il vero problema non è il covid : è il long covid - Pagina 4
Target delude ancora Wall Street, super sconti innescano crollo del 90% dell’utile
I super sconti per ridurre le scorte record di alcune merci hanno pesato e non poco sui conti di Target. Il rivenditore statunitense ha riportato profitti in calo di quasi il 90%. L?utile netto del secondo trimestre risulta di soli 183 milioni di dollari, o 39 centesimi per azione, per il periodo di tre mesi
Il miliardario Druckenmiller si disfa di altre azioni big tech in attesa recessione, ecco le due big di Wall Street scaricate lo scorso trimestre
Il miliardario Stanley Druckenmiller ha voltato le spalle alle Big Tech di Wall Street lo scorso trimestre, ossia poco prima che le varie Apple e Amazon ritrovassero slancio in Borsa nel corso di questa estate di risk-on sui mercati.L?ex lead portfolio manager del Quantum Fund di George Soros, che ha un patrimonio netto di $
Inflazione UK vola oltre 10%, il picco non ancora raggiunto. Si prospetta un caldo autunno dei prezzi  
  I venti di crisi economica continuano a soffiare sul Regno Unito che ha visto ancora una volta surriscaldarsi l'inflazione sui massimi da oltre 40 a
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #31
    L'avatar di ciroascarone
    Data Registrazione
    Mar 2007
    Messaggi
    21,649
    Mentioned
    7 Post(s)
    Quoted
    5015 Post(s)
    Potenza rep
    42949688
    Citazione Originariamente Scritto da davidean Visualizza Messaggio
    prega di trovare un medico di manica larga così ti fa dare la pensione di invalidità per long covid
    la sindrome non è , naturalmente, ufficialmente riconoscita come causa di invalidità...almeno al momento..quindi te lo becchi nel bocciolo a doppia mandata...diventi disabile e la pensione te la sogni ...ti garantisco che i malati di questa sindrome dovranno sputare sangue per vedersi riconosciuti eventuali diritti all' invalidità, come avviene per molte malattie croniche...a chi governa basta che gli ospedali non si riempiano di malati acuti anche se i contagi esplodono e chi si ammala di longcovid sono c,azzi suoi...al momento ai cronici non ci pensano, fino a quando l' impatto( che già comincia a manifestarsi come lamentano esponenti dei settori produttivi) sul mondo del lavoro e quindi sull' economia non doverrà pesante...è sempre così...manca visione di governo di lungo termine, si mira solo a contrastare le contingenze trascurando gli effetti alungo termine co ein tutti i provvedimenti governativi...poi quando arriva la legnata ci si sveglia e di solito è troppo tardi per provi rimedio

  2. #32
    L'avatar di trigunzio
    Data Registrazione
    Mar 2009
    Messaggi
    17,498
    Mentioned
    9 Post(s)
    Quoted
    1843 Post(s)
    Potenza rep
    42949686
    Citazione Originariamente Scritto da ciroascarone Visualizza Messaggio
    non saprei risponderti in merito...può darsi che tu abbia ragione...d' atrco canto l' obiettivo era di evitare di intasare gli ospedali e far riprendere l' economia il prima possibile...i vaccini hanno senz' altro contribuito a raggiungere l' obiettivo...ma, come dicevo, potrebbe essere stata una scelta molto miope, tanto più se fosse vero il tuo ragionamento...perchè stiamo rischiando di avere milioni di persone inabili al lavoro che intaseranno gli ospedali con malattie croniche...già qualcuno lancia l' allarme in questo senso...se è come dici tu sarann ca.zzi amarissimi se sti virus maledetto non la pianta ...e siamo già a 2 anni e mezzo...è vero che le con le nuove varianti la probabilità di contrarre il longcovid in maniera grave si è dimezzata, ma la contagiosità è ben più che raddoppiata quindi la curva di malati di longcovid è in crescita più che lineare..presto il numero di queste persone potrebbe diventare molto gravoso....al momento sono abbandonati a loro stessi anche perchè non vi è una cura certa come per tutte le sindromi a carattere cronico di cui non si riesce ad eradicare la spina irritativa che continua a perpetrare la malattia
    Se è come dico io, qualinque virus bacillo o bubbù potra rendere inabile.
    Lo dicevo quando è uscito il primo bugiardino che inoculare benzina avio non si va più forte se non al creatore, pochissimi hanno voluto ascoltarmi andando a verificare personalmente, ora che è provato che non solo l’avio è stata messa in quell intruglio è tardi, bisogna correre ai ripari il più presto possibile cominciando a dare retta a quei medici coraggiosi che hanno sfidato il potere continuando a studiare e curare.

    Ps.
    Per i segnalatori professionisti. Ho postato il patent degli ingredienti del siero salvifico, per cui se parlo di benzina avio o assimilabili non lo scrivo a caso. Siano i segnalatori a provare il contrario

  3. #33
    L'avatar di ale.v
    Data Registrazione
    Aug 2007
    Messaggi
    17,397
    Mentioned
    14 Post(s)
    Quoted
    4592 Post(s)
    Potenza rep
    42949687
    Citazione Originariamente Scritto da trigunzio Visualizza Messaggio

    Con il vax si sono determinate due condizioni, i vax a vettore virale insinuano la spike in grande quantità, quelli ad mrna stimolano l’autoproduzione della spike.

    È chiaro che in entrambi i casi il potenziale di spike annidata, non smaltita è maggiore rispetto a chi ha vissuto la condizione in modo naturale e naturalmente l’ha vinta.
    È chiaaro con questo semplice ragionamento che chi ha fatto il vax ha un potenziale maggiore di sviluppare la sindrome long covid (forme di infiammazione da spike).
    Molti dei no-vax hanno di fondo l'ideologia della natura buona.

    Ciò che è naturale è buono, ciò che è artificiale è cattivo.

    Da questa idea di base, leggittimissima, ne tirano fuori, come in questo caso, paradossi assurdi.

    Parlando di virus, infatti, l'idea di base che la natura sia "buona" non ha senso, visto che i virus sono proprio agenti eziologiche di malattie mortali.

    E non ha nemmeno molto senso affermare apoditticamente che introdurre un pezzo di virus produca più proteina spike dell'infezione virale.
    Perchè il virus si RIPRODUCE nel corpo umano, nelle singole cellule.

    E quindi il potenziale di produzione di proteina spike è MOLTO superiore introducendo nel corpo un virus attivo, che non un virus inattivato o solo un pezzo di mrna del virus.

    Ovviamente parlando di sistemi biologici complessi, la situazione NON è lineare e banale e non sarà sempre così... ....ma affermare apoditticamente il contrario non ha alcun senso.

    Come sempre, se ci sono delle statistiche che dicono che il long covid lo hanno soprattutto o quasi esclusivamente i vaccinati e mai i malati, posso cambiare idea.
    Ma siccome, da quel che ho letto fino ad oggi, il long covid compare in modo indifferente tra vaccinati e non vaccinati (per inciso, altro fallimento dei vaccini), esposti al virus, ecco che le conclusioni di trigunzio sono solo il frutto di una paradossale applicazione di una ideologia evidentemente fuori campo di applicazione.

    Natura buona e virus sono un ossimoro.
    (mi astengo da possibili ampliamenti filosofici del significato di natura buona, ovvio che si sta parlando di buono come solo ciò che è buono per il singolo individuo umano).

  4. #34

    Data Registrazione
    Jun 2011
    Messaggi
    12,341
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    1681 Post(s)
    Potenza rep
    42949684
    Il problema del coronavirus è che ha la chiave per legarsi ai recettori ace2 che sono un pò dapertutto.

    E' un virus respiratorio per modo di dire.

  5. #35

    Data Registrazione
    Jun 2011
    Messaggi
    12,341
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    1681 Post(s)
    Potenza rep
    42949684
    Citazione Originariamente Scritto da ale.v Visualizza Messaggio
    Molti dei no-vax hanno di fondo l'ideologia della natura buona.

    Ciò che è naturale è buono, ciò che è artificiale è cattivo.

    Da questa idea di base, leggittimissima, ne tirano fuori, come in questo caso, paradossi assurdi.

    Parlando di virus, infatti, l'idea di base che la natura sia "buona" non ha senso, visto che i virus sono proprio agenti eziologiche di malattie mortali.

    E non ha nemmeno molto senso affermare apoditticamente che introdurre un pezzo di virus produca più proteina spike dell'infezione virale.
    Perchè il virus si RIPRODUCE nel corpo umano, nelle singole cellule.

    E quindi il potenziale di produzione di proteina spike è MOLTO superiore introducendo nel corpo un virus attivo, che non un virus inattivato o solo un pezzo di mrna del virus.

    Ovviamente parlando di sistemi biologici complessi, la situazione NON è lineare e banale e non sarà sempre così... ....ma affermare apoditticamente il contrario non ha alcun senso.

    Come sempre, se ci sono delle statistiche che dicono che il long covid lo hanno soprattutto o quasi esclusivamente i vaccinati e mai i malati, posso cambiare idea.
    Ma siccome, da quel che ho letto fino ad oggi, il long covid compare in modo indifferente tra vaccinati e non vaccinati (per inciso, altro fallimento dei vaccini), esposti al virus, ecco che le conclusioni di trigunzio sono solo il frutto di una paradossale applicazione di una ideologia evidentemente fuori campo di applicazione.

    Natura buona e virus sono un ossimoro.
    (mi astengo da possibili ampliamenti filosofici del significato di natura buona, ovvio che si sta parlando di buono come solo ciò che è buono per il singolo individuo umano).
    Se la narrazione sui vaccini si fosse rivelata corretta a quest'ora non esisterebbe piu' il coronavirus, visto che la campagna vaccinale aveva l'obiettivo dell'immunità di gregge e della prevenzione del contagio (poche balle, lo hanno detto e hanno continuato a dirlo pur sapendo che l'obiettivo non era raggiungibile).

    Il problema è che i vaccini attuali non sono serviti ad uscire dalla pandemia/endemia come cavolo la si vuol chiamare.
    Ci riusciranno i vaccini spray nasali?

  6. #36
    L'avatar di apposta supposta
    Data Registrazione
    Nov 2007
    Messaggi
    64,948
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    15106 Post(s)
    Potenza rep
    42949687
    Citazione Originariamente Scritto da ciroascarone Visualizza Messaggio
    il tuo ragionamento può valere per le malattie a carattere prevalentemente psicosomatico...cioè quando il fisico somatizza un' emozione negativa e la scarica in una parte del corpo attraverso il sistema nervoso cenrale e periferico facendola funzionare male..pensiamo ad esempio alle gastriti o alle cefalee che spesso affliggono le persone ansiose...queste sindromi solitamente migliorano rapidamente con farmaci che agiscono sul sistema nervoso come antistipsastici ed antiepilettici e sul dolore neuropatico tipo valium lyrica laroxyl lioresal ecc...se , invece , vi è una infiammazione sistemica tipo quella indotta dal covid e perpetuata dalla sindrome logcovid, hai voglia a pensare positivo...il danno è fisico, è come se avessi la scelrosi multipla progressiva o la sla o qualsivolgia malattia cronica incurabile...puoi pensare positivo quanto vuoi, il tuo destino è segnato...per intanto non si sa ancora per quanto tempo questa infiammazione sistemica chiamata longcovid durerà essendo una sindrome nuova...quindi chi se la becca in forma grave è in guai molto seri , c'è poco da fare
    no no
    ti garantisco che non e' cosi'

    la testa cura o (attento) peggiora per buona parte qualsiasi tipo di malattia...

    ed al contrario di quanto pensi
    piu' e'invalidante...e piu' la cura puo' essere efficace

    tu ragioni giustamente ed umanamente da "sano" (la metto cosi' magari avrai anche te i tuoi guai)
    e vedi ogni malattia terribile, invalidante o terminale con orrore
    perche' nessuno riesce a proiettarsi e vedersi in una situazione simile senza orrore...
    <<sei finito>>

    ma e' proprio quando sei finito che la tua testa conta di piu'
    fosse solo per vivere al meglio il tempo che ti rimane
    fosse solo per accettare l'invalidita' permanente o cronica che ti colpisce
    fosse solo per gestire l'inaccettabile
    e soprattutto per risalire dall'abisso in cui cadi

    laggiu'...piu' in fondo possibile c'e' la forza piu' grande che esista in natura
    e solo con quel briciolo di testa lucida e spietata la puoi cogliere
    e risalire
    da qualsiasi condizione ti trovi

  7. #37
    L'avatar di trigunzio
    Data Registrazione
    Mar 2009
    Messaggi
    17,498
    Mentioned
    9 Post(s)
    Quoted
    1843 Post(s)
    Potenza rep
    42949686
    Citazione Originariamente Scritto da ale.v Visualizza Messaggio
    Molti dei no-vax hanno di fondo l'ideologia della natura buona.

    Ciò che è naturale è buono, ciò che è artificiale è cattivo.

    Da questa idea di base, leggittimissima, ne tirano fuori, come in questo caso, paradossi assurdi.

    Parlando di virus, infatti, l'idea di base che la natura sia "buona" non ha senso, visto che i virus sono proprio agenti eziologiche di malattie mortali.

    E non ha nemmeno molto senso affermare apoditticamente che introdurre un pezzo di virus produca più proteina spike dell'infezione virale.
    Perchè il virus si RIPRODUCE nel corpo umano, nelle singole cellule.

    E quindi il potenziale di produzione di proteina spike è MOLTO superiore introducendo nel corpo un virus attivo, che non un virus inattivato o solo un pezzo di mrna del virus.

    Ovviamente parlando di sistemi biologici complessi, la situazione NON è lineare e banale e non sarà sempre così... ....ma affermare apoditticamente il contrario non ha alcun senso.

    Come sempre, se ci sono delle statistiche che dicono che il long covid lo hanno soprattutto o quasi esclusivamente i vaccinati e mai i malati, posso cambiare idea.
    Ma siccome, da quel che ho letto fino ad oggi, il long covid compare in modo indifferente tra vaccinati e non vaccinati (per inciso, altro fallimento dei vaccini), esposti al virus, ecco che le conclusioni di trigunzio sono solo il frutto di una paradossale applicazione di una ideologia evidentemente fuori campo di applicazione.

    Natura buona e virus sono un ossimoro.
    (mi astengo da possibili ampliamenti filosofici del significato di natura buona, ovvio che si sta parlando di buono come solo ciò che è buono per il singolo individuo umano).
    Sul concetto di natura buona non so a chi ti riferisci, certo non a me essendo convinto che la natura abbia in se la crudeltà del predatore e della preda, che sia sessista, che sia razzista e tanto altro. Ciò non toglie, anzi aggiunge plusvalore alla autoconservazione istintiva. Proprio quella autoconservazione che ha permesso ai virus negli ultimi quattro miliardi di anni di adattarsi, forse... dando vita anche a noi.
    Noi abbiamo in questa forma solo duecentocinquantamila anni ora più ora meno ed abbiamo avuto a che fare con virus da allora. Ma erano virus, non chimere. Venivano da un adattamento naturale, non da un guadagno di funzione antiumana.

    Parlando di vaccini
    Il paragone oggi giorno non è più spike da virus vs. da vaccino.
    1) perchè la maggior parte ha fatto il vax prima o dopoil contagio, quindi si sommano in oltre il 70% dei casi
    2) perchè un conto per un organismo avere a che fare con un virus completo che ha il suo adattamento autoconservativo di riproduzione parassitaria e combatterlo, aaltro conto e avere a che fare solo con la parte velenosa (per quelli a vettore virale), dei quli tra l’altro non si conosce la quantità immessa, la quale puó essere molto superiore su chi rilevato l’accesso del virus attivo lo annichilisce subito con difese immunitarie efficienti.
    3) il caso emblematico è dato dall’mrna. Ogni uno lo recepisce e smaltisce in modo diverso, le cellule stesse producono la spike e nessuno può stabilire quanta e pre quanto, e per quanto permanga. Se, come è stato voluto dalla politica si somma obbligatoriamente l’mrna dopo la guarigione, Dio ce ne scampi di quel che puó succedere.
    4) il long covid ha variabili cliniche soggettive, non univoche come nella maggior parte dei virus ad eccezione del sarscov2 e aids. Quindi, già stabilire con certezza che sia long covid è più difficile ce avere la certezza di una reazione avversa. In più la casistica è così incalcolabile avendo solo come variabili di vax non vax su tre inoculazioni di 46 possibilità, da essere quasi inmpossibile risalire a cause e causalità.

  8. #38
    L'avatar di rainbowdandy
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Messaggi
    87,009
    Mentioned
    13 Post(s)
    Quoted
    23899 Post(s)
    Potenza rep
    42949687
    Citazione Originariamente Scritto da ciroascarone Visualizza Messaggio
    concordo...solo che la % di chi ha subito effetti collaterali dal vaccino è risibile rispetto a chi ha beccato il long covid....anche se pare che il vaccino , purtroppo, a poco serva a diminuire la prbabilità di beccare la sindrome o di prenderla in maniera meno grave, lì dentro è pieno di tridosati con il longcovid..poi ognuno è giusto scelga il rischio che preferisce correre come dici tu
    tutto da verificare che sia così risibile. Una cosa è super pompata dai media e dalla comunità scientifica mentre sui danni da vaccino si fa di tutto per nascondere i casi.
    Mia compagna ha fatto vaccino e sta male ancora a 10 mesi di distanza.

  9. #39
    L'avatar di ale.v
    Data Registrazione
    Aug 2007
    Messaggi
    17,397
    Mentioned
    14 Post(s)
    Quoted
    4592 Post(s)
    Potenza rep
    42949687
    Citazione Originariamente Scritto da mordekayn Visualizza Messaggio
    Se la narrazione sui vaccini si fosse rivelata corretta a quest'ora non esisterebbe piu' il coronavirus, visto che la campagna vaccinale aveva l'obiettivo dell'immunità di gregge e della prevenzione del contagio (poche balle, lo hanno detto e hanno continuato a dirlo pur sapendo che l'obiettivo non era raggiungibile).

    Il problema è che i vaccini attuali non sono serviti ad uscire dalla pandemia/endemia come cavolo la si vuol chiamare.
    Ci riusciranno i vaccini spray nasali?
    Fino ad oggi siamo riusciti ad eradicare solo un virus, quello del vaiolo.
    E quasi quello della poliomielite...

    Date queste premesse, non ho mai capito perché si avesse così fiducia...

  10. #40
    L'avatar di ale.v
    Data Registrazione
    Aug 2007
    Messaggi
    17,397
    Mentioned
    14 Post(s)
    Quoted
    4592 Post(s)
    Potenza rep
    42949687
    Citazione Originariamente Scritto da ale.v Visualizza Messaggio
    Ma siccome, da quel che ho letto fino ad oggi, il long covid compare in modo indifferente tra vaccinati e non vaccinati (per inciso, altro fallimento dei vaccini), esposti al virus, ecco che le conclusioni di trigunzio sono solo il frutto di una paradossale applicazione di una ideologia evidentemente fuori campo di applicazione.
    Aggiornamento.

    Letto il giorno dopo: secondo una ricerca condotta su operatori sanitari italiani il rischio long COVID sembrerebbe ridotto per i tridosati.
    Dal 42% al 16%.

    Non ho letto attentamente l'articolo originale, ma mi sembra strano long COVID al 42%.

    Cmq la grande differenza è che in questo studio i non vaccinati si sono presi principalmente le prime varianti del virus, i vaccinati quelle successive...

Accedi