Riscatto laurea - sconti under 40 - Pagina 3
ENI: analisti vedono terzo trimestre debole, l?impatto della crescita in Norvegia
Tempi difficili per le oil company, strette fra la perdurante debolezza del prezzo del petrolio e la svolta dell?economia globale verso orizzonti sostenibili. Così, analisti e investitori stanno cominciando a …
Banco Bpm incontenibile in Borsa, tutti i pro e i contro di una fusione con UBI
La possibile fusione tra Banco Bpm e Ubi Banca continua a tenere banco a Piazza Affari. L?unione tra il terzo e quarto gruppo bancario italiano porterebbe alla creazione di un …
Trump minaccia sanzioni potenti contro la Turchia, lira scende ma non affonda. Trader scettici
Così il ministro degli Esteri austriaco Alexander Schallenberg: "E' assurdo pensare a sanzioni per un Paese e allo stesso tempo parlare dell'adesione all'Ue".
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #21
    L'avatar di esco
    Data Registrazione
    Jul 2007
    Messaggi
    810
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    14 Post(s)
    Potenza rep
    23864946
    Per maggiori informazioni Riscatto laurea 2019: cos'e come funziona, costo o gratis e Quota 100

  2. #22
    L'avatar di bigmad
    Data Registrazione
    Jan 2009
    Messaggi
    25,790
    Mentioned
    143 Post(s)
    Quoted
    6784 Post(s)
    Potenza rep
    42949683
    Citazione Originariamente Scritto da alan_^_^ Visualizza Messaggio
    Ciao ho visto la notizia che nella nuova manovra ci potrebbero essere degli sconti sul riscatto laurea per under 40.
    Attendo info e numeri precisi a riguardo, però nel mentre stavo valutando la cosa e cercando di capirne di più.
    Io ho 30 anni, dovrei riscattare una triennale e lavoro da 4 anni a tempo indeterminato + 2/3 anni(devo verificare) a tempo determinato. Quindi nel mio caso penso possa anche non convenire.

    Diverso il discorso di alcuni miei amici a 30 anni che lavoricchiano o son disoccupati e in tal caso penso possa convenire.

    Info a riguardo e o pareri?
    Grazie,
    Intanto la domanda che mi/ti faccio è come mai non hai riscattato la laurea già da qualche anno e ti poni ora il problema.
    Secondo me riscattare la laurea immediatamente è quasi obbligatorio, non tanto per l'entità della futura pensione, che come è stato detto, essendo tutta contributiva, avrà uno scostamento minimo nell'importo, quanto per abbassare di 5 anni la permanenza "forzata" nel mondo del lavoro.
    Se come infatti si prospetta andrà avanti la riforma pensionistica che si sta profilando potremmo trovarci davanti a questi possibili scenari:
    1) quota 100 diventa strutturale.
    In questo caso sarà fondamentale arrivare a 62 con 38 anni di contributi e siccome 62 meno 38 fa 24, o uno è stato talmente fortunato di lavorare ininterrottamente dall'età di 24 anni o certamente 5 anni riscattati gli faranno comodo per centrare l'obiettivo quota 100 a 62 anni ed anzi, nel caso migliore arrivare alla pensione anche con più anni di versamenti e dunque con importi superiori
    2) quota 100 è transitoria e sarà sostituita dai "41 anni per tutti".
    In questo caso, ancora più del precedente sarà utile riscattare i 5 anni di laurea, perchè ovviamente si centrerà il requisito 5 anni prima e non si sarà costretti a lavorare fino a 70 anni.
    3) altre situazioni.
    In generale avere 5 anni di contributi in più avvicinerà sempre il traguardo della pensione e dunque mi pare sciocco mandarli "in cavalleria".

    Aggiungo a queste considerazioni qualche altro convincimento che ho maturato nel tempo.
    1) Se la riforma delle pensioni che verrà, consentirà di riscattare buchi contributivi a qualsiasi titolo (non solo la laurea, per esempio, ma anche buchi di lavoro) converrà assolutamente riscattarli sempre e comunque, nella logica di avvicinare il traguardo della pensione.
    Paradossalmente, ma non troppo, se il minimo di contribuzione fosse abbassato a 41 anni per tutti, basterebbe coprire tutti i periodi (volontariamente o tramite il datore di lavoro) dal giorno dopo il diploma di maturità, per arrivare a 41 anni di contributi grossomodo intorno ai 60 anni di età. Se il minimo rimanesse a 43 anni come adesso, si arriverebbe al traguardo intorno ai 62 anni.
    2) è vero che il riscatto da inoccupato corrisponde al 33% di 15500 euro e cioè a circa 5000 euro per ogni anno da riscattare... ma nessuno ti obbliga a riscattare da inoccupato: basta "trovare un lavoro" da 10000 euro annui e pagare il 33% di 10000 che sono circa i 3500 euro previsti dall'inps come minimo contributivo per riconoscere le prestazioni. Dunque per me, il neolaureato dovrebbe trovare un lavoro da barista, cameriere, bagnino, badante, ecc e con la prima busta paga riscattare la laurea. Analogamente il 58enne che perde il lavoro, al termine della Naspi basta che ne trovi un'altro da 10000 euro l'anno per riscattare in un colpo solo i 5 anni di laurea con un parametro molto più conveniente e trovarsi a centrare, magari, i requisiti per una pensione inaspettata.

  3. #23
    L'avatar di alan_^_^
    Data Registrazione
    Jan 2019
    Messaggi
    148
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    74 Post(s)
    Potenza rep
    4294969
    Grazie del parere.
    Come detto penso che o la riscatterò ora o mai più dato che sto valutando di andar a lavorare all'estero e dunque il sistema contributivo cambierà come la mi paga.
    (tranne nel caso mi trovassi in futuro nella situazione che a 60 anni mi mancheranno pochi anni e allora potrei cercar come dici tu un lavoro da 10k giusto per andar in pensione)

    Citazione Originariamente Scritto da bigmad Visualizza Messaggio
    Intanto la domanda che mi/ti faccio è come mai non hai riscattato la laurea già da qualche anno e ti poni ora il problema.
    Per due motivi: manco sapevo si potesse(sicuramente ignoranza mia però informare gli studenti durante il corso di laurea non sarebbe una brutta cosa) e, anche lo avessi saputo, non avevo soldi perché lavoricchiavo ma per pagarmi gli studi/aiturare. Riscatterei solo 3 anni e non 5 avendo fatto solo la triennale e non specialistica per lo stesso motivo di sopra.

    Detto ciò ad ora secondo il sito inps ho 247 settimane di contributi utili al diritto di pensione (e 287 al calcolo, anche se non so ben che cambi)
    Ho pure fatto la simulazione per quanto possa aver senso ed esser affidabile a 30 anni.

  4. #24

    Data Registrazione
    Jan 2010
    Messaggi
    1,289
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    482 Post(s)
    Potenza rep
    5484287
    Citazione Originariamente Scritto da bigmad Visualizza Messaggio
    Intanto la domanda che mi/ti faccio è come mai non hai riscattato la laurea già da qualche anno e ti poni ora il problema.
    Secondo me riscattare la laurea immediatamente è quasi obbligatorio, non tanto per l'entità della futura pensione, che come è stato detto, essendo tutta contributiva, avrà uno scostamento minimo nell'importo, quanto per abbassare di 5 anni la permanenza "forzata" nel mondo del lavoro.
    Se come infatti si prospetta andrà avanti la riforma pensionistica che si sta profilando potremmo trovarci davanti a questi possibili scenari:
    1) quota 100 diventa strutturale.
    In questo caso sarà fondamentale arrivare a 62 con 38 anni di contributi e siccome 62 meno 38 fa 24, o uno è stato talmente fortunato di lavorare ininterrottamente dall'età di 24 anni o certamente 5 anni riscattati gli faranno comodo per centrare l'obiettivo quota 100 a 62 anni ed anzi, nel caso migliore arrivare alla pensione anche con più anni di versamenti e dunque con importi superiori
    2) quota 100 è transitoria e sarà sostituita dai "41 anni per tutti".
    In questo caso, ancora più del precedente sarà utile riscattare i 5 anni di laurea, perchè ovviamente si centrerà il requisito 5 anni prima e non si sarà costretti a lavorare fino a 70 anni.
    3) altre situazioni.
    In generale avere 5 anni di contributi in più avvicinerà sempre il traguardo della pensione e dunque mi pare sciocco mandarli "in cavalleria".

    Aggiungo a queste considerazioni qualche altro convincimento che ho maturato nel tempo.
    1) Se la riforma delle pensioni che verrà, consentirà di riscattare buchi contributivi a qualsiasi titolo (non solo la laurea, per esempio, ma anche buchi di lavoro) converrà assolutamente riscattarli sempre e comunque, nella logica di avvicinare il traguardo della pensione.
    Paradossalmente, ma non troppo, se il minimo di contribuzione fosse abbassato a 41 anni per tutti, basterebbe coprire tutti i periodi (volontariamente o tramite il datore di lavoro) dal giorno dopo il diploma di maturità, per arrivare a 41 anni di contributi grossomodo intorno ai 60 anni di età. Se il minimo rimanesse a 43 anni come adesso, si arriverebbe al traguardo intorno ai 62 anni.
    2) è vero che il riscatto da inoccupato corrisponde al 33% di 15500 euro e cioè a circa 5000 euro per ogni anno da riscattare... ma nessuno ti obbliga a riscattare da inoccupato: basta "trovare un lavoro" da 10000 euro annui e pagare il 33% di 10000 che sono circa i 3500 euro previsti dall'inps come minimo contributivo per riconoscere le prestazioni. Dunque per me, il neolaureato dovrebbe trovare un lavoro da barista, cameriere, bagnino, badante, ecc e con la prima busta paga riscattare la laurea. Analogamente il 58enne che perde il lavoro, al termine della Naspi basta che ne trovi un'altro da 10000 euro l'anno per riscattare in un colpo solo i 5 anni di laurea con un parametro molto più conveniente e trovarsi a centrare, magari, i requisiti per una pensione inaspettata.
    Alla domanda perché non hai riscattato la laurea....la risposta penso sia scontata.
    Inizi a lavorare, se prendi 20 mila euro lordi anno, sono 6600 x 3 anni di studio...circa 20mila euro...ossia più di un anno di lavoro..e al giorno d'oggi ...chi ha la possibilità di sottrarre tale importo dal proprio reddito?

  5. #25

    Data Registrazione
    Jul 2017
    Messaggi
    752
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    594 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Citazione Originariamente Scritto da xman80an Visualizza Messaggio
    Alla domanda perché non hai riscattato la laurea....la risposta penso sia scontata.
    Inizi a lavorare, se prendi 20 mila euro lordi anno, sono 6600 x 3 anni di studio...circa 20mila euro...ossia più di un anno di lavoro..e al giorno d'oggi ...chi ha la possibilità di sottrarre tale importo dal proprio reddito?
    Beh la rateizzazione senza interessi in dieci anni, e la deducibilità, sono un incentivo proprio in tal senso (nel tuo caso sono 2000 euro all'anno, scontati della tua aliquota irpef media...)

  6. #26

    Data Registrazione
    Jan 2010
    Messaggi
    1,289
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    482 Post(s)
    Potenza rep
    5484287
    Citazione Originariamente Scritto da DesmondHume Visualizza Messaggio
    Beh la rateizzazione senza interessi in dieci anni, e la deducibilità, sono un incentivo proprio in tal senso (nel tuo caso sono 2000 euro all'anno, scontati della tua aliquota irpef media...)
    Non sono 2000 euro....sono 6600 euro / anno....se non ho sbagliato conti

  7. #27
    L'avatar di bigmad
    Data Registrazione
    Jan 2009
    Messaggi
    25,790
    Mentioned
    143 Post(s)
    Quoted
    6784 Post(s)
    Potenza rep
    42949683
    Citazione Originariamente Scritto da xman80an Visualizza Messaggio
    Non sono 2000 euro....sono 6600 euro / anno....se non ho sbagliato conti
    6600 x 3 anni = circa 20mila => rateizzati in 10 anni, come ha scritto Desmond = circa 2000 euro l'anno (fiscalmente deducibili)

  8. #28

    Data Registrazione
    Jul 2017
    Messaggi
    752
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    594 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Citazione Originariamente Scritto da xman80an Visualizza Messaggio
    Non sono 2000 euro....sono 6600 euro / anno....se non ho sbagliato conti
    da come hai scritto: 6600x3 anni =19800 euro da riscattare, che potrai pagare in 10 anni -->165 euro al mese.

    Nb: ovviamente le mie sono solo stime, rivolgiti all'Inps o ad un caf per indicazioni precise

  9. #29

    Data Registrazione
    Apr 2012
    Messaggi
    61
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    32 Post(s)
    Potenza rep
    1059813
    Sono ancora validi i coefficienti dell'anno scorso per tutti?
    Cioè il 33% dello stipendio lordo di un anno per ogni anno da riscattare ? (o 16000 € circa se il reddito è più basso?)

  10. #30

    Data Registrazione
    Jan 2010
    Messaggi
    1,289
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    482 Post(s)
    Potenza rep
    5484287
    Fatemi capire :-)
    Mettete che io prenda 27k ,quindi non percepisco renzi....
    Se rateizzo, sono circa 2700 euro anno...che quindi posso dedurre dal 730...e quindi sono 27000-2700= 24300 ...quindi rientrerei nel range di Renzi?? Percependo circa 900 euro...in pratica e come se pagassi 1600 euro(2700-900) ...sbaglio qualcosa?

Accedi