Conto corrente USA da aprire online dall'Italia: è possibile?
Flop del vaccino CureVac sponsorizzato da Musk, titolo sprofonda a -52%. Un problema per l’UE e per i paesi più poveri
CureVac promosso da Musk crollano dopo che lo studio sul vaccino mostra solo il 47% di efficacia Crollo in Borsa per CureVac dopo i deboli riscontri del suo candidato vaccino …
Fed porta scompiglio sui mercati: inflazione più forte del previsto, dal dot plot due rialzi tassi nel 2023. Ma Powell consiglia lettura cum grano salis
"Non è quello che i mercati si aspettavano. La Fed sta indicando che i tassi dovranno essere alzati più velocemente e più presto, con l'outlook di due rialzi nel 2023. …
La Fed cambia spartito, ecco chi vince e chi perde a Piazza Affari con svolta hawkish. Banche e utility prendono direzioni opposte
La prima parziale svolta hawkish della Federal Reserve si fa sentire solo in parte oggi su Piazza Affari. La Borsa di Milano riesce a tenere a bada le vendite grazie …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1

    Data Registrazione
    Jan 2012
    Messaggi
    4
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    0 Post(s)
    Potenza rep
    0

    Conto corrente USA da aprire online dall'Italia: è possibile?

    Salve,

    è possibile aprire un c/c negli Stati Uniti via internet dall'Italia, senza neanche esserci mai stati nel USA?

  2. #2
    L'avatar di Fabix
    Data Registrazione
    Jan 2009
    Messaggi
    1,508
    Mentioned
    22 Post(s)
    Quoted
    191 Post(s)
    Potenza rep
    42949685
    Io l'ho fatto

  3. #3

    Data Registrazione
    Jan 2012
    Messaggi
    4
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    0 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Citazione Originariamente Scritto da Fabix Visualizza Messaggio
    Io l'ho fatto
    ottimo!
    e magari non è che mi dici anche come si fa?

  4. #4
    L'avatar di Fabix
    Data Registrazione
    Jan 2009
    Messaggi
    1,508
    Mentioned
    22 Post(s)
    Quoted
    191 Post(s)
    Potenza rep
    42949685
    Premesso che fino a poco tempo fa anche io vagavo disperatamente alla ricerca di qualche informazione sui vari forum, e quindi so bene quanto è difficoltoso reperire qualche info utile, provo a raccontarti la mia esperienza.

    All'inizio dalle fonti ufficiali sembrava che non si potesse aprire un conto negli USA senza andare fisicamente ad aprirlo...

    Dopo milioni di ricerche mi sono imbattuto in una banca che ufficialmente dichiarava che fosse possibile. E più precisamente la Mercantil Commerce Bank Untitled Document

    Ora non so tu ma io quella banca non l'ho mai sentita nominare prima, e anche cercando info sulla sua solidità non ho trovato nulla di particolarmente incoraggiante.

    Detto questo ti elenco innanzitutto quello che tale banca chiedeva per aprire un conto da non residente usa:

    1) La tua firma in originale
    2) Il modulo 8-WBEN compilato e firmato in originale (tale modulo serve ad evitare la doppia tassazione degli interessi)
    3) Fotocopia del tuo passaporto
    4) Questionario Clienti compilato
    5) Due lettere di referenze da altre banche
    6) Un deposito minimo di 3.000 $

    A quel punto ero un tantino scoraggiato... andarsi a far compilare 2 lettere di referenze da 2 banche diverse Italiane per aprire un conto alla sconosciuta Mercantil CommerceBank mi sembrava un po' uno sbattimento eccessivo...

    Dal momento però che avevo delle piccole partecipazioni in un'azienda USA che aveva il conto bancario alla JP Morgan Chase, ho provato a farmi dare il contatto di un banker della Chase. Gli ho scritto chiedendo se fosse possibile aprire un conto privato presso di loro (gli ho anche indicato a quale tipo di conto ero interessato) e che ero residente in Italia e che volevo fare tutto online...

    Mi ha risposto chiedendomi tutti i miei dati e la fotocopia del mio passaporto. Ho inviato queste cose via email. Pochi giorni dopo è arrivato a casa mia il corriere DHL con il contratto da firmare e il modulo 8-WBEN già compilato e solo da firmare.

    Ho firmato tutto e ho rispedito tramite raccomandata internazionale.

    Circa 7-10 giorni dopo ho ricevuto via email dal mio banker le coordinate del conto e i dati di accesso temporanei alla banca via internet (appena entri nel conto ti fa modificare i dati di accesso)... Da quel momento ero pienamente operativo.

    Dopo circa altri 7-10 giorni ho ricevuto a casa il bancomat.

    Il conto che ho aperto io è il ckecking di base, con un bilancio giornaliero di almeno 1.500 $ non hai alcuna spesa. Tuttavia in questo conto (e anche negli altri di questa banca) hai interessi praticamente pari a 0. D'altro canto la JP Morgan Chase è una delle più grandi e sicure banche al mondo.

    La Chase non mi ha chiesto nessuna lettera di referenza e la procedura di apertura è stata a dir poco banale. Non ti so dire però se sia stato tutto merito del fatto che avevo partecipazioni societarie in un'azienda USA che aveva conto presso di loro, o se facciano così con tutti.

    Di sicuro penso che in questo periodo i soldi non facciano schifo a nessuno e che ogni banca (e probabilmente anche ogni filiale) faccia un po' come gli pare.

    Io ti consiglio quindi di scegliere una banca USA che ti esprime fiducia, cercare tramite internet contatti di qualche banker o contattare direttamente la banca chiedendo la procedura da loro utilizzata per aprire un conto da non residente

    Spero di esserti stato utile!
    Fabio

  5. #5
    L'avatar di livello
    Data Registrazione
    Aug 2008
    Messaggi
    885
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    3 Post(s)
    Potenza rep
    17410568
    Citazione Originariamente Scritto da Fabix Visualizza Messaggio
    Premesso che fino a poco tempo fa anche io vagavo disperatamente alla ricerca di qualche informazione sui vari forum, e quindi so bene quanto è difficoltoso reperire qualche info utile, provo a raccontarti la mia esperienza.

    All'inizio dalle fonti ufficiali sembrava che non si potesse aprire un conto negli USA senza andare fisicamente ad aprirlo...

    Dopo milioni di ricerche mi sono imbattuto in una banca che ufficialmente dichiarava che fosse possibile. E più precisamente la Mercantil Commerce Bank Untitled Document

    Ora non so tu ma io quella banca non l'ho mai sentita nominare prima, e anche cercando info sulla sua solidità non ho trovato nulla di particolarmente incoraggiante.

    Detto questo ti elenco innanzitutto quello che tale banca chiedeva per aprire un conto da non residente usa:

    1) La tua firma in originale
    2) Il modulo 8-WBEN compilato e firmato in originale (tale modulo serve ad evitare la doppia tassazione degli interessi)
    3) Fotocopia del tuo passaporto
    4) Questionario Clienti compilato
    5) Due lettere di referenze da altre banche
    6) Un deposito minimo di 3.000 $

    A quel punto ero un tantino scoraggiato... andarsi a far compilare 2 lettere di referenze da 2 banche diverse Italiane per aprire un conto alla sconosciuta Mercantil CommerceBank mi sembrava un po' uno sbattimento eccessivo...

    Dal momento però che avevo delle piccole partecipazioni in un'azienda USA che aveva il conto bancario alla JP Morgan Chase, ho provato a farmi dare il contatto di un banker della Chase. Gli ho scritto chiedendo se fosse possibile aprire un conto privato presso di loro (gli ho anche indicato a quale tipo di conto ero interessato) e che ero residente in Italia e che volevo fare tutto online...

    Mi ha risposto chiedendomi tutti i miei dati e la fotocopia del mio passaporto. Ho inviato queste cose via email. Pochi giorni dopo è arrivato a casa mia il corriere DHL con il contratto da firmare e il modulo 8-WBEN già compilato e solo da firmare.

    Ho firmato tutto e ho rispedito tramite raccomandata internazionale.

    Circa 7-10 giorni dopo ho ricevuto via email dal mio banker le coordinate del conto e i dati di accesso temporanei alla banca via internet (appena entri nel conto ti fa modificare i dati di accesso)... Da quel momento ero pienamente operativo.

    Dopo circa altri 7-10 giorni ho ricevuto a casa il bancomat.

    Il conto che ho aperto io è il ckecking di base, con un bilancio giornaliero di almeno 1.500 $ non hai alcuna spesa. Tuttavia in questo conto (e anche negli altri di questa banca) hai interessi praticamente pari a 0. D'altro canto la JP Morgan Chase è una delle più grandi e sicure banche al mondo.

    La Chase non mi ha chiesto nessuna lettera di referenza e la procedura di apertura è stata a dir poco banale. Non ti so dire però se sia stato tutto merito del fatto che avevo partecipazioni societarie in un'azienda USA che aveva conto presso di loro, o se facciano così con tutti.

    Di sicuro penso che in questo periodo i soldi non facciano schifo a nessuno e che ogni banca (e probabilmente anche ogni filiale) faccia un po' come gli pare.

    Io ti consiglio quindi di scegliere una banca USA che ti esprime fiducia, cercare tramite internet contatti di qualche banker o contattare direttamente la banca chiedendo la procedura da loro utilizzata per aprire un conto da non residente

    Spero di esserti stato utile!
    Fabio
    Complimenti per il post.
    Aggiungo che il conto con chase che hai sottoscritto e' pari a quello che mi avevano proposto quando sono stato negli US, stesse condizione e con 1500$ zero costi. Ho optato per BofA, perche' non aveva alcun costo a prescindere dalla somma depositata e ho potuto personalizzare la mia debt visa!

  6. #6

    Data Registrazione
    Jan 2012
    Messaggi
    4
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    0 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Grazie mille Fabix per il tuo racconto!
    sono sicuro che mi sarà molto utile!

  7. #7
    L'avatar di Fabix
    Data Registrazione
    Jan 2009
    Messaggi
    1,508
    Mentioned
    22 Post(s)
    Quoted
    191 Post(s)
    Potenza rep
    42949685
    Citazione Originariamente Scritto da livello Visualizza Messaggio
    Complimenti per il post.
    Aggiungo che il conto con chase che hai sottoscritto e' pari a quello che mi avevano proposto quando sono stato negli US, stesse condizione e con 1500$ zero costi. Ho optato per BofA, perche' non aveva alcun costo a prescindere dalla somma depositata e ho potuto personalizzare la mia debt visa!
    Si certamente chi ha la possibilità di stare fisicamente negli USA ha un ventaglio di possibilità infinitamente superiore

  8. #8
    L'avatar di Fabix
    Data Registrazione
    Jan 2009
    Messaggi
    1,508
    Mentioned
    22 Post(s)
    Quoted
    191 Post(s)
    Potenza rep
    42949685
    Citazione Originariamente Scritto da lamemind Visualizza Messaggio
    Grazie mille Fabix per il tuo racconto!
    sono sicuro che mi sarà molto utile!
    Visto che ci sono ti do qualche altra info.

    Negli USA ci sono caratteristiche un po' assurde per chi è abituato al funzionamento delle Banche Italiane. Ad esempio i bonifici bancari in USA (wire-transfer) costano decisamente cari... Se io ad esempio volessi inviare un bonifico dalla mia banca USA alla mia banca Italiana spenderei 40$ solo per il bonifico Un bel salasso per chi è abituato ai costi molto bassi delle Banche Italiane.

    Un'altra caratteristica che ti farà storcere il naso è che in USA, se ricevi un wire-transfer ti addebitano un costo. Nel mio caso per ogni wire-transfer che ricevo mi pare che mi addebitino 15$. E questa cosa certamente da parecchio fastidio a tanti...

    In USA infatti per i pagamenti interni usano un'altra tipologia di bonifici che si chiamano ACH transfer, che spesso sono gratuiti o a costi veramente minimi... il problema è che si possono usare solo da banca USA a banca USA

    Quindi quando vai a scegliere il tuo conto dai un'attenta letta a tutti i costi, e segli basandoti sulle tue necessità

    Fabio

  9. #9

    Data Registrazione
    Dec 2010
    Messaggi
    102
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    1 Post(s)
    Potenza rep
    4088468
    Citazione Originariamente Scritto da Fabix Visualizza Messaggio

    In USA infatti per i pagamenti interni usano un'altra tipologia di bonifici che si chiamano ACH transfer, che spesso sono gratuiti o a costi veramente minimi... il problema è che si possono usare solo da banca USA a banca USA
    Io ho ricevuto un bonifico ACH sul mio conto non USA....

  10. #10

    Data Registrazione
    Oct 2008
    Messaggi
    5
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    1 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Citazione Originariamente Scritto da Fabix Visualizza Messaggio
    JP Morgan Chase, ho provato a farmi dare il contatto di un banker della Chase. Gli ho scritto chiedendo se fosse possibile aprire un conto privato presso di loro (gli ho anche indicato a quale tipo di conto ero interessato) e che ero residente in Italia e che volevo fare tutto online...
    Ciao a tutti,
    mi trovo anche io nelle condizioni di avere la necessità di aprire un CC in USA dall'Italia. Ancora non sono titolare di partecipazioni in società americane ma dovrò investire dei soldi in un business tramite mio fratello che vive a NYC.

    Ho provato a cercare in rete il contatto di qualche banker per poter aprire un CC dall'Italia ma non sono stato fortunato come Fabix.

    Qualcuno di voi mi può aiutare? Qualcuno avrebbe a disposizione qualche contatto? CHASE o BofA andrebbero benissimo.

    Grazie mille in anticipo per l'aiuto
    SaRo

Accedi