Aiuto cedolare secca 730/2019 - Pagina 3
I titoli più amati dai trader italiani: a tutta FAANG, ma a svettare è un’altra super big
Microsoft, Facebook, Apple. Ma anche Disney, Mastercard e Netflix. Sono solo alcuni dei titoli su cui gli investitori italiani e globali hanno puntato a giugno secondo eToro. Il portale di …
UBI boccia l’OPS di Intesa: non è conveniente per 6 motivi. Messina medita sul rilancio
L’ops lanciata da Intesa Sanpaolo non è conveniente. E’ il responso del cda odierno di UBI Banca, che conferma le attese della vigilia e apre le strade a due possibili …
BTP Futura, Mef alza velo su tassi cedolari minimi. Tesoro chiama investitori retail, la tentazione del premio fedeltà
ll Mef ha finalmente comunicato i tassi cedolari minimi garantiti della prima emissione del BTP Futura, il titolo di stato italiano offerto interamente agli investitori retail. L'emissione partirà lunedì 6 …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #21
    L'avatar di Sara78
    Data Registrazione
    Sep 2011
    Messaggi
    7,412
    Mentioned
    20 Post(s)
    Quoted
    2604 Post(s)
    Potenza rep
    42949681
    Citazione Originariamente Scritto da cicciog83 Visualizza Messaggio
    Invece è proprio così.
    Col ravvedimento operoso quel 30% si riduce ad un ottavo (pagando entro il termine della dichiarazione successiva, come nel caso da te citato), quindi diventa 3,75%: per questo, sommando gli interessi, ho scritto un 5% circa.
    Se si versa solo l'imposta e non ci si ravvede allora arriva l'avviso bonario, ecc ecc.
    il ravvedimento operoso è un altro paio di maniche. Ma a quel punto scegliere di non pagare gli acconti puntualmente per poi pagarli col ravvedimento operoso maggiorati di interessi....boh.
    Stavo ipotizzando il caso in cui si sceglie di non pagare acconti, tanto meno ravvedendosi.

  2. #22

    Data Registrazione
    Mar 2009
    Messaggi
    779
    Mentioned
    5 Post(s)
    Quoted
    196 Post(s)
    Potenza rep
    42949684
    Citazione Originariamente Scritto da Sara78 Visualizza Messaggio
    C'è un errore sugli acconti.
    L'ammontare degli acconti è pari al 95% dell'imposta pagata. Quindi se la tua imposta è 1038 euro la somma degli acconti deve essere 986 euro.
    A te fanno pagare come acconto una somma addirittura superiore all'imposta. C'è un errore evidente.
    Ci andrei molto cauto a parlare di errore, specie di errore evidente.

    Il post 4 di questa discussione attende ancora una risposta

  3. #23
    L'avatar di Sara78
    Data Registrazione
    Sep 2011
    Messaggi
    7,412
    Mentioned
    20 Post(s)
    Quoted
    2604 Post(s)
    Potenza rep
    42949681
    Citazione Originariamente Scritto da Reostato Visualizza Messaggio
    Ci andrei molto cauto a parlare di errore, specie di errore evidente.

    Il post 4 di questa discussione attende ancora una risposta
    Direi che è ininfluente il regime fiscale del 2017. Gli acconti cedolare secca per il prossimo anno fiscale, utilizzando il metodo storico ammontano al 95% dell'imposta cedolare secca dovuta risultante nella attuale dichiarazione dei redditi.
    La posizione fiscale, cedolare o meno, per l'anno 2017 è stata saldata nel 730/2018 e in base a quanto risultante sono stati determinati gli acconti. A loro volta conguagliati a saldo nel 730/2019.
    Non ci sono casi particolari adottando il metodo storico: la determinazione degli acconti cedolare secca ammonta al 95% dell'imposta cedolare secca dovuta nell'anno 2018 e risultante nella dichiarazione dei redditi 730/2019. Nessun altro parametro o dato ha rilevanza.

  4. #24
    L'avatar di Pred_01
    Data Registrazione
    Oct 2014
    Messaggi
    16,252
    Mentioned
    21 Post(s)
    Quoted
    6039 Post(s)
    Potenza rep
    42949678
    Ravanando in questa discussione, vorrei approfittarne per chiedere qualcosa in merito.
    appartamento dato in affitto con contratto registrato ad inizio gennaio 2019 e con opzione CS.
    lo stesso appartamento, sul 730/2019 (quindi che guarda la situazione del 2018) risulta essere abitazione principale.
    ne deduco che a luglio (2019), non verrebbe operata alcuna operazione di acconto CS e ne avverrebbe a novembre (2019).
    però, il prossimo anno ci sarà "la botta" CS di tutto il 2019 + il 2020 e gli acconti 2021 : bel colpo!
    volendo limitare i danni, è possibile agire autonomamente, versando a novembre (con F-24?) almeno parte del dovuto del 2019?
    mi conviene?

  5. #25

    Data Registrazione
    Mar 2009
    Messaggi
    779
    Mentioned
    5 Post(s)
    Quoted
    196 Post(s)
    Potenza rep
    42949684
    Citazione Originariamente Scritto da Sara78 Visualizza Messaggio
    Direi che è ininfluente il regime fiscale del 2017. Gli acconti cedolare secca per il prossimo anno fiscale, utilizzando il metodo storico ammontano al 95% dell'imposta cedolare secca dovuta risultante nella attuale dichiarazione dei redditi.
    La posizione fiscale, cedolare o meno, per l'anno 2017 è stata saldata nel 730/2018 e in base a quanto risultante sono stati determinati gli acconti. A loro volta conguagliati a saldo nel 730/2019.
    Non ci sono casi particolari adottando il metodo storico: la determinazione degli acconti cedolare secca ammonta al 95% dell'imposta cedolare secca dovuta nell'anno 2018 e risultante nella dichiarazione dei redditi 730/2019. Nessun altro parametro o dato ha rilevanza.
    Non ti sfiora il dubbio che nell’anno di imposta precedente abbia pagato un piccolo acconto? Proprio no eh? Peccato, ragionare sulle cose prima di scrivere interminabili pipponi a volte aiuterebbe.

  6. #26

    Data Registrazione
    Jan 2011
    Messaggi
    165
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    56 Post(s)
    Potenza rep
    7730952
    Se sono un lavoratore dipendente e quest'anno ho due CUD perché nel 2018 ho cambiato lavoro, il 730 precompilato mi calcola quanto devo versare per il 2018 e poi mi propone una rata di acconto per il 2019, se io sono sicuro che nel 2019 non cambierò datore di lavoro, allora penso che posso barrare la casella per non pagare l'acconto, sbaglio?

  7. #27
    L'avatar di laradio
    Data Registrazione
    Feb 2014
    Messaggi
    2,323
    Mentioned
    120 Post(s)
    Quoted
    1344 Post(s)
    Potenza rep
    42949679
    Citazione Originariamente Scritto da frlfnc Visualizza Messaggio
    Se sono un lavoratore dipendente e quest'anno ho due CUD perché nel 2018 ho cambiato lavoro, il 730 precompilato mi calcola quanto devo versare per il 2018 e poi mi propone una rata di acconto per il 2019, se io sono sicuro che nel 2019 non cambierò datore di lavoro, allora penso che posso barrare la casella per non pagare l'acconto, sbaglio?
    Essere sicuri di non cambiare lavoro non equivale ad essere sicuri di non andare a debito nella prossima dichiarazione .

  8. #28

    Data Registrazione
    Jan 2011
    Messaggi
    165
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    56 Post(s)
    Potenza rep
    7730952
    Citazione Originariamente Scritto da laradio Visualizza Messaggio
    Essere sicuri di non cambiare lavoro non equivale ad essere sicuri di non andare a debito nella prossima dichiarazione .
    Ma se ho solo un CUD e nient'altro normalmente non si va a debito i conteggi li fa il datore di lavoro.

  9. #29
    L'avatar di Sara78
    Data Registrazione
    Sep 2011
    Messaggi
    7,412
    Mentioned
    20 Post(s)
    Quoted
    2604 Post(s)
    Potenza rep
    42949681
    Citazione Originariamente Scritto da Reostato Visualizza Messaggio
    Non ti sfiora il dubbio che nell’anno di imposta precedente abbia pagato un piccolo acconto? Proprio no eh? Peccato, ragionare sulle cose prima di scrivere interminabili pipponi a volte aiuterebbe.
    Se ha pagato un piccolo acconto, pagherà un saldo superiore per il medesimo anno fiscale.
    Ma non intacca affatto gli acconti per l'anno fiscale successivo che vengono calcolati sull'imposta (acconto + saldo), Ergo, se ha pagato pagato un piccolo acconto, paga un saldo superiore. Ma la somma totale (il totale di imposta) non cambia.
    E gli acconti si calcolano proprio su quella sommatoria, indipendentemente da come distribuita tra le fasi di acconto e saldo.

    Se la tua imposta annuale è 1050 (suddivisa in 1000 di acconti + 50 ( che sarebbe il 5% escluso dagli acconti)e hai pagato un piccolo acconto (facciamo 100), a saldo pagherai 900 + 50 . Gli acconti sull'anno fiscale successivo si calcolano sul 1050 totale di imposta.
    Se hai pagato regolarmente i due acconti al 40% e al 60%, ovvero come da esempio 400 e 600...nulla muta per il calcolo degli acconti sull'anno di imposta seguente. Sempre su 1050 si calcolano( 400 + 600 + i 50 esclusi dall'acconto).
    E sempre al 95% di 1050 ammontano.

    L'acconto basso dell'anno fiscale precedente, ti modifica al rialzo il saldo (e niente altro)dell'anno fiscale precedente. Non gli acconti per l'anno fiscale seguente.
    Te capì?
    Ultima modifica di Sara78; 31-05-19 alle 10:42

Accedi