NeoFeudalesimo CapitalComunista (3) - Blogs - Forum di Finanzaonline.com
View RSS Feed

chrono

NeoFeudalesimo CapitalComunista (3)

Rate this Entry
Citazione Originariamente Scritto da chrono Visualizza Messaggio


Il problema è che si sta delineando un sistema dittatoriale oligarchico e capital-comunista che definisco "feudalesimo delle corporazioni".
Da qualunque lato vogliate osservarla, la situazione è tale.

Pensate giusto un attimo a quali sono le attività economiche in cui è più difficile entrare, nonostante il predicato libero mercato, a meno che non siate delle corporazioni.

Tutte quelle che hanno in qualche modo a che fare col denaro, col credito e col risparmio.
Certamente non è un caso.

D'altro canto a nulla valgono le pretese motivazioni sottostanti le regole giuridiche attuate in questi campi.
(Tutela del risparmio e dei risparmiatori, eccetera).
E' innegabile che tali pretese motivazioni di ordine politico-sociale, sottostanti i lacci e lacciuoli posti a queste attività economiche, non solo non vengono realizzate con le norme attuali, ma, in linea di pricipio e ad una analisi più approfondita, quelle stesse regole che dovrebbero salvaguardare le funzioni sociali del credito, del risparmio e del denaro, sono palesemente in contrasto col raggiungimento di tali obiettivi.

Ciò non è un problema solo italiano: è un problema globale.

Un esempio su tutti.

L'esercizio della professione di agente di cambio soppresso a favore delle sim e delle banche con la pretesa che queste, con la struttura prevista, potevano dare più garanzia ai risparmiatori, il ché non è affatto vero e non solo a posteriori, con l'esperienza che dal 1990 ad oggi si è fatta in questo campo.
Infatti, essendo le sim e le banche società patrimonialmente autonome, in caso di malafede non offrono maggiori garanzie rispetto a quanto poteva offrire un agente di cambio (anzi essendo maggiore il numero di persone dedite all'amministrazione le garanzie sono inferiori) ed caso di fallimento rispondono solo col proprio patrimonio.

Ma si pensi anche a tutte le altre norme (in tutto il mondo) che bloccano in modo inusuale la libera iniziativa economica in ambito finanziario, con la scusa della tutela del risparmio, della funzione creditizia e delle funzioni sociali del denaro, favorendo e riservando tali attività a specifiche corporazioni e lobby.

Dunque il Re che vuole continuare a vivere la sua vita allegramente è disposto a concedere ai suoi vassalli sempre più terre.
L'importante è che questo gli garantisca le gabelle.
Il vassallo, a sua volta, diviene concedente dei poteri trasferitigli dal re.
Ma guai a disobbedire al vassallo o ai vassalli che, come GECC, hanno imperi ormai più grandi di molti re e che, nonostante i divieti imposti ad altri di fare altrettanto, con la scusa di finanziare un'attività economica, sono autorizzati a battere moneta propria (tutti i bond GECC sono moneta, considerando i bassi livelli forzati dei tassi [secondo me dovrebbero essere molto più alti] e considerando l'ormai lieve peso che la gestione caratteristica ha sull'attività globale, essi non hanno più la finalità di finanziare un'attività reale, bensì divengono strumento di puro signoraggio.

Perché non dovrei offrire bond personali o prodotti derivati personalmente creati qualora fossi considerato solvibile da chi mi conosce? L'unico controllo necessario a livello legislativo sarrebbe relativo ai volumi e cioè all'effetto leva creditizio, così da tutelare i prenditori dall'utilizzo di una leva spregiudicata.
La molteplicità di libere iniziative derivanti offrirebbe una reale varietà di prodotti ed un reale abbassamento dei costi delle attività finanziarie, sicuramente più facili da controllare per i prenditori.



Mi fermo..... ma ce ne sarebbe da scrivere sul "Feudalesimo Capital-Comunista"

bannato



chrono.
chrono

Submit "NeoFeudalesimo CapitalComunista (3)" to Facebook Submit "NeoFeudalesimo CapitalComunista (3)" to Google

Tag: Nessuno Aggiungi/Modifica Tag
Categorie
Uncategorized

Comments

Accedi