Bunq.com la apple delle mobile bank? - Pagina 145
Piazza Affari sale nonostante batosta Eni. Sul Ftse Mib impennata per STM e Banco BPM
Giornata senza verve oggi per Piazza Affari che alla fine strappa un tiepido segno più. Il Ftse Mib apre il nuovo mese e l’ultimo trimestre dell’anno con un +0,24% a …
Eni su minimi da brivido e -53% Ytd. Possibile buy opportunity che può far da traino a tutto il Ftse Mib
Ennesima giornata difficile per il comparto oil complice il violento dietrofront del petrolio con WTI arrivato fino a -5%. A Piazza Affari sono sotto il fuoco delle vendite ENI (oltre …
Borsa Usa: settembre da dimenticare, ma Big Tech fanno la fortuna nel III trimestre. Nasdaq +11% con Tesla +245%
Un settembre da dimenticare, ma un terzo trimestre di tutto rispetto per la Borsa Usa. Wall Street ha fatto bene nel periodo compreso tra luglio e settembre, grazie ai guadagni …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1441

    Data Registrazione
    May 2010
    Messaggi
    662
    Mentioned
    26 Post(s)
    Quoted
    393 Post(s)
    Potenza rep
    21378146
    Per corroborare il discorso che facevo nel post precedente, vi aggiorno con un riscontro di quest’ultimo week-end, in cui ho speso con Bunq 500CHF.

    Bunq al cambio MC di 0,94160 mi ha chiesto 470,50€.

    Con Revolut, al cambio più favorevole di 0,93460, avrei speso, in settimana e solo per i primi 1000€ 467,30€, con un risparmio di 3,50€; avrei però dovuto prevederlo in anticipo, mentre con questo tempo ballerino la decisione di andare in Engadina l’ho presa all’ultimo. Oltretutto, in caso di cambio fatto in settimana in previsione di una spesa incerta, è normale che la cifra sia in eccedenza (ho caricato sulla Travel 1000€ e poi riportato sul conto italiano il rimanente al rientro a casa); se così avessi fatto con Revolut, non solo avrei superato il limite di 1000€ di cambio senza commissioni (che oltre questa cifra salgono al 2%), ma avrei dovuto comunque pagare la pur minore fee del cambio interbancario per la riconversione in €.

    Quindi, lasciata da parte la teoria, con Revolut, pagando 500CHF direttamente dal conto in €, nel week-end avrei speso fino al 12 agosto 469,64€ (1,16€ di risparmio), comprensive della maggiorazione attuale dello 0,5%, dopo tale data; con la maggiorazione dell’1% avrei speso 471,97€, 1,17€ più di Bunq. Per completezza, con Bunq bisogna aggiungere il costo del bonifico istantaneo per una eventuale ricarica immediata, che varia da banca a bancan io con ISP pago 60 cent.

    Tutto ciò al netto del plus del circuito credit, dello svuotamento con bonifico istantaneo di Bunq, del fatto che i blocchi in Bunq, a leggere la community, ci sono ma sono molto più limitati (forse anche perché essendo banca riesce ad avere prima e meglio quelle informazioni utili ad un veloce sblocco).

    La sintesi è che al netto di spiccioli (davvero tali) di risparmio su un massimale di cambio free di 1000€ (la situazione migliore consente poco più di 7€ di risparmio massimo, almeno coi CHF), Bunq, prodotto più limitato ma esaustivo per il suo scopo, quel poco che fa lo fa bene, e a mio avviso anche un po’ meglio. Conclusione già esposta in passato, ma giova ogni tanto corroborarla coi dati oggettivi e le condizioni aggiornate .
    Ultima modifica di maimo; 13-07-20 alle 10:09

  2. #1442

    Data Registrazione
    Jun 2019
    Messaggi
    351
    Mentioned
    6 Post(s)
    Quoted
    251 Post(s)
    Potenza rep
    8123392
    Citazione Originariamente Scritto da maimo Visualizza Messaggio
    Per corroborare il discorso che facevo nel post precedente, vi aggiorno con un riscontro di quest’ultimo week-end, in cui ho speso con Bunq 500CHF.

    Bunq al cambio MC di 0,94160 mi ha chiesto 470,50€.

    Con Revolut, al cambio più favorevole di 0,93460, avrei speso, in settimana e solo per i primi 1000€ 467,30€, con un risparmio di 3,50€; avrei però dovuto prevederlo in anticipo, mentre con questo tempo ballerino la decisione di andare in Engadina l’ho presa all’ultimo. Oltretutto, in caso di cambio in settimana, è normale che la cifra sia in eccedenza (ho caricato sulla Travel 1000€ e poi riportato sul conto Italiano il rimanente al rientro a casa), e se avessi fatto questa operazione con Revolut, non solo avrei superato il limite di 1000€ di cambio senza commissioni (che oltre questa cifra salgono al 2%), ma avrei dovuto comunque pagare la pur minore fee del cambio interbancario.

    Quindi, lasciata da parte la teoria, con Revolut, pagando 500CHF direttamente dal conto in €, nel week-end avrei speso fino al 12 agosto 469,64€ (1,16€ di risparmio), comprensive della maggiorazione attuale dello 0,5%, dopo tale data; con la maggiorazione dell’1% avrei speso 471,97€, 1,17€ più di Bunq.

    Tutto ciò al netto del plus del circuito credit, dello svuotamento con bonifico istantaneo di Bunq, del fatto che i blocchi in Bunq, a leggere la community, ci sono ma sono molto più limitati (forse anche perché essendo banca riesce ad avere prima e meglio quelle informazioni utili ad un veloce sblocco). Per completezza, con Bunq bisogna aggiungere il costo del bonifico istantaneo che varia da banca a banca e che io con ISP pago 60 cent.

    La sintesi è che al netto di spiccioli (davvero tali) di risparmio su un massimale di cambio free di 1000€ (la situazione migliore consente poco più di 7€ di risparmio), Bunq, prodotto più limitato ma esaustivo per il suo scopo, quel poco che fa, lo fa bene, e a mio avviso anche un poco meglio. Conclusione già esposta in passato, ma giova ogni tanto corroborarla coi dati oggettivi .
    Stai confrontando prodotti diversi... li associ tra loro solo perché consideri l'unica funzionalità a te necessaria, ovvero il cambio valuta, perché se dovessi considerare in toto i due prodotti, avresti da un lato Bunq che fa solo quello, mentre Revolut che fa quello e anche altro, bonifici, ricarica con CC, link di pagamento, acquisto azioni, vault di deposito / accantonamento ecc....

    Ciò detto e considerato il solo cambio valuta come funzionalità beh... dipende. Nel tuo caso effettivo la realtà dei fatti è che hai avuto un risparmio con Revolut rispetto a Bunq, per stravolgere la situazione a vantaggio di Bunq hai iniziato ad introdurre una serie di "SE". Ergo, nel tuo caso ha vinto Revolut

  3. #1443

    Data Registrazione
    May 2010
    Messaggi
    662
    Mentioned
    26 Post(s)
    Quoted
    393 Post(s)
    Potenza rep
    21378146
    Citazione Originariamente Scritto da SorryForTehTypo Visualizza Messaggio
    Stai confrontando prodotti diversi... li associ tra loro solo perché consideri l'unica funzionalità a te necessaria, ovvero il cambio valuta, perché se dovessi considerare in toto i due prodotti, avresti da un lato Bunq che fa solo quello, mentre Revolut che fa quello e anche altro, bonifici, ricarica con CC, link di pagamento, acquisto azioni, vault di deposito / accantonamento ecc....

    Ciò detto e considerato il solo cambio valuta come funzionalità beh... dipende. Nel tuo caso effettivo la realtà dei fatti è che hai avuto un risparmio con Revolut rispetto a Bunq, per stravolgere la situazione a vantaggio di Bunq hai iniziato ad introdurre una serie di "SE". Ergo, nel tuo caso ha vinto Revolut
    Non sono d’accordo. Io uso Revolut per piccole spese e SE viene accettata funziona bene. Ma per funzioni di tipo bancario non mi affido a uno strumento che, SE non ti bloccano il conto, fa le stesse cose di un conto gratuito italiano, senza far entrare e uscire il denaro dal territorio nazionale. Mi chiedo poi chi acquisti azioni o crypto con Revolut, mah...

    Il mio discorso è che La Travel card a mio avviso è attualmente un prodotto leggermente più costoso in termini di cambio rispetto a Revolut (ma per pochi spiccioli e nei week-end da agosto quest’ultima sarà anche più costosa, sempre in termini di spiccioli e sempre che non si superino i 1000€ di controvalore in valuta, altrimenti il 2% che si paga con Revolut è davvero troppo, specie per il tipo di prodotto), però la carichi all’istante per qualsiasi importo, hai solo remote possibilità di blocco, viene accettata davvero dappertutto (ho pagato in un rifugio a 3600m!), in sintesi, a mio avviso è più affidabile.

    Poi, visto che non mi ha pagato nessuno, ciascuno decide in base alle proprie esigenze; ma siccome leggo di gente che va nel panico quando una transazione viene rifiutata e altrettanta che ritiene che Revolut tutta la vita perché si risparmia, penso che sia utile condividere un’esperienza concreta, con tanto di numeri, poi ciascuno trae le sue conclusioni.

  4. #1444
    L'avatar di Oudi
    Data Registrazione
    Sep 2010
    Messaggi
    2,776
    Mentioned
    32 Post(s)
    Quoted
    1363 Post(s)
    Potenza rep
    42949683
    Oggi mi è arrivata una mail da BUNQ in cui vengo avvisato che domani mi verranno addebitate delle spese e che non ho credito a sufficienza. Le uniche spese segnalate che mi verrebbero addebitate domani sono i 2 centesimi per la ricarica tramite link di pagamento di cui avevo parlato. E il credito c'è e lo copre. Ho messo altri 10 euro, chissà quanto mi addebiteranno. Se mi addebitano più di 2 centesimi chiudo il conto immediatamente perchè manca proprio la trasparenza.

  5. #1445

    Data Registrazione
    Mar 2020
    Messaggi
    27
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    13 Post(s)
    Potenza rep
    0
    A me €2,62 per aver ricaricato poco più di €100 tramite link . La commissione non era evidenziata da nessuna parte, ho scritto al supporto ma sono sicuro che non risponderanno. L'ultima volta che ho scritto sono passati 3 giorni e poi ho chiuso il ticket direttamente.

  6. #1446
    L'avatar di stenickmav
    Data Registrazione
    Apr 2012
    Messaggi
    5,692
    Mentioned
    44 Post(s)
    Quoted
    3750 Post(s)
    Potenza rep
    42520185
    E poi qualcuno chiedeva quali fossero i costi nascosti

  7. #1447
    L'avatar di Oudi
    Data Registrazione
    Sep 2010
    Messaggi
    2,776
    Mentioned
    32 Post(s)
    Quoted
    1363 Post(s)
    Potenza rep
    42949683
    Citazione Originariamente Scritto da peppino94 Visualizza Messaggio
    A me €2,62 per aver ricaricato poco più di €100 tramite link . La commissione non era evidenziata da nessuna parte, ho scritto al supporto ma sono sicuro che non risponderanno. L'ultima volta che ho scritto sono passati 3 giorni e poi ho chiuso il ticket direttamente.
    Ti è arrivata l'email con la "minaccia"?

    "Il prelievo e/o le commissioni per la ricarica della tua Travel Card saranno addebitate sul tuo conto domani, sembrerebbe che non siano presenti i fondi necessari sul tuo conto. Certo che vogliamo che continui a usare le fantastiche funzionalità di bunq senza alcuna seccatura"

    La seccatura quale sarebbe? Non lo specificano. Sembra quasi l'offerta che non si può rifiutare

    Comunque i fondi erano presenti. Ho aggiunto altri 10 euro dopo la loro email.

  8. #1448

    Data Registrazione
    May 2010
    Messaggi
    662
    Mentioned
    26 Post(s)
    Quoted
    393 Post(s)
    Potenza rep
    21378146
    Non credo che la commissione per il link (spropositata, concordo) debba essere vista come una variazione delle condizioni: quella per il top-up con carta è rimasta allo 0,5%, e il link è considerato un servizio diverso; forse i due servizi si associano avendo in mente Revolut, che li equipara nella loro gratuità.

    Io penso che le commissioni siano volutamente disincentivanti (per tutti i piani in cui il link è previsto) in un'ottica antiriciclaggio: per pochi spiccioli ti offro un servizio utile per dividere la pizza con chi non ha Bunq, ma se mandi un link per una cifra importante (e che quindi ti costa molto) c'è qualcosa che non va. Poi certo, avrebbero potuto impostare una soglia senza commissioni, oppure dei massimali; ma tant'è.

    Circa la presenza del link nella Travel card, a me sembra un evidente bug di configurazione; non solo perché non annunciata né prevista dalle condizioni, ma perché non pertinente alla finalità del prodotto, nato per essere altro da un conto vero e proprio.

    Indubbiamente, anche dal tenore della mail, hanno modi spicci e trasparenza discutibile; mi sembra però un problema di stile, più che di sostanza. Credo che la maggior parte degli Istituti italiani, con tutti i loro limiti, in un caso come questo, e nonostante la non completa "innocenza" del cliente nell'approfittare della disponibilità del servizio, si sarebbero fatti carico della commissione rimborsandola, oltre ovviamente ad inibire tempestivamente la funzione.

    Ma, perdonatemi l'antipatia, se in generale è vero che l'esercente professionale deve farsi carico di predisporre strumenti coerenti, idonei ad orientare la scelta libera ed informata del consumer, è anche vero che quest'ultimo non può, formalisticamente, fare sempre la "verginella" perché per una volta qualcuno (in ipotesi) è stato, in carenza d'informazione per un servizio peraltro non previsto, più furbo di lui (e sia chiaro, nonostante la premessa non credo che qui ci sia un comportamento intenzionale da parte di Bunq). Questo è un atteggiamento importato dal mondo anglosassone che sempre più trova riconoscimento nelle nostre aule per ragioni di economia giudiziaria, ma credetemi, obbedisce a criteri di efficienza che ben poco hanno a che vedere con le migliori ragioni del diritto. La conseguenza più immediata è che, come ha già scritto qualcuno, i giovani che vogliono rivoluzionare il mondo dei vecchi poi finiscono per fare come loro, o anche peggio, perché i clienti con cui si trovano ad operare si comportano peggio (o più da furbi, vedetela come volete) di quelli con cui i vecchi avevano a che fare. Alla fine, si perde tutti quella parte di buono che l'aria fresca aveva portato.

    Verificate che un nuovo servizio sia previsto, e a quali condizioni, prima di accedervi. E, consiglio da matusa, non continuate a spostare denaro di qua e di là tanto per giocare: finire in un accertamento pur sapendo di uscirne immacolati è comunque un'esperienza che vale la pena di evitare. Parola di giovane marmotta.

  9. #1449
    L'avatar di Oudi
    Data Registrazione
    Sep 2010
    Messaggi
    2,776
    Mentioned
    32 Post(s)
    Quoted
    1363 Post(s)
    Potenza rep
    42949683
    Citazione Originariamente Scritto da maimo Visualizza Messaggio
    Non credo che la commissione per il link (spropositata, concordo) debba essere vista come una variazione delle condizioni: quella per il top-up con carta è rimasta allo 0,5%, e il link è considerato un servizio diverso; forse i due servizi si associano avendo in mente Revolut, che li equipara nella loro gratuità.

    Io penso che le commissioni siano volutamente disincentivanti (per tutti i piani in cui il link è previsto) in un'ottica antiriciclaggio: per pochi spiccioli ti offro un servizio utile per dividere la pizza con chi non ha Bunq, ma se mandi un link per una cifra importante (e che quindi ti costa molto) c'è qualcosa che non va. Poi certo, avrebbero potuto impostare una soglia senza commissioni, oppure dei massimali; ma tant'è.

    Circa la presenza del link nella Travel card, a me sembra un evidente bug di configurazione; non solo perché non annunciata né prevista dalle condizioni, ma perché non pertinente alla finalità del prodotto, nato per essere altro da un conto vero e proprio.

    Indubbiamente, anche dal tenore della mail, hanno modi spicci e trasparenza discutibile; mi sembra però un problema di stile, più che di sostanza. Credo che la maggior parte degli Istituti italiani, con tutti i loro limiti, in un caso come questo, e nonostante la non completa "innocenza" del cliente nell'approfittare della disponibilità del servizio, si sarebbero fatti carico della commissione rimborsandola, oltre ovviamente ad inibire tempestivamente la funzione.

    Ma, perdonatemi l'antipatia, se in generale è vero che l'esercente professionale deve farsi carico di predisporre strumenti coerenti, idonei ad orientare la scelta libera ed informata del consumer, è anche vero che quest'ultimo non può, formalisticamente, fare sempre la "verginella" perché per una volta qualcuno (in ipotesi) è stato, in carenza d'informazione per un servizio peraltro non previsto, più furbo di lui (e sia chiaro, nonostante la premessa non credo che qui ci sia un comportamento intenzionale da parte di Bunq). Questo è un atteggiamento importato dal mondo anglosassone che sempre più trova riconoscimento nelle nostre aule per ragioni di economia giudiziaria, ma credetemi, obbedisce a criteri di efficienza che ben poco hanno a che vedere con le migliori ragioni del diritto. La conseguenza più immediata è che, come ha già scritto qualcuno, i giovani che vogliono rivoluzionare il mondo dei vecchi poi finiscono per fare come loro, o anche peggio, perché i clienti con cui si trovano ad operare si comportano peggio (o più da furbi, vedetela come volete) di quelli con cui i vecchi avevano a che fare. Alla fine, si perde tutti quella parte di buono che l'aria fresca aveva portato.

    Verificate che un nuovo servizio sia previsto, e a quali condizioni, prima di accedervi. E, consiglio da matusa, non continuate a spostare denaro di qua e di là tanto per giocare: finire in un accertamento pur sapendo di uscirne immacolati è comunque un'esperienza che vale la pena di evitare. Parola di giovane marmotta.
    Non sono d'accordo su quasi nulla di quello che hai scritto. Se, ad esempio, io pago la mia connessione ad internet per 20 mega (con i costi di una 20 mega) ma per errore del provider mi viene aumentata a 200 mega e io la utilizzo non può poi farmi pagare l'abbonamento da 200 mega. O, ad esempio, se Sky per errore mi consente la visione di un pacchetto - Cinema ad esempio - non presente nel mio bouquet non può poi farmi pagare pure la visione di quel pacchetto: non l'ho richiesto e se risulta disponibile alla visione non è colpa mia. E' successo recentemente con DAZN: non richiesto mi è stato addebitato. Poi mi è stato stornato, infatti, il costo di quella mensilità. Io avevo anche telefonato e mi era stato detto che visto che era "aperto" alla visione dovevo prenderlo come un regalo ma che non mi sarebbe stato addebitato e che alla fine del mese si sarebbe staccata la visione. In effetti a fine mese si è interrotta la visione del canale ma l'addebito c'è stato. Poi stornato.

    Questo era solo un esempio ma io ho preso atto che ci fossero dei costi occulti in Bunq. "Occulti" perchè non segnalati. Quando me ne sono accorto non ho nemmeno inviato reclamo (per due centesimi non valeva la pena nemmeno perdere tempo) e ho deciso che li avrei pagati. Erano presenti alcuni euro di saldo per una commissione di due centesimi. Mi scrivono che non bastano e ricarico di altri 10 euro. Poco fa mi viene addebitata la fattura: 2 centesimi.

  10. #1450

    Data Registrazione
    Mar 2020
    Messaggi
    27
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    13 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Dopo più di 24 ore hanno risposto: l'operatore ha scritto di non essere in grado di rimborsare, che avrebbe informato un ufficio competente e che si attiveranno per inserire un avviso riguardo la commissione. Gli ho fatto presente che non è corretto da parte loro avere dei costi nascosti.
    Inoltre anche lui si è reso conto che questa è una funzione che non dovrebbe essere attiva nel piano travel card. Ha scritto che mi farà sapere riguardo il rimborso (ma in realtà sembra abbia chiuso il ticket)

Accedi