metodo piu economico per costruire casa - Pagina 3
Enel e FCA trascinano Piazza Affari, in corsa anche Unicredit
Martedì molto positivo per Piazza Affari che però chiude lontano dai massimi di giornata. Anche oggi sponda importante dall?ottimismo legato all’appiattimento della curva dei contagi. Il Ftse Mib ha chiuso …
BNP Paribas: affronta il mercato con il Phoenix Snowball su UniCredit
La banca francese lancia sul mercato un nuovo certificato d?investimento Phoenix Snowball su sottostante UniCredit (ISIN: XS2087072216). Le caratteristiche del prodotto lo rendono funzionale alla congiuntura attuale di forte incertezza …
Chi è Mr Diasorin e l’azzardo di 20 anni che l’ha reso miliardario
Chi c’è dietro il successo di DiaSorin, la multinazionale attiva nel settore della diagnostica che in queste settimane è all’onore della cronaca per i test legati a Covid-19? Il suo …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #21
    L'avatar di gbykat
    Data Registrazione
    Aug 2006
    Messaggi
    6,904
    Mentioned
    6 Post(s)
    Quoted
    88 Post(s)
    Potenza rep
    42949686
    Citazione Originariamente Scritto da bionabol Visualizza Messaggio
    qualche esperto potrebbe spiegarmi qualè il metodo piu economico per costruire una monofamiliare?
    che abbia una discreta performance termica...
    un muratore mi ha consigliato di costruire con poroton da 45 piu intonaco termico esterno, ma non so se si risparmia rispetto al cappotto
    poi c'è chi mi ha consigliato i casseri a perdere in polistirene, ma non ho capito come faccio ad appendere le mensole ed il resto se anche all'interno della casa è tutto polistirene
    prezzi su internet non ne trovo
    grazie per l'aiuto
    LE CASE in poroton e intonaco ne ho viste, lascia perdere, la fiera del ponte termico.trasmittanza ridicola.
    per fare una casa buona e spendere poco parti dal progetto, un buon progetto stabilisce subito e su carta cosa devi fare, studia bene i ponti e l orientamento, scegli i materiali,evita le 4 falde di tetto,evita la cantina che non srve a niente, evita i balconi a favore delle terrazze,evita le doppie altezze e troppi angoli o le solette sfalzate. anche le grandi vetrate costano un botto e le paghi anche a livello di climatizzazione.
    in genere le case in legno costano un pò meno ma più che altro rendono di più,e hanno i costi certi, cosa impossibile per i muratori che hanno il vizietto di aumentare tutto per strada.tieni cont che tutto va collaudato e certificato quindi i lavori in economia devono essere solo quelli non certificabili, usa impianti semplici, casa buona meno impianti, quindi caldaietta,boiler e 4 caloriferi. più semplice di così non mi viene in mente altro, informati sulle tasse comunali che a volte son vere mazzate.

  2. #22
    L'avatar di bionabol
    Data Registrazione
    Oct 2011
    Messaggi
    7,353
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    456 Post(s)
    Potenza rep
    42949681
    Citazione Originariamente Scritto da gbykat Visualizza Messaggio
    LE CASE in poroton e intonaco ne ho viste, lascia perdere, la fiera del ponte termico.trasmittanza ridicola.
    per fare una casa buona e spendere poco parti dal progetto, un buon progetto stabilisce subito e su carta cosa devi fare, studia bene i ponti e l orientamento, scegli i materiali,evita le 4 falde di tetto,evita la cantina che non srve a niente, evita i balconi a favore delle terrazze,evita le doppie altezze e troppi angoli o le solette sfalzate. anche le grandi vetrate costano un botto e le paghi anche a livello di climatizzazione.
    in genere le case in legno costano un pò meno ma più che altro rendono di più,e hanno i costi certi, cosa impossibile per i muratori che hanno il vizietto di aumentare tutto per strada.tieni cont che tutto va collaudato e certificato quindi i lavori in economia devono essere solo quelli non certificabili, usa impianti semplici, casa buona meno impianti, quindi caldaietta,boiler e 4 caloriferi. più semplice di così non mi viene in mente altro, informati sulle tasse comunali che a volte son vere mazzate.
    grazie per i consigli
    hai delle cifre da poter condividere di quanto si spende al mq?
    escluso terreno....

  3. #23

    Data Registrazione
    Feb 2008
    Messaggi
    963
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    94 Post(s)
    Potenza rep
    11926604
    Riuppo la discussione, quello dei muri "cassero a perdere" è un argomento molto interessante.
    Attraverso la rete, una serie di contatti e telefonate, ho cercato di fare qualche considerazione economica per costruire con questi sistemi. Alcuni fornitori sono restii a dare dei prezzi ai privati, altri li sparano alti, ma c'è anche chi offre disponibilità a rispondere alle domande.
    L'idea che mi sono fatto è che per costruire dai 100-120 mq in su, di superficie al grezzo, per intenderci muratura, solette, con intonaco finito dentro e fuori siamo intorno a 350 euro/mq, forse anche 300.
    Non male direi per i prezzi che si sentono in giro, soprattutto per le case in legno.
    Questi sistemi con cassero a perdere possono piacere o meno. Di solito vengono contestati da chi dice che questi involucri non sono traspiranti, in sostanza che non sono permeabili al vapore come ad esempio le case in legno. Dimenticano soltanto che nelle pareti in legno passerà si e no il 2% del vapore prodotto all'interno di una casa che per essere in classe A ha bisogno come minimo di una VMC alla quale spetta VERO il lavoro di far ricircolare l'aria. Morale, le case costruite adesso in classi energetiche elevate sono tutte scatole ermetiche che siano fatte con buste di plastica o il miglior materiale bio presente sul mercato. Senza VMC non si va da nessuna parte.
    IMHO

    Edit: Sarebbero molto utili testimonianze per chi ha usufruito di questi sistemi costruttivi, progettisti, imprese e clienti finali.
    Ultima modifica di giovanni v; 08-11-19 alle 16:48

  4. #24
    L'avatar di Wile E. Coyote
    Data Registrazione
    Jun 2009
    Messaggi
    4,127
    Mentioned
    7 Post(s)
    Quoted
    261 Post(s)
    Potenza rep
    42949683
    Citazione Originariamente Scritto da giovanni v Visualizza Messaggio
    Riuppo la discussione, quello dei muri "cassero a perdere" è un argomento molto interessante.
    Attraverso la rete, una serie di contatti e telefonate, ho cercato di fare qualche considerazione economica per costruire con questi sistemi. Alcuni fornitori sono restii a dare dei prezzi ai privati, altri li sparano alti, ma c'è anche chi offre disponibilità a rispondere alle domande.
    L'idea che mi sono fatto è che per costruire dai 100-120 mq in su, di superficie al grezzo, per intenderci muratura, solette, con intonaco finito dentro e fuori siamo intorno a 350 euro/mq, forse anche 300.
    Non male direi per i prezzi che si sentono in giro, soprattutto per le case in legno.
    Questi sistemi con cassero a perdere possono piacere o meno. Di solito vengono contestati dai fautori da chi dice che questi involucri non sono traspiranti, in sostanza che non sono permeabili al vapore come ad esempio le case in legno. Dimenticano soltanto che nelle pareti in legno passerà si e no il 2% del vapore prodotto all'interno di una casa che per essere in classe A ha bisogno come minimo di una VMC alla quale spetta VERO il lavoro di far ricircolare l'aria. Morale, le case costruite adesso in classi energetiche elevate sono tutte scatole ermetiche che siano fatte con buste di plastica o il miglior materiale bio presente sul mercato. Senza VMC non si va da nessuna parte.
    IMHO

    Edit: Sarebbero molto utili testimonianze per chi ha usufruito di questi sistemi costruttivi, progettisti, imprese e clienti finali.
    Nessuna casa, tantomeno quella in legno e in buona sostanza anche quelle in tecnologia simil-Isotex sono"traspiranti" anche se lo dicono. Basta una mano di rasante e fine delle trasmissioni (in ogni senso), anzi, la "permeabilita'" al vapore e' estremamente dannosa, perche' puo' causare condense interstiziali se il "pacchetto" non e' ben calcolato.
    E proprio perche' sono sigillate una VMC e' indispensabile per evitarsi forti mal di testa (in senso letterale del termine) e muffe.
    Per il resto, a parita' di competenza costruttiva, dipende dai gusti: c'e' chi preferisce strutture leggere (legno) e chi massicce (cemento, cassero a perdere): due comportamenti diversi contro eventuali terremoti. Io avevo scelto Isotex proprio perche' mal sopporto di "ballare" in caso di scosse e preferisco un "bunker" a una casa ad alta resistenza ma con comportamento elastico.

  5. #25

    Data Registrazione
    Feb 2009
    Messaggi
    2,959
    Mentioned
    9 Post(s)
    Quoted
    861 Post(s)
    Potenza rep
    42949684
    Citazione Originariamente Scritto da Wile E. Coyote Visualizza Messaggio
    Io avevo scelto Isotex proprio perche' mal sopporto di "ballare" in caso di scosse e preferisco un "bunker" a una casa ad alta resistenza ma con comportamento elastico.
    Questi materiali innovativi come si comporteranno nel lungo periodo di vita di una casa ?

  6. #26

    Data Registrazione
    Feb 2008
    Messaggi
    963
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    94 Post(s)
    Potenza rep
    11926604
    Dare risposte precise è impossibile però sono opportune alcune considerazioni.
    Che sia l'eps o il legno mineralizzato a fare da cassero, il calcestruzzo armato che si trova all'interno resta in un ambiente estremamente protetto da agenti atmosferici, sollecitazioni termiche e condense interstiziali (subdole perchè non le vedi). A durare nel tempo deve essere l'elemento strutturale portante. E se per il calcestruzzo è stata indicata una durata media di 70 anni, in questo caso direi che può essere molto di più. Per il cassero in eps anche qui mi sentirei tranquillo. Il materiale è in uso da almeno 80 anni e sembra essere inalterabile. Sul legno mineralizzato ho qualche dubbio sulla sua durata a lungo termine ma è una mia sensazione non suffragata da notizie lette.

  7. #27

    Data Registrazione
    Feb 2008
    Messaggi
    963
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    94 Post(s)
    Potenza rep
    11926604
    Citazione Originariamente Scritto da Wile E. Coyote Visualizza Messaggio
    per me una ottima soluzione e' ISOTEX...... ...... e sei nella piu' completa anisismicita' (e' praticamente una "gabbia" di cemento armato).
    Ho parlato con uno strutturista. Le sue indicazioni sono state che il sistema isotex a lui non piace. Diceva che anche suoi colleghi sono abbastanza contrari a questo sistema. La ragione è che non viene a crearsi un setto completo di cls armato ma un muro pieno di fori causati dai distanziali presenti nel blocco. Per i casseri a perdere preferiscono altri sistemi con i distanziali meno invasivi

  8. #28
    L'avatar di Wile E. Coyote
    Data Registrazione
    Jun 2009
    Messaggi
    4,127
    Mentioned
    7 Post(s)
    Quoted
    261 Post(s)
    Potenza rep
    42949683
    Citazione Originariamente Scritto da giovanni v Visualizza Messaggio
    Ho parlato con uno strutturista. Le sue indicazioni sono state che il sistema isotex a lui non piace. Diceva che anche suoi colleghi sono abbastanza contrari a questo sistema. La ragione è che non viene a crearsi un setto completo di cls armato ma un muro pieno di fori causati dai distanziali presenti nel blocco. Per i casseri a perdere preferiscono altri sistemi con i distanziali meno invasivi
    Che il muro sia "pieno di fori" e' precisamente quello richiesto dal progetto. Non deve essere un setto completamente pieno di cls, infatti nelle simulazioni strutturali viene classificato "a pilastrini". Viene mostrato anche nel sito del costruttore Proprio queste interruzioni sono quelle che permetterebbero lo scambio di umidita' interno/esterno (secondo i costruttori). E'la rete d'acciaio che da' resistenza strutturale, il cls collabora alla rigidezza.

    Poi vabbe', nella mia (lunga?) esperienzaho visto che tutti hanno i propri metodi preferiti, specialmente quelli per cui hanno comprato il software e hanno fatto i corsi di aggiornamento per l'analisi strutturale, difficile che si "imbarchino" in cio' che hanno studiato superficialmente e di certo non perderanno tempo prezioso, preferendo "capitalizzare" su cio' su cui hanno gia' investito.

    E' un metodo che e' nato attorno agli anni 70, se fosse stato una ciofeca le case sarebbero gia' venute giu' e il sistema sparito dalla faccia della terra.

  9. #29
    L'avatar di Wile E. Coyote
    Data Registrazione
    Jun 2009
    Messaggi
    4,127
    Mentioned
    7 Post(s)
    Quoted
    261 Post(s)
    Potenza rep
    42949683
    Citazione Originariamente Scritto da bigmatch Visualizza Messaggio
    Questi materiali innovativi come si comporteranno nel lungo periodo di vita di una casa ?
    Innovativi e' una parola grossa... e' usato fin dagli anni 70. E i legno mineralizzato (impregnato di portland e quindi materiale inerte) e' sicuramente piu' duraturo e meno igroscopico del legno normale, anche trattato. Ho vicino a casa alcune strutture che hanno almeno una ventina d'anni e a detta dei proprietari sono perfette.
    Come del resto, esistono molte baite di montagna blochaus centenarie in perfetto stato...

  10. #30

    Data Registrazione
    Feb 2008
    Messaggi
    963
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    94 Post(s)
    Potenza rep
    11926604
    Analisi grossolane sui prezzi e non sulla qualità.

    Sistema Argisol
    Argisol | Bioisotherm
    Prezzo di acquisto blocchi (spessore 6.5+16.5+12) circa 35-40 euro per mq di muratura

    Sistema Isobloc (produzione nella mia zona simil isotex ma con cappotto esterno)
    Prodotti| Isobloc | Isobloc
    Prezzo di acquisto blocchi (spessore 4+18+18) circa 60-65 euro per mq di muratura con i pezzi speciali (esempio angoli) che costano il 30% in più.

    La trasmittanza è simile, 0.16 argisol e 0.17 isobloc e se ci limitiamo a questo dato il primo è nettamente più conveniente
    Però ci sono in gioco tante altre variabili che questa analisi lascia il tempo che trova.
    Per il momento è un discorso da bar.
    Intanto continuo ad approfondire

Accedi