Comunicazione di recesso inviata dalla banca via posta ordinaria. Che valore ha?
La disuguaglianza dell’inflazione: Donovan (UBS) spiega perché l’inflazione cpi è sbagliata per la maggior parte di noi
L’indice dei prezzi al consumo può essere un valore fuorviante se calcolato in maniera generalizzata per la maggior parte delle persone. “L’inflazione misurata dal consumer price index (CPI) “è una …
Wall Street mette il turbo dopo 100 giorni da incubo, ecco l’entità dei rimbalzi dell’S&P 500 in situazioni simili del passato
Settimana in poderoso recupero per i listini azionari, in particolare Wall Street. A supportare il movimento nelle ultime sedute sono state in prima battuta le minute Fed e poi le …
Tim accelera su rete unica, vicina la firma del MoU con CDP
Seduta all?insegna della bassa volatilità per Tim dopo il CdA di ieri che ha fatto il punto su rete unica e altri temi in vista della presentazione della riorganizzazione del …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1

    Data Registrazione
    Jun 2020
    Messaggi
    265
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    154 Post(s)
    Potenza rep
    3711025

    Comunicazione di recesso inviata dalla banca via posta ordinaria. Che valore ha?

    Buongiorno a tutti.

    Ho ricevuto da una banca una comunicazione di recesso da una carta di credito tramite posta ordinaria.

    Il recesso ha il classico termine di 60 giorni, ma dalla data della comunicazione, che però ci ha messo quasi un mese ad arrivare.

    Che valore ha questo genere di comunicazione? Non dovrebbe essere tracciabile o comunque i termini non dovrebbero decorrere a partire dalla data di ricezione e non dalla data di spedizione?

  2. #2

    Data Registrazione
    Oct 2014
    Messaggi
    1,665
    Mentioned
    26 Post(s)
    Quoted
    667 Post(s)
    Potenza rep
    42949680
    Non è una questione di tracciabilità, ma di valore legale. Sino a vent'anni fa le raccomandate non erano tracciate, ma hanno sempre avuto valore legale, che esiste da ben prima della tracciatura.
    Del resto, esistono metodi tracciati che, ciononostante, non hanno valore legale.

    Una notificazione effettuata a mezzo posta ordinaria (posta massiva, posta 1, posta 4, posta prioritaria) è nulla, ma tale nullità è sanabile dal destinatario che affermi di avere ricevuto la comunicazione o che con i suoi comportamenti dimostri di averne avuto cognizione. Se la ignori (meglio ancora se la distruggi), la controparte non possono opporla in sede giudiziaria e se le fai causa le potresti far male.

  3. #3
    L'avatar di lampadino
    Data Registrazione
    Sep 2013
    Messaggi
    52,026
    Mentioned
    464 Post(s)
    Quoted
    11994 Post(s)
    Potenza rep
    42949681
    Citazione Originariamente Scritto da GekiPower Visualizza Messaggio
    Buongiorno a tutti.

    Ho ricevuto da una banca una comunicazione di recesso da una carta di credito tramite posta ordinaria.

    Il recesso ha il classico termine di 60 giorni, ma dalla data della comunicazione, che però ci ha messo quasi un mese ad arrivare.

    Che valore ha questo genere di comunicazione? Non dovrebbe essere tracciabile o comunque i termini non dovrebbero decorrere a partire dalla data di ricezione e non dalla data di spedizione?
    per non disperdere informazioni,
    meglio postare nella discussione esistente

    Sul Recesso Brutale Unilaterale IMMOTIVATO ed ILLEGITTIMO di alcune banche online

Accedi