Guida alla successione fai da te - Pagina 4
BTP Italia tornerà a far breccia tra le famiglie? Emissione al via tra tante certezze e qualche incognita
Tutto pronto per il Btp Italia. Il collocamento della quindicesima emissione del titolo di stato indicizzato all?inflazione (FOI meno tabacchi) dedicato ai piccoli risparmiatori italiani avrà luogo dal 21 al …
Tassi di interesse negativi ci dicono che il futuro vale più del presente in un mondo dove sovrabbonda il risparmio
Cosa si nasconde dietro questa grossa ondata di tassi d?interesse negativi? Da Francoforte  a Zurigo passando per Tokio, più di un terzo dei bond presenti sul mercato offrono ormai ritorni …
Calendario conti 3° trimestre 2019 Ftse Mib: apre Saipem, banche e FCA le più attese
Dopo un inizio poco fortunato, il mese di ottobre ha visto un forte rialzo dei mercati azionari internazionali. Gli indici USA sono tornati sui massimi storici, mentre quelli europei (Ftse …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #31

    Data Registrazione
    Jun 2012
    Messaggi
    381
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    152 Post(s)
    Potenza rep
    22161114
    Salve, sono ignorante in materia. Vorrei iniziare a porre dei quesiti.
    1) Mia madre ha ereditato molti anni fa da una sua zia tramite testamento parte di alcuni terreni incolti di modesto valore di cui si è sempre disinteressata, senza mai avere fatto nulla per rivendicarne il possesso. Qual'è attualmente la posizione giuridica di mia madre su questi beni? Nel caso di morte della madre, i figli devono/possono includere nella successione queste proprietà (se non sono state già usucapionate)?

  2. #32
    L'avatar di maxtired
    Data Registrazione
    Feb 2007
    Messaggi
    244
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    63 Post(s)
    Potenza rep
    8822538
    Citazione Originariamente Scritto da soros75 Visualizza Messaggio
    Dovresti avere ragione, anche se non ci metterei la mano sul fuoco.
    Mi riservo di controllare.

    Le soluzioni sono:
    - Rinunciare all'eredità.
    - Rinunciare all'agevolazione prima casa.

    Personalmente rinuncerei all'eredità e lascerei il 100% dell'immobile al genitore superstite che ovviamente beneficierebbe dell'agevolazione prima casa.
    Non è così: dipende da chi richiede l'agevolazione "prima casa" della quale cmq usufruiscono tutti i coeredi.
    In altri termini solo l'erede che fa espressa richiesta dell'agevolazione "prima casa" non potrà usufruire di una ulteriore agevolazione se deciderà di acquistarne un'altra nello stesso comune. Gli altri coeredi, invece, avranno questa facoltà.

  3. #33
    L'avatar di soros75
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Messaggi
    13,328
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    265 Post(s)
    Potenza rep
    42949686
    Citazione Originariamente Scritto da maxtired Visualizza Messaggio
    Non è così: dipende da chi richiede l'agevolazione "prima casa" della quale cmq usufruiscono tutti i coeredi.
    In altri termini solo l'erede che fa espressa richiesta dell'agevolazione "prima casa" non potrà usufruire di una ulteriore agevolazione se deciderà di acquistarne un'altra nello stesso comune. Gli altri coeredi, invece, avranno questa facoltà.
    Questa non la sapevo.
    Si impara sempre qualcosa.

    Adesso pongo una domanda io.

    Abbiamo Madre, Padre e due figli.
    Madre e padre possiedono al 50% ciascuno la casa di proprietà.

    I due figli hanno già beneficiato dell'agevolazione prima casa per comprare le rispettive abitazioni.

    Muore il padre.
    Madre e figli ereditano e la madre richiede di usufruire dei benefici prima casa.
    Ne ha diritto perchè non ha altre case e di ciò ne giovano anche i figli.

    Dopo un anno muore la madre.
    I figli si trovano in mano il 50% ciascuno della casa dei genitori.
    Pagano l'imposta di registro e catastale (3% totale) senza beneficiare delle agevolazioni prima casa.

    Dopo un mese i figli decidono di vendere.
    Sulla parte di abitazione ereditata in seguito alla morte del padre dovranno ri-pagare l'imposta di registro e quella catastale (totale 3%) + mora del 30% perchè sono passati meno di 5 anni da quando la madre ha beneficiato dell'agevolazione prima casa in fase di successione ?

    Poniamo invece che uno dei due figli abbia un figlio a sua volta, che non possiede immobili.

    Potrebbe rinunciare all'eredità in favore del figlio in modo che quest'ultimo possa usufruire dei benefici prima casa.

    Mettiamo poi che dopo 1 mese decidano di vendere la casa.
    Dovranno ri-pagare l'imposta di registro e quella catastale (totale 3%) + mora del 30% perchè sono passati meno di 5 anni dalla richiesta dei benefici prima casa ?
    Su quale quota dell'immobile ?
    Sul 100% ?
    Oppure solo sulla quota del figlio che ha richiesto di usufruire dei benefici prima casa ?
    Ultima modifica di soros75; 28-08-12 alle 20:42

  4. #34
    L'avatar di maxtired
    Data Registrazione
    Feb 2007
    Messaggi
    244
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    63 Post(s)
    Potenza rep
    8822538
    Citazione Originariamente Scritto da soros75 Visualizza Messaggio
    Questa non la sapevo.
    Si impara sempre qualcosa.

    Adesso pongo una domanda io.

    Abbiamo Madre, Padre e due figli.
    Madre e padre possiedono al 50% ciascuno la casa di proprietà.

    I due figli hanno già beneficiato dell'agevolazione prima casa per comprare le rispettive abitazioni.

    Muore il padre.
    Madre e figli ereditano e la madre richiede di usufruire dei benefici prima casa.
    Ne ha diritto perchè non ha altre case e di ciò ne giovano anche i figli.

    Dopo un anno muore la madre.
    I figli si trovano in mano il 50% ciascuno della casa dei genitori.
    Pagano l'imposta di registro e catastale (3% totale) senza beneficiare delle agevolazioni prima casa.

    Dopo un mese i figli decidono di vendere.
    Sulla parte di abitazione ereditata in seguito alla morte del padre dovranno ri-pagare l'imposta di registro e quella catastale (totale 3%) + mora del 30% perchè sono passati meno di 5 anni da quando la madre ha beneficiato dell'agevolazione prima casa in fase di successione ?

    Poniamo invece che uno dei due figli abbia un figlio a sua volta, che non possiede immobili.

    Potrebbe rinunciare all'eredità in favore del figlio in modo che quest'ultimo possa usufruire dei benefici prima casa.

    Mettiamo poi che dopo 1 mese decidano di vendere la casa.
    Dovranno ri-pagare l'imposta di registro e quella catastale (totale 3%) + mora del 30% perchè sono passati meno di 5 anni dalla richiesta dei benefici prima casa ?
    Su quale quota dell'immobile ?
    Sul 100% ?
    Oppure solo sulla quota del figlio che ha richiesto di usufruire dei benefici prima casa ?
    1= Sì

    2= Sì

    3= No

    4= Sì

    5= N0, ma il figlio deve riacquistare un immobile da adibire ad abitazione principale entro un anno. In caso contrario si paga la mora sul 100% della quota della madre.
    Ciao
    Ultima modifica di maxtired; 02-09-12 alle 08:10

  5. #35
    L'avatar di maxtired
    Data Registrazione
    Feb 2007
    Messaggi
    244
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    63 Post(s)
    Potenza rep
    8822538
    Citazione Originariamente Scritto da Arcio Visualizza Messaggio
    Salve, sono ignorante in materia. Vorrei iniziare a porre dei quesiti.
    1) Mia madre ha ereditato molti anni fa da una sua zia tramite testamento parte di alcuni terreni incolti di modesto valore di cui si è sempre disinteressata, senza mai avere fatto nulla per rivendicarne il possesso. Qual'è attualmente la posizione giuridica di mia madre su questi beni? Nel caso di morte della madre, i figli devono/possono includere nella successione queste proprietà (se non sono state già usucapionate)?
    Se la tua mamma a suo tempo nn presentò alcuna dichiarazione di successione, dichiarando per l'appunto i terreni agricoli in questione, il diritto di accettazione, nel tuo caso specifico, si prescrive in 10 anni dall'apertura della successione (data della scomparsa della zia) e viene cmq ereditato dai figli.

  6. #36

    Data Registrazione
    Jun 2012
    Messaggi
    381
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    152 Post(s)
    Potenza rep
    22161114
    Citazione Originariamente Scritto da maxtired Visualizza Messaggio
    Se la tua mamma a suo tempo nn presentò alcuna dichiarazione di successione, dichiarando per l'appunto i terreni agricoli in questione, il diritto di accettazione, nel tuo caso specifico, si prescrive in 10 anni dall'apertura della successione (data della scomparsa della zia) e viene cmq ereditato dai figli.
    Grazie per la risposta. E se come credo fossero già passati i dieci anni (farò un controllo), qual'è il destino di quelle terre?

  7. #37
    L'avatar di maxtired
    Data Registrazione
    Feb 2007
    Messaggi
    244
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    63 Post(s)
    Potenza rep
    8822538
    Citazione Originariamente Scritto da Arcio Visualizza Messaggio
    Grazie per la risposta. E se come credo fossero già passati i dieci anni (farò un controllo), qual'è il destino di quelle terre?
    La prescrizione opera sempre su eccezione di parte, quindi si può sempre fare la denuncia di successione e l'accettazione della quota di eredità. Potrebbe in questo caso però esserci chi rivendichi l'avvenuta prescrizione del diritto di accettazione, andando così incontro ad un contenzioso con tutte le coseguenze del caso.
    Ultima modifica di maxtired; 02-09-12 alle 08:06

  8. #38
    L'avatar di soros75
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Messaggi
    13,328
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    265 Post(s)
    Potenza rep
    42949686
    Citazione Originariamente Scritto da maxtired Visualizza Messaggio
    La prescrizione opera sempre su eccezione di parte, quindi si può sempre fare la denuncia di successione e l'accettazione della quota di eredità. Potrebbe in questo caso però esserci chi rivendichi l'avvenuta prescrizione del diritto di accettazione, andando così incontro ad un contenzioso con tutte le coseguenze del caso.
    L'accettazione dell'eredità non è implicita con la presentazione della dichiarazione ?

    Ad esempio se io io presento la dichiarazione di successione, entro nella proprietà degli averi del de-cuius, pago le tasse relative ad esempio ad immobili lasciati in eredità, faccio la voltura degli immobili al catasto, procedo alla chiusura dei conti correnti, non ho implicitamente accettatol'eredità ?

    Cos'altro dovrei fare ?

  9. #39
    L'avatar di signor pomata
    Data Registrazione
    Jun 2012
    Messaggi
    7,057
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    2611 Post(s)
    Potenza rep
    42949680
    Spero di essere nel posto giusto comunque vorrei postare quello che è accaduto a mia madre:circa 5 anni fa le è morto il padre e la sorella dopo alcuni mesi ha tirato fuori un testamento in cui lasciava tutti gli immobili in usufrutto alla moglie.....la moglie pressata dalla figlia non lo ha accettato e è diventata ereditaria come mia madre e la sorella.Quindi tutti i beni immobili si dovevano dividere per tre parti mentre i beni mobili in sei parti 4 alla moglie 1 a testa alle sue figlie visto i conti cointestati.Durante la saga della divisione degli immobili siamo giunti a conoscenza che la sorella di mia madre aveva stipulato un contratto vitalizio con mia nonna e a fronte della intera quota del patrimonio mia zia si impegnava in tutto il sostentamento morale e materiale di mia nonna in cambio si prendeva tutta la quota di mia nonna.....dico quota perche a oggi non abbiamo ancora diviso ma la sorella di mia madre e i suoi figli intestatari anche loro già si sono messi tutto a loro nome.Ora premesso che fare un contratto di questo tipo a una donna di 83 anni è da delinquenti ma non capisco come sia possibile che la legittima che spetterebbe a mia madre sia svanita nel nulla....non capisco che assistenza si può dare a una persona che aveva già tutto e anche di più mentre ora non ha più nulla di suo e ciliegina ora pretendono che prima di fare le divisioni le venga messo un tutore legale attraverso il tribunale visto che è stata colta da ictus .....altrimenti dicono che non si puo dividere i beni immobili.Ma mia nonna non ha più nulla quindi questa procedura serve per altro....forse a far sparire anche i beni in denaro che ha ricevuto dalle divisioni??? Se alla scomparsa di mia nonna andando alla successione si scoprisse che è nullatenente è possibile denunciare il fatto alla magistratura visto che oltre ledere i diritti di mia madre hanno leso anche i diritti dello stato visto che sarebbe come se avessero fatto una successione prima dellamorte e senza spendere un euro di tasse....lo so che è complicato ma se possibile che ne pensate??

  10. #40
    L'avatar di soros75
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Messaggi
    13,328
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    265 Post(s)
    Potenza rep
    42949686
    Citazione Originariamente Scritto da signor pomata Visualizza Messaggio
    Spero di essere nel posto giusto comunque vorrei postare quello che è accaduto a mia madre:circa 5 anni fa le è morto il padre e la sorella dopo alcuni mesi ha tirato fuori un testamento in cui lasciava tutti gli immobili in usufrutto alla moglie.....la moglie pressata dalla figlia non lo ha accettato e è diventata ereditaria come mia madre e la sorella.
    Cerchiamo di fare chiarezza.
    Famiglia originale:
    Marito, Moglie e due figlie.

    Il marito muore e lascia gli immobili in usufrutto alla moglie.
    La moglie rinuncia e diventa proprietaria pro-quota di ciascun immobile, senza usufrutto, cosiccome le figlie.

    La nonna ha rinunciato al testamento, ma ha accettato la legittima, giusto ?
    In questo caso ha acquisito per legge, il diritto di abitazione sulla casa coniugale e questo non può toglierglielo nessuno.

    Citazione Originariamente Scritto da signor pomata Visualizza Messaggio
    Quindi tutti i beni immobili si dovevano dividere per tre parti mentre i beni mobili in sei parti 4 alla moglie 1 a testa alle sue figlie visto i conti cointestati.Durante la saga della divisione degli immobili siamo giunti a conoscenza che la sorella di mia madre aveva stipulato un contratto vitalizio con mia nonna e a fronte della intera quota del patrimonio mia zia si impegnava in tutto il sostentamento morale e materiale di mia nonna in cambio si prendeva tutta la quota di mia nonna.....dico quota perche a oggi non abbiamo ancora diviso ma la sorella di mia madre e i suoi figli intestatari anche loro già si sono messi tutto a loro nome.
    In successione ci va SOLO la quota di tuo nonno e le quote di divisioni sia per i beni immobili (case) che mobili (conti correnti) sono le stesse.

    Il vitalizio può essere impugnato dopo la morte, sotto il profilo della lesione di legittima, ma solo se si configura una sproporzione fra il valore della prestazione (assistenza ed alimenti) ed il bene ceduto.

    Non capisco però a fronte di che cosa i tuoi cugini sia siano potuti intestare dei beni di tua nonna visto che tua nonna è ancora in vita.

    Citazione Originariamente Scritto da signor pomata Visualizza Messaggio
    Ora premesso che fare un contratto di questo tipo a una donna di 83 anni è da delinquenti ma non capisco come sia possibile che la legittima che spetterebbe a mia madre sia svanita nel nulla....non capisco che assistenza si può dare a una persona che aveva già tutto e anche di più mentre ora non ha più nulla di suo e ciliegina ora pretendono che prima di fare le divisioni le venga messo un tutore legale attraverso il tribunale visto che è stata colta da ictus .....altrimenti dicono che non si puo dividere i beni immobili.
    Se tua nonna a 83 anni stava bene, non vedo problemi.

    Comunque si può parlare di legittima solo DOPO la morte di tua nonna e dopo la morte di tua nonna.

    Vista la situazione, la richiesta di un tutore legale dovresti farla tu o tua mamma, e alla svelta, visto che mi sembra di capire che i tuoi parenti si sono impossessati, o vorrebbero farlo, dei beni di tua nonna.

    Al tuo posto presenterei istanza per la nomina di un Amministratore di Sostegno, alla veloce. Non serve nemmeno l'avvocato.
    Sul sito del Tribunale della tua città dovresti trovare il modulo necessario (semplicissimo).
    Visto quello che stanno facendo i tuoi parenti io farei anche la richiesta per AdS provvisoria che di norma viene concessa in qualche giorno.

    In udienza farai presente quanto stanno facendo i tuoi parenti e potrai anche richiedere una perizia sui movimenti fatti negli ultimi anni sui conti e le proprietà di tua nonna.
    Vista la situazione mi aspetto che il Giudice Tutelare nominerà AdS un avvocato o una persona di sua fiducia (che si prenderà 100 Euro/anno) e i tuoi parenti non potranno più disporre arbitrariamente del patrimonio di tua nonna.

    Inoltre, anche se venisse nominata per assurdo tua zia, quest'ultima non potrà agire in libertà ma solo all'interno del perimetro di azioni definito dal GT.
    Di certo non potrà procedere a suddivisioni dei beni e dovrà rendicontare annualmente ogni spesa al Giudice.

    Citazione Originariamente Scritto da signor pomata Visualizza Messaggio
    Ma mia nonna non ha più nulla quindi questa procedura serve per altro....forse a far sparire anche i beni in denaro che ha ricevuto dalle divisioni??? Se alla scomparsa di mia nonna andando alla successione si scoprisse che è nullatenente è possibile denunciare il fatto alla magistratura visto che oltre ledere i diritti di mia madre hanno leso anche i diritti dello stato visto che sarebbe come se avessero fatto una successione prima dellamorte e senza spendere un euro di tasse....lo so che è complicato ma se possibile che ne pensate??
    Perchè aspettare la successione per vedere cosa appartiene ancora a tua nonna ?

    Ultimo ma non ultimo....il contratto vitalizio è stato stipulato in forma scritta ?
    E' una scrittura privata tra tua zia e tua nonna oppure è intervenuto anche un notaio ?
    Potrebbe anche essere carta straccia...
    Ultima modifica di soros75; 09-09-12 alle 13:44

Accedi