Agevolazione prima casa: e in caso di successione?
Il QE Infinity toglie già il sonno alla Lagarde (con i Bund acquistabili che finiranno presto)
Monta l?incertezza degli investitori nei confronti delle banche centrali e della loro capacità di influenzare la crescita globale. Un numero sempre maggiore di osservatori è convinto che i tagli dei …
Ftse Mib tocca nuovi massimi aspettando l’ultima di Draghi, record per Poste
Piazza Affari strappare il segno più in chiusura (+0,04% a 22.487 punti il Ftse Mib) segnando il livello di chiusura più alto del 2019. Nell?intraday il massimo risale al 17 …
Non solo BTP Italia, l’amore degli italiani verso i bond nei numeri record di Mot ed ExtraMot. Cresce l’impronta green
Durante l?evento annuale dedicato al Fixed Income sono stati presentati i trend di crescita e le principali novità dei mercati obbligazionari di Borsa Italiana. Parliamo dei mercati MOT, ExtraMOT ed …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1
    L'avatar di StackingEuros
    Data Registrazione
    Aug 2016
    Messaggi
    170
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    131 Post(s)
    Potenza rep
    4449513

    Agevolazione prima casa: e in caso di successione?

    Ciao a tutti,
    sono interessato all’acquisto di un immobile, e vorrei usufruire del bonus prima casa (imposta di registro agevolata al 2%).

    La questione che mi affligge è la seguente: circa 8 anni fa, ho ereditato delle quote di due immobili, per i quali però non riesco a comprendere se abbia già usufruito del bonus in questione.

    Ho chiesto all’Agenzia delle Entrate direttamente, ma la loro risposta non mi fa stare tranquillo.
    In pratica, dicono che non avremmo usufruito di tale bonus perché abbiamo pagato le tasse di successione.
    Hanno controllato direttamente sul documento della successione ed in effetti non è menzionato nessun bonus prima casa, come loro dicono dovrebbe essere altrimenti.

    Il problema è che, poi, mi fanno sorgere seri dubbi su quanto affermino perché mi parlano del fatto che non ci sia bisogno di prendere la residenza nella nuova casa per usufruire di tale bonus, cosa che mi sembra palesemente una stupidaggine.

    Ora, io non vorrei essere incappato in una serie di impiegati impreparati, ma come posso capire se possa usufruire del bonus prima casa o meno?

    Grazie mille per il prezioso supporto!

  2. #2
    L'avatar di DoctorT
    Data Registrazione
    May 2001
    Messaggi
    2,376
    Mentioned
    4 Post(s)
    Quoted
    900 Post(s)
    Potenza rep
    42949691
    attenzione a non condondere prima casa con abitazione principale che sono 2 cose diverse.

    per avere l'agevolazione all'atto dell'acquisto basta non possedere altri immobili destinati all'acqusto ma se vuoi le agevolazioni
    relative all'abitazione principale (es. esenzione IMU) devi trasferire la residenza.

  3. #3
    L'avatar di StackingEuros
    Data Registrazione
    Aug 2016
    Messaggi
    170
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    131 Post(s)
    Potenza rep
    4449513
    Citazione Originariamente Scritto da DoctorT Visualizza Messaggio
    attenzione a non condondere prima casa con abitazione principale che sono 2 cose diverse.

    per avere l'agevolazione all'atto dell'acquisto basta non possedere altri immobili destinati all'acqusto ma se vuoi le agevolazioni
    relative all'abitazione principale (es. esenzione IMU) devi trasferire la residenza.
    In che senso? Io possiedo comunque le quote di quei due immobili che non posso, per vari motivi, rivendere.
    Ovviamente trasferirei la residenza nella nuova casa, ma mi preoccupa il fatto che non sappia se possa usufruire del bonus prima casa per l’imposta agevolata in fase di acquisto, non sto parlando delle agevolazioni per non pagare IMU o altro perché abitazione principale.

  4. #4

    Data Registrazione
    Nov 2016
    Messaggi
    934
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    436 Post(s)
    Potenza rep
    15080687
    Il notaio può controllare prima di redigere l'atto

  5. #5
    L'avatar di StackingEuros
    Data Registrazione
    Aug 2016
    Messaggi
    170
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    131 Post(s)
    Potenza rep
    4449513
    Citazione Originariamente Scritto da Riccardo.M Visualizza Messaggio
    Il notaio può controllare prima di redigere l'atto
    Dove controllerebbe il notaio?
    Comunque, io vorrei saperlo preventivamente, perché il 7% di differenza per la aliquota di registrazione non è poco!

  6. #6
    L'avatar di Jack folle
    Data Registrazione
    Jan 2014
    Messaggi
    21,098
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    1178 Post(s)
    Potenza rep
    42949678
    Citazione Originariamente Scritto da StackingEuros Visualizza Messaggio
    Ciao a tutti,
    sono interessato all’acquisto di un immobile, e vorrei usufruire del bonus prima casa (imposta di registro agevolata al 2%).

    La questione che mi affligge è la seguente: circa 8 anni fa, ho ereditato delle quote di due immobili, per i quali però non riesco a comprendere se abbia già usufruito del bonus in questione.

    Ho chiesto all’Agenzia delle Entrate direttamente, ma la loro risposta non mi fa stare tranquillo.
    In pratica, dicono che non avremmo usufruito di tale bonus perché abbiamo pagato le tasse di successione.
    Hanno controllato direttamente sul documento della successione ed in effetti non è menzionato nessun bonus prima casa, come loro dicono dovrebbe essere altrimenti.

    Il problema è che, poi, mi fanno sorgere seri dubbi su quanto affermino perché mi parlano del fatto che non ci sia bisogno di prendere la residenza nella nuova casa per usufruire di tale bonus, cosa che mi sembra palesemente una stupidaggine.

    Ora, io non vorrei essere incappato in una serie di impiegati impreparati, ma come posso capire se possa usufruire del bonus prima casa o meno?

    Grazie mille per il prezioso supporto!
    leggi questa guida da pag.16 allla 19 https://www.agenziaentrate.gov.it/wp...della_casa.pdf


    Fino all’entrata in vigore della legge di stabilità 2016,
    per poter richiedere le agevolazioni prima casa
    occorreva:
    • non essere titolare, esclusivo o in comunione col
    coniuge, di diritti di proprietà, usufrutto, uso e
    abitazione, su altra casa nel territorio del comune
    dove si trova l’immobile oggetto dell’acquisto agevolato
    • non essere titolare, neppure per quote o in comunione legale, su tutto il territorio
    nazionale, di diritti di proprietà, uso, usufrutto, abitazione o **** proprietà, su
    altro immobile acquistato, anche dal coniuge, usufruendo delle medesime
    agevolazioni “prima casa”.
    E l’acquirente aveva l’obbligo di dichiarare tali condizioni nell’atto di compravendita.
    Dal 1° gennaio 2016, i benefici fiscali sono stati estesi anche al contribuente che è
    già proprietario di un immobile acquistato con le agevolazioni prima casa, a
    condizione però che la casa già posseduta sia venduta entro un anno dal nuovo
    acquisto.
    L’estensione dell’agevolazione spetta anche nel caso di nuovo acquisto a titolo
    gratuito (donazione e successione).

  7. #7
    L'avatar di DoctorT
    Data Registrazione
    May 2001
    Messaggi
    2,376
    Mentioned
    4 Post(s)
    Quoted
    900 Post(s)
    Potenza rep
    42949691
    Citazione Originariamente Scritto da StackingEuros Visualizza Messaggio
    In che senso?
    mi fanno sorgere seri dubbi su quanto affermino perché mi parlano del fatto che non ci sia bisogno di prendere la residenza nella nuova casa per usufruire di tale bonus, cosa che mi sembra palesemente una stupidaggine
    nel senso che l'agevolazione per l'acquisto della prima casa non è legata alla residenza ... non è affatto una stupidaggine.

  8. #8
    L'avatar di StackingEuros
    Data Registrazione
    Aug 2016
    Messaggi
    170
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    131 Post(s)
    Potenza rep
    4449513
    Citazione Originariamente Scritto da Jack folle Visualizza Messaggio
    leggi questa guida da pag.16 allla 19 https://www.agenziaentrate.gov.it/wp...della_casa.pdf


    Fino all’entrata in vigore della legge di stabilità 2016,
    per poter richiedere le agevolazioni prima casa
    occorreva:
    • non essere titolare, esclusivo o in comunione col
    coniuge, di diritti di proprietà, usufrutto, uso e
    abitazione, su altra casa nel territorio del comune
    dove si trova l’immobile oggetto dell’acquisto agevolato
    • non essere titolare, neppure per quote o in comunione legale, su tutto il territorio
    nazionale, di diritti di proprietà, uso, usufrutto, abitazione o **** proprietà, su
    altro immobile acquistato, anche dal coniuge, usufruendo delle medesime
    agevolazioni “prima casa”.
    E l’acquirente aveva l’obbligo di dichiarare tali condizioni nell’atto di compravendita.
    Dal 1° gennaio 2016, i benefici fiscali sono stati estesi anche al contribuente che è
    già proprietario di un immobile acquistato con le agevolazioni prima casa, a
    condizione però che la casa già posseduta sia venduta entro un anno dal nuovo
    acquisto.
    L’estensione dell’agevolazione spetta anche nel caso di nuovo acquisto a titolo
    gratuito (donazione e successione).
    Ciao, grazie per la risposta innanzitutto!
    La parte che più potrebbe servirmi, a questo punto, è quella in cui riportano che “l’acquirente aveva l’obbligo di dichiarare tali condizioni nell’atto di compravendita”: io non ho svolto una compravendita, trattandosi di eredità, ma sarebbe comunque applicabile ad una successione questo principio?
    Ovvero, se nella siuccessione in vedessi riportato in alcuna forma il fatto di voler usufuire di tale agevolazione, significherebbe che non ne avrei usufruito?
    Potrei fare la controprova verificando a livello di pagamento? Se si, come?
    Grazie!

  9. #9
    L'avatar di Federico Fellini
    Data Registrazione
    Mar 2019
    Messaggi
    1,090
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    80 Post(s)
    Potenza rep
    42917977
    Citazione Originariamente Scritto da StackingEuros Visualizza Messaggio
    Ciao, grazie per la risposta innanzitutto!
    La parte che più potrebbe servirmi, a questo punto, è quella in cui riportano che “l’acquirente aveva l’obbligo di dichiarare tali condizioni nell’atto di compravendita”: io non ho svolto una compravendita, trattandosi di eredità, ma sarebbe comunque applicabile ad una successione questo principio?
    Ovvero, se nella siuccessione in vedessi riportato in alcuna forma il fatto di voler usufuire di tale agevolazione, significherebbe che non ne avrei usufruito?
    Potrei fare la controprova verificando a livello di pagamento? Se si, come?
    Grazie!

    Calcolo Imposte di Compravendita Immobiliare 2014: acquisto prima e seconda casa

Accedi