Spese condominiali ordinarie (precedente proprietario)
ETF sui bond, quanto tempo vengono tenuti in portafoglio dagli investitori?
Gli ETF Obbligazionari prendono sempre più piede in Europa. A fine giugno 2019 i replicanti legati al reddito fisso hanno raggiunto quota 901 miliardi di masse gestite, più del doppio …
Sugar tax e plastic tax fanno tremare due titoli a Piazza Affari
Prende forma la manovra di bilancio 2020 e gli investitori cominciano a focalizzare l?attenzione sull?impatto delle maggiori novità sui titoli di Piazza Affari. Alcune società saranno infatti direttamente interessate dalle …
Vontobel lancia sul mercato 4 Bonus Cap realizzati in collaborazione con i trader
Vontobel amplia la sua offerta di Bonus Cap su singoli titoli con 4 nuovi certificati disponibili da oggi sul SeDeX di Borsa Italiana. La nuova emissione arriva a pochi giorni …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1

    Data Registrazione
    Jun 2010
    Messaggi
    5,148
    Mentioned
    32 Post(s)
    Quoted
    1302 Post(s)
    Potenza rep
    42949682

    Spese condominiali ordinarie (precedente proprietario)

    Al rogito, l'amministratore aveva dichiarato che il precedente proprietario non aveva spese condominiali in sospeso.
    A distanza di un anno mi chiede di pagare alcune spese ordinarie, a suo dire dovute dal precedente proprietario.
    Si tratta si poche decine di Euro, per cui non viene prodotta documentazione, e che finora ho stornato dai miei pagamenti.
    Posso continuare così o alla fine dovrò comunque farmene carico? Il precedente proprietario si è anche offerto di pagarle,
    purché gli venga prodotta documentazione, cosa che l'amministratore non ha fatto, mentre insiste a esigerle da me.

  2. #2

    Data Registrazione
    Feb 2015
    Messaggi
    180
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    75 Post(s)
    Potenza rep
    1717992
    Ovviamente, sei in possesso della dichiarazione fornita dall'amministratore in occasione della vendita.
    E' possibile che queste quote si riferiscano a delle spese effettuate prima della vendita, ma contabilizzate immediatamente dopo e richieste a distanza di un anno, magari a conguaglio, in occasione del rendiconto annuale?
    Di certo, l'amministratore deve fornire motivazioni e documentazioni.

  3. #3
    L'avatar di Pred_01
    Data Registrazione
    Oct 2014
    Messaggi
    13,524
    Mentioned
    15 Post(s)
    Quoted
    4306 Post(s)
    Potenza rep
    42949677
    credo che l'amministratore al momento di preparare la dichiarazione dello stato del "vecchio" condomino,(quella fornita al momento del rogito), si sia basato sui pagamenti previsti da preventivo delle spese. ora, in sede di consuntivo le cose/gli importi possono esser variati, forse conviene mettersi d'accordo con il vecchio proprietario anche perché essendo spese ordinarie (quindi non straordinarie), potreste anche fare una ripartizione di quanto oggi chiesto in base ai mesi di possesso del vecchio e nuovo proprietario.

  4. #4

    Data Registrazione
    Feb 2015
    Messaggi
    180
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    75 Post(s)
    Potenza rep
    1717992
    Per esempio, due anni fa ho venduto un appartamento il 20 settembre ed ovviamente avevo pagato fino al mese di agosto.
    Al momento della vendita mi sono detto disponibile a pagare, quando fosse stato fatto il conteggio, la quota condominiale di settembre e la quota acqua in proporzione ai 30 giorni di settembre. Peraltro, l'acquirente non mi ha più contattato.

Accedi