Indennità di accompagnamento
Partita Generali, ‘Consob ostaggio di Paolo Savona’? Lui non ci sta: ‘sono io sotto scacco’
Partita Generali e Consob: su Twitter spunta un post di Paolo Savona, numero uno dell’Autorità di Borsa, ex ministro degli Affari europei del governo M5S-Lega, pomo della discordia tra la …
Netflix, tempi d’oro dei lockdown da Covid finiti? Titolo crolla -20% post trimestrale, bruciati $45 miliardi valore mercato
Per Netflix, i tempi d'oro vissuti nel periodo più buio del Covid, sembrano ormai lontani, come era d'altronde prevedibile. Il colosso dello streaming si è confermato tra i vincitori della …
Fuga dal rischio fa deragliare le cripto: -8% Bitcoin ed Ether, Russia valuta stop a mining
Mercati sotto pressione a fine ottava con la doccia fredda arrivata ieri sera da Netflix che alimenta ulteriormente il sell-off sull'azionario. Il Ftse Mib segna in avvio -1,4% a 27.179 …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1

    Data Registrazione
    Feb 2005
    Messaggi
    2,463
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    129 Post(s)
    Potenza rep
    32226846

    Indennità di accompagnamento

    Sono in procinto di fare domanda per indennità di accompagnamento per mio padre. Volevo sapere se qualcuno ha esperienza pratica sui requisiti, mi spiego meglio, mio padre ha 85 anni, diversi problemi di salute (soprattutto tromboflebite profonda, recidivante, ha avuto una emorragia cerebrale, ernie al disco ed altri problemi). Il punto è che lui deambula da solo, anche se lentamente e a fatica,(rischia di cadere) però non è in grado di svolgere le normali attività di vita quotidiane (lavarsi, vestirsi etc) per le quali ha bisogno dell'aiuto costante di mia madre. Quello che volevo sapere e se il fatto di non essere in grado di svolgere le normali azioni quotidiane è sufficiente per avere diritto all'indennità oppure ci vuole proprio il fatto che non cammini?

  2. #2

    Data Registrazione
    Apr 2010
    Messaggi
    1,919
    Mentioned
    9 Post(s)
    Quoted
    891 Post(s)
    Potenza rep
    25493469
    Citazione Originariamente Scritto da fede24 Visualizza Messaggio
    Sono in procinto di fare domanda per indennità di accompagnamento per mio padre. Volevo sapere se qualcuno ha esperienza pratica sui requisiti, mi spiego meglio, mio padre ha 85 anni, diversi problemi di salute (soprattutto tromboflebite profonda, recidivante, ha avuto una emorragia cerebrale, ernie al disco ed altri problemi). Il punto è che lui deambula da solo, anche se lentamente e a fatica,(rischia di cadere) però non è in grado di svolgere le normali attività di vita quotidiane (lavarsi, vestirsi etc) per le quali ha bisogno dell'aiuto costante di mia madre. Quello che volevo sapere e se il fatto di non essere in grado di svolgere le normali azioni quotidiane è sufficiente per avere diritto all'indennità oppure ci vuole proprio il fatto che non cammini?
    Mi permetto di darti un consiglio, visto che da poco ci sono passato anch'io....
    Rivolgiti presso l' Associazione Invalidi della tua città.
    Ti daranno tutti i chiarimenti del caso e provvederanno loro alla domanda. Sarai comunque seguito da loro quando chiameranno tuo padre alla visita fiscale.
    Lascia perdere i CAF.
    In bocca al lupo.

  3. #3

    Data Registrazione
    Feb 2005
    Messaggi
    2,463
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    129 Post(s)
    Potenza rep
    32226846
    Citazione Originariamente Scritto da ortego Visualizza Messaggio
    Mi permetto di darti un consiglio, visto che da poco ci sono passato anch'io....
    Rivolgiti presso l' Associazione Invalidi della tua città.
    Ti daranno tutti i chiarimenti del caso e provvederanno loro alla domanda. Sarai comunque seguito da loro quando chiameranno tuo padre alla visita fiscale.
    Lascia perdere i CAF.
    In bocca al lupo.
    Grazie per il suggerimento, nel caso si dovesse fare un ricorso, come funziona, ne vale la pena, quanto potrebbe costare?

  4. #4

    Data Registrazione
    Nov 2016
    Messaggi
    2,398
    Mentioned
    5 Post(s)
    Quoted
    1369 Post(s)
    Potenza rep
    42949678
    Citazione Originariamente Scritto da fede24 Visualizza Messaggio
    Grazie per il suggerimento, nel caso si dovesse fare un ricorso, come funziona, ne vale la pena, quanto potrebbe costare?
    Se non ricordo male il CAF della CISL di Padova chiede 200 euro per il ricorso e, in caso di vittoria, circa 500 euro per il legale.

    Mia zia ha fatto ricorso e lo ha vinto.

    Anche lei deambula sia pure a fatica, ma ha una badante fissa in quanto non riesce a svolgere da sola le attività della vita quotidiana.

  5. #5

    Data Registrazione
    Nov 2016
    Messaggi
    111
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    66 Post(s)
    Potenza rep
    6556123
    Credo che in questo periodo ( dovuto al Covid ) non avvenga nessuna visita fiscale ma venga solamente esaminata la documentazione inviata via e-mail. Almeno a Verona succede cosi'. La legge 104 dice che si ha diritto all'indennita' solamente se si ha bisogno di assistenza continua e la commissione che esamina la domanda vi si attiene scrupolosamente. Infatti, pur riconoscendo una invalidita' dal 65 al 99% la mia domanda e' stata bocciata. Ciao a tutti.

  6. #6
    L'avatar di Sensitive
    Data Registrazione
    Mar 2007
    Messaggi
    4,180
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    178 Post(s)
    Potenza rep
    42949687
    In sintesi:
    La richiesta di indennità di accompagnamento va richiesta tramite CAF sulla scorta di un certificato medico che attesti la patologia. Segue visita inps che quasi sempre non la riconosce. A questo punto occorre fare ricorso per ATP ( accertamento tecnico preventivo) a seguito del quale il giudice nomina un medico CTU e fissa udienza per incarico e giuramento. A seguito della visita il CTU notifica alle parti ( inps e ricorrente) la perizia che potrà essere accettata, in caso di esito favorevole, o rifiutata con apposito atto di dissenso in caso di parere negativo.
    In questo ultimo caso occorrerà avviare la procedura di ricorso al tribunale del lavoro.
    In caso di reddito al disotto dei 35 mila euro circa non si paga nulla.

  7. #7

    Data Registrazione
    Feb 2005
    Messaggi
    2,463
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    129 Post(s)
    Potenza rep
    32226846
    Citazione Originariamente Scritto da Riccardo.M Visualizza Messaggio
    Se non ricordo male il CAF della CISL di Padova chiede 200 euro per il ricorso e, in caso di vittoria, circa 500 euro per il legale.

    Mia zia ha fatto ricorso e lo ha vinto.

    Anche lei deambula sia pure a fatica, ma ha una badante fissa in quanto non riesce a svolgere da sola le attività della vita quotidiana.
    Così andrebbe bene, perché ho sentito anche dei casi in cui il sindacato ha segnalato al cliente un avvocato esterno e li la spesa è levitata

  8. #8
    L'avatar di mander
    Data Registrazione
    Feb 2015
    Messaggi
    18,199
    Mentioned
    658 Post(s)
    Quoted
    10322 Post(s)
    Potenza rep
    42949679
    Citazione Originariamente Scritto da Sensitive Visualizza Messaggio
    In sintesi:
    La richiesta di indennità di accompagnamento va richiesta tramite CAF sulla scorta di un certificato medico che attesti la patologia. Segue visita inps che quasi sempre non la riconosce. A questo punto occorre fare ricorso per ATP ( accertamento tecnico preventivo) a seguito del quale il giudice nomina un medico CTU e fissa udienza per incarico e giuramento. A seguito della visita il CTU notifica alle parti ( inps e ricorrente) la perizia che potrà essere accettata, in caso di esito favorevole, o rifiutata con apposito atto di dissenso in caso di parere negativo.
    In questo ultimo caso occorrerà avviare la procedura di ricorso al tribunale del lavoro.
    In caso di reddito al disotto dei 35 mila euro circa non si paga nulla.
    Non complichiamo :

    1. certificazione del medico curante
    2. invio tramite caf
    3. convocazione c/o inpis o visita domiciliare (decide il medico curante)

    ...attendere risoluzione inps, prima di bagnarsi.

Accedi