Cripto e dichiarazione dei redditi (vol. II) - Pagina 36
Schianto del Dogecoin durante il SNL, ecco cosa ha detto Musk sulla cripto meme
Dopo aver toccato picchi record nell’attesa dell’apparizione di Elon Musk al Saturday Night Live (SNL), la celebre cripto meme è precipitata repentinamente nel corso del programma comico andato in onda …
Dogecoin senza freni, stasera il SNL. Elon Musk prima invita alla cautela, poi nuovo tweet con Shiba Inu scatena i cripto trader
E’ a dir poco frenetica l’attesa tra i trader di Dogecoin in vista dell’apparizione di stasera di Elon Musk al “Saturday Night Live”. Il numero uno di Tesla non ha …
La crisi dei chip tocca tutti, semiconduttori nuovo petrolio? Prospettive del settore e società più interessanti
La carenza globale di chip durerà un altro paio di anni secondo il CEO di Intel Pat Gelsinger che nel corso di un’intervista al Wall Street Journal ha previsto un …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #351

    Data Registrazione
    Jan 2021
    Messaggi
    142
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    147 Post(s)
    Potenza rep
    1375631
    Citazione Originariamente Scritto da Cere86 Visualizza Messaggio
    Ciao a tutti mi sono letto la discussione ma sono ancora molto confuso, sto cercando di capire se aprire Binance o The Rock Trading, se ho capito bene con Binance devo sempre dichiarare qualsiasi importo su quadro RW mentre per The Rock essendo in Italia, se metto 1K devo sempre inserirlo in quadro RW o fino a 51K non serve?

    Grazie mille

    In rete ho trovato questo:

    "Nel totale silenzio da parte dell’Agenzia e sulla base dell’interpretazione prevalente della normativa di riferimento, è possibile affermare che non sussiste l’obbligo di compilazione del Quadro RW nel caso in cui le criptovalute siano detenute tramite il possesso diretto delle chiave privata (si pensi ad esempio ai dispositivi Ledger), su un exchange avente sede in Italia (si pensi a The Rock Trading) o in un custodial wallet (qual è Conio)."
    Ciao Cere86.

    Direi che e' l'argomento piu' dibattuto al momento e ci sono " 2 interpretazioni".

    Partiamo dalle fonti: Circolare 38/e 2013 + interpello 2018 + sentenza TAR Lazio 2020.

    Diamo per assodato che:

    - la soglia dei 51k NON viene superata per piu' di sette giorno lavorativi consecutivi
    - il cambio di riferimento e' al Primo di Gennaio

    I punti cruciali delle fonti di cui sopra:

    - La valute virtuali sono assimilabili alle valute estere

    - circolare del 23 dicembre 2013, n. 38/E paragrafo 1.3.1 la quale prevede : "......Inoltre, sono soggette al medesimo obbligo (monitoraggio RW) anche le attività finanziarie estere detenute in Italia al di fuori del circuito degli intermediari residenti."

    Le domande da porsi sono:

    - Gli Exchange sono residenti in Italia? Conio, The Rock e YoungPlatform direi proprio di si.

    - Gli Exchange sono intermediari? Questo e' il nodo. Abbiamo appena scoperto che gli Exchange sono operatori non finanziari ma che sottostanno alle norme antiriciclaggio.

    Ci sono 2 interpretazioni:

    1) Alcuni utenti del forum (vedi l'opinione di MoneyFCA quotato nel post 344) sostengono che il quadro RW vada compilato lo stesso anche se si tratta di un Exchange ITA perche' NON espressamente citato nella definizione di "intermediario residente della circolare del 2013" (MoneyFCA correggimi sbaglio).

    2) Il Dott. commercialista D'Amico (che e' il massimo esponente tra i professionisti in materia) invece sostiene che Gli Exchange ITA NON vadano dichiarati nel quadro RW per le motivazioni spiegate dal min 1h9min del video Bitcoin per professionisti e aziende [WEBINAR] - Episodio 1 - YouTube.

    Io propendo per la seconda ipotesi ma non mi dispiacerebbe avere un'ulteriore conferma dal dott. D'Amico alla seg. domanda

    "l'esonero vale anche se YP non è Intermediario bensì operatore non finanziario? Se è si quali sono le ragioni?"

    Penso che la maggior parte di noi utenti informati, se si orientano su un Exchange italiano, e' proprio per la semplificazione tributaria che esso comporterebbe.

    Se, come me ti fa differenza dichiarare il quadro RW o meno, cerchi di andare a fondo della questione, viceversa se dichiarare il quadro RW non ti cambia allora a questo punto non porti neanche la domanda: dichiaralo e STOP. Mi vien pero' da dire che allora conviene scegliere Binance per l'offerta molto piu' completa che esso offre.

    In conclusione:

    1) per te compilare il quadro RW e' indifferente? Allora scegli Binance e dichiaralo
    2) NON vuoi compilare nulla compreso il quadro RW ? - Stai al di sotto dei 51k (se non vuoi pagare tasse) - Scegli un Exchange ITA (Attenzione a non spostarle su un Ledger) - E segui l'interpretazione del Dott. D'Amico



    Spero di aver risposto alla tua domanda.
    Ultima modifica di CamillaETF; 15-04-21 alle 14:10

  2. #352
    L'avatar di MoneyFca
    Data Registrazione
    Jun 2020
    Messaggi
    539
    Mentioned
    5 Post(s)
    Quoted
    345 Post(s)
    Potenza rep
    10211946
    Citazione Originariamente Scritto da CamillaETF Visualizza Messaggio

    1) Alcuni utenti del forum (vedi l'opinione di MoneyFCA quotato nel post 344) sostengono che il quadro RW vada compilato lo stesso anche se si tratta di un Exchange ITA perche' NON espressamente citato nella definizione di "intermediario residente della circolare del 2013" (MoneyFCA correggimi sbaglio).
    .

    Una sola precisazione: perche' sotto soglia se non vuoi fare Rw? (Ho capito bene?)

  3. #353

    Data Registrazione
    Jan 2021
    Messaggi
    142
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    147 Post(s)
    Potenza rep
    1375631
    Citazione Originariamente Scritto da MoneyFca Visualizza Messaggio

    Una sola precisazione: perche' sotto soglia se non vuoi fare Rw? (Ho capito bene?)
    Errore mio, editato

  4. #354

    Data Registrazione
    Mar 2018
    Messaggi
    1,753
    Mentioned
    6 Post(s)
    Quoted
    1009 Post(s)
    Potenza rep
    26654872
    Citazione Originariamente Scritto da CamillaETF Visualizza Messaggio
    Ciao Cere86.

    Direi che e' l'argomento piu' dibattuto al momento e ci sono " 2 interpretazioni".

    Partiamo dalle fonti: Circolare 38/e 2013 + interpello 2018 + sentenza TAR Lazio 2020.

    Diamo per assodato che:

    - la soglia dei 51k NON viene superata per piu' di sette giorno lavorativi consecutivi
    - il cambio di riferimento e' al Primo di Gennaio

    I punti cruciali delle fonti di cui sopra:

    - La valute virtuali sono assimilabili alle valute estere

    - circolare del 23 dicembre 2013, n. 38/E paragrafo 1.3.1 la quale prevede : "......Inoltre, sono soggette al medesimo obbligo (monitoraggio RW) anche le attività finanziarie estere detenute in Italia al di fuori del circuito degli intermediari residenti."

    Le domande da porsi sono:

    - Gli Exchange sono residenti in Italia? Conio, The Rock e YoungPlatform direi proprio di si.

    - Gli Exchange sono intermediari? Questo e' il nodo. Abbiamo appena scoperto che gli Exchange sono operatori non finanziari ma che sottostanno alle norme antiriciclaggio.

    Ci sono 2 interpretazioni:

    1) Alcuni utenti del forum (vedi l'opinione di MoneyFCA quotato nel post 344) sostengono che il quadro RW vada compilato lo stesso anche se si tratta di un Exchange ITA perche' NON espressamente citato nella definizione di "intermediario residente della circolare del 2013" (MoneyFCA correggimi sbaglio).

    2) Il Dott. commercialista D'Amico (che e' il massimo esponente tra i professionisti in materia) invece sostiene che Gli Exchange ITA NON vadano dichiarati nel quadro RW per le motivazioni spiegate dal min 1h9min del video Bitcoin per professionisti e aziende [WEBINAR] - Episodio 1 - YouTube.

    Io propendo per la seconda ipotesi ma non mi dispiacerebbe avere un'ulteriore conferma dal dott. D'Amico alla seg. domanda

    "l'esonero vale anche se YP non è Intermediario bensì operatore non finanziario? Se è si quali sono le ragioni?"

    Penso che la maggior parte di noi utenti informati, se si orientano su un Exchange italiano, e' proprio per la semplificazione tributaria che esso comporterebbe.

    Se, come me ti fa differenza dichiarare il quadro RW o meno, cerchi di andare a fondo della questione, viceversa se dichiarare il quadro RW non ti cambia allora a questo punto non porti neanche la domanda: dichiaralo e STOP. Mi vien pero' da dire che allora conviene scegliere Binance per l'offerta molto piu' completa che esso offre.

    In conclusione:

    1) per te compilare il quadro RW e' indifferente? Allora scegli Binance e dichiaralo
    2) NON vuoi compilare nulla compreso il quadro RW ? - Stai al di sotto dei 51k (se non vuoi pagare tasse) - Scegli un Exchange ITA (Attenzione a non spostarle su un Ledger) - E segui l'interpretazione del Dott. D'Amico



    Spero di aver risposto alla tua domanda.
    Grazie mille @CamillaETF, gentilissima, la mia scelta alla fine è caduta su Binance, mi sembra il più completo e sicuro, compilare il quadro RW non mi comporta nessun problema essendo cifre veramente irrisorie (parliamo di 1/2k di investimento) con queste cifre non credo di avere un gain che mi permetta di avere un totale finale al di sopra di 51k (almeno per ora.

    Dichiarerò sul quadro RW il saldo di partenza e il saldo al 31/1 ... non portandomi costi aggiuntivi non lo vedo un problema... sotto i 51k non porta nessun svantaggio compilare il quadro rw o sbaglio?

  5. #355

    Data Registrazione
    Jan 2021
    Messaggi
    142
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    147 Post(s)
    Potenza rep
    1375631
    La compilazione del quadro RW è per di dichiarare le attività finanziarie all’estero. È questo il suo scopo.
    La soglia dei 51k non è legata al quadro RW bensì serve come tetto massimo per iniziare a pagarci le tasse.

    Quindi non è una questione di vantaggio o svantaggio, bensì di obbligo dichiarativo che non comporta alcun aggravio fiscale.

    Non è che se compili il quadro RW quando sei >51k allora hai uno svantaggio legato strettamente alla mera compilazione.

    Hai però una tassazione pesante. Quindi secondo me, in alcuni casi, è sciocco non poter sfruttare questa “efficienza fiscale” delle criptovalute finché ce ne daranno la possibilità, dove non si pagano tasse fino a 51k!

  6. #356
    L'avatar di lastrico
    Data Registrazione
    Dec 2011
    Messaggi
    6,064
    Blog Entries
    22
    Mentioned
    66 Post(s)
    Quoted
    3623 Post(s)
    Potenza rep
    42949682
    Citazione Originariamente Scritto da CamillaETF Visualizza Messaggio
    Ciao Cere86.

    Direi che e' l'argomento piu' dibattuto al momento e ci sono " 2 interpretazioni".

    Partiamo dalle fonti: Circolare 38/e 2013 + interpello 2018 + sentenza TAR Lazio 2020.

    Diamo per assodato che:

    - la soglia dei 51k NON viene superata per piu' di sette giorno lavorativi consecutivi
    - il cambio di riferimento e' al Primo di Gennaio

    I punti cruciali delle fonti di cui sopra:

    - La valute virtuali sono assimilabili alle valute estere

    - circolare del 23 dicembre 2013, n. 38/E paragrafo 1.3.1 la quale prevede : "......Inoltre, sono soggette al medesimo obbligo (monitoraggio RW) anche le attività finanziarie estere detenute in Italia al di fuori del circuito degli intermediari residenti."

    Le domande da porsi sono:

    - Gli Exchange sono residenti in Italia? Conio, The Rock e YoungPlatform direi proprio di si.

    - Gli Exchange sono intermediari? Questo e' il nodo. Abbiamo appena scoperto che gli Exchange sono operatori non finanziari ma che sottostanno alle norme antiriciclaggio.

    Ci sono 2 interpretazioni:

    1) Alcuni utenti del forum (vedi l'opinione di MoneyFCA quotato nel post 344) sostengono che il quadro RW vada compilato lo stesso anche se si tratta di un Exchange ITA perche' NON espressamente citato nella definizione di "intermediario residente della circolare del 2013" (MoneyFCA correggimi sbaglio).

    2) Il Dott. commercialista D'Amico (che e' il massimo esponente tra i professionisti in materia) invece sostiene che Gli Exchange ITA NON vadano dichiarati nel quadro RW per le motivazioni spiegate dal min 1h9min del video Bitcoin per professionisti e aziende [WEBINAR] - Episodio 1 - YouTube.

    Io propendo per la seconda ipotesi ma non mi dispiacerebbe avere un'ulteriore conferma dal dott. D'Amico alla seg. domanda

    "l'esonero vale anche se YP non è Intermediario bensì operatore non finanziario? Se è si quali sono le ragioni?"

    Penso che la maggior parte di noi utenti informati, se si orientano su un Exchange italiano, e' proprio per la semplificazione tributaria che esso comporterebbe.

    Se, come me ti fa differenza dichiarare il quadro RW o meno, cerchi di andare a fondo della questione, viceversa se dichiarare il quadro RW non ti cambia allora a questo punto non porti neanche la domanda: dichiaralo e STOP. Mi vien pero' da dire che allora conviene scegliere Binance per l'offerta molto piu' completa che esso offre.

    In conclusione:

    1) per te compilare il quadro RW e' indifferente? Allora scegli Binance e dichiaralo
    2) NON vuoi compilare nulla compreso il quadro RW ? - Stai al di sotto dei 51k (se non vuoi pagare tasse) - Scegli un Exchange ITA (Attenzione a non spostarle su un Ledger) - E segui l'interpretazione del Dott. D'Amico



    Spero di aver risposto alla tua domanda.


    Se l'AdE parla di "intermediari residenti", a me pare pacifico che parli di quelli finanziari, non di chissà quali altri intermediari.
    Ad ogni modo, D'Amico stesso mette le mani avanti e dice che siamo nel campo delle interpretazioni...
    Interpretazione per interpretazione, visto che in ogni caso non si paga IVAFE, si potrebbe ragionare che anche nel dubbio può convenire seguire l'interpretazione più prudente.

  7. #357
    L'avatar di MoneyFca
    Data Registrazione
    Jun 2020
    Messaggi
    539
    Mentioned
    5 Post(s)
    Quoted
    345 Post(s)
    Potenza rep
    10211946
    Citazione Originariamente Scritto da lastrico Visualizza Messaggio
    Se l'AdE parla di "intermediari residenti", a me pare pacifico che parli di quelli finanziari, non di chissÃ* quali altri intermediari.
    Ad ogni modo, D'Amico stesso mette le mani avanti e dice che siamo nel campo delle interpretazioni...
    Interpretazione per interpretazione, visto che in ogni caso non si paga IVAFE, si potrebbe ragionare che anche nel dubbio può convenire seguire l'interpretazione più prudente.
    Ciao lastrico, hai dato un'occhiata al video Bitcoin per professionisti e aziende [WEBINAR] - Episodio 1 - YouTube?
    che ne pensi dal minuto 8' 30" discorso degli operatori non finanziari?
    Ultima modifica di MoneyFca; 15-04-21 alle 17:59

  8. #358

    Data Registrazione
    Feb 2021
    Messaggi
    28
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    19 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Altro video uscito ora BITCOIN, CRIPTOVALUTE & DICHIARAZIONE DEI REDDITI - YouTube
    BITCOIN, CRIPTOVALUTE & DICHIARAZIONE DEI REDDITI

  9. #359

    Data Registrazione
    Mar 2021
    Messaggi
    61
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    34 Post(s)
    Potenza rep
    881756
    Citazione Originariamente Scritto da marillion Visualizza Messaggio
    Altro video uscito ora BITCOIN, CRIPTOVALUTE & DICHIARAZIONE DEI REDDITI - YouTube
    BITCOIN, CRIPTOVALUTE & DICHIARAZIONE DEI REDDITI
    è periodo di dichiarazioni, si devono pur guadagnare la pagnotta in base all'articolo comma della legge modificata con la circolare di cui al punto x lettera y

  10. #360

    Data Registrazione
    Jan 2021
    Messaggi
    142
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    147 Post(s)
    Potenza rep
    1375631
    Citazione Originariamente Scritto da lastrico Visualizza Messaggio
    Se l'AdE parla di "intermediari residenti", a me pare pacifico che parli di quelli finanziari, non di chissà quali altri intermediari.
    Ad ogni modo, D'Amico stesso mette le mani avanti e dice che siamo nel campo delle interpretazioni...
    Interpretazione per interpretazione, visto che in ogni caso non si paga IVAFE, si potrebbe ragionare che anche nel dubbio può convenire seguire l'interpretazione più prudente.
    Io credo invece che il termine intermediario usato nella circolare non sia stato citato nel senso piu' stringente del termine.

    Secondo il mio parere voleva indicare quanto meno i soggetti sottoposti al controllo della Banca D'Italia (vedesi link sotto: SIM, SGR, Banche, interm. finanziari ecc..). Se poi volevano includere anche tutti quelli che devono sottostare alle norma antiriciclaggio (come gli operatori non finanziari) non saprei..

    Banca d'Italia - Intermediari


    Il problema per me e' che NON voglio dichiarare ne' pagare il commercialista

Accedi