INPS - Variazione Assegno al Nucleo Familiare - Trattamento di Famiglia - Pagina 3
Bond Ferrovie rendono come i Btp, in arrivo un’altra emissione verde per finanziare l?Alta Velocità
Per Ferrovie dello Stato la nuova scommessa è ?green?. Dopo il successo  ottenuto lo scorso mese di luglio col lancio di un prestito obbligazionario verde da 700 milioni di euro …
Beyond Meat: formidabile ascesa e tracollo dei burger vegetariani in Borsa. La storia dell’Ipo più pazza del 2019
Formidabile ascesa e formidabile tracollo a Wall Street per il titolo Beyond Meat, la migliore Ipo degli ultimi due decenni con valore in Borsa arrivato a oltre +800% in pochi …
Sei domande e risposte per far chiarezza sul caso Popolare Bari. Marattin: nessun vuole far fallire la banca
Il commissariamento della Popolare di Bari sta alimentando le tensioni in seno alla maggioranza di governo su come intervenire sulla banca pugliese. Ieri il Cdm non ha partorito alcun decreto …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #21
    L'avatar di tbtcot
    Data Registrazione
    Jun 2013
    Messaggi
    2,961
    Mentioned
    14 Post(s)
    Quoted
    730 Post(s)
    Potenza rep
    42949679
    Citazione Originariamente Scritto da Alfredo51 Visualizza Messaggio
    Mah, riguardo all'assegno versato dal "datore di lavoro" al dipendente statale, sarà come tu dici, ma vorrei un riferimento che dica che non va in conto Inpdap, come io penso, per analogia con i contributi p. e a. che trattengono e che vanno (o dovrebbero andare) all'Inpdap (almeno come conteggio).
    Relativamente all'art. 44 (Il diritto del datore di lavoro a richiedere il rimborso dell'assegno per il nucleo familiare erogato ai propri dipendenti si prescrive nel termine di cinque anni), è riferito al rapporto fra datore di lavoro che richiede al lavoratore gli importi che deve restituire all'Inps (quindi un rapporto a tre). Viceversa, io vorrei trovare una "leggina" o una "sentenzina" o una "circolarina" che si riferisca ad una caso analogo al mio (rapporto pensionato/Inps); è mai possibile che questa cosa sia capitata soltanto a me?
    Il punto che all'inpdap non esiste il corrispondente contributo per i trattamenti di famiglia... Ma non solo, per farti capire: non esistono neanche i versamenti dei tuoi contributi prima della metà degli anni 90. Lo stato all'epoca o pagava stipendi, o pagava pensioni. Stop. Non versava assolutamente i contributi. Non esisteva nessun conto dove venivano versati i tuoi contributi. Infatti nel tuo caso era fondamentale la ricostruzione della tua carriera che il personale faceva (qualifica e retribuzioni), bastava quello per pagarti la pensione..Per cui figurati se al Ministero del Tesoro (competente all'epoca) che non voleva i tuoi contributi per la pensione... se volevano quelli per gli assegni!
    A proposito del fatto che devi fare domanda...
    Assegno per il nucleo familiare ai pensionati

  2. #22

    Data Registrazione
    Feb 2015
    Messaggi
    202
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    85 Post(s)
    Potenza rep
    1717992
    Citazione Originariamente Scritto da tbtcot Visualizza Messaggio
    Il punto che all'inpdap non esiste il corrispondente contributo per i trattamenti di famiglia... Ma non solo, per farti capire: non esistono neanche i versamenti dei tuoi contributi prima della metà degli anni 90. Lo stato all'epoca o pagava stipendi, o pagava pensioni. Stop. Non versava assolutamente i contributi. Non esisteva nessun conto dove venivano versati i tuoi contributi. Infatti nel tuo caso era fondamentale la ricostruzione della tua carriera che il personale faceva (qualifica e retribuzioni), bastava quello per pagarti la pensione..Per cui figurati se al Ministero del Tesoro (competente all'epoca) che non voleva i tuoi contributi per la pensione... se volevano quelli per gli assegni!
    A proposito del fatto che devi fare domanda...
    Assegno per il nucleo familiare ai pensionati
    Ok, ma esistono delle date precise? Io non sono andato in pensione negli anni '80, ma nel 2012 e ritengo (sempre disposto a cambiare idea se vedo scritto qualcosa di ufficiale!) che gli Assegni di Famiglia dei miei ultimi anni di servizio erano a carico (formale o sostanziale che fosse) dell'Inps.
    Riguardo alla domanda, conosco quella pagina, tant'è che quest'anno ho presentato la richiesta tramite il sito dell'Inps. Il problema è che non vorrei fare una domanda di rideterminazione (la faccio da 5 anni e non vengo tenuto in alcuna considerazione), ma una domanda di Cessazione.

  3. #23
    L'avatar di tbtcot
    Data Registrazione
    Jun 2013
    Messaggi
    2,961
    Mentioned
    14 Post(s)
    Quoted
    730 Post(s)
    Potenza rep
    42949679
    Citazione Originariamente Scritto da Alfredo51 Visualizza Messaggio
    Ok, ma esistono delle date precise? Io non sono andato in pensione negli anni '80, ma nel 2012 e ritengo (sempre disposto a cambiare idea se vedo scritto qualcosa di ufficiale!) che gli Assegni di Famiglia dei miei ultimi anni di servizio erano a carico (formale o sostanziale che fosse) dell'Inps.
    Riguardo alla domanda, conosco quella pagina, tant'è che quest'anno ho presentato la richiesta tramite il sito dell'Inps. Il problema è che non vorrei fare una domanda di rideterminazione (la faccio da 5 anni e non vengo tenuto in alcuna considerazione), ma una domanda di Cessazione.
    Di la verità al ministero eri un dirigente?

  4. #24

    Data Registrazione
    Feb 2015
    Messaggi
    202
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    85 Post(s)
    Potenza rep
    1717992
    Citazione Originariamente Scritto da tbtcot Visualizza Messaggio
    Di la verità al ministero eri un dirigente?
    Oggi faccio un bel lavoro: quello del pensionato...
    Comunque, diciamo che svolgevo un'attività che, fino ad una certa età, consideravo anche piacevole (progettavo di andare in pensione a 70 anni...). Poi, a poco a poco, mi sono stancato.
    Il mio hobby, invece, è sempre stato quello di contrastare (verbalmente o tramite cartaceo) con varie amministrazioni e finora mi è sempre andata bene (Comune, Inpdap, Catasto, Agenzia del Territorio, Vigili Urbani, Poste, Banca, etc.).
    Stavolta la vedo dura, anche perché ora con l'Inps è tutto online e non c'è più quasi completamente il contatto diretto. E, obiettivamente, mettere di mezzo un legale, per costringere l'Inps a riprendersi il dovuto mi sembrerebbe una follia.

  5. #25

    Data Registrazione
    Oct 2011
    Messaggi
    2,993
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    483 Post(s)
    Potenza rep
    42949681
    Citazione Originariamente Scritto da Alfredo51 Visualizza Messaggio
    Il problema è che non vorrei fare una domanda di rideterminazione (la faccio da 5 anni e non vengo tenuto in alcuna considerazione), ma una domanda di Cessazione.
    Hai provato qui?
    Nuovi Servizi Online
    Domanda web di variazione individuale per assegno al nucleo familiare (funzione presente nella sezione “Domanda web pensioni” voce di menu “compilazione domanda di variazione” ).
    Il servizio consente ai pensionati di inviare la domanda di variazione Individuale per l’attribuzione dell’ assegno al nucleo familiare , la sua rideterminazione al variare del reddito e/o dei componenti del nucleo familiare nonché la richiesta di revoca dello stesso.


    Attualmente la funzione dovrebbe essere stata sostituita dalla domanda di ricostituzione pensione
    Ultima modifica di claudia_b; 27-07-19 alle 08:09

  6. #26

    Data Registrazione
    Feb 2015
    Messaggi
    202
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    85 Post(s)
    Potenza rep
    1717992
    Citazione Originariamente Scritto da claudia_b Visualizza Messaggio
    Hai provato qui?
    Nuovi Servizi Online
    Domanda web di variazione individuale per assegno al nucleo familiare (funzione presente nella sezione “Domanda web pensioni” voce di menu “compilazione domanda di variazione” ).
    Il servizio consente ai pensionati di inviare la domanda di variazione Individuale per l’attribuzione dell’ assegno al nucleo familiare , la sua rideterminazione al variare del reddito e/o dei componenti del nucleo familiare nonché la richiesta di revoca dello stesso.


    Attualmente la funzione dovrebbe essere stata sostituita dalla domanda di ricostituzione pensione
    Ti ringrazio per la segnalazione. in realtà, questo è il canale che ho utilizzato quest'anno per rinnovare la richiesta per il periodo 1-7-19/30-6-20.
    Ieri, ci sono rientrato per verificare se sia possibile effettuare la revoca, ma, dopo avere compilato un po' di pagine senza trovare la "via della revoca", mi sono fermato, per evitare di effettuare un duplicato della richiesta di rideterminazione (già presentata, appunto, a marzo). Riproverò con più calma; in ogni caso, mi sono prefissato (salvo novità) di effettuare questa revoca ad ottobre.
    E' vero che, come già detto sopra (anche dall'amico tbtcot), basterebbe non ripresentare la richiesta di rideterminazione il prossimo anno, ma in realtà, da questo punto di vista, l'Ex-Inpdap non funziona proprio, tant'è che (come già detto) nel 2013 avevo dimenticato di presentare la domanda, ma l'erogazione dell'assegno non è stata per niente interrotta (per fortuna l'aumento sarebbe stato a mio favore, per cui per quel periodo non sarei in debito).

  7. #27

    Data Registrazione
    Feb 2015
    Messaggi
    202
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    85 Post(s)
    Potenza rep
    1717992
    Altra cosa. Ho pensato di presentare reclamo per la prima richiesta (fatta nel 2014), nel timore che, decorsi i 5 anni, la mia domanda possa andare in prescrizione. Ho cercato nel sito dell'Inps, ma ho trovato soltanto un modulo da stampare ed inviare per Posta. Qualcuno sa se da qualche parte è indicata la procedura per presentare il reclamo online? Grazie.

  8. #28

    Data Registrazione
    Feb 2015
    Messaggi
    202
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    85 Post(s)
    Potenza rep
    1717992
    Una cosa l'ho fatta. "Ai posteri l'ardua sentenza" di stabilire se sia trattato di una [email protected]@[email protected] o meno. Ieri sera ho ripresentato la domanda per il periodo 1 luglio 2014/30 giugno 2015, specificando che la precedente domanda presentata per lo stesso periodo risulta (dopo 5 anni) ancora in lavorazione. In sostanza, ho riaperto i termini dei 5 anni. Ho preferito questa soluzione (ripetere la domanda online) a quella di presentare un reclamo (relativo a quella precedente) tramite raccomandata. Vediamo cosa succede, ma già lo immagino: NIENTE!

  9. #29

    Data Registrazione
    Oct 2011
    Messaggi
    2,993
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    483 Post(s)
    Potenza rep
    42949681
    Adesso mi faccio i fatti tuoi
    Hai questa situazione ingarbugliata, ma continui a pasticciare con domande e controdomande
    Hai scritto di essere passato allo sportello nel 2016, poi più niente. Magari un salto in ufficio dopo tre anni per cercare di sbloccare la cosa?

  10. #30

    Data Registrazione
    Feb 2015
    Messaggi
    202
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    85 Post(s)
    Potenza rep
    1717992
    Citazione Originariamente Scritto da claudia_b Visualizza Messaggio
    Adesso mi faccio i fatti tuoi
    Hai questa situazione ingarbugliata, ma continui a pasticciare con domande e controdomande
    Hai scritto di essere passato allo sportello nel 2016, poi più niente. Magari un salto in ufficio dopo tre anni per cercare di sbloccare la cosa?
    Nel 2016 mi dissero che dovevo aspettare tempi lunghi, perché loro erano in ritardo di anni sulle varie pratiche. Successivamente, mi sono, comunque, recato all'Inps per altri motivi, tutti poi risolti, anche se con mia grande fatica. Nelle varie occasioni ho anche accennato al problema degli Assegni, senza approfondire, ma mi è stato sempre detto che, se la domanda era protocollata e presente sul Web, dovevo avere pazienza ed aspettare i loro tempi.
    Quanto al "pasticciare con domande e controdomande", preferisco fare così, perché, almeno, in caso di futuro contenzioso legale, ho tutte le carte in regola.

    Te ne racconto un'altra. Un mio amico si è recato all'Inps, dopo prenotazione (ora è questa la prassi), per togliere un proprio figlio dal diritto alle detrazioni, in quanto il figlio, essendosi sposato, non faceva più parte del nucleo familiare del mio amico. Ebbene, gli è stato risposto che loro queste operazioni non le facevano e che lui doveva rivolgersi ad un Caf o ad un Patronato...

    Per quanto mi riguarda, oltre ai tanti problemi avuti con l'Inps (ed elencati sopra in altri post), anch'io ho avuto un problema con le detrazioni. Vado in pensione nel 2012 e prendo le detrazioni per moglie e figlie per un anno; dopodiché, mi si continuano a dare quelle per le figlie, ma non quelle per la moglie. Preciso che la norma era che per le detrazioni non si doveva ripresentare annualmente la richiesta di conferma, ma, eventualmente, soltanto quella di cessazione. Poco male, dato che annualmente le recuperavo con il 730. Ad un certo punto, decido, comunque, di chiarire la cosa e mi reco ancora una volta all'Inpdap/Inps. L'impiegato mi da ragione e mi fa presentare sul posto una domanda per queste detrazioni, assicurandomi che, entro un paio di mesi, la situazione si sarebbe sistemata. Ma quando mai! Alla fine, lo scorso anno ho fatto la domanda online all'Inps (non all'Ex-Inpdap) e in un mese la situazione è stata regolarizzata.
    Se vado a parlare con qualcuno, come tu suggerisci, non mi resta niente in mano, a meno di registrare e filmare la conversazione.

    E, se proprio vogliamo aggiungere un'altra stranezza, in questo caso per fortuna irrilevante, ho con l'Inpdap un'altra pratica aperta (anche questa in lavorazione) dal 2013, quando mia figlia effettuò un viaggio in Inghilterra con un contributo Inpdap. Ho pagato regolarmente quanto c'era da pagare, mia figlia ha felicemente effettuato il viaggio, sono passati sei anni, ...ma la pratica risulta ancora "in lavorazione"...

Accedi