Assegno impagato: la posta dopo 4 mesi non accredita l'importo!
Favola Beyond Meat vacilla a Wall Street, prezzo dimezzato in meno di 3 mesi
La formidabile ascesa a Wall Street di Beyond Meat, la migliore Ipo degli ultimi due decenni con valore in Borsa arrivato a oltre +700%, sembra essersi bruscamente interrotta negli ultimi …
Incubo default per il Vaticano, le rivelazioni del monsignor Salerno e il ruolo di JP Morgan
Il deficit della Santa Sede nel 2018 è raddoppiato a 70 milioni di euro su un budget di circa 300 milioni e da lì Papa Francesco è corso ai ripari affidando …
Lagarde, tra qualche giorno neo presidente Bce: ‘tassi di interesse negativi non hanno toccato ancora il fondo’
Un avvertimento sui tassi sotto zero è stato lanciato però nelle ultime ore da un altro esponente della Bce, l'economista diventato governatore della banca centrale austriaca Oesterreichische Nationalban nel mese …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1

    Data Registrazione
    Oct 2013
    Messaggi
    259
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    197 Post(s)
    Potenza rep
    5124349

    Assegno impagato: la posta dopo 4 mesi non accredita l'importo!

    Salve gente.

    Mi rivolgo a voi perchè siamo all'assurdo, spero possiate aiutarmi in qualche modo.

    ad inizio aprile un parente, erroneamente, mi ha fatto un assegno di piccolo importo, ma ha confuso un libretto con un altro, e così è andato impagato.

    arrivata la lettera, come da istruzioni, ad inizio maggio, ha costituito il deposito maggiorato degli interessi onde evitare iscrizione al CAI, e la posta aveva assicurato che in massimo 2 mesi sarebbe arrivato l'accredito al beneficiario, cioè io.

    Ad oggi, DOPO 4 MESI DALLA COSTITUZIONE DEL DEPOSITO, la posta si è tenuta i soldi e non ha accreditato a me beneficiario l'importo.
    Ho chiamato 3000 volte ma dicono sempre che sollecitano, che bla bla ma non se ne esce.

    Come faccio a riavere i soldi dell'assegno? anche se è poca roba, ormai è una questione di principio

    grazie

  2. #2

    Data Registrazione
    Jan 2015
    Messaggi
    16,284
    Mentioned
    97 Post(s)
    Quoted
    5695 Post(s)
    Potenza rep
    42949677
    Senza entrare nello specifico della vicenda la strada da seguire è ,per così dire,codificata : lettera (raccomandata o PEC) di reclamo alle Poste ,trascorsi 30 giorni ,se non si riceve risposta ,ci si rivolge al ABF ; ovviamente puoi rivolgerti direttamente a un avvocato e agire in sede giudiziarie ma non penso che valga la pena considerato che parliamo di un evento monetariamente di importo non elevato

  3. #3

    Data Registrazione
    Oct 2013
    Messaggi
    259
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    197 Post(s)
    Potenza rep
    5124349
    grazie per il consiglio!
    Ma il reclamo devo farlo io creditore o il mio parente che ha emesso l'assegno?

  4. #4

    Data Registrazione
    Oct 2013
    Messaggi
    259
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    197 Post(s)
    Potenza rep
    5124349
    alla fine lo hanno accreditato più il 10%.

    Non capisco una cosa però.
    Al momento del primo mancato accredito, la banca mi ha trattenuto circa 50 euro come spese di protesto.
    Ora che in seconda presentazione l'assegno è arrivato, non dovrebbero restituirmi l'importo?
    Li ho contattati ma dicono di no...è normale!?

    grazie mille

  5. #5

    Data Registrazione
    Sep 2019
    Messaggi
    43
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    26 Post(s)
    Potenza rep
    1787164
    Citazione Originariamente Scritto da angelozebra Visualizza Messaggio

    Non capisco una cosa però.
    Al momento del primo mancato accredito, la banca mi ha trattenuto circa 50 euro come spese di protesto.
    grazie mille
    mmmm... spese di protesto.... hai fatto fare una verifica in banca dati?

  6. #6

    Data Registrazione
    Oct 2013
    Messaggi
    259
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    197 Post(s)
    Potenza rep
    5124349
    no, non so come si fa! sai la procedura?

  7. #7

    Data Registrazione
    Sep 2019
    Messaggi
    43
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    26 Post(s)
    Potenza rep
    1787164
    Citazione Originariamente Scritto da angelozebra Visualizza Messaggio
    no, non so come si fa! sai la procedura?
    Devi fare una visura protesti persona fisica online presso una camera di commercio. Questo di seguito potrebbe essere un link valido Visura Protesti Persona Fisica Online | Camera di Commercio

    ma se ne cerchi su google ce ne sono altri magari con costi diversi

  8. #8

    Data Registrazione
    Oct 2013
    Messaggi
    259
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    197 Post(s)
    Potenza rep
    5124349
    Ok grazie.

    ma quindi se il protesto c'è la banca non mi restituirà i soldi?

    ps: rep + per te meritatissima

  9. #9

    Data Registrazione
    Sep 2019
    Messaggi
    43
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    26 Post(s)
    Potenza rep
    1787164
    Citazione Originariamente Scritto da angelozebra Visualizza Messaggio
    Ok grazie.

    ma quindi se il protesto c'è la banca non mi restituirà i soldi?

    ps: rep + per te meritatissima
    Beh, se sfortunatamente dovessi trovare un protesto a carico del tuo parente, per quanto riguarda i 50 euro bisogna vedere cosa prevedono i loro fogli informativi sulla questione (i costi che applicano in caso di procedura per protesto assegno). Diciamo che come la vedo io, il tuo parente dovrebbe darti i 50 euro, visto che l'errore e l'eventuale problematica l'ha causata lui.

  10. #10
    L'avatar di gbuttit
    Data Registrazione
    Apr 2003
    Messaggi
    4,417
    Mentioned
    46 Post(s)
    Quoted
    2387 Post(s)
    Potenza rep
    42949689
    Citazione Originariamente Scritto da angelozebra Visualizza Messaggio
    Ok grazie.

    ma quindi se il protesto c'è la banca non mi restituirà i soldi?

    ps: rep + per te meritatissima
    Bè, le spese per la procedura di protesto la banca le ha già sostenute, mica vengono annullate per il fatto che ora l'assegno sia stato caricato correttamente, quindi non le restituiscono di certo.
    Poi tali spese dovresti pretenderle da chi ha causato il protesto, cioè il tuo parente, se poi, per motivi appunto di parentela, non ti va di farlo é una tua scelta...

Accedi