Tassazione, monitoraggio fiscale e IVAFE: cosa fare per il peer-to-peer lending? - Pagina 7
Il QE Infinity toglie già il sonno alla Lagarde (con i Bund acquistabili che finiranno presto)
Monta l?incertezza degli investitori nei confronti delle banche centrali e della loro capacità di influenzare la crescita globale. Un numero sempre maggiore di osservatori è convinto che i tagli dei …
Ftse Mib tocca nuovi massimi aspettando l’ultima di Draghi, record per Poste
Piazza Affari strappare il segno più in chiusura (+0,04% a 22.487 punti il Ftse Mib) segnando il livello di chiusura più alto del 2019. Nell?intraday il massimo risale al 17 …
Non solo BTP Italia, l’amore degli italiani verso i bond nei numeri record di Mot ed ExtraMot. Cresce l’impronta green
Durante l?evento annuale dedicato al Fixed Income sono stati presentati i trend di crescita e le principali novità dei mercati obbligazionari di Borsa Italiana. Parliamo dei mercati MOT, ExtraMOT ed …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #61
    L'avatar di Sparviero7000
    Data Registrazione
    Nov 2008
    Messaggi
    4,699
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    281 Post(s)
    Potenza rep
    42949683
    Citazione Originariamente Scritto da P2Plending Visualizza Messaggio
    Non sono iscritto su Lendix, ma onestamente ho dubbi sul fatto che non occorrano ulteriori adempimenti per gli investitori, come invece hanno scritto nel link postato. Ok, agiscono come sostituti d'imposta, ma come ci si comporta nel caso di investimenti verso soggetti esteri? Se io finanzio un'impresa francese o spagnola attraverso Lendix, sono soggetto all'IVAFE? Devo compilare il quadro RW? La tassazione in sè dovrebbe essere ok perché appunto c'è la ritenuta del 26%, ma gli investimenti all'estero credo (ma non ne sono assolutamente certo) debbano essere comunque dichiarati. E se così fosse non si potrebbe nemmeno compilare il 730 ma il modello Redditi PF, e l'eventuale credito non sarebbe erogati dal datore di lavoro come generalmente accade ma verrebbe accreditati direttamente dall'Agenzia dopo 1-2 anni... Strsso discorso varrebbe per Blending e altri siti che fanno da sostituti ma offrono prestiti anche all'estero...
    Se il tuo discorso fosse valido varrebbe anche per le obbligazioni ad esempio se acquisto un’obbligazione di una società estera di fatto la finanzio ma certo non sono soggetto ad alcun adempimento fiscale se il mio cc è in Italia.

  2. #62
    L'avatar di Zippino
    Data Registrazione
    Jun 2014
    Messaggi
    1,667
    Mentioned
    20 Post(s)
    Quoted
    802 Post(s)
    Potenza rep
    42949678
    Citazione Originariamente Scritto da ghibli_70 Visualizza Messaggio
    Ok, grazie del chiarimento: vero, non c'è soglia di esenzione ivafe (0,2%) per la parte investita....
    E andrà dichiarato il valore al 31/12?
    Per quanto riguarda il conto di appoggio, al momento tutti i conti di appoggio delle varie piattaforme NON sono intestati
    a noi (l'utente), dunque direi che non va dichiarato...

    Mintos, invece, ha preannunciato che a breve renderà il conto nominativo, con la possibilità di avere anche una carta di debito.
    Molto meglio per noi per la sicurezza (il conto è a ns. nome, e rimane tale anche in caso di problemi della piattaforma Mintos), ma in quel caso
    dovremo dichiarare anche il "conto corrente" estero, e calcolarne (vera seccatura, se non lo fa Mintos) la giacenza media annua...
    Vero che tale conto sarà sempre sotto 5k, dunque l'Ivafe (34 Eur) non sarà dovuta, e la giacenza media annua ritengo potremmo anche "inventarcela arrotondando per eccesso"

    Ciao!
    Davide - Ghibli
    Si, sono d'accordo sul fatto che finché non avremo un c/c intestato a noi "tecnicamente" non dovremmo dichiararlo.
    Resta comunque una cosa un pò ambigua, prova per esempio a pensare ( non è una provocazione ma solo per fare un esercizio ) di mettere sul conto MINTOS 100K€ e NON investirli lasciandoli li.
    L'AdE vedrebbe comunque che hai bonificato all'estero 100K€ ma vede anche che non dichiari nulla.
    Secondo te/voi non direbbe nulla?
    Resta comunque il fatto di definire cosa è il mio investimento in questi prestiti perché, sempre per esempio, se fosse considerato alla stregua di un C/C e non un CD potremmo pagare al max 34,20€ di bolli annui anche se ci mettiamo 1 milione di euro!
    Al di la del 26% sui guadagni.....
    Finché non ci sarà una normativa chiara sarà un gran casino perché se l'AdE ti chiama per una verifica e non c'è scritto da nessuna parte se mi devono tassare un c/C o un CD è chiaro che io sceglierei la tassa minore, poi però se l'AdE ti dice " no guardi, è un CD e deve pagare lo 0,2% sulla foto del 31/12" anche SE NON E' SCRITTO DA NESSUNA PARTE AVRA' RAGIONE LEI!!!!!

  3. #63

    Data Registrazione
    Aug 2018
    Messaggi
    448
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    250 Post(s)
    Potenza rep
    867619
    @P2Plending ancora nulla riguardo la richiesta che hai evaso? Assurdo

  4. #64

    Data Registrazione
    Dec 2017
    Messaggi
    94
    Mentioned
    8 Post(s)
    Quoted
    63 Post(s)
    Potenza rep
    2594163
    Citazione Originariamente Scritto da drl Visualizza Messaggio
    @P2Plending ancora nulla riguardo la richiesta che hai evaso? Assurdo
    Ad oggi nulla, hanno tempo fino a fine mese, vedremo

  5. #65

    Data Registrazione
    Dec 2017
    Messaggi
    94
    Mentioned
    8 Post(s)
    Quoted
    63 Post(s)
    Potenza rep
    2594163
    Comunque sarò pessimista io, ma comincio seriamente a dubitare che mi risponderanno mai... Magari troveranno qualche vizio di forma per non ritenere il mio interpello valido e non risponderanno mai... Fatto sta che ad oggi non hanno risposto nemmeno per richiedere chiarimenti, integrazioni o documenti.... Non so

  6. #66

    Data Registrazione
    Aug 2018
    Messaggi
    448
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    250 Post(s)
    Potenza rep
    867619
    Ma nessuno di voi ha sentito il parere di un commercialista?

  7. #67

    Data Registrazione
    Jul 2017
    Messaggi
    14
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    16 Post(s)
    Potenza rep
    0

    Trattamento fiscale p2p lending

    Cerco di portare un po di chiarezza anche se non sono commercialista mi sono solo informato attentamente.
    Il deposito di denaro presso tali società finanziarie non è né un conto corrente né un conto deposito. E nemmeno i soldi dati in prestito sono assimilati a investimenti. Risultato: investendo nei p2p italiani non si paga NESSUNA imposta di bollo. Quindi estrapolando l IVAFE non è mai dovuta nemmeno per i p2p esteri infatti l'IVAFE è semplicemente l'imposta di bollo per i prodotti finanziari esteri.
    E' invece dovuta l'imposta sostitutiva del 26%!!! Che è molto più onerosa dell IVAFE e che va pagata per QUALSIASI importo. L'enorme scomodità è che le società finanziarie estere di p2p non fungono da sostituto di imposta e quindi va tutto calcolato e messo IN DICHIARAZIONE DEI REDDITI.
    Ultima modifica di BtpSpecialist; 26-03-19 alle 22:32

  8. #68

    Data Registrazione
    Jul 2013
    Messaggi
    237
    Mentioned
    7 Post(s)
    Quoted
    137 Post(s)
    Potenza rep
    3435981
    Do per scontato che quando scrivi "qualsiasi importo" intendi "qualsiasi profitto ottenuto", non il capitale versato.

  9. #69

    Data Registrazione
    Jul 2013
    Messaggi
    237
    Mentioned
    7 Post(s)
    Quoted
    137 Post(s)
    Potenza rep
    3435981
    Citazione Originariamente Scritto da P2Plending Visualizza Messaggio
    Comunque sarò pessimista io, ma comincio seriamente a dubitare che mi risponderanno mai... Magari troveranno qualche vizio di forma per non ritenere il mio interpello valido e non risponderanno mai... Fatto sta che ad oggi non hanno risposto nemmeno per richiedere chiarimenti, integrazioni o documenti.... Non so
    Hai più ricevuto riscontro dall'ade? I 90 giorni dovrebbero essere passati.

    Comunque da qualche mese tutte le risposte dell'ade agli interpelli presentati sono pubbliche, quindi sono sia a disposizione sia usufruibili da chi ha casi simili.

  10. #70
    L'avatar di ghibli_70
    Data Registrazione
    Feb 2006
    Messaggi
    2,958
    Mentioned
    11 Post(s)
    Quoted
    817 Post(s)
    Potenza rep
    42949686
    Citazione Originariamente Scritto da BtpSpecialist Visualizza Messaggio
    Cerco di portare un po di chiarezza anche se non sono commercialista mi sono solo informato attentamente.
    Il deposito di denaro presso tali società finanziarie non è né un conto corrente né un conto deposito. E nemmeno i soldi dati in prestito sono assimilati a investimenti. Risultato: investendo nei p2p italiani non si paga NESSUNA imposta di bollo. Quindi estrapolando l IVAFE non è mai dovuta nemmeno per i p2p esteri infatti l'IVAFE è semplicemente l'imposta di bollo per i prodotti finanziari esteri.
    E' invece dovuta l'imposta sostitutiva del 26%!!! Che è molto più onerosa dell IVAFE e che va pagata per QUALSIASI importo. L'enorme scomodità è che le società finanziarie estere di p2p non fungono da sostituto di imposta e quindi va tutto calcolato e messo IN DICHIARAZIONE DEI REDDITI.
    .

    Grazie @BtpSpecialist per il tuo contributo!
    Avevo già letto accenni altrove dell'esenzione dall'IVAFE.
    La testimonianza per la quale gli investimenti p2p italiani non siano assoggettati all'imposta di bollo, conferma questa ipotesi, come da te sottolineato.

    Per la tassazione interessi (ed immagino anche plusvalenze mercati secondari e promozioni cashback/referrals) dovrebbe valere lo stesso principio ed applicarsi l'imposta sostitutiva 26%, e dunque questi "non concorrono a formare il reddito complessivo del
    contribuente".

    (vedi anche appendice https://www.agenziaentrate.gov.it/wp...zioni_2019.pdf alla voce "Redditi di capitale di fonte estera soggetti
    ad imposizione sostitutiva", pag.51).

    Dunque quadro RM modello "Redditi" anche per chi usualmente presenta solo il 730?
    (con l'opzione di poter eventualmente anche scegliere la tassazione ordinaria...)
    Posta così, comunque, la questione si semplificherebbe assai!
    (Istruzioni a pag.17 del su menzionato documento pdf; se qualcuno fosse più esperto di me
    e confermasse che dovremmo usare il rigo RM12....)

    Resta poi da chiarire il discorso monitoraggio/RW, se si dovessero superare i 15.000 Eur ad intermediario....
    Si, no, come?

    Correggetemi se sbaglio. In particolare saranno graditi chiarimenti da chi "se la cava" con le istruzioni dell'ex-Unico.

    Ciao, grazie!
    Davide - Ghibli

Accedi