figli dei medesimi genitori, impossibilità di registrarli con stesso cognome
Outlook Kairos: contesto sfidante anche i prossimi mesi, Fugnoli individua l’elemento che in futuro innescherà la svolta per Fed e mercati
Siamo quasi giunti al termine di un anno che rimarrà nella storia per diversi motivi, dalla guerra in Ucraina, all?inflazione sui massimi da decenni, ma anche per le performance negative dei mercati, con nessuna asset class che è riuscita a sfuggire alle vendite. Il mercato obbligazionario a livello globale ha registrato un -20% nominale da
Impennata rendimenti Btp rende meno attraenti gli yield di Enel e delle altre utility di Piazza Affari. Pesa anche il rebus bollette/pagamenti
Alea iacta est, il dado è tratto. Il timore di stop delle forniture di gas dalla Russia si era già concretizzato con l?annuncio da parte di Gazprom della chiusura a tempo indeterminato di Nord Stream 1, come risposta di Putin al tetto al prezzo del petrolio russo deciso dai Paesi del G7. Nella giornata di
UniCredit, Orcel su governo Meloni: ‘mercati esagerati con Italia, cresce più di Italia e Germania e ricchezza famiglie supera 10.000 MLD’
Il numero uno di UniCredit Andrea Orcel conferma di riporre fiducia  nelle potenzialità dell'Italia e non vede grandi problemi per il paese dop
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1

    Data Registrazione
    Feb 2020
    Messaggi
    89
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    75 Post(s)
    Potenza rep
    1717990

    figli dei medesimi genitori, impossibilità di registrarli con stesso cognome

    Esattamente due anni fa è nato il mio primo figlio. Mia moglie spagnola ha espresso la volontà che il nascituro avesse oltre al cognome paterno anche il suo (il primo dei suoi due cognomi), in aggiunta a quello paterno.
    In Spagna funziona esattamente così, il nascituro generalmente ha due cognomi, il primo di ciascun genitore.
    Non sono state opposte resistenze e l’atto di nascita riporta due cognomi, il mio e il primo dei suoi. Nei giorni scorsi è nata la mia secondogenita e alla richiesta di attribuzione dei medesimi cognomi del primogenito è stata opposta resistenza; ci permettevano di attribuirle solo il mio cognome o eventualmente in aggiunta entrambi i cognomi materni (3 in tutto). Abbiamo segnalato che avere due figli, nati dai medesimi genitori con cognomi differenti rappresentasse una stranezza e certamente non rappresentasse la nostra volontà. Ci consigliarono di registrarla con 3 cognomi e di trasmettere richiesta alla prefettura per l’eliminazione del terzo cognome affinché entrambi i bambini avessero il medesimo cognome. Di fatto non era, e non è, intenzione dell’ente rendere pubblico un palese errore; a loro dire l’errore era stato commesso in fase di registrazione del primo figlio.
    Alla loro richiesta di trasmettere tale richiesta alla prefettura non mi sono dimostrato propenso senza prima ricevere da parte loro una dichiarazione formale che attestasse l’impossibilità di registrare la secondogenita con soli due cognomi.
    L’ente mi rilascerebbe la dichiarazione ma solo se accettassi le conseguenze che determinerebbe…
    Come Le ho già evidenziato, se Lei attende una risposta formale mi è dovuto riverificare entrambi gli atti di nascita dei suoi figli ed assicurarmi che entrambi siano stati redatti in conformità alle disposizioni di legge. Se così non fosse, dovrei rilevare eventuali errori ed agire con la rettifica, in autotutela dell’Ente che rappresento….omissis…Le chiedo quindi la cortesia di comunicarmi se quanto Le trasmetto è sufficiente per proseguire come da accordi con la Prefettura di ….. oppure se ritiene necessaria una mia dichiarazione formale che sarebbe per forza di cose collegata all’avvio di un procedimento amministrativo.

    L’accordo di cui parlano è semplicemente una richiesta con apposito modulo alla prefettura per variazione cognome. Non ho certezza che l’esito della richiesta sarà positivo, penso invece che una richiesta corredata da un atto formale dell’ente rappresenterebbe certamente un valore aggiunto per accogliere la mia richiesta.
    L‘eliminazione del terzo cognome si completerebbe a meno di un esplicito diniego in almeno 6/8 mesi e comporterebbe in ogni caso il rifacimento di tutti i suoi documenti e degli atti che fino ad allora verranno formalizzati. Non riesco ora come ora a stabilire l’entità concreta dei danni che l’errore commesso nella redazione dell’atto del primogenito, considerando la mia volontà di uniformare i cognomi dei due fratelli comporti.
    Voi come vi comportereste?
    Le strade che vedo ora come ora sono queste..
    1 richiedere un atto formale e quindi come espresso nella mail obbligare di fatto l’ente a riverificare entrambi gli atti di nascita dei miei figli ed assicurarmi che entrambi siano stati redatti in conformità alle disposizioni di legge, (sarebbe impossibile non rilevare in almeno uno di essi un errore) l’unico rischio che non vorrei correre è quello di creare i presupposti affinché venga messo in discussione il nome del mio primogenito costringendomi di fatto ad inserire anche il secondo cognome di mia moglie, mi chiedo se tale ipotesi possa concretizzarsi. Se chiederò una dichiarazione formale sarà praticamente certo che verrà accertato che almeno uno dei due atti è stato redatto in difformità alle disposizioni di legge, in tal caso potrei avere diritto ad un indennizzo?
    2 sperare che la prefettura accolga la mia richiesta di eliminazione del terzo cognome richiedendo che venga uniformato a quello del primogenito (l’ente in tal caso richiede che non si scenda nei particolari descrivendo la situazione completa)

  2. #2
    L'avatar di donsalieri
    Data Registrazione
    Sep 2012
    Messaggi
    2,828
    Mentioned
    20 Post(s)
    Quoted
    2067 Post(s)
    Potenza rep
    42949683
    Se è vero che il primo figlio ha avuto l'attribuzione del cognome non conforme alla legge io non sottovaluteri il problema perchè la cosa potrebbe creare difficoltà future ogni qualvolta tuo figlio dovrà sottoscrivere documenti legali o atti pubblici.
    Ciò premesso è assurda la posizione del dipendente che praticamente ti "minaccia" forzandoti tra l'altro a seguire la strada dell'illegalità.
    Perchè se è vero che a suo dire la legge vieta di avere due cognomi non dovrebbe suggerirti come by-passare la legge stessa nè tollerare la presenza del primo errore facendo finta di "non vedere".
    Io mi comporterei nel seguente modo: poichè non voglio creare potenziali difficoltà future ai miei figli andrei da un avvocato specializzato in questa materia e mi farei suggerire da lui come comportarmi in maniera che i miei figli abbiano lo stesso cognome e che questo sia nell'ambito della legalità prima di tutto.
    Cercherei poi di capire anche se sono nella condizione di poter denunciare il dipendente per inadempienza (nel caso venisse fuori che si è rifiutato di procedere quando invece doveva) o per minacce (nel caso l'avvocato appurasse che il suo comportamento "ricattatorio" nei tuoi confronti possa configurarsi come un reato).

  3. #3

    Data Registrazione
    Feb 2020
    Messaggi
    89
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    75 Post(s)
    Potenza rep
    1717990
    Citazione Originariamente Scritto da donsalieri Visualizza Messaggio
    Se è vero che il primo figlio ha avuto l'attribuzione del cognome non conforme alla legge io non sottovaluteri il problema perchè la cosa potrebbe creare difficoltà future ogni qualvolta tuo figlio dovrà sottoscrivere documenti legali o atti pubblici.
    Ciò premesso è assurda la posizione del dipendente che praticamente ti "minaccia" forzandoti tra l'altro a seguire la strada dell'illegalità.
    Perchè se è vero che a suo dire la legge vieta di avere due cognomi non dovrebbe suggerirti come by-passare la legge stessa nè tollerare la presenza del primo errore facendo finta di "non vedere".
    Io mi comporterei nel seguente modo: poichè non voglio creare potenziali difficoltà future ai miei figli andrei da un avvocato specializzato in questa materia e mi farei suggerire da lui come comportarmi in maniera che i miei figli abbiano lo stesso cognome e che questo sia nell'ambito della legalità prima di tutto.
    Cercherei poi di capire anche se sono nella condizione di poter denunciare il dipendente per inadempienza (nel caso venisse fuori che si è rifiutato di procedere quando invedo la tua posizce doveva) o per minacce (nel caso l'avvocato appurasse che il suo comportamento "ricattatorio" nei tuoi confronti possa configurarsi come un reato).
    grazie per il tuo contributo.A tuo modo di vedere il mio primo figlio potrebbe avere problemi a sottoscrivere documenti legali o atti pubblici? Se nessuno soperchia il vaso di pandora non credo che nessuno, magari fra 20 anni rimetta in discussione il suo nome (e cognome). Anche io ravvedo un ricatto da parte del responsabile dell'ente (tra l'altro tutto scritto nero su bianco). La variazione dei cognomi è possibile e lo consente la legge, non lo vedo esattamente bypassare la legge; la prefettura d'altra parte può negare la richiesta. Dalle sue mail è facilmente intuibile che ha notato un errore nella redazione dell'atto ma fino ad ora non ha predisposto alcun atto lasciando di fatto a me l'onere di decidere che strada percorrere. Ad ogni modo, se volessi parlarne con un avvocato, che competenze dovrebbe avere e come potrei fare per individuarlo? grazie

  4. #4
    L'avatar di donsalieri
    Data Registrazione
    Sep 2012
    Messaggi
    2,828
    Mentioned
    20 Post(s)
    Quoted
    2067 Post(s)
    Potenza rep
    42949683
    Non mi sono spiegato bene in relazione alla legge.
    Tu hai scritto che l'impiegato ha detto testualmente:
    << se Lei attende una risposta formale mi è dovuto riverificare entrambi gli atti di nascita dei suoi figli ed assicurarmi che entrambi siano stati redatti in conformità alle disposizioni di legge. >>
    Se queste sono le parole esatte io capisco che l'impiegato ha ravvisato nel cognome (doppio) assegnato al tuo primo figlio qualcosa non in conformità alle disposizioni di legge e praticamente tu stesso scrivi che te lo ha chiaramente fatto capire.
    Da questa riflessione sono scaturite le mie due considerazioni.
    La prima inerente i possibili ed eventuali problemi che potrebbe avere in futuro tuo figlio perchè se è vero che il suo cognome non è conforme alla legge qualcuno potrebbe ravvisarlo all'atto di qualche firma importante e bloccare le pratiche.
    La seconda è il suggerimento che il dipendente pubblico stesso ti da per "ovviare" in qualche modo alla sua impossibilità a procedere al fine di ottenere comunque il risultato voluto ossia un doppio cognome che lui stesso aveva poc'anzi definito non in conformità alle disposizioni di legge.
    Certo che la prefettura può negare la richiesta e probabilmente lo farà se è vero che viola le disposizioni di legge ma come può un impiegato che sta attestando proprio questa illegalità suggerirti allo stesso tempo di "provare" ad andare avanti per altra via?
    Non è questo suggerimento classificabile come un tentativo di by-passare la stessa legge che impedisce a lui di procedere (a suo dire)?
    Per l'avvocato non posso esserti molto d'aiuto ma posso dirti che esistono avvocati specializzati in pratiche di cambio nome/cognome.

  5. #5

    Data Registrazione
    Oct 2012
    Messaggi
    25,082
    Mentioned
    72 Post(s)
    Quoted
    9019 Post(s)
    Potenza rep
    42949682
    Ho provato a googlare e, sempre che non abbia capito male (ma non mi pare) si può dare senza problemi il doppio cognome, per cui paterno e materno. Cognome della madre: si puo dare ai figli e come? - Nostrofiglio.it

    Leggendo tra le righe risulta pure questo:

    Come dare il doppio cognome ai figli alla nascita
    Sempre il Ministero degli Interni specifica il modo nel quale è possibile richiedere il doppio cognome per i figli. Come sempre il cognome va indicato in ospedale. Come riporta il documento, "il certificato di assistenza al parto va compilato nell'apposito spazio riservato all'espressione del consenso dei genitori per l'attribuzione del cognome al figlio e deve essere sottoscritto da entrambi i genitori alla presenza dell'ostetrica. La dichiarazione di scelta del cognome di famiglia può essere operata solo la prima volta: la scelta sopra espressa si estende. infatti, d'ufficio anche ai figli che nasceranno successivamente"

    Le modalità da seguire per la denuncia della nascita all'Ufficio di Stato Civile anche per il doppio cognome rimangono le medesime:

    Genitori coniugati: è sufficiente che uno solo dei genitori si rechi all'Ufficio di Stato Civile per la dichiarazione di nascita presentando il certificato di assistenza al parto ed un documento di identità.
    Genitori non coniugati: entrambi i genitori devono recarsi all'Ufficio di Stato Civile per la denuncia di nascita presentando il certificato di assistenza al parto ed i documenti di identità.

  6. #6

    Data Registrazione
    Oct 2011
    Messaggi
    4,023
    Mentioned
    13 Post(s)
    Quoted
    1088 Post(s)
    Potenza rep
    42949683
    Scusate se mi intrometto, ma da qualche anno in Italia è possibile dare ai figli il doppio cognome, se entrambi i genitori sono d'accordo.
    Due anni fa è stato fatto per un neonato della mia famiglia (e contemporaneamente anche in una famiglia di amici) senza che alcuno abbia avuto da ridire.
    Di cosa sta parlando quell'impiegato dell'anagrafe?

    Doppio cognome per il figlio | Cittadinanza italiana

  7. #7

    Data Registrazione
    Feb 2020
    Messaggi
    89
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    75 Post(s)
    Potenza rep
    1717990
    Citazione Originariamente Scritto da claudia_b Visualizza Messaggio
    Scusate se mi intrometto, ma da qualche anno in Italia è possibile dare ai figli il doppio cognome, se entrambi i genitori sono d'accordo.
    Due anni fa è stato fatto per un neonato della mia famiglia (e contemporaneamente anche in una famiglia di amici) senza che alcuno abbia avuto da ridire.
    Di cosa sta parlando quell'impiegato dell'anagrafe?

    Doppio cognome per il figlio | Cittadinanza italiana
    non so se mi sono espresso male o se non è stato inteso correttamente quanto ho scritto ma nessuno ha ostacolato l'inserimento del doppio cognome nell'atto di nascita, secondo la responsabile attuale due anni fa avrebbero dovuto inserire 3 cognomi, il mio + i due di mia moglie (3 in totale). l'ufficiale di stato civile ne ha inseriti 2 (manca il secondo cognome di mia moglie). nei giorni scorsi non hanno acconsentito di attribuire alla bimba solo 2 cognomi, gli stessi di mio figlio, ma per forza di cosa l'hanno fatta registrare con 3 cognomi, il mio + i due di mia moglie
    Ultima modifica di john2020; 01-10-21 alle 17:33

  8. #8
    L'avatar di spozzxzzops
    Data Registrazione
    Dec 2008
    Messaggi
    16,542
    Mentioned
    14 Post(s)
    Quoted
    5183 Post(s)
    Potenza rep
    42949686
    Poveri figli quando dovranno firmare del tipo: giovanni turati lopez del castillo

  9. #9

    Data Registrazione
    Jul 2013
    Messaggi
    4,770
    Mentioned
    48 Post(s)
    Quoted
    3173 Post(s)
    Potenza rep
    42949682
    Mi sembra tutto legale

    Puoi inserire i due cognomi
    Tu ne hai uno
    Lei ne ha due

    Li inserite entrambi e fa tre

    Non c’è scritto che puoi farti un mix come desideri

  10. #10

    Data Registrazione
    Oct 2012
    Messaggi
    25,082
    Mentioned
    72 Post(s)
    Quoted
    9019 Post(s)
    Potenza rep
    42949682
    Citazione Originariamente Scritto da john2020 Visualizza Messaggio
    non so se mi sono espresso male o se non è stato inteso correttamente quanto ho scritto ma nessuno ha ostacolato l'inserimento del doppio cognome nell'atto di nascita, secondo la responsabile attuale due anni fa avrebbero dovuto inserire 3 cognomi, il mio + i due di mia moglie (3 in totale). l'ufficiale di stato civile ne ha inseriti 2 (manca il secondo cognome di mia moglie). nei giorni scorsi non hanno acconsentito di attribuire alla bimba solo 2 cognomi, gli stessi di mio figlio, ma per forza di cosa l'hanno fatta registrare con 3 cognomi, il mio + i due di mia moglie
    Anche io NON avevo inteso quanto dici ma fa niente, a volte è difficile spiegare.

    Se ti leggi il googlato (a giudicare dalla risposta comunque non lo hai letto) ne vanno inseriti solo due come correttamente AVVENUTO col primo figlio e, se il mio link non contiene "catzate", lo stesso deve essere fatto anche per i successivi figli (vedi grassetto).

    Chiaramente le fonti che ti abbiamo messo sono quelle di google ma i riferimenti normativi comunque sono stati indicati.

    A sto punto, per avere certezze, o chiedi a qualche professionista oppure fai, per iscritto, un quesito in Prefettura citando in indirizzo anche l'ufficio comunale preposto. Qualcosa dovranno risponderti.
    Ultima modifica di rickiconte; 02-10-21 alle 09:22

Accedi