RE-Lender | Reconversion crowdfunding - Pagina 58
ENI, lo spread con l’oro nero e la transizione energetica
La riapertura delle economie e la conseguente ripresa della domanda aggregata hanno causato notevoli pressioni sui prezzi di tutte le materie prime. Il rame, il legname, le commodities alimentari hanno …
Titoli e settori di Piazza Affari meglio posizionati per catturare subito i vantaggi del PNRR italiano
Nella cornice di Cinecittà la presidente della Commissione Ue, Ursula Von der Leyen, ha dato il benestare dell’UE al PNRR italiano con il via libera al rilascio dei primi 25 …
Borse non salgono più con il pilota automatico, serve nuova strategia d’azione. Fugnoli (Kairos) indica i due errori da evitare
Dopo un anno di crescita regolare e apparentemente senza fine, qualcosa sembra essersi inceppato nel meccanismo del rialzo. I mercati appaiono disorientati e c’è persino chi parla di rischi di …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #571

    Data Registrazione
    Jan 2020
    Messaggi
    38
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    14 Post(s)
    Potenza rep
    943127

    sostituzione di imposta a titolo di acconto o definitivo?

    Vi fornisco un piccolo aggiornamento.
    La scorsa settimana ho sollecitato all'azienda il report fiscale e mi è stato inviato nella mail personale con la dicitura del prelievo del 26% "a titolo di imposta definitiva".
    Ho immediatamente chiesto spiegazione sulla ragione per cui la piattaforma, pur non essendo autorizzata dalla Banca d'Italia, sostiene di fungere da sostituto di imposta a titolo definitivo.
    E' seguita una settimana di assoluto silenzio. Stamattina ho deciso quindi di telefonare e per la prima volta ho avuto la possibilità di parlare con un dipendente che, tuttavia, in modo non argomentato mi ha detto che la piattaforma può operare in quel senso.
    Mi ha quindi richiamato un altro dipendente che si occupa delle relazioni con il pubblico con formazione economica che ha affermato che la possibilità di operare quale sostituto di imposta discenderebbe da un accordo con la locale agenzia delle entrate che supererebbe le incertezze interpretative a livello normativo. Ho dunque manifestato la mia perplessità all'idea che un patto sia in grado di superare una legge e chiesto di ottenere in visione siffatto accordo fra relender e l'agenzia delle entrate. Mi è stato risposto che non vi sarebbe l'autorizzazione da parte dell'azienda a diffonderlo, ma dopo varie insistenze ho ottenuto l'inoltro di una richiesta formale al management aziendale.
    Chiaro che se non divulgano il documento non resta che fare un formale interpello all'agenzia delle entrate.

Accedi