E' obbligatorio registrare la risoluzione di un compromesso decaduto?
Nvidia e il successo dei suoi GPU per il crypto mining. Correlazione sempre più alta con il Bitcoin (Grafico)
Se è vero che sta diventando sempre più evidente la correlazione tra il trend dell’azionario e quello dei cripto asset come Bitcoin et similia, è altrettanto vero che ci sono …
Il Covid-19 ha arricchito i miliardari: ora controllano il 3.5% della ricchezza globale
La quota di ricchezza detenuta dai miliardari a livello globale è salita a livelli record durante l?emergenza Covid-19, almeno stando a quanto riporta nella sua ricerca annuale il World Inequality Lab fondato dall?economista francese …
Su piano Unicredit aspettative molto alte, forse troppo. Ecco cosa Orcel è chiamato a dare in pasto al mercato
Unicredit si presenta all’appuntamento con la presentazione del nuovo business plan, in programma domani 9 dicembre, con il vento in poppa in Borsa. Con il +2,4% di ieri (close a …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1
    L'avatar di carax
    Data Registrazione
    Oct 2008
    Messaggi
    9,028
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    121 Post(s)
    Potenza rep
    42949686

    E' obbligatorio registrare la risoluzione di un compromesso decaduto?

    Ciao a tutti,
    vorrei chiedervi un consiglio (spero di non sbagliare sezione, nel caso ditemelo e sposterò).
    Mia moglie ha sottoscritto un compromesso per acquistare un appartamento, compromesso che poi è stato regolarmente registrato. Per inadempienza del venditore, i termini stabiliti dal compromesso sono scaduti. Il venditore ha risolto la sua inadempienza e intendiamo comunque comprare l’appartamento. Nel frattempo, abbiamo deciso di intestarlo a me (mia moglie ed io siamo in separazione dei beni).
    Pensavamo dunque, semplicemente, di sciogliere consensualmente mediante scrittura privata il compromesso, con restituzione a mezzo assegno da parte del venditore della caparra che mia moglie (sempre a mezzo assegno, come prassi) aveva a suo tempo versato. Immediatamente dopo questo, pensavamo di procedere alla compravendita, con un rogito in cui l’acquirente sono io – rogito che non ha nessun rapporto con il precedente compromesso, nel frattempo sciolto, e che prevederà il pagamento a mezzo assegno circolare dell’intera somma pattuita per la compravendita.
    L’agente immobiliare sostiene però che siamo obbligati a registrare la risoluzione del compromesso a mezzo F24 pagando 168 euro e consegnarne copia all’Agenzia delle Entrate. Il notaio sostiene invece che non sia necessario. Chi dei due ha ragione?

    Ci pare assurdo dover pagare per sciogliere un contratto che nel frattempo è decaduto, e non per causa nostra, e che siamo d’accordo di cancellare consensualmente mediante scrittura privata…
    Che ne pensate?
    Grazie in anticipo a tutti.

Accedi