Vademecum per proteggere pc privacy ed evitare hacking parte terza - Pagina 6
UniCredit torna in utile nel I trimestre con numeri che stracciano le stime. Mercato scommette su piano Orcel e scalpita su nodo M&A
Il mercato brinda ai conti di UniCredit, che hanno messo in evidenza il ritorno all'utile della banca nei primi tre mesi del 2021, tra l'altro a un ritmo decisamente migliore …
Unicredit e Mps a braccetto al test conti: Orcel atteso al varco su M&A, Siena verso ennesimo trimestre tinto di rosso
Mentre il governo Draghi sta perfezionando il Decreto Sostegni Bis, che contiene una serie di modifiche alla normativa sulle Dta (Deferred tax asset) che potenzialmente renderanno più appetibile per Unicredit …
Jamie Dimon stufo di Zoom e smartworking. Sul bitcoin il ceo di JP Morgan continua a storcere il naso
Il telelavoro e gli strumenti di videoconferenza come Zoom sono stati cruciali nel permettere ai traders e ai banchieri di Wall Street di continuare a lavorare durante la pandemia. Ma …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #51

    Data Registrazione
    Sep 2019
    Messaggi
    44
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    17 Post(s)
    Potenza rep
    775005
    Sull’argomento dal sito Apple ( per sviluppatori )

    App Privacy Details - App Store - Apple Developer

    non mi é chiaro perché un app installata possa avere accesso alle ricerche web o alle mail dell’utente

    Un plauso ad Apple che ha deciso di mettere a conoscenza gli utenti per sensibilizzarli maggiormente sul discorso privacy, ma é “sbagliato” che possa essere così.

    penso che nessun utente standard pensi che installando sul proprio dispositivo un app si mettano potenzialmente a disposizione gli sviluppatori dell’app di così tanti dati personali.

    Alla voce mail, per esempio, nel link più sopra si parla d “Including subject line, sender, recipients, and contents of the email or message” mah... forse mi sfugge qualcosa



    Citazione Originariamente Scritto da user-g1 Visualizza Messaggio
    Apple ha da qualche tempo introdotto le “privacy label” per le app dell’app store: in pratica un vengono elencate le informazioni che le app possono utilizzare per tracciarti. Informazioni che vengono divise in due gruppi: quelle direttamente collegabili alla te e quelle non ricollegabili a te ( sarebbe interessante sentire la spiegazione di qualche sviluppatore, in proposito )

    Certo tante informazioni vengono raccolte anche per fornire servizi, però é interessante vedere come effettivamente app che fanno della privacy un cavallo di battaglia non raccolgano praticamente nessun dato ( Protonmail e DuckDuckGo, per esempio ) mentre invece ci sono servizi, anche molto famosi, che hanno elenchi di informazioni raccolte che non stanno in una pagina ...
    Ultima modifica di user-g1; 01-05-21 alle 11:11

  2. #52
    L'avatar di Cranio
    Data Registrazione
    Sep 2017
    Messaggi
    2,471
    Mentioned
    33 Post(s)
    Quoted
    1453 Post(s)
    Potenza rep
    42949676
    Chrome ormai con quel discorso del FLOC è proprio da smettere di usare su qualunque piattarforma, le alternative ci sono: Brave, Firefox, Vivaldi.

Accedi