Assicurazione casa (anche terremoto)
Moncler si mette alle spalle il rischio Cina, coro di Buy dagli analisti in attesa della trimestrale 
Moncler cerca di mettersi alle spalle le difficoltà in Borsa negli ultimi mesi dettate principalmente dai timori per le ripercussioni delle tensioni a Hong Kong. Le quotazioni hanno recuperato i …
Tassi negativi a correntisti: Intesa SanPaolo neanche ci pensa, UniCredit si corregge
Qualche giorno fa Mustier aveva detto confermato l'intenzione della banca di colpire con i tassi negativi i conti con depositi al di sopra di 100.000 euro. Si è appreso poi …
Piazza Affari poco mossa dopo aver toccato nuovi top 2019, focus tecnico su Atlantia e Telecom Italia
Piazza Affari e le principali Borse europee si prendono una pausa dopo aver toccato ieri nuovi massimi annui. Sui mercati torna a prevalere la prudenza in mancanza di risultati concreti …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1

    Data Registrazione
    Apr 2013
    Messaggi
    5
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    3 Post(s)
    Potenza rep
    0

    Post Assicurazione casa (anche terremoto)

    Buongiorno,

    ho chiesto 2 preventivi per un'assicurazione casa:

    - Preventivo 1
    Assicurato a valore intero (esclusa la parte del contenuto dell'immobile) per una somma pari al 100% del valore commerciale/di acquisto dell'immobile
    - Preventivo 2
    Assicurato a primo rischio assoluto per 1.100 euro a mq, ovvero circa il 40% del valore commerciale dell'immobile

    Nel secondo caso, pur essendo coperto per danni da terremoto e crollo, la somma assicurata è fissa e non posso intervenire.

    Domando: nel malaugurato caso di danno qual è l'importo indennizzato *realistico*?
    Ovvero, ha senso assicurare il 100% del valore commerciale?
    O vale infine la perizia del danno per terremoto (ad esempio) con valore di ricostruzione ipotetico di 1.100 euro a mq?

    Non ne faccio un problema di costi di assicurazione: ma non capisco se ha senso assicurare il 100% del valore commerciale.

    Grazie molte per l'ascolto.

  2. #2
    L'avatar di mander
    Data Registrazione
    Feb 2015
    Messaggi
    12,079
    Mentioned
    479 Post(s)
    Quoted
    6057 Post(s)
    Potenza rep
    42949677
    Citazione Originariamente Scritto da josemarti Visualizza Messaggio
    Buongiorno,

    ho chiesto 2 preventivi per un'assicurazione casa:

    - Preventivo 1
    Assicurato a valore intero (esclusa la parte del contenuto dell'immobile) per una somma pari al 100% del valore commerciale/di acquisto dell'immobile
    - Preventivo 2
    Assicurato a primo rischio assoluto per 1.100 euro a mq, ovvero circa il 40% del valore commerciale dell'immobile

    Nel secondo caso, pur essendo coperto per danni da terremoto e crollo, la somma assicurata è fissa e non posso intervenire.

    Domando: nel malaugurato caso di danno qual è l'importo indennizzato *realistico*?
    Ovvero, ha senso assicurare il 100% del valore commerciale?
    O vale infine la perizia del danno per terremoto (ad esempio) con valore di ricostruzione ipotetico di 1.100 euro a mq?

    Non ne faccio un problema di costi di assicurazione: ma non capisco se ha senso assicurare il 100% del valore commerciale.

    Grazie molte per l'ascolto.
    Semplifichiamo,vige il principio indennitario:

    Con l’espressione principio indennitario si fa riferimento a quel principio, operante in campo assicurativo, in virtù del quale l’eventuale garanzia assicurativa sottoscritta e l’eventuale trasferimento del rischio dal contraente (assicurato) alla compagnia non deve costituire fonte di lucro (guadagno) per l’intestatario dell’assicurazione, in quanto l’indennizzo eventualmente corrisposto dall’assicuratore in caso di sinistro deve svolgere unicamente la funzione di riparare e ristorare il danno subito dall’assicurato stesso.

    Quindi in base alla forma tecnica (a valore intero o primo rischio assoluto) occorre saper tarare il rischio per aver la :

    . massima copertura con pagando il premio minimo

    Detto questo il valore intero va bene per alcune coperture e non per altre,esempio immobile e contenuto,il furto e le altre garanzie a primo rischio assoluto .

    Come immobile puoi assicurare un massimale pari al costo di ricostruzione a nuovo a valore intero.

  3. #3

    Data Registrazione
    Apr 2013
    Messaggi
    5
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    3 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Citazione Originariamente Scritto da mander Visualizza Messaggio
    Quindi in base alla forma tecnica (a valore intero o primo rischio assoluto) occorre saper tarare il rischio per aver la :

    . massima copertura con pagando il premio minimo

    Detto questo il valore intero va bene per alcune coperture e non per altre,esempio immobile e contenuto,il furto e le altre garanzie a primo rischio assoluto .

    Come immobile puoi assicurare un massimale pari al costo di ricostruzione a nuovo a valore intero.
    Grazie!

    Sono davvero coperto se assicuro un massimale pari al costo commerciale - che in centro storico di Roma credo sia piuttosto diverso dal costo di ricostruzione? E' un caso di massima copertura ("ipotetica") pagando il premio massimo.

    Vorrei capire se, alla fine, non sia meglio una copertura "limitata" (40% del valore commerciale, 1.100 euro al mq) ma più realistica nel malaugurato caso di danno.

    Ad esempio:
    - 350 euro all'anno per coprire un massimale di 200.000 euro (valore intero)
    - 190 euro all'anno per coprire un massimale di 70.000 euro (primo rischio assoluto)
    Se nel primo caso, in fase di perizia del danno, poi viene tutto ricondotto al costo di ricostruzione non sarò mai stato coperto per 200.000 euro.

    Sbaglio nel ragionamento?

    Grazie per la pazienza e la disponibilità.

  4. #4
    L'avatar di mander
    Data Registrazione
    Feb 2015
    Messaggi
    12,079
    Mentioned
    479 Post(s)
    Quoted
    6057 Post(s)
    Potenza rep
    42949677
    Citazione Originariamente Scritto da josemarti Visualizza Messaggio
    Grazie!

    Sono davvero coperto se assicuro un massimale pari al costo commerciale - che in centro storico di Roma credo sia piuttosto diverso dal costo di ricostruzione? E' un caso di massima copertura ("ipotetica") pagando il premio massimo.

    Vorrei capire se, alla fine, non sia meglio una copertura "limitata" (40% del valore commerciale, 1.100 euro al mq) ma più realistica nel malaugurato caso di danno.

    Ad esempio:
    - 350 euro all'anno per coprire un massimale di 200.000 euro (valore intero)
    - 190 euro all'anno per coprire un massimale di 70.000 euro (primo rischio assoluto)
    Se nel primo caso, in fase di perizia del danno, poi viene tutto ricondotto al costo di ricostruzione non sarò mai stato coperto per 200.000 euro.

    Sbaglio nel ragionamento?

    Grazie per la pazienza e la disponibilità.
    Non facciamo confusione,non devi partire dai premi,devi partire dai valori da assicurare.Faccio un esempio: un immobile al centro di Roma vale 500 k come da perizia

    La stessa perizia stima il valore di ricostruzione a nuovo in 300k

    Se prendi la formula a valore intero è sufficiente assicurarlo x 300 k pagando un premio frontale x
    Se fai il primo rischio per un valore inferiore a 300 sei sottoassicurato,se assicuri 300 k paghi un premio Y almeno doppio rispetto a x .Chiaro

  5. #5

    Data Registrazione
    Apr 2013
    Messaggi
    5
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    3 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Citazione Originariamente Scritto da mander Visualizza Messaggio
    Non facciamo confusione,non devi partire dai premi,devi partire dai valori da assicurare.Faccio un esempio: un immobile al centro di Roma vale 500 k come da perizia

    La stessa perizia stima il valore di ricostruzione a nuovo in 300k

    Se prendi la formula a valore intero è sufficiente assicurarlo x 300 k pagando un premio frontale x
    Se fai il primo rischio per un valore inferiore a 300 sei sottoassicurato,se assicuri 300 k paghi un premio Y almeno doppio rispetto a x .Chiaro
    Capisco e il dubbio mi è nato proprio per i diversi valori da assicurare nei 2 preventivi.

    Io conosco il valore commerciale dell'immobile, ma NON il costo di ricostruzione.

    Un preventivo mi assicura il valore commerciale (a valore intero), un altro (Poste 360, primo rischio) molto meno. Ma forse quello che è "molto meno" è il valore di ricostruzione (senza perizia) e assicurando il valore commerciale sarei sovrassicurato.

    Se pago 300k ma poi il costo di ricostruzione è 140k, pagherei un premio alto senza motivo...

  6. #6
    L'avatar di mander
    Data Registrazione
    Feb 2015
    Messaggi
    12,079
    Mentioned
    479 Post(s)
    Quoted
    6057 Post(s)
    Potenza rep
    42949677
    Citazione Originariamente Scritto da josemarti Visualizza Messaggio
    Capisco e il dubbio mi è nato proprio per i diversi valori da assicurare nei 2 preventivi.

    Io conosco il valore commerciale dell'immobile, ma NON il costo di ricostruzione.

    Un preventivo mi assicura il valore commerciale (a valore intero), un altro (Poste 360, primo rischio) molto meno. Ma forse quello che è "molto meno" è il valore di ricostruzione (senza perizia) e assicurando il valore commerciale sarei sovrassicurato.

    Se pago 300k ma poi il costo di ricostruzione è 140k, pagherei un premio alto senza motivo...
    Cominciamo col dire che la formula migliore per assicurare un immobile x incendio è quella a valore intero sia in termini di premio che di copertura.

    Banche e on line stanno stravolgendo questo principio elementare sia per cautelarsi,sia per poter vendere garanzie multirischi legate alla casa.

    Un assicuratore degno di chiamarsi cosi saprà, orientarti e scorporare il valore dell'area su cui l'immobile sorge ed arrivare al valore a nuovo facendoti pagare il minimo premio.

    Pacchi,pacchetti e pacchettini servono a confondere le idee e complicare esigenze assicurative primarie.

  7. #7
    L'avatar di tbtcot
    Data Registrazione
    Jun 2013
    Messaggi
    2,916
    Mentioned
    13 Post(s)
    Quoted
    700 Post(s)
    Potenza rep
    42949679
    Citazione Originariamente Scritto da mander Visualizza Messaggio
    Cominciamo col dire che la formula migliore per assicurare un immobile x incendio è quella a valore intero sia in termini di premio che di copertura.

    Banche e on line stanno stravolgendo questo principio elementare sia per cautelarsi,sia per poter vendere garanzie multirischi legate alla casa.

    Un assicuratore degno di chiamarsi cosi saprà, orientarti e scorporare il valore dell'area su cui l'immobile sorge ed arrivare al valore a nuovo facendoti pagare il minimo premio.

    Pacchi,pacchetti e pacchettini servono a confondere le idee e complicare esigenze assicurative primarie.
    Interessante quello che dici.. ma dove sta il cavillo?.. mi spiego meglio:
    Primo rischio assoluto e valore intero: perche non fare la polizza a valore intero - FinanzaFacile.net
    Anche qui si dice che è meglio, per l'incendio, il Primo Rischio Assoluto e non il valore a Intero...
    Se ho capito bene tu dici ok il primo rischio assoluto è anche più caro, con l'altra maniera se trovi un assicuratore serio che sa fare il suo lavoro ti fa risparmiare e sei coperto uguale... giusto? Ho capito bene? Non ho frainteso le tue parole.
    Il problema sta nello stimare correttamente il Valore Intero per pagare "il giusto" è così?

  8. #8
    L'avatar di mander
    Data Registrazione
    Feb 2015
    Messaggi
    12,079
    Mentioned
    479 Post(s)
    Quoted
    6057 Post(s)
    Potenza rep
    42949677
    Citazione Originariamente Scritto da tbtcot Visualizza Messaggio
    Interessante quello che dici.. ma dove sta il cavillo?.. mi spiego meglio:
    Primo rischio assoluto e valore intero: perche non fare la polizza a valore intero - FinanzaFacile.net
    Anche qui si dice che è meglio, per l'incendio, il Primo Rischio Assoluto e non il valore a Intero...
    Se ho capito bene tu dici ok il primo rischio assoluto è anche più caro, con l'altra maniera se trovi un assicuratore serio che sa fare il suo lavoro ti fa risparmiare e sei coperto uguale... giusto? Ho capito bene? Non ho frainteso le tue parole.
    Il problema sta nello stimare correttamente il Valore Intero per pagare "il giusto" è così?
    Non è questione di cavilli,quanto di conoscenza che è opposta allignoranza senza apostrofo.Nel link di Facile.it ci sono diversi errori,per scoprirli basta andare a consultare l'art 1907 del cod.civ.

    Art. 1907. Assicurazione parziale. Se l'assicurazione copre solo una parte del valore che la cosa assicurata aveva nel tempo del sinistro, l'assicuratore risponde dei danni in proporzione della parte suddetta, a meno che non sia diversamente convenuto.

    Facile.it confonde valore venale del fabbricato e il valore delle cose poste all'interno,confonde poi il valore di ricostruzione con il valore di mercato.

    Il perito quando fa la sua stima da il valore venale presunto ed il valore di ricostruzione.Il valore di ricostruzione non è vero che è uguale cambia da zona a zona e rappresenta la differenza fra il valore venale e il valore dell'area sui sorge.

    Quindi se l'immobile nel centro di Roma o dove ti pare vale 500 ed il valore di ricostruzione è 300.Trecento sarà il max risarcibile,e trecento vale l'immobile al netto dell'area.

    Questo per quanto riguarda i muri,diverso è per il contenuto che costituisce una partita a se stante e quindi soggetta al valore intrinseco delle cose assicurate,tappeti arazzi mobili pezzi d'antiquario ecc,ecc.

    Detto questo torniamo al punto di partenza.Per avere una copertura 100% dei muri bastano 300 k che a valore intero costano la meta del primo rischio.

    Banche ed on line per fare i loro comodi usano quasi sempre e per ogni copertura il primo rischio assoluto.

    Si arriva al punto di assicurare l'immobile per l'importo finanziato,ed aggiungendo ammennicoli tali da far costare la polizza quanto il ***** di Giufa',senza che l'ignaro avventore sappia il rischio che corre in un evento estremo.
    Ultima modifica di mander; 01-09-19 alle 18:41

  9. #9
    L'avatar di samuele.soardo
    Data Registrazione
    Aug 2017
    Messaggi
    775
    Mentioned
    16 Post(s)
    Quoted
    393 Post(s)
    Potenza rep
    15098138
    Valore di ricostruzione a nuovo e' diverso da valore commerciale.
    Esistono posti dove il valore di ricostruzione a nuovo e' anche 1/10 del valore commerciale.
    Indicativamente se non sei in centro storico o non risiedi in immobili d'epoca in sasso/mattone o robe del genere stando largo puoi attestarti dai 1200 ai 1600 al metro quadro...
    in caso di immobili "particolari" tipo palazzi storici o roba del genere io mi rivolgerei a un professionista operante in quelle zone perche' i valori possono essere ben piu' elevati...
    ps: il primo rischio sulla partita fabbricato, consci del fatto di saper fare bene i conti, e' assolutamente inutile.
    Puo' venir buono nella partita contenuto dove risulta quantomeno difficile fare una stima del valore di rimpiazzo a nuovo.

  10. #10
    L'avatar di tbtcot
    Data Registrazione
    Jun 2013
    Messaggi
    2,916
    Mentioned
    13 Post(s)
    Quoted
    700 Post(s)
    Potenza rep
    42949679
    Scusate se oso rispondere.. ma da profano: ma non è che così eviti il rischio contenzioso?
    Perché magari l'assicuratore è in gamba... Ma poi il perito dice diverso e il liquidatore magari anche lui ne dice un'altra ancora e si rischia di trovarsi semplicemente a contenzioso..
    No perché on line si trovano tutti (o quasi) concordi sul Primo Rischio Assoluto (ma questo può essere che non conoscendo bene la materia pongo le domande sbagliate).

Accedi