Boxe - Pagina 4
Raggiunta intesa parziale Usa-Cina su commercio, mercati sorvolano le minute di Bce e Fed
Lasciati per il momento da parte i timori di un rallentamento globale dopo l?ultima tornata di dati macroeconomici deboli sulla salute dell?economia americana ed europei, i mercati azionari hanno ripreso …
Guerra commerciale: toni trionfanti di Trump su intesa Usa-Cina, ma analisti Wall Street scettici
Più una tregua che non l’imminente fine della guerra commerciale di cui Donald Trump si sta vantando: così la maggior parte degli analisti di Wall Street descrive l’intesa tra Usa …
Mercati di frontiera: chi sono e cosa hanno in più rispetto agli emergenti
La nuova sfida per gli investitori si chiama mercati di frontiera. Nuove aree geografiche, confinate fino a pochi anni fa alla periferia dei mercati globali e accessibili solo a operatori …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #31
    L'avatar di davos
    Data Registrazione
    Nov 2002
    Messaggi
    47,405
    Mentioned
    12 Post(s)
    Quoted
    8021 Post(s)
    Potenza rep
    42949689
    Stavo guardando il mondiale dilettanti
    i pugili non hanno il casco...una vergogna
    e questi devono andare alle olimpiadi così?
    che schifo

  2. #32
    L'avatar di Micene.
    Data Registrazione
    Jul 2008
    Messaggi
    7,703
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    34 Post(s)
    Potenza rep
    42949684
    personalmente trovo piu scandaloso il moderno sistemi di punti che nn consente di vedere in tempo reale l'assegnazione dei punti

    inoltre con il nuovo regolamento, a quanto ho sentito in telecronoca, viene anche giudicato la personalità e l'atteggimaneto del pugile sul ring...mi sembra uno scherzo

    per il resto ho seguito cammarelle ma l'ho visto molto spento...spero in altri match migliori

  3. #33
    L'avatar di asqueldaz
    Data Registrazione
    Feb 2008
    Messaggi
    18,558
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    1032 Post(s)
    Potenza rep
    42949684
    Citazione Originariamente Scritto da Micene. Visualizza Messaggio
    personalmente trovo piu scandaloso il moderno sistemi di punti che nn consente di vedere in tempo reale l'assegnazione dei punti

    inoltre con il nuovo regolamento, a quanto ho sentito in telecronoca, viene anche giudicato la personalità e l'atteggimaneto del pugile sul ring...mi sembra uno scherzo

    per il resto ho seguito cammarelle ma l'ho visto molto spento...spero in altri match migliori
    non mi piacciono i pugili italiani che restano dilettanti per tutta la carriera sportiva stipendiati da qualche corpo dell' esercito o da polizia o GDF etc.
    Sembrano i pugili del blocco sovietico prima della caduta del muro di Berlino .

    I talenti pugilistici di altri paesi iniziano come dilettanti, ma dopo essersi messi in evidenza tra i dilettanti passano professionisti.

  4. #34

  5. #35
    L'avatar di davos
    Data Registrazione
    Nov 2002
    Messaggi
    47,405
    Mentioned
    12 Post(s)
    Quoted
    8021 Post(s)
    Potenza rep
    42949689
    Citazione Originariamente Scritto da Micene. Visualizza Messaggio
    personalmente trovo piu scandaloso il moderno sistemi di punti che nn consente di vedere in tempo reale l'assegnazione dei punti

    inoltre con il nuovo regolamento, a quanto ho sentito in telecronoca, viene anche giudicato la personalità e l'atteggimaneto del pugile sul ring...mi sembra uno scherzo

    per il resto ho seguito cammarelle ma l'ho visto molto spento...spero in altri match migliori
    In pratica L'AIBA che è la federazione dilettantistica sta cercando di portare i dilettanti ad uan specie di semi-professionismo o meglio ad un professionismo dove però si rimane anche dilettante.
    Da qui i punteggi della boxe professionistica, e la mancanza di casco, il punteggio della boxe professionistica cosa porta? è un cambiamento radicale nel senso che prima venivano contati i colpi, quindi potevano essere anche colpi non potenti ma portati bene, ora invece uno può dare anche due o tre colpi e l'altro magari solo uno e potente e quest'ultimo vincere il round. Quindi viene premiata più che la personalità la potenza etc, cioè i requisiti della boxe professionistica.
    Ora il problema è che la boxe professionistica è uno sport davvero violento, per me non è neppure uno sport, è un combattimento e anche molto cruento, chi vuole farlo lo faccia, ma il dilettantismo era un altra cosa, è gente che può essere anche bravissima ma non vuole avere un certo tipo di rischio, ora queste cose vanno tutte in una direzione sbagliata, ci son pugili come Russo o Cammarelle che se non sbaglio hanno all'attivo almeno 200 incontri...immagino se li avessero fatti tutti senza casco...

  6. #36
    L'avatar di ERG
    Data Registrazione
    Mar 2004
    Messaggi
    41,512
    Blog Entries
    1
    Mentioned
    13 Post(s)
    Quoted
    2747 Post(s)
    Potenza rep
    42949688
    Cammarelle in diretta su raisport1, ora.

  7. #37
    L'avatar di ERG
    Data Registrazione
    Mar 2004
    Messaggi
    41,512
    Blog Entries
    1
    Mentioned
    13 Post(s)
    Quoted
    2747 Post(s)
    Potenza rep
    42949688
    Citazione Originariamente Scritto da erg Visualizza Messaggio
    Cammarelle in diretta su raisport1, ora.
    E PERDE, arrendendosi.

  8. #38
    L'avatar di Midatauro
    Data Registrazione
    Jun 2009
    Messaggi
    24,773
    Mentioned
    5 Post(s)
    Quoted
    5727 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Citazione Originariamente Scritto da davos Visualizza Messaggio
    In pratica L'AIBA che è la federazione dilettantistica sta cercando di portare i dilettanti ad uan specie di semi-professionismo o meglio ad un professionismo dove però si rimane anche dilettante.
    Da qui i punteggi della boxe professionistica, e la mancanza di casco, il punteggio della boxe professionistica cosa porta? è un cambiamento radicale nel senso che prima venivano contati i colpi, quindi potevano essere anche colpi non potenti ma portati bene, ora invece uno può dare anche due o tre colpi e l'altro magari solo uno e potente e quest'ultimo vincere il round. Quindi viene premiata più che la personalità la potenza etc, cioè i requisiti della boxe professionistica.
    Ora il problema è che la boxe professionistica è uno sport davvero violento, per me non è neppure uno sport, è un combattimento e anche molto cruento, chi vuole farlo lo faccia, ma il dilettantismo era un altra cosa, è gente che può essere anche bravissima ma non vuole avere un certo tipo di rischio, ora queste cose vanno tutte in una direzione sbagliata, ci son pugili come Russo o Cammarelle che se non sbaglio hanno all'attivo almeno 200 incontri...immagino se li avessero fatti tutti senza casco...
    Nel 1865 John Sholto Douglas scrisse, insieme all'atleta John Graham Chambers le regole del marchese di Queensberry, ovvero il codice della boxe scientifica che contiene i fondamenti principali comuni anche alla boxe moderna:

    Guantoni: obbligatorio l'uso dei guantoni.
    Round: l'incontro è diviso in più riprese di tre minuti l'una con un intervallo di uno; non vi erano limiti prestabiliti nel numero di riprese, concordato prima fra i pugili, o a discrezione dell'arbitro.

    Knock out (KO): il pugile perdeva se non si riprendeva dai colpi ricevuti entro 10 secondi, mentre il pugile avversario doveva aspettare il comando dell'arbitro per riprendere a colpire.

    Categorie di peso: i pugili sono divisi in categorie di peso. Non possono avvenire incontri tra atleti di categorie differenti. Le categorie erano inizialmente soltanto tre: leggeri, medi e massimi.

    Le nuove regole rendevano il pugilato molto meno violento e lo trasformavano in uno sport di abilità, destrezza e velocità. Per il momento non era ancora stato fissato un numero massimo di riprese, si procedeva quindi ad oltranza fino al KO o allo spossamento di uno dei due pugili.

    Pugilato - Wikipedia

    In questa tradizione un pugilato in cui non conti la potenza dei colpi portati non avrebbe senso, perchè il pugilato moderno nasce come uno sport in cui vince chi riesce ad atterrare l' avversario in modo che non riesca ad alzarsi e tornare a scambiare pugni.
    E' logico che un pugno che fa barcollare l' avversario conti più di 3 pugni che fanno il "solletico".

    La boxe è sia uno sport sia un combattimento.

    Anche nel pugilato dilettantistico i 2 avversari si scambiano pugni e quindi anch' esso può essere considerato uno sport e un combattimento.
    Anche a livello dilettantistico si può vincere per KO , anche se per il numero più ridotto di riprese e anche a causa del casco è meno frequente a meno che ci sia notevole divario tra i 2 pugili

  9. #39
    L'avatar di davos
    Data Registrazione
    Nov 2002
    Messaggi
    47,405
    Mentioned
    12 Post(s)
    Quoted
    8021 Post(s)
    Potenza rep
    42949689
    Citazione Originariamente Scritto da dukeMida Visualizza Messaggio
    Nel 1865 John Sholto Douglas scrisse, insieme all'atleta John Graham Chambers le regole del marchese di Queensberry, ovvero il codice della boxe scientifica che contiene i fondamenti principali comuni anche alla boxe moderna:

    Guantoni: obbligatorio l'uso dei guantoni.
    Round: l'incontro è diviso in più riprese di tre minuti l'una con un intervallo di uno; non vi erano limiti prestabiliti nel numero di riprese, concordato prima fra i pugili, o a discrezione dell'arbitro.

    Knock out (KO): il pugile perdeva se non si riprendeva dai colpi ricevuti entro 10 secondi, mentre il pugile avversario doveva aspettare il comando dell'arbitro per riprendere a colpire.

    Categorie di peso: i pugili sono divisi in categorie di peso. Non possono avvenire incontri tra atleti di categorie differenti. Le categorie erano inizialmente soltanto tre: leggeri, medi e massimi.

    Le nuove regole rendevano il pugilato molto meno violento e lo trasformavano in uno sport di abilità, destrezza e velocità. Per il momento non era ancora stato fissato un numero massimo di riprese, si procedeva quindi ad oltranza fino al KO o allo spossamento di uno dei due pugili.

    Pugilato - Wikipedia

    In questa tradizione un pugilato in cui non conti la potenza dei colpi portati non avrebbe senso, perchè il pugilato moderno nasce come uno sport in cui vince chi riesce ad atterrare l' avversario in modo che non riesca ad alzarsi e tornare a scambiare pugni.
    E' logico che un pugno che fa barcollare l' avversario conti più di 3 pugni che fanno il "solletico".

    La boxe è sia uno sport sia un combattimento.

    Anche nel pugilato dilettantistico i 2 avversari si scambiano pugni e quindi anch' esso può essere considerato uno sport e un combattimento.
    Anche a livello dilettantistico si può vincere per KO , anche se per il numero più ridotto di riprese e anche a causa del casco è meno frequente a meno che ci sia notevole divario tra i 2 pugili
    Non capisco assolutamente il tuo discorso?
    La boxe dilettantistica è solo uno sport e deve rimanere tale, si deve dare dimostrazione di capacità di tecnica certo anche di un po' di potenza..ma solo questo deve essere fatta con la massima sicurezza, e tenendo conto assolutamente della salvezza dei pugili...Stop di cosa facevano 100 anni fa interessa poco...togliere il casco non aggiunge nulla alle capacità del pugile...la boxe dilettantistica è già pericolosa con casco.
    Per quanto mi riguarda mi piace il pugilato professionistico ma è una cosa che non farei mai in modo assoluto...
    Anche i fucili servono per uccidere ma ci son discipline dove vengono usati in tutta sicurezza per colpire un bersaglio...così le moto etc etc..altrimenti facciamo il football americano senza protezioni, etc etc le moto senza casco anche la schermza con armi vere..per lo spettacolo no?

  10. #40
    L'avatar di ERG
    Data Registrazione
    Mar 2004
    Messaggi
    41,512
    Blog Entries
    1
    Mentioned
    13 Post(s)
    Quoted
    2747 Post(s)
    Potenza rep
    42949688
    Boxe, Clemente Russo è d'oro, e si conferma campione del mondo - La Gazzetta dello Sport

    beh?, nessuno degli appassionati esulta ?

    + altri due bronzi,....un pò deludenti però.

Accedi