Si tratta della tipica polizza che è polizza quasi solo di nome perché prodotto quasi esclusivamente di natura finanziaria. A scadenza, dopo sei anni, garantisce il capitale (bello sforzo!) ed un eventuale guadagno calcolato col solito meccanismo della media delle rilevazioni periodiche (ben 20 rilevazioni) dell'indice S&P All Stars Europe Basket. La media viene scelta apposta per evitare i picchi al rialzo del rendimento, abbassando quindi le probabilità a favore degli investitori. Il capitale è garantito da un'obbligazione della banca SNS, gruppo olandese. Quasi nessun possessore di polizze strutturate sa che se l'emittente dell'obbligazione fallisce, lui ha perso tutti i soldi perché l'esistenza della polizza verte sull'obbligazione sottostante. SNS, comunque, è un gruppo grande (rating A) e quindi tali probabilità sono alquanto scarse, ma è bene non dimenticare mai la presenza del rischio relativo all'emittente del titolo.

Il valore del bond all'emissione è 83.94, quello dell'opzione 9.56. Il totale è 93.5. La polizza viene emessa a 100, il che vuol dire che il cliente paga ben il 6.5% di costi impliciti per ottenere un prodotto con pessime probabilità di guadagno a suo favore.

In caso di riscatto anticipato, poi, sono dolori: si ottiene il valore corrente dello strumento (e basta pensare che si parte con un handicap del 6.5%) e c'è anche una penale del 5% sul valore.
La copertura dal caso morte è molto scarsa mentre impignorabilità, insequestrabilità ed esclusione dall'asse ereditario, argomenti da sempre sbandierati dai venditori, servono solo a chi ne ha bisogno.

Il suggerimento, quindi, è quello di evitare la sottoscrizione della polizza.