Conto bancario con titoli azionari ereditato
‘Non ricordo un periodo peggiore per così tanti asset’. Ma Jim Reid scova un aspetto positivo nel grande crollo dei mercati
L?ultimo mese ha visto i mercati cadere rovinosamente. Per S&P 500 e Dow Jones Industrial Average è stato il peggior mese di settembre degli ultimi 20 anni. In sofferenza anche le Borse europee con quasi -6% per Parigi, mentre il Dax di Francoforte ha fermato l?emorragia a -5,6%.Guardando all?indice sull?azionario globale, l?MSCI World, il saldo
Stop gas russo verso l’Italia: analisti guardano a potenziali contraccolpi per ENI
Lo stop delle forniture di gas russo verso l?Italia tiene banco oggi. Sabato Gazprom ha comunicato di non poter confermare la consegna dei volumi di gas richiesti ?a causa della dichiarata impossibilità di trasportare il gas attraverso l?Austria?. I flussi di gas russo destinati a Eni attraverso il punto di ingresso di Tarvisio si sono
Banca Generali e Mediobanca. Cosa sta succedendo a Trieste e a Piazzetta Cuccia
Generali pronta a vendere Banca Generali a Mediobanca? Oggi l?effetto dei rumor riportati venerdì da Bloomberg si sfiamma, con il titolo di Banca Generali che si conferma tra i peggiori dell?indice Ftse Mib di Piazza Affari, perdendo poco meno del 4%, dopo essere scivolato all?inizio della seduta fino a -6,9%.La febbre esplosa venerdì scorso aveva
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1
    L'avatar di ontherun
    Data Registrazione
    Jan 2002
    Messaggi
    63
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    4 Post(s)
    Potenza rep
    859014

    Conto bancario con titoli azionari ereditato

    Salve,

    avrei da porre un quesito agli esperti in questioni legal-finanziarie.

    Lo scorso Ottobre è purtroppo mancato mio padre e tra le altre cose ha lasciato in eredità a me e mio fratello il suo conto bancario, in parte monetario in parte in titoli azionari.
    Dopo pochi giorni abbiamo avviato le procedure per poter chiudere il conto portando quindi i vari documenti necessari sia in banca sia dal notaio, questo, come già detto in precedenza, è stato fatto intorno alla metà dello scorso novembre.
    A tutt'oggi purtroppo l'operazione non è ancora stata chiusa un po' per nostra negligenza un po' per la lungaggine del notaio, almeno questo è quello che presumo dalle notizie che mi sono state riportate da mio fratello visto che io risiedo altrove, ma per quello che ne so potrebbe anche essere la banca che stia dormendo pur avendo, magari, già la documentazione necessaria per chiudere la pratica.

    Ora il quesito è questo: visto che dal momento del decesso di nostro padre il titolo azionario in portafoglio è letteralmente crollato, volevo sapere a termini di legge quando la banca è tenuta a liquidare il titolo;
    è possibile che esso sia ancora sul mercato oppure avrebbe già dovuto essere stato appunto liquidato e se sì quando rispetto alle varie fasi di procedura di eredità ed in particolare di chiusura conto che, ripeto, al momento dovrebbe essere ancora aperto.

    Ringrazio sin da ora chi vorrà e potrà rispondermi.

    Marco

  2. #2
    L'avatar di ontherun
    Data Registrazione
    Jan 2002
    Messaggi
    63
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    4 Post(s)
    Potenza rep
    859014
    davvero nessuno è in grado di rispondere al quesito fatto ?

    non ci posso credere, grazie lo stesso comunque.

    Marco

  3. #3
    L'avatar di PassionFruit
    Data Registrazione
    Jun 2011
    Messaggi
    1,932
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    4 Post(s)
    Potenza rep
    42949684
    è che ci poni delle domande quando prima dovresti parlare con tuo fratello per capire bene la situazione:
    1)è il notaio/tuo fratello/la banca che sta temporeggiando?
    2) la dichiaraz di successione è stata presentata all'agenzia delle entrate?

    quando avrai chiarito col fratello avrai già le idee più chiare.
    considera cmq che, di norma, i titoli azionari non vanno venduti ma TRASFERITI agli eredi, che decideranno il da farsi.
    la banca non si assume certo l'onere di vendere perchè i tempi della successione si allungano... facile dirlo/desiderarlo ora che il titolo è crollato, immagina invece se fosse salito del 50%...

  4. #4
    L'avatar di FrankB
    Data Registrazione
    Feb 2012
    Messaggi
    18,217
    Mentioned
    9 Post(s)
    Quoted
    156 Post(s)
    Potenza rep
    42949683
    Citazione Originariamente Scritto da ontherun Visualizza Messaggio
    A tutt'oggi purtroppo l'operazione non è ancora stata chiusa un po' per nostra negligenza...
    Tanto basta.
    Se voi avesste fatto tutto per filo e per segno, e banca o notaio allungano i tempi di risoluzione oltre l'ordinario, potreste avere qualcosa in mano per una causa civile.
    Dovreste dimostrare dolo o colpa grave e non e' semplice.

    Nei casi in cui c'e' un l'esecutore testamentario, egli dovrebbe acquisire un hedge sulle posizioni nel caso di patrimoni ingenti, proprio per evitare storie come la tua.

    Citazione Originariamente Scritto da PassionFruit Visualizza Messaggio
    i titoli azionari non vanno venduti ma TRASFERITI agli eredi, che decideranno il da farsi.

  5. #5
    L'avatar di ontherun
    Data Registrazione
    Jan 2002
    Messaggi
    63
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    4 Post(s)
    Potenza rep
    859014
    Innanzitutto ringrazio sia Passion sia Frank per avermi risposto.

    Allora, ho parlato con mio fratello e mi ha comunicato che la pratica del notaio è pronta da qualche giorno e mi aspetta per andare in banca per firmare entrambi la chiusura del conto.

    Ora riporto alcune cose che non avevo specificato nel post iniziale:

    1) al momento di comunicare alla banca che il c/c sarebbe stato chiuso l'impiegato ci chiese cosa volevamo fare delle azioni, al che richiedemmo di chiudere la posizione (l'altra opzione era quella di trasferirle ma, sia perchè era nostra scelta, sia perchè ci dissero che ci sarebbe voluto più tempo (ed oneri dico io), scegliemmo appunto di farle vendere); espressa la nostra scelta l'impiegato alcuni giorni dopo ci comunicò che ilprezzo di realizzo delle azioni da riportare nella dichiarazione di successione e quindi da comunicare al notaio era X... che poi scoprii essere il valore di riferimento nel giorno della dipartita di ns padre.

    2) riguardo alle tasse di successione esse sono state pagate già da tempo così come la parcella del notaio.

    Questo è tutto quello che mi risulta.

    La mia domanda era comunque semplicemente quella di sapere se le azioni (sempre che sia possibile farle vendere come appunto abbiamo chiseto di fare noi) avrebbero dovute essere vendute già da tempo oppure c'è la possibilità che esse siano ancora sul mercato... comunque, tanto per puntualizzare, il crollo c'è stato negli ultimi 35/40 giorni quindi ben dopo la data in cui abbiamo comunicato la ns decisione di venderle (fine Ottobre scorso).

    Ringrazio nuovamente per l'attenzione.

    Marco

  6. #6
    L'avatar di FrankB
    Data Registrazione
    Feb 2012
    Messaggi
    18,217
    Mentioned
    9 Post(s)
    Quoted
    156 Post(s)
    Potenza rep
    42949683
    Citazione Originariamente Scritto da ontherun Visualizza Messaggio
    1) al momento di comunicare alla banca che il c/c sarebbe stato chiuso l'impiegato ci chiese cosa volevamo fare delle azioni, al che richiedemmo di chiudere la posizione (l'altra opzione era quella di trasferirle ma, sia perchè era nostra scelta, sia perchè ci dissero che ci sarebbe voluto più tempo (ed oneri dico io), scegliemmo appunto di farle vendere); espressa la nostra scelta l'impiegato alcuni giorni dopo ci comunicò che ilprezzo di realizzo delle azioni da riportare nella dichiarazione di successione e quindi da comunicare al notaio era X...
    Non ci capisco piu niente. Ma allora voi gia avevate accesso al conto ?

    che poi scoprii essere il valore di riferimento nel giorno della dipartita di ns padre
    Questo invece ha un senso. L'importo ereditato e' il valore di mercato fissato il giorno dell' eredita. Non c'entra niente averle vendute o no.

    La mia domanda era comunque semplicemente quella di sapere se le azioni (sempre che sia possibile farle vendere come appunto abbiamo chiseto di fare noi) avrebbero dovute essere vendute già da tempo oppure c'è la possibilità che esse siano ancora sul mercato
    Questo credo sia il caso. Voi non potete disporre delle azioni prima di entrare legalmente in possesso dell' eredita. Aver chiesto di venderle non conta in quanto non avevate titolo per farlo e giustamente l'impiegato non ha eseguito.
    Le azioni non "sono sul mercato" ma nel, a questo punto vostro, deposito titoli, fino a quando non fate l'ordine di vendita. L'ordine che credete di aver fatto in precedenza non e' valido, ne dovete fare uno nuovo.

  7. #7
    L'avatar di PassionFruit
    Data Registrazione
    Jun 2011
    Messaggi
    1,932
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    4 Post(s)
    Potenza rep
    42949684
    hai un pò di confusione.
    come dice frank, è corretto che il prezzo comunicato a voi ( e poi a agenzia delle entrate) sia quello della successione (anzi, per i titoli azionari è la media dei 3 mesi precedenti alla data del decesso).
    quello è il prezzo fiscale su cui sono state calcolate eventualmente le tasse di successione (assieme al resto del patrimonio).

    l'ordine di vendita poteva essere accettato dalla banca anche prima della chiusura della successione, ma premetto che quasi nessuna banca lo fa per evitare rogne fra eredi ed aspetta la chiusura della successione;
    in ogni caso doveva essere formalizzato per iscritto e firmato da tutti gli eredi che, congiuntamente, diventano i proprietari del conto e del dep titoli del de cuius.
    ripeto, quasi nessuna lo fa e voi non lo avevate formalizzato.

    quindi, concludendo, nessuna colpa della banca, che ha solo seguito la legge successoria e sta attendendo cjhe consegniate la dichiarazione di successione e che passiate in banca a firmare la quietanza per ricevere la vs quota.

    ripeto infine che se negli ultimi 35/40 gg il titolo non fosse crollato non ne staremmo parlando...

  8. #8
    L'avatar di xmagox
    Data Registrazione
    Nov 2005
    Messaggi
    3,118
    Mentioned
    5 Post(s)
    Quoted
    654 Post(s)
    Potenza rep
    42949689

    Un caso simile..

    A e B hanno un conto cointestato Y a firme disgiunte nella banca X.
    B ha anche un altro conto singolo Z intestato solo a B nella stessa banca X.
    Secondo voi, nel momento in cui A viene a mancare, B può pretendere dalla banca il trasferimento di tutto ciò che è nel conto cointestato Y (contanti+titoli di stato+azioni) nel suo conto singolo Z presso la stessa banca X e la chiusura del conto cointestato Y senza attendere gli esiti della successione?

  9. #9
    L'avatar di PassionFruit
    Data Registrazione
    Jun 2011
    Messaggi
    1,932
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    4 Post(s)
    Potenza rep
    42949684
    Citazione Originariamente Scritto da xmagox Visualizza Messaggio
    A e B hanno un conto cointestato Y a firme disgiunte nella banca X.
    B ha anche un altro conto singolo Z intestato solo a B nella stessa banca X.
    Secondo voi, nel momento in cui A viene a mancare, B può pretendere dalla banca il trasferimento di tutto ciò che è nel conto cointestato Y (contanti+titoli di stato+azioni) nel suo conto singolo Z presso la stessa banca X e la chiusura del conto cointestato Y senza attendere gli esiti della successione?
    dipende.
    - se l'eredità è devoluta per legge ai parenti in linea diretta
    - se non ci sono immobili nel'asse ereditario
    se l'attivo ereditario (nb: titoli di stato esclusi, così come le polizze) non supera gli ex 50milioni di lire di controlvalore

    allora sì.

    se viene a mancare anche 1 sola delle 3 caratteristiche di cui sopra:
    allora no, va fatta la successione.

    in entrambi i casi poi tutto verrà girato a B.
    a livello fiscale il 50% dei titoli (azioni, obbligazioni) verrà girato al prezzo di acquisto, il 50% al valore della successione (valori alla data del decesso) quindi il PMC di carico cambierà per B.

  10. #10
    L'avatar di xmagox
    Data Registrazione
    Nov 2005
    Messaggi
    3,118
    Mentioned
    5 Post(s)
    Quoted
    654 Post(s)
    Potenza rep
    42949689
    Citazione Originariamente Scritto da PassionFruit Visualizza Messaggio
    dipende.
    - se l'eredità è devoluta per legge ai parenti in linea diretta
    - se non ci sono immobili nel'asse ereditario
    - se l'attivo ereditario (nb: titoli di stato esclusi, così come le polizze) non supera gli ex 50milioni di lire di controlvalore

    allora sì.

    se viene a mancare anche 1 sola delle 3 caratteristiche di cui sopra:
    allora no, va fatta la successione.

    in entrambi i casi poi tutto verrà girato a B.
    a livello fiscale il 50% dei titoli (azioni, obbligazioni) verrà girato al prezzo di acquisto, il 50% al valore della successione (valori alla data del decesso) quindi il PMC di carico cambierà per B.
    i tre casi che elenchi sopra i casi per stabilire se la successione va fatta o meno.
    Posto che la successione verrà fatta entro i 12mesi, la mia domanda però era diversa, e cioè:
    un conto cointestato a firme DISGIUNTE cade in successione? oppure deve essere trasferito a B senza attendere la successione?
    se il conto è cointestato vuol dire che appartiene anche B dunque perchè deve andare in successione?

Accedi