Spese condominiali ordinarie (precedente proprietario)
Ftse Mib ingabbiato in un lunghissimo ‘piattone’, verso storno prima di attaccare resistenza chiave
Piazza Affari nelle ultime settimane ha ribadito il suo magic moment  con saldo da in inizio anno arrivato a +28% circa, sovraperformando gli altri indici azionari europei. Performance che nell’ultimo periodo …
Rumor ostacoli su rete unica fa scivolare Telecom in Borsa
Seduta di vendite per il titolo Telecom Italia che scivola agli ultimi posti dell?indice Ftse Mib con un calo di quasi il 2% a 0,528 euro. Il titolo della maggiore …
Stoxx Europe 600: questa volta l’assalto ai top storici può riuscire, ma occhio a volatilità nel breve
Ci risiamo, per la quinta volta in circa 20 anni lo Stoxx Europe 600, l?indice europeo di riferimento che include nel paniere i 600 titoli più importanti europei, è tornato …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1

    Data Registrazione
    Jun 2010
    Messaggi
    5,191
    Mentioned
    32 Post(s)
    Quoted
    1321 Post(s)
    Potenza rep
    42949682

    Spese condominiali ordinarie (precedente proprietario)

    Al rogito, l'amministratore aveva dichiarato che il precedente proprietario non aveva spese condominiali in sospeso.
    A distanza di un anno mi chiede di pagare alcune spese ordinarie, a suo dire dovute dal precedente proprietario.
    Si tratta si poche decine di Euro, per cui non viene prodotta documentazione, e che finora ho stornato dai miei pagamenti.
    Posso continuare così o alla fine dovrò comunque farmene carico? Il precedente proprietario si è anche offerto di pagarle,
    purché gli venga prodotta documentazione, cosa che l'amministratore non ha fatto, mentre insiste a esigerle da me.

  2. #2

    Data Registrazione
    Feb 2015
    Messaggi
    186
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    76 Post(s)
    Potenza rep
    1717992
    Ovviamente, sei in possesso della dichiarazione fornita dall'amministratore in occasione della vendita.
    E' possibile che queste quote si riferiscano a delle spese effettuate prima della vendita, ma contabilizzate immediatamente dopo e richieste a distanza di un anno, magari a conguaglio, in occasione del rendiconto annuale?
    Di certo, l'amministratore deve fornire motivazioni e documentazioni.

  3. #3
    L'avatar di Pred_01
    Data Registrazione
    Oct 2014
    Messaggi
    13,616
    Mentioned
    15 Post(s)
    Quoted
    4345 Post(s)
    Potenza rep
    42949678
    credo che l'amministratore al momento di preparare la dichiarazione dello stato del "vecchio" condomino,(quella fornita al momento del rogito), si sia basato sui pagamenti previsti da preventivo delle spese. ora, in sede di consuntivo le cose/gli importi possono esser variati, forse conviene mettersi d'accordo con il vecchio proprietario anche perché essendo spese ordinarie (quindi non straordinarie), potreste anche fare una ripartizione di quanto oggi chiesto in base ai mesi di possesso del vecchio e nuovo proprietario.

  4. #4

    Data Registrazione
    Feb 2015
    Messaggi
    186
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    76 Post(s)
    Potenza rep
    1717992
    Per esempio, due anni fa ho venduto un appartamento il 20 settembre ed ovviamente avevo pagato fino al mese di agosto.
    Al momento della vendita mi sono detto disponibile a pagare, quando fosse stato fatto il conteggio, la quota condominiale di settembre e la quota acqua in proporzione ai 30 giorni di settembre. Peraltro, l'acquirente non mi ha più contattato.

Accedi