Comunicazione di recesso inviata dalla banca via posta ordinaria. Che valore ha?
Tol Expo 2022, chiusa la ventesima edizione: un successo per contenuti e partecipazione
Un successo, per i contenuti espressi e il pubblico presente all?evento. Si può riassumere così questa ventesima edizione della Trading Online Expo, organizzata da Borsa Italiana e tenutasi fisicamente a …
Dividendi Piazza Affari 2022: 19 big del Ftse Mib staccano la cedola lunedì 23 maggio, ecco i titoli più generosi
Sta per arrivare il dividend-day 2022 per Piazza Affari. Lunedì 23 maggio staccheranno la cedola molte delle big del listino milanese. Dopo il corposo antipasto del mese scorso, il più …
Tesla, pressing per lancio buyback in risposta a tonfo del titolo. Musk ha un’altra grana: arriva accusa di molestie a hostess di Space X
Il crollo del titolo Tesla in borsa inizia a pesare anche sui grandi investitori. Il miliardario Leo Koguan, il quale sostiene di essere il terzo maggiore azionista individuale di Tesla, …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1

    Data Registrazione
    Jun 2020
    Messaggi
    264
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    154 Post(s)
    Potenza rep
    3711025

    Comunicazione di recesso inviata dalla banca via posta ordinaria. Che valore ha?

    Buongiorno a tutti.

    Ho ricevuto da una banca una comunicazione di recesso da una carta di credito tramite posta ordinaria.

    Il recesso ha il classico termine di 60 giorni, ma dalla data della comunicazione, che però ci ha messo quasi un mese ad arrivare.

    Che valore ha questo genere di comunicazione? Non dovrebbe essere tracciabile o comunque i termini non dovrebbero decorrere a partire dalla data di ricezione e non dalla data di spedizione?

  2. #2

    Data Registrazione
    Oct 2014
    Messaggi
    1,663
    Mentioned
    26 Post(s)
    Quoted
    666 Post(s)
    Potenza rep
    42949680
    Non è una questione di tracciabilità, ma di valore legale. Sino a vent'anni fa le raccomandate non erano tracciate, ma hanno sempre avuto valore legale, che esiste da ben prima della tracciatura.
    Del resto, esistono metodi tracciati che, ciononostante, non hanno valore legale.

    Una notificazione effettuata a mezzo posta ordinaria (posta massiva, posta 1, posta 4, posta prioritaria) è nulla, ma tale nullità è sanabile dal destinatario che affermi di avere ricevuto la comunicazione o che con i suoi comportamenti dimostri di averne avuto cognizione. Se la ignori (meglio ancora se la distruggi), la controparte non possono opporla in sede giudiziaria e se le fai causa le potresti far male.

  3. #3
    L'avatar di lampadino
    Data Registrazione
    Sep 2013
    Messaggi
    52,015
    Mentioned
    464 Post(s)
    Quoted
    11993 Post(s)
    Potenza rep
    42949681
    Citazione Originariamente Scritto da GekiPower Visualizza Messaggio
    Buongiorno a tutti.

    Ho ricevuto da una banca una comunicazione di recesso da una carta di credito tramite posta ordinaria.

    Il recesso ha il classico termine di 60 giorni, ma dalla data della comunicazione, che però ci ha messo quasi un mese ad arrivare.

    Che valore ha questo genere di comunicazione? Non dovrebbe essere tracciabile o comunque i termini non dovrebbero decorrere a partire dalla data di ricezione e non dalla data di spedizione?
    per non disperdere informazioni,
    meglio postare nella discussione esistente

    Sul Recesso Brutale Unilaterale IMMOTIVATO ed ILLEGITTIMO di alcune banche online

Accedi