrutto al marito, ma ha scritto qualcosa del tipo "lascio a mio marito con obbligo che alla sua morte lo lasci a mio nipote Tizio" (si tratta di una disposizione nulla).

    Pertanto consiglierei di far redigere il testamento pubblico al Notaio (1.000,00 euro è un prezzo onesto). Il testamento pubblico ha una forza probatoria maggiore rispetto al testamento olografo: vi è certezza della provenienza delle manifestazioni di volontà da parte del testatore (fa prova fino a querela di falso) ed il documento è posto al riparo da qualsiasi evento (furto, smarrimento, distruzione, incendio, ecc). Poi il soggetto che custodisce il testamento olografo originale potrebbe avere interesse a farlo sparire.. (la fotocopia di un testamento olografo non avrebbe in quel caso nessuna validità).

    Tra l'altro comunque il testamento olografo deve essere pubblicato dopo la morte e comunque occorrerà pagare il Notaio.

    Ciò premesso... se il testatore vuole redigere un testamento olografo, ai fini della validità, è importante che il testamento sia scritto integralmente dalla mano del testatore e deve necessariamente essere datato (la data non deve essere cancellata, interlineata, pena la sua annullabilità).
    Ciao Lawyer, seguendo con interesse; nel caso di (questo per esempio) testamento che viene redatto da un notaio e quindi gode di una maggiore forza probatoria, cosa succede nel caso in cui spunti un altro testamento olografo con data posteriore al pubblico?

    test pubblico marzo

    test olografo ( che contraddice quello pubblico) giugno


    Cosa succede , (realmente ) in questi casi?

  8. #8

    Data Registrazione
    Jan 2015
    Messaggi
    320
    Mentioned
    5 Post(s)
    Quoted
    229 Post(s)
    Potenza rep
    1486948
    https://i.pinimg.com/originals/21/18...90d6e998da.jpg
    ovviamente il castello sullo sfondo è l'immobile in oggetto!

    scherzi a parte, mi sono rivolto a voi esclusivamente in virtù del contesto di ottimi rapporti familiari, quindi credo basti un documento privato ma scritto con criteri impeccabili di forma e contenuto. la parente ha ormai passato i 90 e prima che io riesca a mettere da parte una somma del genere da poter "investire" ne passerà di tempo ed almeno per ora vorrei accomodare con l'olografo.

  9. #9
    L'avatar di skymap
    Data Registrazione
    Jul 2003
    Messaggi
    18,882
    Mentioned
    6 Post(s)
    Quoted
    834 Post(s)
    Potenza rep
    42949691
    Se la vedova a quanto leggo non deve rispettare quote legittime, un testamento olografo non comporta rischi di grane da altri parenti, potrebbe pure lasciare tutto a medici senza frontiere. Dovrebbero dimostrare la circonvenzione di incapace...

    Gli unici rischi come già scritto sopra sono disposizioni errate, ma non mi sembra di vederne in questo caso, oppure che venga perso o qualcuno lo butti volontariamente. Per sicurezza si può depositare da un notaio e al momento della successione si va da lui.

  10. #10

    Data Registrazione
    Jan 2015
    Messaggi
    320
    Mentioned
    5 Post(s)
    Quoted
    229 Post(s)
    Potenza rep
    1486948
    Citazione Originariamente Scritto da skymap Visualizza Messaggio
    Se la vedova a quanto leggo non deve rispettare quote legittime
    Sull'argomento sono piuttosto impreparato. Posso specificare che non ha figli ed i parenti più prossimi sono i 2 fratelli germani, poi i lori figli, ovvero io e mia cugina. I parenti dei 2 mariti defunti non si faranno avanti di certo.

    Tornando al "papello". Sto valutando di eliminare il termine "immobili" dal 1^ paragrafo, quello inerente i fratelli, perchè l'unico immobile è appunto la casa e questo bene sta nel 2^ paragrafo che riguarda me. Se è opportuno allora mi chiedo se sia il caso di mantenere la formula "di tutti i miei beni" nel 1^ paragrafo. Purtroppo non mi rendo conto se -ed in quale misura- la forma fa sostanza in questo contesto.

Accedi