Acquisto casa per residente estero
Arriva l’inverno e prezzo gas crolla negli Usa, non in Europa. Perchè?
Fa specie in questo periodo l?andamento divergente dei prezzi del gas sulle due sponde dell?Atlantico. Ieri ad esempio il gas naturale USA è crollato (-11,5%) mentre quello europeo si è …
Risk-on sui mercati riaccende appetito verso il bitcoin, cripto ha già recuperato il 25% dai minimi toccati nel flash crash di sabato
Il ritorno nelle ultime due sedute dell'ottimismo sui mercati, in scia ai primi riscontri sulla variante Omicron che mostrano sintomi abbastanza lievi, ha ridato sprint anche al bitcoin protagonista in …
Zegna pronta a sfilare a Wall Street, prima dell’IPO salgono a bordo nuovi investitori (tra cui Bertelli)
 Sempre più investitori credono nel progetto di quotazione a Wall street, annunciato lo scorso 19 luglio, del gruppo italiano di moda Ermenegildo Zegna il cui primo giorno di contrattazione è …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1
    L'avatar di fvn
    Data Registrazione
    Feb 2011
    Messaggi
    93
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    54 Post(s)
    Potenza rep
    2721667

    Acquisto casa per residente estero

    Un Saluto a tutti
    Mi rivolgo a voi per vedere se riesco a schiarirmi le idee e trovare risposte a vari dubbi.
    Io sono iscritto all’Aire e vivo a Panama dal 2002. Lavorato in proprio fino ad ora qui a Panama e tornato in Italia solo un paio di volte in vacanza per pochi giorni.
    Non ho mai inviato dall’Italia a Panama una lira per le mie attività in loco.
    Adesso vorrei acquistare un appartamento in Italia e i fondi provengono ovviamente da Panama che, ho letto, è ritenuto in Black list dal governo Italiano e sotto mira per ovvi motivi.
    Le domande sono;
    Posso regolarmente bonificare su un mio conto in Italia la dovuta somma senza incorrere in problemi fiscali e accertamenti?
    Posso acquistare con le agevolazioni di prima casa?
    Dovrò regolarmente pagare ICI se mantengo la residenza a Panama e uso saltuariamente l’appartamento fino a quando, un giorno, deciderò di tornare definitivamente?
    E se decido di affittarlo dovrò fare dichiarazione dei redditi in Italia?
    Se un domani, più o meno futuro, torno a risiedere in Italia vorrei lasciare i miei soldi a Panama, sarebbe questo un problema? E se li volessi portare in Italia, dovrei pagarci qualche tassa? Notare che le mie operazioni a Panama sono ampiamente regolari e ho regolarmente pagato imposte in loco (neanche poche).
    Grazie a tutti se avete qualche risposta.

  2. #2

    Data Registrazione
    Feb 2009
    Messaggi
    2,913
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    1 Post(s)
    Potenza rep
    42949685
    Tu sei passato da essere residente italiano a essere residente in uno stato a fiscalità privilegiata (black list).
    Per tutti questi soggetti il fisco ha la presunzione legale che siano ancora fiscalmente in italia, ovvero che dovessero dichiarare i redditi in italia. Rimane sempre la possibilità (però da dimostrare in tribunale), da parte del contribuente di portare prove sul fatto che la residenza nel paese black list sia reale e non fittizia.
    Questo per dirti che sei comunque passibile di accertamento indipendentemente dalle azioni che farai, pertanto rischio in più o rischio in meno non varia molto. Probabilmente non ti capiterà mai nulla ma volendo l'agenzia ti può emettere un accertamento domani stesso. Per essere sicuro sicuro dovresti non mettere più piede in italia e non avere più alcun bene intestato a te ma è improponibile.
    Questo credo che risponda alla prima domanda.
    Le altre
    Posso acquistare con le agevolazioni di prima casa?
    No

    Dovrò regolarmente pagare ICI se mantengo la residenza a Panama e uso saltuariamente l’appartamento fino a quando, un giorno, deciderò di tornare definitivamente?
    Chiedi al comune.

    "E se decido di affittarlo dovrò fare dichiarazione dei redditi in Italia?"
    Se lo affitti sicuramente e ci possono essere gli estremi anche se non lo affitti.

    Per l'ultima domanda lasciando i soldi a panama devi comunque dichiararli nel quadro RW e pagare le imposte sugli interessi e i proventi.

  3. #3
    L'avatar di fvn
    Data Registrazione
    Feb 2011
    Messaggi
    93
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    54 Post(s)
    Potenza rep
    2721667
    Citazione Originariamente Scritto da mojtaba Visualizza Messaggio
    Tu sei passato da essere residente italiano a essere residente in uno stato a fiscalità privilegiata (black list).
    Per tutti questi soggetti il fisco ha la presunzione legale che siano ancora fiscalmente in italia, ovvero che dovessero dichiarare i redditi in italia. Rimane sempre la possibilità (però da dimostrare in tribunale), da parte del contribuente di portare prove sul fatto che la residenza nel paese black list sia reale e non fittizia.
    Questo per dirti che sei comunque passibile di accertamento indipendentemente dalle azioni che farai, pertanto rischio in più o rischio in meno non varia molto. Probabilmente non ti capiterà mai nulla ma volendo l'agenzia ti può emettere un accertamento domani stesso. Per essere sicuro sicuro dovresti non mettere più piede in italia e non avere più alcun bene intestato a te ma è improponibile.
    Grazie per le informazioni. Imaginavo che non fosse facile.
    Ad ogni modo, essendo regolarmente iscritto all'AIRE, avendo tutti i visti di entrata/uscita sul passaporto ad indicare che in Italia non ci sono stato per piu di un paio di mesi in 12 anni, piu' dichiarazioni dei redditi locali e ricevute di tasse pagate a panama spero sia sufficiente.
    In Italia attualmente ho solo un CC con pochi spiccioli che non ho mai chiuso.

    Per quanto riguarda le agevolazioni prima casa avevo letto a questo link
    informazioni differenti. Dove e' a verita?

    agevolazioni prima casa per gli emigrati all' estero

    Grazie tante

  4. #4
    L'avatar di alfaalfa
    Data Registrazione
    Jan 2007
    Messaggi
    2,735
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    670 Post(s)
    Potenza rep
    42949687
    Ti sono state date notizie totalmente errate.

    Come cittadino residente all'estero ti spettano tutte le agevolazioni di legge sulla prima casa, anche se sei residente in un paese nella black list.

    L'unica vera conseguenza è che, nell'eventualità di un (probabile) controllo fiscale, l'onere della prova sarebbe giuridicamente invertito a tuo carico, ossia toccherebbe a te dimostrare di essere effettivamente residente a Panama e che ritorni in Italia solo saltuariamente, che risiedi all'estero almeno 183 giorni l'anno e che il centro dei tuoi interessi economici e/o familiari è all'estero.
    Ultima modifica di alfaalfa; 27-02-11 alle 15:49

  5. #5
    L'avatar di fvn
    Data Registrazione
    Feb 2011
    Messaggi
    93
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    54 Post(s)
    Potenza rep
    2721667
    Citazione Originariamente Scritto da alfaalfa Visualizza Messaggio
    Ti sono state date notizie totalmente errate.


    L'unica vera conseguenza è che, nell'eventualità di un (probabile) controllo fiscale, l'onere della prova sarebbe giuridicamente invertito a tuo carico, ossia toccherebbe a te dimostrare di essere effettivamente residente a Panama e che ritorni in Italia solo saltuariamente, che risiedi all'estero almeno 183 giorni l'anno e che il centro dei tuoi interessi economici e/o familiari è all'estero.
    Grazie per le informazioni. Più volte ho letto di questo problema di dover dimostrare di essere effettivamente residente all'estero. Ora questo potrebbe essere complicato per qualcuno che afferma di risiedere in San Marino, ma in casi come il mio di Panama (o comunque paesi extracomunitari) i visti di entrata e uscita sui passaporti personali e dei famigliari non sono sufficienti a eludere qualsiasi dubbio e fornire prova ufficiale?

  6. #6
    L'avatar di mirkosalva
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Messaggi
    14,398
    Mentioned
    40 Post(s)
    Quoted
    7856 Post(s)
    Potenza rep
    42949684
    Citazione Originariamente Scritto da fvn Visualizza Messaggio
    Ora questo potrebbe essere complicato per qualcuno che afferma di risiedere in San Marino, ma in casi come il mio di Panama (o comunque paesi extracomunitari) i visti di entrata e uscita sui passaporti personali e dei famigliari non sono sufficienti a eludere qualsiasi dubbio e fornire prova ufficiale?
    I visti sono sufficienti, ma tieni ASSOLUTAMENTE il passaporto, se scade tienilo lo stesso per almeno 10 anni. In Italia ora vige lo stato di Polizia Tributaria (stile D.D.R. Germania Est), con la scusa che ci sono troppi evasori (mentre la realtà è che ci sono troppi dipendenti pubblici inutili o inutilizzati), pertanto verrai sicuramente controllato dal fisco affamato dei tuoi risparmi per pagare gli stipendi dei greggi di dipendenti pubblici, pertanto preparati!!!

    Il fatto che l'onere della prova spetti a te non darlo come una cosa poco importante, è esattamente ciò che accadeva al tempo del Nazismo o ai tempi dello Stalinismo in URSS o nella Germania dell'EST. Tu eri colpevole, e venivi torturato per essere proprio sicuri che fossi colpevole, se proprio non lo eri dopo che ti avevano massacrato beh allora forse eri innocente, ma non che questi importasse nulla di te.

    In Italia in egual modo (per ora solo economicamente e PSICOLOGICAMENTE) vieni torturato dall'AdE, ti arriva prima una strana lettera, in cui ti si inviata (sembra amichevolmente) a portare pacchi di documenti vecchissimi di 5 o 6 anni in 30 giorni (forse nella speranza che tu non li abbia o non riesca a produrli) tra questi vi saranno gli E/C all'estero quindi tienili tutti, gli E/C in Italia vecchissimi, tienili o fatteli produrre subito, ecc.

    Quando ti presenti il funzionario nel suo ufficio spazioso con riscaldamento, finestra, e quant'altro pagato con le tasse dei poveri Italiani che hanno sempre lavorato, nella migliore delle ipotesi non fa il supponente e ti da un altro po' di tempo per portare ciò che manca, se poi non glielo porti magari solo perché la Banca fatica a produrre roba di 5/6 anni prima: eh beh, eh beh, eh beh, scatta l'accertamento, in cui ti dicono che devi pagare una massa di denaro anche se non hai fatto nulla.

    E se non paghi segue Equitalia, con ipoteca su casa se ce l'hai, e il resto.

    Capisci adesso perché i più disperati qui cominciano a suicidarsi?!

  7. #7
    L'avatar di casacongiardino
    Data Registrazione
    Mar 2012
    Messaggi
    461
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    13 Post(s)
    Potenza rep
    7063930
    Citazione Originariamente Scritto da mirkosalva Visualizza Messaggio
    I visti sono sufficienti, ma tieni ASSOLUTAMENTE il passaporto, se scade tienilo lo stesso per almeno 10 anni. In Italia ora vige lo stato di Polizia Tributaria (stile D.D.R. Germania Est), con la scusa che ci sono troppi evasori (mentre la realtà è che ci sono troppi dipendenti pubblici inutili o inutilizzati), pertanto verrai sicuramente controllato dal fisco affamato dei tuoi risparmi per pagare gli stipendi dei greggi di dipendenti pubblici, pertanto preparati!!!

    Il fatto che l'onere della prova spetti a te non darlo come una cosa poco importante, è esattamente ciò che accadeva al tempo del Nazismo o ai tempi dello Stalinismo in URSS o nella Germania dell'EST. Tu eri colpevole, e venivi torturato per essere proprio sicuri che fossi colpevole, se proprio non lo eri dopo che ti avevano massacrato beh allora forse eri innocente, ma non che questi importasse nulla di te.

    In Italia in egual modo (per ora solo economicamente e PSICOLOGICAMENTE) vieni torturato dall'AdE, ti arriva prima una strana lettera, in cui ti si inviata (sembra amichevolmente) a portare pacchi di documenti vecchissimi di 5 o 6 anni in 30 giorni (forse nella speranza che tu non li abbia o non riesca a produrli) tra questi vi saranno gli E/C all'estero quindi tienili tutti, gli E/C in Italia vecchissimi, tienili o fatteli produrre subito, ecc.

    Quando ti presenti il funzionario nel suo ufficio spazioso con riscaldamento, finestra, e quant'altro pagato con le tasse dei poveri Italiani che hanno sempre lavorato, nella migliore delle ipotesi non fa il supponente e ti da un altro po' di tempo per portare ciò che manca, se poi non glielo porti magari solo perché la Banca fatica a produrre roba di 5/6 anni prima: eh beh, eh beh, eh beh, scatta l'accertamento, in cui ti dicono che devi pagare una massa di denaro anche se non hai fatto nulla.

    E se non paghi segue Equitalia, con ipoteca su casa se ce l'hai, e il resto.

    Capisci adesso perché i più disperati qui cominciano a suicidarsi?!
    Chi glie lo fa fare a tornare in Italia , Sapete se la Cina è in blacklist?
    fvn tu hai mai lavorato in Italia se si con in contributi INPS come ti sei comportato ?

Accedi