Partita IVA e messa in regola
Moncler si mette alle spalle il rischio Cina, coro di Buy dagli analisti in attesa della trimestrale 
Moncler cerca di mettersi alle spalle le difficoltà in Borsa negli ultimi mesi dettate principalmente dai timori per le ripercussioni delle tensioni a Hong Kong. Le quotazioni hanno recuperato i …
Tassi negativi a correntisti: Intesa SanPaolo neanche ci pensa, UniCredit si corregge
Qualche giorno fa Mustier aveva detto confermato l'intenzione della banca di colpire con i tassi negativi i conti con depositi al di sopra di 100.000 euro. Si è appreso poi …
Piazza Affari poco mossa dopo aver toccato nuovi top 2019, focus tecnico su Atlantia e Telecom Italia
Piazza Affari e le principali Borse europee si prendono una pausa dopo aver toccato ieri nuovi massimi annui. Sui mercati torna a prevalere la prudenza in mancanza di risultati concreti …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1

    Data Registrazione
    Aug 2016
    Messaggi
    1,486
    Mentioned
    4 Post(s)
    Quoted
    1368 Post(s)
    Potenza rep
    42949676

    Partita IVA e messa in regola

    Salve a tutti, ho un quesito che vorrei proporvi che non riesco a risolvere da solo (causa mia ignoranza, magari a voi apparirà ridicolo).

    Da qualche mese lavoro per una impresa locale (scuola privata) della mia città che fa doposcuola e lezioni individuali per studenti universitari, liceali e scuole inferiori come docente. Svolgo anche l'attività di docente privato per conto mio da svariato tempo. Ancora non ho discusso col titolare della regolarizzazione del lavoro (vengo pagato direttamente dopo la lezione) ma vorrei chiedervi: se fossi un dipendente regolare - cosa che chiederò prossimamente - avrei anche io la partita IVA dell'impresa presso la quale lavoro? E se così fosse, potrei usare quella stessa partita IVA per regolarizzare un eventuale mio lavoro da docente privato "in proprio"? (ovvero per i fatti miei, non da dipendente presso quella scuola privata)

    Se invece non potessi, per regolarizzare la mia attività da docente privato (non quella che faccio con la scuola privata) dovrei aprire la mia partita IVA. Ho trovato in questo link delle utili indicazioni: Partita IVA da docente privato: come aprire e quali sono i costi?

    Potete dirmi se il link è veritiero al 100%? Potrei quindi avviare la mia attività da docente privato (per i fatti miei) e pagare solo il 5% di quello che guadagno annualmente? Ci sono altre spese?

    Ciò che mi infastidirebbe sarebbero eventuali spese che non tengono conto del fatturato (che trovo infami).

    Infine, lavorando da docente privato per i fatti miei e come docente presso la scuola privata di cui ho parlato all'inizio, dovrei comunque aprire soltanto una partita IVA?

  2. #2

    Data Registrazione
    Aug 2016
    Messaggi
    1,486
    Mentioned
    4 Post(s)
    Quoted
    1368 Post(s)
    Potenza rep
    42949676
    Nessuno sa rispondermi ...?

Accedi