Consiglio urgente per pagamento - Pagina 3
Crisi nera di Enel a Piazza Affari ed ENI mette freccia sorpasso come peso massimo del Ftse Mib. In agguato anche altri due titoli
Ennesima giornata difficile in Borsa per Enel. La maggiore utility italiana è precipitata oggi ai minimi a 5 anni e mezzo toccando un minimo intraday a 4,15 euro, con un calo giornaliero vicino al 4% per poi andare a chiudere a 4,17 euro (-3,51%). Da inizio anno ENEL segna un tonfo di quasi il 41
Mps: doppio alert aumento capitale-burden sharing, si lancia SOS anche agli hedge fund. Banco BPM: ‘Mai nel nostro radar’
Aumento di capitale Mps sempre più incerto, ora si apprende che l'operazione di ricapitalizzazione da 2,5 miliardi che dovrebbe salvare la banca pot
Febbre tassi BTP e spread: ma la Bce? L’Italia che spaventa, tra sogno mutualizzazione debito e incubo ristrutturazione
L?incubo spread BTP-Bund costringerà la Bce a tornare sui suoi passi e a sfornare uno strumento magari più convincente di quello che ha sfornato alla fine di luglio? E? la domanda che si pone Bloomberg, nell?analizzare la possibilità che la banca centrale europea lanci un nuovo bazooka WhateverItTakes per far rientrare il rischio di una
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #21
    L'avatar di Atakanoseki
    Data Registrazione
    Aug 2017
    Messaggi
    6,438
    Mentioned
    44 Post(s)
    Quoted
    3951 Post(s)
    Potenza rep
    42949678
    Citazione Originariamente Scritto da joe_satriani Visualizza Messaggio
    Mi sono fidato. La sua banca non permetteva bonifici istantanei
    ...poi ci dirai di quale banca si tratta

  2. #22
    L'avatar di perez61
    Data Registrazione
    Jan 2013
    Messaggi
    2,624
    Mentioned
    7 Post(s)
    Quoted
    1053 Post(s)
    Potenza rep
    42949682

  3. #23

    Data Registrazione
    Jul 2021
    Messaggi
    1,293
    Mentioned
    15 Post(s)
    Quoted
    761 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Secondo me non è un problema di strumenti per il pagamento.
    E' che proprio non si fanno così gli affari.
    Alla base della vendita ci deve sempre essere una obbligazione che coinvolge due soggetti. In questo caso sarebbe la promessa di vendita di un bene da parte del venditore a fronte del pagamento di una somma in denaro fatta con strumento tracciabile.
    Si fa un contratto con identificazione di venditore e acquirente e, a pagamento incassato da parte del venditore, si spedisce o si consegna la merce a fronte di ricevuta di consegna del bene.
    Nel caso esposto potrebbe succedere di tutto, dal classico "sta tutto a posto", al mancato pagamento fino al ripensamento da parte dell'acquirente che, dopo aver visionato la merce, decide di non comprarla più.
    Ora, che tutto pare già fatto, non rimane che fidarsi della parola altrui sperando che corrisponda a quella di un galantuomo.
    Ma, ripeto, secondo me è proprio che non si conduce così una compravendita.
    Scusate la franchezza, ma io la penso così.

  4. #24
    L'avatar di JohannesBrahms
    Data Registrazione
    Nov 2013
    Messaggi
    7,609
    Mentioned
    107 Post(s)
    Quoted
    4879 Post(s)
    Potenza rep
    42949681
    Citazione Originariamente Scritto da InnerJoin Visualizza Messaggio
    Secondo me non è un problema di strumenti per il pagamento.
    E' che proprio non si fanno così gli affari.
    Alla base della vendita ci deve sempre essere una obbligazione che coinvolge due soggetti. In questo caso sarebbe la promessa di vendita di un bene da parte del venditore a fronte del pagamento di una somma in denaro fatta con strumento tracciabile.
    Si fa un contratto con identificazione di venditore e acquirente e, a pagamento incassato da parte del venditore, si spedisce o si consegna la merce a fronte di ricevuta di consegna del bene.
    Nel caso esposto potrebbe succedere di tutto, dal classico "sta tutto a posto", al mancato pagamento fino al ripensamento da parte dell'acquirente che, dopo aver visionato la merce, decide di non comprarla più.
    Ora, che tutto pare già fatto, non rimane che fidarsi della parola altrui sperando che corrisponda a quella di un galantuomo.
    Ma, ripeto, secondo me è proprio che non si conduce così una compravendita.
    Scusate la franchezza, ma io la penso così.
    Devi votare altri utenti prima di poter votare InnerJoin ancora.

  5. #25

    Data Registrazione
    Dec 2021
    Messaggi
    1,743
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    1433 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Citazione Originariamente Scritto da InnerJoin Visualizza Messaggio
    Secondo me non è un problema di strumenti per il pagamento.
    E' che proprio non si fanno così gli affari.
    Alla base della vendita ci deve sempre essere una obbligazione che coinvolge due soggetti. In questo caso sarebbe la promessa di vendita di un bene da parte del venditore a fronte del pagamento di una somma in denaro fatta con strumento tracciabile.
    Si fa un contratto con identificazione di venditore e acquirente e, a pagamento incassato da parte del venditore, si spedisce o si consegna la merce a fronte di ricevuta di consegna del bene.
    Nel caso esposto potrebbe succedere di tutto, dal classico "sta tutto a posto", al mancato pagamento fino al ripensamento da parte dell'acquirente che, dopo aver visionato la merce, decide di non comprarla più.
    Ora, che tutto pare già fatto, non rimane che fidarsi della parola altrui sperando che corrisponda a quella di un galantuomo.
    Ma, ripeto, secondo me è proprio che non si conduce così una compravendita.
    Scusate la franchezza, ma io la penso così.
    Putiamo dal principio che normalmente non sono tutti bidoni.
    In ogni modo - salvo non sia un acquirente conosciuto e con storia commerciale - la merce la ritiri solo ad accredito avventino suo CC, ovvero disponibilità dell'assegno bancario o circolare versato sul mio CC

    Se no, ti attacchi caro "compratore"

  6. #26

    Data Registrazione
    Jul 2020
    Messaggi
    3,064
    Mentioned
    39 Post(s)
    Quoted
    2080 Post(s)
    Potenza rep
    42949675
    Doveva incassare prima di consegnare visto che l'instantaneo non poteva farlo. Anche andasse bene è stato un errore fidarsi

  7. #27

    Data Registrazione
    Jan 2021
    Messaggi
    924
    Mentioned
    8 Post(s)
    Quoted
    598 Post(s)
    Potenza rep
    29329978
    Citazione Originariamente Scritto da InnerJoin Visualizza Messaggio
    Secondo me non è un problema di strumenti per il pagamento.
    E' che proprio non si fanno così gli affari.
    Alla base della vendita ci deve sempre essere una obbligazione che coinvolge due soggetti. In questo caso sarebbe la promessa di vendita di un bene da parte del venditore a fronte del pagamento di una somma in denaro fatta con strumento tracciabile.
    Si fa un contratto con identificazione di venditore e acquirente e, a pagamento incassato da parte del venditore, si spedisce o si consegna la merce a fronte di ricevuta di consegna del bene.
    Nel caso esposto potrebbe succedere di tutto, dal classico "sta tutto a posto", al mancato pagamento fino al ripensamento da parte dell'acquirente che, dopo aver visionato la merce, decide di non comprarla più.
    Ora, che tutto pare già fatto, non rimane che fidarsi della parola altrui sperando che corrisponda a quella di un galantuomo.
    Ma, ripeto, secondo me è proprio che non si conduce così una compravendita.
    Scusate la franchezza, ma io la penso così.
    Però così il rischio passa tutto dalla parte dell'acquirente. Se a pagamento incassato la merce non viene più spedita o consegnata?
    Nel commercio internazionale questo problema è stato superato con i crediti documentari e le lettere di credito.

  8. #28

    Data Registrazione
    Jul 2021
    Messaggi
    1,293
    Mentioned
    15 Post(s)
    Quoted
    761 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Citazione Originariamente Scritto da beowulf56 Visualizza Messaggio
    Però così il rischio passa tutto dalla parte dell'acquirente. Se a pagamento incassato la merce non viene più spedita o consegnata?
    Nel commercio internazionale questo problema è stato superato con i crediti documentari e le lettere di credito.
    Appunto che alla base della compravendita ci deve essere un accordo tra le parti che va formalizzato in un contratto.
    Venditore e acquirente si devono accordare sulle modalità di consegna del bene e del pagamento.

    a) Consegna del bene e contestuale pagamento. Ad esempio, avviene quando sono al supermercato.
    b) Prima il pagamento e poi la consegna. Avviene, ad esempio, quando compro su Amazon.
    c) Prima la consegna e poi il pagamento. Ad esempio, quando si compra un bene con versamento di caparra e successivo saldo.
    d) Altri scenari...

    Ci si accorda prima e poi si agisce di conseguenza.
    E se poi qualcosa va storto?
    Si cerca di risolvere civilmente e, se non ci si riesce, non rimane che l'azione legale.

    Sarò mancanza di fantasia, ma io non vedo altro che si possa fare di meglio.

    Citi le lettere di credito. Implica un soggetto terzo. Se ci si riesce può essere una soluzione.
    Ultima modifica di InnerJoin; 30-04-22 alle 10:22

  9. #29

    Data Registrazione
    Jul 2020
    Messaggi
    3,064
    Mentioned
    39 Post(s)
    Quoted
    2080 Post(s)
    Potenza rep
    42949675
    Citazione Originariamente Scritto da beowulf56 Visualizza Messaggio
    Però così il rischio passa tutto dalla parte dell'acquirente. Se a pagamento incassato la merce non viene più spedita o consegnata?
    Nel commercio internazionale questo problema è stato superato con i crediti documentari e le lettere di credito.
    Di base ci vuole una piattaforma che si accolli il rischio tipo ebay/paypal in mezzo (ebay per i venditori nuovi trattiene i soldi per 15 giorni così se si verificano i problemi sono disponibili, se poi il cliente ha pagato con paypal è doppiamente tutelato).
    Fare affari così al buio è possibile anche senza contanti ma solo tramite strumenti tipo i bonifici istantanei o satispay o paypal o simili sistemi di pagamento istantanei.
    I feedback ovviamente aiutano a fidarsi in parte ma la cosa fondamentale è lato utente mai pagare senza alcuna garanzia allo stesso modo in cui il venditore non deve mai spedire/consegnare la merce senza garanzie (perlomeno io non mi fiderei).
    Nel suo caso visto che dovevo dare un consiglio a lui gli ho scritto: non fidarti, prima incassa poi consegna, allo stesso modo in cui avrei consigliato all'acquirente di non fidarsi (prima prendi la merce poi paga).
    Ovviamente se c'è una piattaforma tipo ebay o paypal di mezzo che fa da garanzia è un altro discorso, ma un bonifico normale tra privati non è affidabile.

    Poi per carità c'è sempre la possibilità di denunciare ma a quel punto recuperare 700€ non è proprio banale.

  10. #30

    Data Registrazione
    Sep 2011
    Messaggi
    624
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    394 Post(s)
    Potenza rep
    8599214
    Citazione Originariamente Scritto da InnerJoin Visualizza Messaggio
    Appunto che alla base della compravendita ci deve essere un accordo tra le parti che va formalizzato in un contratto.
    Venditore e acquirente si devono accordare sulle modalità di consegna del bene e del pagamento.

    a) Consegna del bene e contestuale pagamento. Ad esempio, avviene quando sono al supermercato.
    b) Prima il pagamento e poi la consegna. Avviene, ad esempio, quando compro su Amazon.
    c) Prima la consegna e poi il pagamento. Ad esempio, quando si compra un bene con versamento di caparra e successivo saldo.
    d) Altri scenari...

    Ci si accorda prima e poi si agisce di conseguenza.
    E se poi qualcosa va storto?
    Si cerca di risolvere civilmente e, se non ci si riesce, non rimane che l'azione legale.

    Sarò mancanza di fantasia, ma io non vedo altro che si possa fare di meglio.

    Citi le lettere di credito. Implica un soggetto terzo. Se ci si riesce può essere una soluzione.
    Anche fare un contratto non ti impedisce di rimanere fregato (sia come acquirente che come venditore). È vero, poi puoi adire le vie legali in caso di problemi, ma nel frattempo hai perso 7.000 euro. Poi, coi tempi della giustizia italiana, chissà quando li recuperi, se li recuperi, perché non dimentichiamo che se un'azienda va in bancarotta o se una persona è nullatenente, i soldi non li rivedi più.

    La soluzione migliore è quella di fare uno scambio sul momento, usando un bonifico istantaneo, piattaforme tipo PayPal o un servizio di escrow.

Accedi