Esiste un prodotto assicurativo completo? - Pagina 3
Zavorra tassi negativi per le banche, le italiane limitano danni rispetto a costi monstre per le tedesche
Le banche europee hanno pagato alla BCE 25 miliardi di euro di interessi, inclusi i 6,7 miliardi del 2019. Le più penalizzate le banche tedesche che hanno pagato un terzo …
Per Telecom Italia gennaio da incubo, già -11% e titolo ripiomba sotto 0,50 euro. Parole Gubitosi su rete unica non convincono mercato
Non bastano le dichiarazioni incoraggianti dell’ad Luigi Gubitosi per risollevare il titolo Telecom. Anche oggi segna un calo di circa mezzo punto percentuale, tornando sotto quota 50 centesimi. Bloomberg ha …
Christine Lagarde conferma la sua natura di gufo. E garantisce una Bce green
Che si voglia smarcare dalla platea piuttosto nutrita di falchi e colombe e che in generale voglia distinguersi, è piuttosto evidente. Christine Lagarde, numero uno della Bce, si presenta alla …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #21
    L'avatar di Farge
    Data Registrazione
    Dec 2008
    Messaggi
    743
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    112 Post(s)
    Potenza rep
    28291015
    Citazione Originariamente Scritto da Mojito F.C. Visualizza Messaggio
    Ad esempio in un caso basico quindi confrontabilissimo fra compagnie: maschio 40 anni non fumatore, no malattie, niente di particolare, 30-40k caso malattia senza troppe esclusioni e ladrate varie, 30-40k caso morte, frazionam semestrale, molto semplicemente, io ti pago e tu se mi accade qualcosa mi paghi con il minimo sindacale di fastidi

    quali sono i prodotti che soddisfano meglio questa esigenza?
    Generali IMMAGINA BENESSERE.
    Estendibile a tutto il tuo nucleo famigliare, massimali e limiti personalizzabili e copre tutte le tue richieste.

    Io e mia moglie, con massimali 5 volte i tuoi paghiamo INSIEME 80 al mese (ma frequenza trimestrale).
    Piu tutti i vantaggi e sconti vari per visite e comodità varie.


  2. #22

    Data Registrazione
    Jul 2016
    Messaggi
    1,290
    Mentioned
    8 Post(s)
    Quoted
    989 Post(s)
    Potenza rep
    34763187
    Citazione Originariamente Scritto da samuele.soardo Visualizza Messaggio
    prendendone uno a caso dal sito genertel...quello che vendono in abbinata con che banca...

    IP:
    -franchigia 5% riassorbibile al 25% (concorrenza o zero parziale/totale o 3% riassorbimento al 15%)
    -liquidazione totale al 66% (concorrenza liquida il 100% al 55%)
    -assenza totale supervalutazione (concorrenza supervaluta dal 200% dal 250% il capitale base)
    Atto pratico: da qualche migliaia a qualche centinaio di migliaia di euro di differenza in sede di liquidazione a parità di sinistro.

    Ricovero e convalescenza:
    -Convalescenza solo con 20gg di ricovero ed in giorni pari (concorrenza con 7 o meno giorni di ricovero ed in giorni doppi a quelli fatti in ospedale).
    Atto pratico: non paga mai (o quasi).

    Gesso:
    -max giorni 60 e solo per ingessatura o immobilizzazione inamovibile (concorrenza 120 gg e oltre per immbilizzazione inamovibile e 30/60gg per immobilizzazione amovibile o assenza della stessa per non ingessabilita', tipo fratture costali et similia)
    Atto pratico: garanzia monca, nella metà dei casi non paga, leggasi fratture non ingessabili.

    Spese mediche:
    -5000 flat e no spese odontoiatriche (concorrenza fino a 50.000 e pagano anche per spese odontoiatriche da infortunio)
    Atto pratico: inciampi e ci pianti la faccia, i denti non te li pagano (che sono la spesa che incide in questi casi).

    Rendita vitalizia con IP grave:
    - assente (concorrenza presenta questa garanzia)
    Atto pratico: considerata la vita media ed ipotizzando un infortunio subito a 50 anni un ammanco quantificabile dai 180 ai 360 mila euro in meno di indennizzo erogato per gravi invalidità.

    Esclusioni:
    -attivita' sportiva non professionale ma riconosciuta dal coni (gli altri in caso di attivita' sportiva senza retribuzione o rimborso spese pagano in quanto non considerata professionale)
    - stato alcolico (gli altri lo pagano se inferiore a 1,5% di tasso).
    Atto pratico: ti bevi un mojito, fai un incidente in macchina con lesione spinale e la compagnia non ti paga un euro.

    Riassunto:
    Polizza mediamente scarsa che vale i soldi che costa (sperando costi poco).
    Il detto diceva chi più spende meno spende se non ricordo male...

    Conclusioni: mi interessa poco che sia la polizza di genertel piuttosto che di genialloyd, mi interessa di più che il 99% del parco clienti (te compreso in questo caso) vengono qua o in altre sedi a spiegare come ci sia una equivalenza di prodotti tra quello che compri sul comparatore e quello che ti costruisce uno che fa il lavoro di mestiere.
    I parametri per metter giù un tasso son sempre quelli...costo medio per sinistro e frequenza.
    Va da se che premio inferiore corrisponde a condizioni scritte in maniera tale per ridurre uno dei due fattori sopra citati (ndr riduzione/limitazione di garanzie).
    Va anche da se che in autoacquisto uno che non ha la piu' pallida idea di cosa sia una tabella inail piuttosto che una ania, che non sa come funziona una franchigia, che non sa cosa sia una supervalutazione o che non ha una panoramica generale di quali siano le garanzie di riferimento sul mercato oggi giorno si va a comprare quella che costa meno (e pensa anche di aver fatto un affare).
    Motivo per cui i prodotti premium non li trovi online.
    Il resto restano chiacchiere da bar sport (ed è meglio che in tali sedi restino)
    Non è il tuo caso, ma io di agenti che conoscono bene i temi normativi e attuariali (entrambi) e siano veramente in grado di costruire bene una polizza tarata sulle esigenze del cliente non ne ho mai trovati (ce ne saranno, ma sono mosche bianche).

    Ricordo qualche anno fa quando facevo preventivi per coprire il rischio invalidità grave da infortunio/malattia a colloquio con il proprietario di una agenzia di zona medio-grande (una ventina di dipendenti/collaboratori) mi chiese che cosa mi serviva non essendo io lavoratore autonomo...

    Altra situazione per consigliare il massimale di una polizza TCM, numeri sparati a caso. Non ce n'erano 2 uguali...

    Quando bisogna valutare il valore di ricostruzione a nuovo in caso incendio per una polizza casa? Anche qui pur essendo l'argomento più semplice se ne sentono di cotte e di crude...

    Ricorso terzi da incendio idem come sopra...

    Etc.etc.

    Purtroppo moltissimi agenti, la stragrande maggioranza, sono dei puri e semplici venditori.
    Ultima modifica di 123abc; 20-11-19 alle 16:28

  3. #23
    L'avatar di samuele.soardo
    Data Registrazione
    Aug 2017
    Messaggi
    887
    Mentioned
    17 Post(s)
    Quoted
    481 Post(s)
    Potenza rep
    18271144
    Citazione Originariamente Scritto da 123abc Visualizza Messaggio
    Non è il tuo caso, ma io di agenti che conoscono bene i temi normativi e attuariali (entrambi) e siano veramente in grado di costruire bene una polizza tarata sulle esigenze del cliente non ho mai trovati (ce ne saranno, ma sono mosche bianche).

    Ricordo qualche anno fa quando facevo preventivi per coprire il rischio invalidità grave da infortunio/malattia a colloquio con il proprietario di una agenzia di zona medio-grande (una ventina di dipendenti/collaboratori) mi chiese che cosa mi serviva non essendo io lavoratore autonomo...

    Altra situazione per consigliare il massimale di una polizza TCM, numeri sparati a caso. Non ce n'erano 2 uguali...
    Quello e' un altro discorso, io disquisivo col signore che faceva faciloneria su questioni complesse come un contratto infortunio/malattia...
    Tutto si riduce al fatto che per dare un giudizio qualitativo sulla bonta' o meno di un prodotto bisogna conoscere i rudimenti di base, le garanzie offerte dal mercato, le franchigie presenti sul mercato e altre decine di parametri.
    In caso contrario a dire che il prodotto x e' buono perche' costa poco o il prodotto y fa schifo perche' costa tanto si vanno a fare discorsi che sono sostanzialmente aria fritta.
    Stesso discorso da fare sulle polizze auto e garanzie accessorie...li sul serio ci sarebbe da scrivere qualche decina di tomi a riguardo.
    Ultima modifica di samuele.soardo; 20-11-19 alle 16:40

  4. #24

    Data Registrazione
    Jul 2016
    Messaggi
    1,290
    Mentioned
    8 Post(s)
    Quoted
    989 Post(s)
    Potenza rep
    34763187
    Citazione Originariamente Scritto da samuele.soardo Visualizza Messaggio
    Quello e' un altro discorso, io disquisivo col signore che faceva faciloneria su questioni complesse come un contratto infortunio/malattia...
    Tutto si riduce al fatto che per dare un giudizio qualitativo sulla bonta' o meno di un prodotto bisogna conoscere i rudimenti di base, le garanzie offerte dal mercato, le franchigie presenti sul mercato e altre decine di parametri.
    In caso contrario a dire che il prodotto x e' buono perche' costa poco o il prodotto y fa schifo perche' costa tanto si vanno a fare discorsi che sono sostanzialmente aria fritta.
    Insomma, proprio secondario non è.

    E' chiaramente migliore il contratto che prevede meno limitazioni, garanzie più ampie, etc.etc. ma se poi viene cucito addosso al cliente da agenti che nella maggioranza dei casi sono dei buoni interlocutori di pallone del lunedì mattina allora questo plusvalore viene disperso...ad esempio avere tabelle di invalidità migliori in basso (sulle basse percentuali) ad un dipendente non serve praticamente a nulla, quindi per quel soggetto lì dover pagare di più il premio per avere una copertura inutilmente ottima serve a nulla. Capita spessissimo che l'agente ti butti dentro la franchigia più bassa perchè "è migliore" senza capire che cliente ha davanti.

  5. #25
    L'avatar di samuele.soardo
    Data Registrazione
    Aug 2017
    Messaggi
    887
    Mentioned
    17 Post(s)
    Quoted
    481 Post(s)
    Potenza rep
    18271144
    Citazione Originariamente Scritto da 123abc Visualizza Messaggio
    Insomma, proprio secondario non è.

    E' chiaramente migliore il contratto che prevede meno limitazioni, garanzie più ampie, etc.etc. ma se poi viene cucito addosso al cliente da agenti che nella maggioranza dei casi sono dei buoni interlocutori di pallone del lunedì mattina allora questo plusvalore viene disperso...ad esempio avere tabelle di invalidità migliori in basso (sulle basse percentuali) ad un dipendente non serve praticamente a nulla, quindi per quel soggetto lì dover pagare di più il premio per avere una copertura inutilmente ottima serve a nulla. Capita spessissimo che l'agente ti butti dentro la franchigia più bassa perchè "è migliore" senza capire che cliente ha davanti.
    Se fai l'analisi costi/benefici ad una differenza risibile di premio per un cliente medio corrispondono dai 1000 ai 2500 euro a punto invalidita'.
    Un massimale da 250.000 tra un franchigia 15 ed un franchigia 3 riassorbibile al 15% con danno da 20 punti fa ballare 37.500 euro di indennizzo (con una differenza di premio forse di 100 euro, forse anche meno).
    Se proprio quello e' un discorso da fare sulle diarie varie ed eventuali (inabilita' temporanea/gesso/ricovero) (che sono una delle sezioni che piu' incidono a livello di tasso nel premio di polizza avendo altissima frequenza sinistrosa ma col minor ritorno economico in sede di sinistro sia di lieve che di grossa entita'per l'assicurato)

  6. #26

    Data Registrazione
    Jul 2016
    Messaggi
    1,290
    Mentioned
    8 Post(s)
    Quoted
    989 Post(s)
    Potenza rep
    34763187
    Citazione Originariamente Scritto da samuele.soardo Visualizza Messaggio
    Se fai l'analisi costi/benefici ad una differenza risibile di premio per un cliente medio corrispondono dai 1000 ai 2500 euro a punto invalidita'.
    Un massimale da 250.000 tra un franchigia 15 ed un franchigia 3 riassorbibile al 15% con danno da 20 punti fa ballare 37.500 euro di indennizzo (con una differenza di premio forse di 100 euro, forse anche meno).
    Se proprio quello e' un discorso da fare sulle diarie varie ed eventuali (inabilita' temporanea/gesso/ricovero) (che sono una delle sezioni che piu' incidono a livello di tasso nel premio di polizza ma col minor ritorno economico in sede di sinistro sia di lieve che di grossa entita')
    D'accordo su inabilità, gesso, ricovero, incidono molto e a un dipendente danno poco.
    Per IP un dipendente può partire tranquillamente da avere una copertura sopra il 10% (o anche il 20%), rispetto ad avere una franchigia del 3% quanto cambia il premio ogni 1.000 euro di capitale assicurato?

  7. #27
    L'avatar di samuele.soardo
    Data Registrazione
    Aug 2017
    Messaggi
    887
    Mentioned
    17 Post(s)
    Quoted
    481 Post(s)
    Potenza rep
    18271144
    Citazione Originariamente Scritto da 123abc Visualizza Messaggio
    D'accordo su inabilità, gesso, ricovero, incidono molto e a un dipendente danno poco.
    Per IP un dipendente può partire tranquillamente da avere una copertura sopra il 10% (o anche il 20%), rispetto ad avere una franchigia del 3% quanto cambia il premio ogni 1.000 euro di capitale assicurato?
    Verosimilmente la differenza tra un franchigia 3 riassorbibile ed un franchigia assoluta 10 puo' essere nell' ordine dei 30/40 euro ogni 100.000 euro di invalidita' permanente da infortunio assicurata.
    qualche dieci euro in piu' nel caso in cui si vada anche ad adoperare tabella supervalutativa.
    le differenze sono risibili per l'economia domestica di un acquirente medio di polizza.

  8. #28

    Data Registrazione
    Jul 2016
    Messaggi
    1,290
    Mentioned
    8 Post(s)
    Quoted
    989 Post(s)
    Potenza rep
    34763187
    Citazione Originariamente Scritto da samuele.soardo Visualizza Messaggio
    Verosimilmente la differenza tra un franchigia 3 riassorbibile ed un franchigia assoluta 10 puo' essere nell' ordine dei 30/40 euro ogni 100.000 euro di invalidita' permanente da infortunio assicurata.
    qualche dieci euro in piu' nel caso in cui si vada anche ad adoperare tabella supervalutativa.
    le differenze sono risibili per l'economia domestica di un acquirente medio di polizza.
    Questa scelta dipende anche da bias personali e di contorno, ma se io immagino un giovane che ipotizzo sopra il 60% di invalidità non sia in grado di lavorare proficuamente* (anche questo è soggettivo e arbitrario, ma era per mettere un punto fermo) significa (40+30)*5 = 350 euro annui. Non è poco.


    * quindi la polizza in caso di evento che cagiona il 60-70% di invalidità dovrebbe fornire capitale a sufficienza per non lavorare e quindi dovrebbe avere un capitale di almeno 500k, che corrisponde ad una rendita nominale di 1.500 euro che si rivaluta del 2% per 40 anni.

    Nel caso di un soggetto di mezza età scende il rischio di "coda" e quindi l'impianto va riconsiderato, ma era per fare un esempio...

  9. #29
    L'avatar di Mojito F.C.
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Messaggi
    95,707
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    556 Post(s)
    Potenza rep
    42949685
    Citazione Originariamente Scritto da samuele.soardo Visualizza Messaggio
    prendendone uno a caso dal sito genertel...quello che vendono in abbinata con che banca...

    IP:
    -franchigia 5% riassorbibile al 25% (concorrenza o zero parziale/totale o 3% riassorbimento al 15%)
    -liquidazione totale al 66% (concorrenza liquida il 100% al 55%)
    -assenza totale supervalutazione (concorrenza supervaluta dal 200% dal 250% il capitale base)
    Atto pratico: da qualche migliaia a qualche centinaio di migliaia di euro di differenza in sede di liquidazione a parità di sinistro.

    Ricovero e convalescenza:
    -Convalescenza solo con 20gg di ricovero ed in giorni pari (concorrenza con 7 o meno giorni di ricovero ed in giorni doppi a quelli fatti in ospedale).
    Atto pratico: non paga mai (o quasi).

    Gesso:
    -max giorni 60 e solo per ingessatura o immobilizzazione inamovibile (concorrenza 120 gg e oltre per immbilizzazione inamovibile e 30/60gg per immobilizzazione amovibile o assenza della stessa per non ingessabilita', tipo fratture costali et similia)
    Atto pratico: garanzia monca, nella metà dei casi non paga, leggasi fratture non ingessabili.

    Spese mediche:
    -5000 flat e no spese odontoiatriche (concorrenza fino a 50.000 e pagano anche per spese odontoiatriche da infortunio)
    Atto pratico: inciampi e ci pianti la faccia, i denti non te li pagano (che sono la spesa che incide in questi casi).

    Rendita vitalizia con IP grave:
    - assente (concorrenza presenta questa garanzia)
    Atto pratico: considerata la vita media ed ipotizzando un infortunio subito a 50 anni un ammanco quantificabile dai 180 ai 360 mila euro in meno di indennizzo erogato per gravi invalidità.

    Esclusioni:
    -attivita' sportiva non professionale ma riconosciuta dal coni (gli altri in caso di attivita' sportiva senza retribuzione o rimborso spese pagano in quanto non considerata professionale)
    - stato alcolico (gli altri lo pagano se inferiore a 1,5% di tasso).
    Atto pratico: ti bevi un mojito, fai un incidente in macchina con lesione spinale e la compagnia non ti paga un euro.

    Riassunto:
    Polizza mediamente scarsa che vale i soldi che costa (sperando costi poco).
    Il detto diceva chi più spende meno spende se non ricordo male...

    Conclusioni: mi interessa poco che sia la polizza di genertel piuttosto che di genialloyd, mi interessa di più che il 99% del parco clienti (te compreso in questo caso) vengono qua o in altre sedi a spiegare come ci sia una equivalenza di prodotti tra quello che compri sul comparatore e quello che ti costruisce uno che fa il lavoro di mestiere.
    I parametri per metter giù un tasso son sempre quelli...costo medio per sinistro e frequenza.
    Va da se che premio inferiore corrisponde a condizioni scritte in maniera tale per ridurre uno dei due fattori sopra citati (ndr riduzione/limitazione di garanzie).
    Va anche da se che in autoacquisto uno che non ha la piu' pallida idea di cosa sia una tabella inail piuttosto che una ania, che non sa come funziona una franchigia, che non sa cosa sia una supervalutazione o che non ha una panoramica generale di quali siano le garanzie di riferimento sul mercato oggi giorno si va a comprare quella che costa meno (e pensa anche di aver fatto un affare).
    Motivo per cui i prodotti premium non li trovi online.
    Il resto restano chiacchiere da bar sport (ed è meglio che in tali sedi restino)

    non leggo copertura malattia, l'esempio più adeguato è iLove (di Genertel) che ce l'ha

    costa poco, costa tanto, ma quanto costa? che massimali ha? che il mondo è difficile lo sappiamo già, franchigia ed esclusioni varie chi ha una cultura media le comprende, è tutto più semplice di quanto sembra se si da il tempo alla gente di leggere, riflettere e confrontare con calma... e soprattutto si da la possibilità di accedere ai prodotti di livello

  10. #30
    L'avatar di Mojito F.C.
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Messaggi
    95,707
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    556 Post(s)
    Potenza rep
    42949685
    Citazione Originariamente Scritto da Farge Visualizza Messaggio
    Generali IMMAGINA BENESSERE.
    Estendibile a tutto il tuo nucleo famigliare, massimali e limiti personalizzabili e copre tutte le tue richieste.

    Io e mia moglie, con massimali 5 volte i tuoi paghiamo INSIEME 80 al mese (ma frequenza trimestrale).
    Piu tutti i vantaggi e sconti vari per visite e comodità varie.


    il tipo di risposta che mi interessava....

    grazie se qualcun altro vuole indicare altri prodotti...

Accedi