Comunicazione di recesso inviata dalla banca via posta ordinaria. Che valore ha?
Sei uno studente universitario appassionato di economia e finanza? Ecco il concorso che fa per te
Secondo il Rapporto OCSE-PISA 2018, che misura l?alfabetizzazione finanziaria degli studenti, l?Italia si colloca al 12mo posto su un campione di 20 Paesi, con il 20,9% dei giovani italiani che …
McDonald’s: l’addio alla Russia di Putin dopo 32 anni. Fine di un’era: con guerra Ucraina ‘business non più sostenibile e coerente con i nostri valori’
E’ la fine di un’era, durata 32 anni, che ha visto McDonald’s prosperare in Russia: un’era iniziata nel 1976, in occasione delle Olimpiadi di Montreal, quando la catena di fast …
Le opportunità in Borsa: Politiche monetarie sotto i riflettori
È da oggi disponibile il nuovo numero di ?Le opportunità in Borsa?, la quindicinale dedicata a consulenti finanziari ed esperti di Borsa. Si è conclusa un?altra settimana difficile per i …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1

    Data Registrazione
    Jun 2020
    Messaggi
    263
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    154 Post(s)
    Potenza rep
    3711025

    Comunicazione di recesso inviata dalla banca via posta ordinaria. Che valore ha?

    Buongiorno a tutti.

    Ho ricevuto da una banca una comunicazione di recesso da una carta di credito tramite posta ordinaria.

    Il recesso ha il classico termine di 60 giorni, ma dalla data della comunicazione, che però ci ha messo quasi un mese ad arrivare.

    Che valore ha questo genere di comunicazione? Non dovrebbe essere tracciabile o comunque i termini non dovrebbero decorrere a partire dalla data di ricezione e non dalla data di spedizione?

  2. #2

    Data Registrazione
    Oct 2014
    Messaggi
    1,663
    Mentioned
    26 Post(s)
    Quoted
    666 Post(s)
    Potenza rep
    42949680
    Non è una questione di tracciabilità, ma di valore legale. Sino a vent'anni fa le raccomandate non erano tracciate, ma hanno sempre avuto valore legale, che esiste da ben prima della tracciatura.
    Del resto, esistono metodi tracciati che, ciononostante, non hanno valore legale.

    Una notificazione effettuata a mezzo posta ordinaria (posta massiva, posta 1, posta 4, posta prioritaria) è nulla, ma tale nullità è sanabile dal destinatario che affermi di avere ricevuto la comunicazione o che con i suoi comportamenti dimostri di averne avuto cognizione. Se la ignori (meglio ancora se la distruggi), la controparte non possono opporla in sede giudiziaria e se le fai causa le potresti far male.

  3. #3
    L'avatar di lampadino
    Data Registrazione
    Sep 2013
    Messaggi
    51,999
    Mentioned
    464 Post(s)
    Quoted
    11987 Post(s)
    Potenza rep
    42949681
    Citazione Originariamente Scritto da GekiPower Visualizza Messaggio
    Buongiorno a tutti.

    Ho ricevuto da una banca una comunicazione di recesso da una carta di credito tramite posta ordinaria.

    Il recesso ha il classico termine di 60 giorni, ma dalla data della comunicazione, che però ci ha messo quasi un mese ad arrivare.

    Che valore ha questo genere di comunicazione? Non dovrebbe essere tracciabile o comunque i termini non dovrebbero decorrere a partire dalla data di ricezione e non dalla data di spedizione?
    per non disperdere informazioni,
    meglio postare nella discussione esistente

    Sul Recesso Brutale Unilaterale IMMOTIVATO ed ILLEGITTIMO di alcune banche online

Accedi