Questa non è farina del mio sacco, è di Alessandro Di Battista. Gira in rete e mi sen
Report lavoro USA indigesto per Wall Street, analisti non hanno dubbi su cosa farà la Fed il 2 novembre
Il mercato del lavoro negli Usa non mostra segnali di cedimento e i mercati hanno subito tradotto i dati odierni come un segnale di via libera a un altro r
Un Etf per speculare contro le previsioni di Jim Cramer
Dopo lo short ARK ETF, che ha permesso di puntare contro il fondo di punta di Cathie Wood, adesso si appresta ad arrivare un altro ETF inverso, questa volta contro le previsioni non sempre centrate di Jim Cramer. Tuttle Capital Management ha presentato domanda alla SEC per lanciare due ETF, uno long e l?altro short,
Attacco hacker a Binance: rubati token BNB per $570 milioni. Ecco come è successo
Hacker all?attacco, rubati $570 milioni di token BNB di Binance, la piattaforma di trading di criptovalute numero uno al mondo per volumi di scambio. Il danno è stato molto più alto di quanto stimato fino a qualche ora fa, quando si parlava di un furto di $100-$110 milioni. E invece no: dalle informazioni che arrivano
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1
    L'avatar di ennio1963
    Data Registrazione
    Jun 2006
    Messaggi
    41,457
    Mentioned
    8 Post(s)
    Quoted
    15491 Post(s)
    Potenza rep
    42949689

    Questa non è farina del mio sacco, è di Alessandro Di Battista. Gira in rete e mi sen

    Questa non è farina del mio sacco, è di Alessandro Di Battista.
    Gira in rete e mi sento di condividerne il contenuto.
    ----------
    Giorgia Meloni votò la legge Fornero condannando centinaia di migliaia di italiani alla disperazione.
    Ma il PD non può attaccarla per questo.
    Tutto il PD, compreso Letta, votò la stessa legge ed ora candidano un alfiere dell'austerity come Cottarelli.

    Giorgia Meloni era ministro della Repubblica (e La Russa addirittura ministro della Difesa) quando il governo Berlusconi avallò la guerra in Libia, la più grande sconfitta geopolitica italiana dalla II guerra mondiale in poi.
    Ma il PD non può attaccarla per questo.
    Tutto il PD, compreso Letta, sostenne quell'ignobile intervento voluto dagli americani, dai francesi e patrocinato da Giorgio Napolitano, il peggior presidente della storia repubblicana.
    Le conseguenze di quella guerra le stiamo ancora pagando ma nessuno lo ricorda.
    La Meloni parla di blocco navale con pochissimi giornalisti capaci di ricordarle le conseguenze sul piano migratorio di quell'intervento ed il PD parla sempre meno di Libia e diritti umani per vergogna.

    Giorgia Meloni, che oggi chiede drastici cambiamenti all'Unione europea, votò il pareggio di bilancio in Costituzione. Quel pareggio di bilancio voluto dalla BCE quando Trichet cedeva lo scettro proprio a Mario Draghi.
    Ma il PD non può attaccarla per questo.
    Figuriamoci.
    Il pareggio di bilancio l'hanno votato tutti quanti.
    Il bello è che neppure Di Maio può aprire bocca essendo il garzone di Tabacci, anch'egli sostenitore di quella vergognosa riforma.

    Giorgia Meloni sostiene l'invio di armi in Ucraina (a proposito, la guerra c'è ancora anche se pare che delle sofferenze dei civili e di seri tentativi diplomatici per farle finire non interessi più nessuno).
    Ma il PD non può attaccarla per questo.
    Capirai, fosse stato per Letta avremmo mandato pure la Folgore a combattere contro i russi.

    Giorgia Meloni sostiene l'aumento di miliardi su miliardi in spese militari.
    Quell'aumento definito folle da Papa Francesco in un momento in cui clima e povertà uccidono come non mai.
    Ma il PD non può attaccarla per questo.
    Il ministro della difesa Guerini è il massimo sostenitore dei 14 miliardi in più all'anno spesi in armi (per informazione l'Italia investe nelle università 7 miliardi all'anno).

    Questa è la cruda realtà.
    Ed ecco che il PD per differenziarsi dalla Meloni tira fuori il pericolo fascista (loro che sono stati gli alfieri del “fascismo finanziario”), mette nel programma qualche misura di sinistra mai realizzata quando erano al governo, ovvero praticamente sempre negli ultimi 11 anni, o sostiene la crociata contro la fiamma tricolore nel simbolo di FdI senza nemmeno rendersi conto che queste cose non la indeboliscono affatto.
    Anzi.

    Letta e Meloni sono due facce della stessa medaglia.
    Hanno sostenuto, entrambi, tutto quello che, negli ultimi anni, ha colpito l'interesse generale.
    Prima o poi se ne accorgeranno in tanti.


  2. #2
    L'avatar di lagaina
    Data Registrazione
    Jan 2011
    Messaggi
    27,153
    Mentioned
    25 Post(s)
    Quoted
    8557 Post(s)
    Potenza rep
    42949684
    Si fa prima a dire che sono tutti uguali, pure quelli arrivati dopo con idee rivoluzionarie (vedi m5s)

  3. #3
    L'avatar di Cholo Simeone
    Data Registrazione
    Sep 2009
    Messaggi
    26,545
    Mentioned
    22 Post(s)
    Quoted
    8656 Post(s)
    Potenza rep
    42949686
    Da una parte Crisanti, dall'altra Bassetti.
    Credo che non ci sia altro da aggiungere

  4. #4
    L'avatar di sidereusnuncius
    Data Registrazione
    Mar 2005
    Messaggi
    5,348
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    3088 Post(s)
    Potenza rep
    42949690
    ...e dopo fanno i talk show per spiegarci le ragioni per le quali la gente non va a votare...

    Stalin sarebbe ancora poco..

  5. #5
    L'avatar di Letshope
    Data Registrazione
    Apr 2001
    Messaggi
    41,163
    Mentioned
    4 Post(s)
    Quoted
    14374 Post(s)
    Potenza rep
    42879789
    Ma lo scorso primo marzo il M5S non aveva votato a favore dell'invio delle armi in Ucraina?

  6. #6

    Data Registrazione
    Nov 2015
    Messaggi
    33,310
    Blog Entries
    1
    Mentioned
    20 Post(s)
    Quoted
    26902 Post(s)
    Potenza rep
    42949679
    Sui 5s che sono stati prima con la lega, poi con il pd e poi con la lega e il pd non ha niente da dire?

  7. #7
    L'avatar di extra
    Data Registrazione
    Feb 2009
    Messaggi
    55,341
    Blog Entries
    1
    Mentioned
    35 Post(s)
    Quoted
    25124 Post(s)
    Potenza rep
    42949686
    Citazione Originariamente Scritto da ennio1963 Visualizza Messaggio
    Questa non è farina del mio sacco, è di Alessandro Di Battista.
    Gira in rete e mi sento di condividerne il contenuto.
    ----------
    Giorgia Meloni votò la legge Fornero condannando centinaia di migliaia di italiani alla disperazione.
    Ma il PD non può attaccarla per questo.
    Tutto il PD, compreso Letta, votò la stessa legge ed ora candidano un alfiere dell'austerity come Cottarelli.

    Giorgia Meloni era ministro della Repubblica (e La Russa addirittura ministro della Difesa) quando il governo Berlusconi avallò la guerra in Libia, la più grande sconfitta geopolitica italiana dalla II guerra mondiale in poi.
    Ma il PD non può attaccarla per questo.
    Tutto il PD, compreso Letta, sostenne quell'ignobile intervento voluto dagli americani, dai francesi e patrocinato da Giorgio Napolitano, il peggior presidente della storia repubblicana.
    Le conseguenze di quella guerra le stiamo ancora pagando ma nessuno lo ricorda.
    La Meloni parla di blocco navale con pochissimi giornalisti capaci di ricordarle le conseguenze sul piano migratorio di quell'intervento ed il PD parla sempre meno di Libia e diritti umani per vergogna.

    Giorgia Meloni, che oggi chiede drastici cambiamenti all'Unione europea, votò il pareggio di bilancio in Costituzione. Quel pareggio di bilancio voluto dalla BCE quando Trichet cedeva lo scettro proprio a Mario Draghi.
    Ma il PD non può attaccarla per questo.
    Figuriamoci.
    Il pareggio di bilancio l'hanno votato tutti quanti.
    Il bello è che neppure Di Maio può aprire bocca essendo il garzone di Tabacci, anch'egli sostenitore di quella vergognosa riforma.

    Giorgia Meloni sostiene l'invio di armi in Ucraina (a proposito, la guerra c'è ancora anche se pare che delle sofferenze dei civili e di seri tentativi diplomatici per farle finire non interessi più nessuno).
    Ma il PD non può attaccarla per questo.
    Capirai, fosse stato per Letta avremmo mandato pure la Folgore a combattere contro i russi.

    Giorgia Meloni sostiene l'aumento di miliardi su miliardi in spese militari.
    Quell'aumento definito folle da Papa Francesco in un momento in cui clima e povertà uccidono come non mai.
    Ma il PD non può attaccarla per questo.
    Il ministro della difesa Guerini è il massimo sostenitore dei 14 miliardi in più all'anno spesi in armi (per informazione l'Italia investe nelle università 7 miliardi all'anno).

    Questa è la cruda realtà.
    Ed ecco che il PD per differenziarsi dalla Meloni tira fuori il pericolo fascista (loro che sono stati gli alfieri del “fascismo finanziario”), mette nel programma qualche misura di sinistra mai realizzata quando erano al governo, ovvero praticamente sempre negli ultimi 11 anni, o sostiene la crociata contro la fiamma tricolore nel simbolo di FdI senza nemmeno rendersi conto che queste cose non la indeboliscono affatto.
    Anzi.

    Letta e Meloni sono due facce della stessa medaglia.
    Hanno sostenuto, entrambi, tutto quello che, negli ultimi anni, ha colpito l'interesse generale.
    Prima o poi se ne accorgeranno in tanti.


  8. #8

    Data Registrazione
    Oct 2005
    Messaggi
    73,399
    Mentioned
    5 Post(s)
    Quoted
    23402 Post(s)
    Potenza rep
    42949689
    Citazione Originariamente Scritto da fallugia Visualizza Messaggio
    Sui 5s che sono stati prima con la lega, poi con il pd e poi con la lega e il pd non ha niente da dire?
    governare,dicono,sia meglio che fottere

  9. #9

    Data Registrazione
    Jun 2002
    Messaggi
    15,651
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    2164 Post(s)
    Potenza rep
    42949693
    Ma infatti un bel governo FDI-PD non andrebbe a meraviglia visto che tra l'altro sono e saranno i primi due partiti?

  10. #10
    L'avatar di loucyfer
    Data Registrazione
    May 2008
    Messaggi
    14,681
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    5503 Post(s)
    Potenza rep
    42949687
    Destra, sinistra, centro, m5s....stessa m....a.

    https://www.facebook.com/ItaliaSovranaPopolare/

Accedi