Criptovalute (CV): strategie per disinvestire?
Siamo all’inizio dello Squid Game dei mercati, resta da vedere chi sopravviverà al rialzo dei tassi
Di seguito riportiamo l’analisi di Mark Dowding, CIO di BlueBay, relativa all’ultima settimana sui mercati.  Quando non sono stati seduti a fantasticare sulla surreale serie di Netflix, Squid Game, gli …
Analisti danno ragione a Gubitosi, Telecom Italia tra i titoli più sottovalutati del Ftse Mib. C’è chi vede oltre +100% di upside
Telecom Italia si appresta a diffondere settimana prossima i risultati del 3° trimestre (cda il 27 ottobre) e tra gli analisti c’è un cauto ottimismo dettato dal traino del Brasile …
Trump SPACca a Wall Street, il titolo della sua piattaforma social raddoppia ancora dopo folgorante +350% di giovedì
Rialzo stellare quello che sta registrando a Wall Street un titolo, quello della società SPAC Digital World Acquisition Corp che ha chiuso ieri le contrattazioni a +350%e oggi preannuncia un …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1
    L'avatar di ValterV
    Data Registrazione
    Mar 2016
    Messaggi
    866
    Mentioned
    20 Post(s)
    Quoted
    676 Post(s)
    Potenza rep
    42528895

    Criptovalute (CV): strategie per disinvestire?

    (Avevo già posto questa domanda nel thread su Binance, ma ha avuto poco seguito. Visto però che secondo me è un tema che può interessare tutti quelli che investono in criptovalute (CV), provo ad aprire un thread dedicato)

    Premtto che sono un novellino sulle CV; opero solo da un paio di mesi. Però visto che sto già avendo risultati interessanti (+60% sul PF) mi è sorto questo dubbio.

    Ecco la mia "domanda da un milione di dollari" (o da 1000 BTC ): quando è il momento giusto per disinvestire? E come?

    So che è una domanda che non ha una vera risposta...
    Però immagino che molti qui dentro abbiano una propria strategia. Faccio qualche esempio:
    • Quando su una CV ho un incremento del +500%, la vendo (o magari ne vendo i 9/10 e tengo un decimo in caso cresca ancora). Però cosa fare con quelle che stanno magari a +200 o +300%?
    • Quando una cripto supera il +300%, ne vendo la metà e tengo il resto.
    • Quando il mio portafoglio complessivo raddoppia di valore, liquido le 3 cripto con maggiore crescita, e reinvesto metà di quei soldi in cripto a bassa capitalizzazione.


    Io in teoria sono per HODLare, ma con la volatilità delle CV c'è un momento in cui può essere saggio portarsi a casa il guadagno... che del (cripto)diman non v'è certezza

    Qualcuno mi ha risposto: "Disinvestirò quando ci saranno i segnali di uno storno in vista, cercando di non farmi trovare impreparato come nel 2018."

    Questo ha senso in teoria, ma presuppone di saper leggere correttamente i segnali del mercato (ovvero di avere la sfera di cristallo ).

    Ma, in pratica, io pensavo ad una strategia oggettivo-matematica (non legata alla "divinazione" del futuro).
    Ad esempio, il mio PF su Binance è arrivato al +60%, con alcune cripto che hanno superato il +200%.
    Molto bello ma mi comincio a chiedere: è il caso di iniziare a liquidare qualcosa?

    Il difetto della teoria "Vendo prima di un calo importante" è che, il più delle volte, è valida solo a posteriori: "Ah, se l'avessi saputo prima..."

    Ripeto, so che non c'è una "risposta giusta" (anche perché nessuno ha la sfera di cristallo).
    Però mi farebbe piacere sentire se qualcuno ha elaborato una sua strategia di disinvestimento, e come gli funziona.

  2. #2

    Data Registrazione
    Mar 2021
    Messaggi
    24
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    17 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Citazione Originariamente Scritto da ValterV Visualizza Messaggio
    (Avevo già posto questa domanda nel thread su Binance, ma ha avuto poco seguito. Visto però che secondo me è un tema che può interessare tutti quelli che investono in criptovalute (CV), provo ad aprire un thread dedicato)

    Premtto che sono un novellino sulle CV; opero solo da un paio di mesi. Però visto che sto già avendo risultati interessanti (+60% sul PF) mi è sorto questo dubbio.

    Ecco la mia "domanda da un milione di dollari" (o da 1000 BTC ): quando è il momento giusto per disinvestire? E come?

    So che è una domanda che non ha una vera risposta...
    Però immagino che molti qui dentro abbiano una propria strategia. Faccio qualche esempio:
    • Quando su una CV ho un incremento del +500%, la vendo (o magari ne vendo i 9/10 e tengo un decimo in caso cresca ancora). Però cosa fare con quelle che stanno magari a +200 o +300%?
    • Quando una cripto supera il +300%, ne vendo la metà e tengo il resto.
    • Quando il mio portafoglio complessivo raddoppia di valore, liquido le 3 cripto con maggiore crescita, e reinvesto metà di quei soldi in cripto a bassa capitalizzazione.


    Io in teoria sono per HODLare, ma con la volatilità delle CV c'è un momento in cui può essere saggio portarsi a casa il guadagno... che del (cripto)diman non v'è certezza

    Qualcuno mi ha risposto: "Disinvestirò quando ci saranno i segnali di uno storno in vista, cercando di non farmi trovare impreparato come nel 2018."

    Questo ha senso in teoria, ma presuppone di saper leggere correttamente i segnali del mercato (ovvero di avere la sfera di cristallo ).

    Ma, in pratica, io pensavo ad una strategia oggettivo-matematica (non legata alla "divinazione" del futuro).
    Ad esempio, il mio PF su Binance è arrivato al +60%, con alcune cripto che hanno superato il +200%.
    Molto bello ma mi comincio a chiedere: è il caso di iniziare a liquidare qualcosa?

    Il difetto della teoria "Vendo prima di un calo importante" è che, il più delle volte, è valida solo a posteriori: "Ah, se l'avessi saputo prima..."

    Ripeto, so che non c'è una "risposta giusta" (anche perché nessuno ha la sfera di cristallo).
    Però mi farebbe piacere sentire se qualcuno ha elaborato una sua strategia di disinvestimento, e come gli funziona.
    Io inizierei vendendo la metà delle criptovalute che hanno perfomato del 200%, con il ricavato cercherei di cogliere opportunità a prezzi inferiori con le medesime o con altre in monitoraggio

    Richiederei la carta di binance e di coinbase dove trasferire il 60% guadagnato per il successivo prelevamento e riduzione del capitale iniziale

    Recuperanto il 60% del capitale iniziale sarei tranquillo riducendo lo stress psicologico in caso di repentini cali

    Le occassioni non mancano in un mercato aperto ogni giorno

    Una volta recuperato il capitale iniziale, fare trading giornaliero cercando e accontentandosi del 10/15% per trade

    Non innamorarsi mai di una criptovaluta

  3. #3
    L'avatar di ValterV
    Data Registrazione
    Mar 2016
    Messaggi
    866
    Mentioned
    20 Post(s)
    Quoted
    676 Post(s)
    Potenza rep
    42528895
    Citazione Originariamente Scritto da buydip Visualizza Messaggio
    Io inizierei vendendo la metà delle criptovalute che hanno perfomato del 200%, con il ricavato cercherei di cogliere opportunità a prezzi inferiori con le medesime o con altre in monitoraggio
    Ottime indicazioni, grazie

    Ma cosa vuoi dire con "cogliere opportunità a prezzi inferiori con le medesime"? Se ho appena venduto parte di una CV che ha fatto +200%, non ha senso che ricompro una quota della medesima; come posso trovarla a "prezzi inferiori"?
    Piuttosto magari aumento la quota di una che mostra segnali di crescita, ma non ha ancora "fatto il botto".

    Una volta recuperato il capitale iniziale, fare trading giornaliero cercando e accontentandosi del 10/15% per trade
    Hai criteri particolari per scegliere le CV su cui fare queste operazioni di trading?

  4. #4
    L'avatar di ValterV
    Data Registrazione
    Mar 2016
    Messaggi
    866
    Mentioned
    20 Post(s)
    Quoted
    676 Post(s)
    Potenza rep
    42528895
    Nonostante l'interesse apparentemente assente per l'argomento condivido la strategia di liquidazione cripto che ho applicato nei giorni scorsi.

    In pratica ho studiato diverse serie di percentuali di vendita crescenti su Excel, fino a scegliere quella che mi convinceva di più (per chi può interessare, posso dare i fogli Excel a quelli che vogliono fare prove per conto proprio).
    Quella che ho scelto e applicato è la seguente:

    % increm. > LIQ Progress. > LIQ a prima vendita
    +100% > Vendere 20% > -
    +200% > Vendere 25% > 30%
    +400% > Vendere 30% > 60%
    +600% > Vendere 35% > 70%
    +1000% > Vendere 40% > 80%


    Dove:
    - % increm. = Incremento percentuale della CV
    - LIQ Progress. = % di liquidazione in caso di aumenti progressivi (es. LIQ a +100%, poi a +200%)
    - LIQ a prima vendita = % di liquidazione a quell'incremento, nel caso di prima vendita di quella CV

    Esempio:
    - ETH a +120%: vendo il 20%. Se tra un mese arriva a +260%: vendo il 25%
    - DOGE a +500%: vendo il 60%.
    - SOL a +1150%: vendo l'80%.

    Lo scopo è capitalizzare almeno parte del guadagno, in caso di successiva discesa (che non è prevedibile). Ottenendo così diversi vantaggi:
    - Se la CV crolla, la parte venduta è ormai al sicuro.
    - In caso di forte ribasso, usare i soldi ricavati per fare nuovi acquisti.
    - Se la CV cresce ancora, la % rimanente continua ad aumentare di valore.

    Nella mia vasta ignoranza e scarsa esperienza questa mi è sembrata una strategia funzionale per "assicurare" una parte del guadagno senza precludere ulteriore crescita (come accadrebbe liquidando il 100%).
    Naturalmente sono ben felice se altri commentano o suggeriscono alternative o miglioramenti
    Ultima modifica di ValterV; 12-09-21 alle 00:15

  5. #5
    L'avatar di carlotta84
    Data Registrazione
    Feb 2018
    Messaggi
    526
    Mentioned
    8 Post(s)
    Quoted
    356 Post(s)
    Potenza rep
    27838142
    Presente!

    Ora leggo tutto e ci ragiono un po'.

  6. #6
    L'avatar di 128bit_coin
    Data Registrazione
    Jan 2018
    Messaggi
    235
    Mentioned
    7 Post(s)
    Quoted
    112 Post(s)
    Potenza rep
    7019990
    Mi associo anch'io alla discussione.
    Anche se personalmente non investo in cripto direttamente ma solo tramite ETN, penso che alcuni criteri siano applicabili in entrambi i casi (almeno in buona misura).
    E, in generale, credo sia più difficile decidere quando uscire che non quando entrare. Questa almeno è stata la mia esperienza fin qui, anche con altri strumenti tipo azioni o opzioni.

    La strategia che ho applicato finora è molto semplice (strategia è un termine un po' pomposo nel mio caso , diciamo criterio) vendo metà quote quando arrivo al 100%.
    E' quello che ho fatto col 21XE ed è quello che ho intenzione di replicare con gli altri ETN.

    Inizialmente avevo pensato ad una strategia più long, ma poi -visti i guadagni quasi interamente bruciati a maggio con ETH- ho cambiato idea.
    Rimango long, in linea di massima, ma preferisco accontentarmi di qualche minore guadagno intermedio piuttosto che rischiare di perdere tutto e ricominciare da zero ogni 4 mesi.

    Vista la velocità di variazione delle cripto, è ovvio che questo criterio vorrebbe dire chiudere tutto nel giro di pochi mesi: quindi re-incremento parzialmente quando ci sono discese abbastanza forti. Col VETH ho fatto così questa settimana.

  7. #7
    L'avatar di ValterV
    Data Registrazione
    Mar 2016
    Messaggi
    866
    Mentioned
    20 Post(s)
    Quoted
    676 Post(s)
    Potenza rep
    42528895
    Citazione Originariamente Scritto da 128bit_coin Visualizza Messaggio
    Anche se personalmente non investo in cripto direttamente ma solo tramite ETN, penso che alcuni criteri siano applicabili in entrambi i casi (almeno in buona misura).
    Sì, con la differenza delle commissioni: su Binance hai lo 0,1% (o meno), quindi irrisorie, mentre su un broker come Directa 9,5€ possono incidere sul risultato.

    E, in generale, credo sia più difficile decidere quando uscire che non quando entrare.
    Concordo. Specialmente sulle cripto, con la loro volatilità legate più a "mode" che ad eventi oggettivi di mercato.
    Per quello ho sentito il bisogno di una strategia definita; altrimenti ogni giorno (in guadagno) sarei indeciso tra vendere o no...

    vendo metà quote quando arrivo al 100%.
    E' una strategia, per quanto semplice

    Però manca un criterio di crescita: cosa farai quando la stessa CV sale ancora? A che livello percentuale la vendi? E di quanto? Sempre il 50%?

    quindi re-incremento parzialmente quando ci sono discese abbastanza forti.
    In effetti non ho ancora pensato ad una strategia di re-investimento: quando e quanto comprare quando ci sono cali.
    Si accettano suggerimenti

  8. #8
    L'avatar di 128bit_coin
    Data Registrazione
    Jan 2018
    Messaggi
    235
    Mentioned
    7 Post(s)
    Quoted
    112 Post(s)
    Potenza rep
    7019990
    Però manca un criterio di crescita: cosa farai quando la stessa CV sale ancora? A che livello percentuale la vendi? E di quanto? Sempre il 50%?

    Good point.
    In realtà non mi è ancora capitato. Direi comunque che il criterio è applicabile nello stesso modo: rivendi quando il portafoglio (residuo) raggiunge nuovamente il 100%.
    In merito alla nuova percentuale di venduto, rimarrei sul 50%, non mi piacciono le cose troppo complicate.
    Ma dipenderà anche dal punto sotto: a seconda di quando avviene la "seconda" vendita, è probabile che ci sia stato un re-investimento.

    In effetti non ho ancora pensato ad una strategia di re-investimento: quando e quanto comprare quando ci sono cali.
    Si accettano suggerimenti [/QUOTE]

  9. #9

    Data Registrazione
    Sep 2021
    Messaggi
    26
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    24 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Beh, la risposta banale e' "quando ti serve".

    Supposto che se hai un certo quantitativo di denaro in criptovalute dovresti essere in grado di capire quando le cose si mettono male e quindi limitare le perdite, se le cose continuano ad andare bene e non ti servono soldi, io personalmente li lascerei li' a maturare.

    Ripeto, questo nell'ottica di avere un controllo sugli investimenti con degli avvisi sulle perdite, stop loss e via dicendo.

    In alternativa puoi ragionare sul discorso di rendite; puoi importi ad esempio di prelevare dal conto un mensile, ad esempio 500 euro, ma sempre inferiore a quanto guadagni in un mese (in media), in modo da avere il capitale investito che comunque continua a crescere. Se poi ti servono un sacco di soldi, ad esempio per la macchina o la casa nuova, prendi quello che ti serve, esattamente come un conto in banca.

    L'importante secondo me e' tenere sempre sott'occhio i propri investimenti.

    PS: leggere correttamente i segnali di mercato non significa avere la sfera di cristallo. Con gli opportuni indicatori puoi accorgerti abbastanza presto di una difficolta' e di un ribasso. Ma se operi manualmente devi starci sempre dietro, mentre se avessi qualche robot automatico che fa il lavoro per te allora te ne dovresti preoccupare di meno (fermo restando che occorre monitorare il robot e aggiornarlo a seconda delle nuove necessita').

  10. #10

    Data Registrazione
    Jan 2020
    Messaggi
    306
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    218 Post(s)
    Potenza rep
    8467680
    Suggerisco questa discussione Reddit molto interessante a mio avviso:
    How do you like my holdings? : Crypto_com

    In pratica il ragazzo lavora sulle prime 100 CV per capitalizzazione, con quote paritarie (cioè 1% del capitale su ogni CV) tramite un bot che mantiene il tutto bilanciato vendendo e comprando in base alle variazioni delle singole CV.

    Come approccio a me piace molto, e si avvicina alla “finanza tradizionale”. Si sceglie un’allocazione di CV, un capitale da investire e si ribilancia periodicamente. Volendo si può aggiungere un incremento predeterminato del capitale, in modo da vendere e tenere liquida una parte dei ricavi quando si fa il ribilanciamento.

    Io personalmente ho quasi esclusivamente crypto bloccate in staking, che mi forniscono interessi, circa un 10% annuo di media. Al momento sto cercando di capire anche io se è quanto vendere del profitto che ho avuto.

Accedi