Partita IVA e messa in regola
BTP Italia tornerà a far breccia tra le famiglie? Emissione al via tra tante certezze e qualche incognita
Tutto pronto per il Btp Italia. Il collocamento della quindicesima emissione del titolo di stato indicizzato all?inflazione (FOI meno tabacchi) dedicato ai piccoli risparmiatori italiani avrà luogo dal 21 al …
Tassi di interesse negativi ci dicono che il futuro vale più del presente in un mondo dove sovrabbonda il risparmio
Cosa si nasconde dietro questa grossa ondata di tassi d?interesse negativi? Da Francoforte  a Zurigo passando per Tokio, più di un terzo dei bond presenti sul mercato offrono ormai ritorni …
Calendario conti 3° trimestre 2019 Ftse Mib: apre Saipem, banche e FCA le più attese
Dopo un inizio poco fortunato, il mese di ottobre ha visto un forte rialzo dei mercati azionari internazionali. Gli indici USA sono tornati sui massimi storici, mentre quelli europei (Ftse …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1

    Data Registrazione
    Aug 2016
    Messaggi
    1,486
    Mentioned
    4 Post(s)
    Quoted
    1368 Post(s)
    Potenza rep
    42949676

    Partita IVA e messa in regola

    Salve a tutti, ho un quesito che vorrei proporvi che non riesco a risolvere da solo (causa mia ignoranza, magari a voi apparirà ridicolo).

    Da qualche mese lavoro per una impresa locale (scuola privata) della mia città che fa doposcuola e lezioni individuali per studenti universitari, liceali e scuole inferiori come docente. Svolgo anche l'attività di docente privato per conto mio da svariato tempo. Ancora non ho discusso col titolare della regolarizzazione del lavoro (vengo pagato direttamente dopo la lezione) ma vorrei chiedervi: se fossi un dipendente regolare - cosa che chiederò prossimamente - avrei anche io la partita IVA dell'impresa presso la quale lavoro? E se così fosse, potrei usare quella stessa partita IVA per regolarizzare un eventuale mio lavoro da docente privato "in proprio"? (ovvero per i fatti miei, non da dipendente presso quella scuola privata)

    Se invece non potessi, per regolarizzare la mia attività da docente privato (non quella che faccio con la scuola privata) dovrei aprire la mia partita IVA. Ho trovato in questo link delle utili indicazioni: Partita IVA da docente privato: come aprire e quali sono i costi?

    Potete dirmi se il link è veritiero al 100%? Potrei quindi avviare la mia attività da docente privato (per i fatti miei) e pagare solo il 5% di quello che guadagno annualmente? Ci sono altre spese?

    Ciò che mi infastidirebbe sarebbero eventuali spese che non tengono conto del fatturato (che trovo infami).

    Infine, lavorando da docente privato per i fatti miei e come docente presso la scuola privata di cui ho parlato all'inizio, dovrei comunque aprire soltanto una partita IVA?

  2. #2

    Data Registrazione
    Aug 2016
    Messaggi
    1,486
    Mentioned
    4 Post(s)
    Quoted
    1368 Post(s)
    Potenza rep
    42949676
    Nessuno sa rispondermi ...?

Accedi