La notte piddina dai lunghissimi coltelli… Ferragosto a ferro e fuoco
Settembre da incubo per Wall Street: occhio ad alcuni indicatori che lanciano dei segnali d’acquisto
Indici azionari di Wall Street in profondo rosso a settembre. Quando manca una seduta al termine del mese e del trimestre lo S&P 500 e gli altri principali indici viaggiano sui minimi annui. L?indice S&P 500 è capitolato del 7,9% a settembre, il Dow Jones ha sofferto un tonfo del 7,2% e peggio fa il
Porsche in Borsa vale più del doppio di Ferrari. Confronto con le altre big auto e prospettive dopo l’IPO più attesa del 2022
Porsche si è quotata sulla Borsa di Francoforte con il ticker P911 in quella che era l?Ipo più attesa dell?anno e non ha deluso le aspettative. Si tratta infatti della maggiore IPO dell?ultimo decennio in Europa. Il debutto è avvenuto in una giornata debole per i mercati, ma Porsche dopo aver aperto a 84 euro,
Mps: aumento capitale s’ha da fare o no ora? Il nodo Axa-Anima. Titolo ancora sotto attacco
Si sta per chiudere una settimana a dir poco concitata per Mps, la banca senese guidata dal ceo Luigi Lovaglio, alle prese con una operazione di aumento di
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1

    Data Registrazione
    Oct 2008
    Messaggi
    15,357
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    4369 Post(s)
    Potenza rep
    42949686

    La notte piddina dai lunghissimi coltelli… Ferragosto a ferro e fuoco

    Ecco il resoconto godibilissimo del Quotidiano Nazionale, che pure collocavo in area Dem, evidentemente le testate si stanno riposizionando. A breve mi aspetto Repubblica e il Corriere a magnificare le doti di M.me Meloni



    Liste Pd, la lunga notte: liti furibonde ed esclusi. Ecco i nomi
    Liste elettorali approvate con 3 contrari e 5 astenuti. Letta: "Avrei voluto ricandidarvi tutti"

    ARTICOLO: Liste Pd, territori in rivolta: Di Maio "catapultato" in Campania. "Troppi imbucati"

    Roma, 16 agosto 2022 - Letta dixit: “avrei voluto ricandidarvi tutti”… Sindaci, territori, federazioni sul piede di guerra. Dopo giorni di litigate furibonde, scontri al vetriolo, coltelli dietro la schiena, il Pd – ieri notte, a notte, tecnicamente, molto ‘fonda’, dopo essere stata convocata e sconvocata ben quattro volte in un giorno, una specie di barzelletta – ha composto le sue liste elettorali (3 contrari e 5 astenuti, alla fine, ma ‘non vale’), e che fatica!

    Letta, con aria pretesca, quando si apre per davvero la Direzione, a notte fonda (h 23.30) dice (ghigno da Joker) che “avrei potuto imporre nomi solo miei, ma non l’ho fatto” (e, invece, ce ne sono eccome, a iosa) e “avrei voluto ricandidare tutti gli uscenti, ma era impossibile”. Peccato che il Pd, oggi, ha il 13% come numeri in Parlamento (136 onorevoli: 39 senatori e 97 deputati) e, essendo il Pd quotato al 25% circa, nei sondaggi, avrebbe potuto, volendo, ricandidare più uscenti. Ma Letta – che si candiderà, con un doppio ‘paracadute’, nei listini bloccati, come capolista, in Veneto come in Lombardia – non ha voluto. E, quindi, amen. E’ andata così. Solo che così potrebbero andare le cose in un futuro prossimo. Infatti, subito dopo la prevedibile batosta nelle urne, potrebbe aprirsi un congresso anticipato che punterebbe a scalzarlo da dove si trova e che – con Stefano Bonaccini, che però nega di volerlo – o altri nomi ‘nuovi’ ambirebbero al suo posto…

    E se è vero che il segretario ha ‘sfamato’ correnti interne fameliche di posti (Area dem, Base riformista, Giovani turchi, Area Zinga, Dems), è anche vero che non avrà una truppa parlamentare di ‘fedelissimi’ (tranne 20/25, per lo più giovani e alla loro prima esperienza, digiuni di ‘tattiche’), le correnti gli si potranno rivoltare contro e, soprattutto, non avrà alcun aiuto dai territori e dalle federazioni, le prime a dirsi ‘insoddisfatte’.

    “Le candidature del Pd, finalmente!”. Esclusi clamorosi

    Ma prima di vedere i nomi – del resto, specie quelli dei big, si sanno (ministri tutti, vice ministri pure, sottosegretari dipende, più capi corrente, tutti, loro colonnelli, pure, qualche peone) - meglio parlare subito di chi non è d’accordo e, già sul piede di guerra, ormai, è pronto a scendere direttamente ‘in guerra’, appena si chiuderà la ‘parentesi’ elettorale. Tra i motivi che hanno fatto ritardare di ora in ora la Direzione, ci sono tre regioni con candidature che entravano e uscivano di ora in ora: Campania (soprattutto), Lazio (anche), Toscana (già meno). Per dire, l’attuale sottosegretario agli Affari esteri, Enzo Amendola, ha ‘ballato’ sul filo e pericolosamente per ore e ore, poi è ‘entrato’.

    A non farcela, invece, a meno di miracoli, tre pezzi da novanta del Pd: il cattolico democratico per storia e passione, ‘mago’ di leggi e numeri, professore e docente di Diritto costituzionale alla Sapienza, Stefano Ceccanti, ‘cacciato’ dal suo collegio di Pisa per far posto al bel Fratoianni e che smentisce, di notte, di aver accettato un posto molto indietro, nel listino, proposta dal Pd…

    Ma escono anche Tommaso Nannicini (a Milano), Emanuele Fiano (idem) e molti altri (l’ex capogruppo Andrea Marcucci) messi talmente ‘in basso’, nei listini proporzionali o collocati in collegi apertamente perdenti/scarsi da vedere le loro possibilità di elezione nulle. Oltre a essere, guarda caso, tutti e tre di Base riformista (l’area di Lotti e Guerini), sono anche tre ‘esperti’ parlamentari (specie Ceccanti) di dottrina, regolamenti, comportamenti d’aula, ragionamenti complessi, solo che non sono ‘fedelissimi’ Letta.

    New entry, conferme e volti spendibili. I big.

    Tra i nomi ‘nuovi’ il virologo Andrea Crisanti, che però verrà presentato ‘in Europa’, cioè nella circoscrizione degli Italiani all’Estero, conferma per Carlo Cottarelli (capolista a Milano 1 Senato) e, anche qui come si sapeva, due sindacaliste (Annalisa Furlan, ex segretario Cisl, in Sicilia, e Susanna Camusso, ex segretario della Cgil, che ieri notte ‘ballava’ tra Lombardia e Lazio, etc.

    Invece, vengono candidati – tutti in collegi sicuri e posizioni eleggibili – 5 ‘ragazzi’ under 35 che saranno il fiore all’occhiello del segretario (esperienza zero, voti in natura zero, mavabbè): Caterina Cerroni (Lazio), Marco (Campania), Rachele Scarpa (Veneto), Michele Fina (Lombardia) e Paolo Romano (idem). A loro, sempre in ‘quota Letta’ vanno aggiunti i ‘padrini’ delle Agorà (Schlien, Berruto, Nicita) e ‘la società civile’ (Crisanti, Cottarelli, etc.).

    I seggi ‘regalati’ ai ‘nanetti’ e partiti ‘fratelli’

    Poi bisogna dare due seggi a testa a due ‘nanetti’ Psi e Demos, quattro ad Art. 1 (Speranza, Scotto, in Campania, Fornaro in Piemonte, Stumpo – un genio – capolista a casa sua, cioè in Calabria). E fa – tra società civile, giovani, donne, diritti – 10 nomi da ‘testa di lista’. Più gli otto dei tre nanetti fa 18, ma vanno aggiunti due collegi blindati per +Europa, uno per IC (Di Maio), due a Verdi-SI (Bonelli-Fratoianni) e già siamo arrivati a cinque senza contare qualche altro dei partiti ‘fratelli’. Un totale definitivo di 23/25 posti che, su 80/100 parlamentari che il Pd può eleggere con il 30%, toglie posti, aria, fiato e sogni a territori e locali. Ma vediamole, dunque, queste proteste, almeno le principali e nelle regioni più indicative e grandi.

    La ribellione dei sindaci e dei territori locali

    Non solo i territori, cioè le federazioni e i circoli, sono imbufalite, scrivono mail e fanno telefonate fino all’ultima ora mentre il Nazareno è diventato una bolgia dantesca da cui non si capisce più chi entra e chi esce, si sa solo che Letta è a casa sua e a fare il ‘lavoro sporco’ c’è il suo braccio destro, il capo della Segretario, Marco Meloni, sardo e pure sordo, spesso, di sicuro alle preghiere altrui.

    Anche la chat interna dei sindaci dem e pure quella di tutti i sindaci di centrosinistra, ribolle. “Noi a questi la campagna elettorale non la facciamo e non la faremo, visto come ci hanno trattati. Ci vogliono per fare le ‘belle figurine’ e poi non ci danno neppure un nome dei nostri? Che se li vadano a cercare da soli i voti, e amen”. In pratica, al netto di Antonio Decaro, presidente dell’Anci e sindaco di Bari, che ha stretto un patto di ferro con Emiliano (il secondo si candiderà all’Europarlamento, al prossimo giro, e il primo concorrerà per fare il governatore…), i sindaci faranno molto poco, prima delle elezioni, anche se hanno ottenuto le candidature di due (ex) primi cittadini. Andrea Gnassi e Merola.

  2. #2
    L'avatar di mib30
    Data Registrazione
    Aug 2000
    Messaggi
    42,817
    Mentioned
    31 Post(s)
    Quoted
    20590 Post(s)
    Potenza rep
    42949695
    Ci voleva lo streaming
    Dovevano piazzare una telecamera in ogni stanza e vendere la diretta

    Avrebbero monetizzato alla grande

  3. #3

    Data Registrazione
    Oct 2000
    Messaggi
    10,951
    Blog Entries
    2
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    1747 Post(s)
    Potenza rep
    42949694
    Andranno "ai materassi" di Coppolesca memoria........

  4. #4

    Data Registrazione
    Oct 2008
    Messaggi
    15,357
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    4369 Post(s)
    Potenza rep
    42949686
    Citazione Originariamente Scritto da mib30 Visualizza Messaggio
    Ci voleva lo streaming
    Dovevano piazzare una telecamera in ogni stanza e vendere la diretta

    Avrebbero monetizzato alla grande
    Meglio che la notte degli Oscar. And the winner of the sure chair in Arezzo 1, is…

  5. #5
    L'avatar di loucyfer
    Data Registrazione
    May 2008
    Messaggi
    14,646
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    5487 Post(s)
    Potenza rep
    42949687
    Finalmente la cloaca del PD è esplosa in tutto il suo "materiale organico" e "l'olezzo" lo si sente in tutta Italia....!!!!

    P.S.: la Boldrini la candidano ancora, oppure la spediscono direttamente a Lampedusa, all'interno del centro accoglienza migranti, a "studiare" l'avanguardia del nostro "futuro stile di vita"?



    ...azz...la candidano ancora in plurinominale....!!!

    https://firenze.repubblica.it/cronac...ato-361887366/

  6. #6

    Data Registrazione
    Oct 2008
    Messaggi
    15,357
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    4369 Post(s)
    Potenza rep
    42949686
    Citazione Originariamente Scritto da gaetano14 Visualizza Messaggio
    Andranno "ai materassi" di Coppolesca memoria........
    Don Vito Letta Corleone sarà il primo a finire in un pilastro di calcestruzzo, dopo il 25 settembre. Forse là dentro finalmente troverà la “serenità” così a lungo agognata

  7. #7
    L'avatar di oneone
    Data Registrazione
    Nov 2009
    Messaggi
    57,391
    Mentioned
    13 Post(s)
    Quoted
    11381 Post(s)
    Potenza rep
    42949685
    Che spettacolo, non vedo l'ora di vedere l'esito delle elezioni
    Sono disperati, per me hanno ben chiaro che il CDX sfonderà di brutto e a loro resteranno pochissimi seggi, spero che M5S non faccia errori clamorosi in questa ultima fase della campagna elettorale: bisogna togliere più seggi possibile ai piddini

  8. #8
    L'avatar di oneone
    Data Registrazione
    Nov 2009
    Messaggi
    57,391
    Mentioned
    13 Post(s)
    Quoted
    11381 Post(s)
    Potenza rep
    42949685
    I piddini erano abituati a eleggere in sicurezza 300 tra deputati e senatori, ah i bei tempi andati...

  9. #9

    Data Registrazione
    Oct 2005
    Messaggi
    73,303
    Mentioned
    5 Post(s)
    Quoted
    23337 Post(s)
    Potenza rep
    42949689
    Citazione Originariamente Scritto da oneone Visualizza Messaggio
    Che spettacolo, non vedo l'ora di vedere l'esito delle elezioni
    Sono disperati, per me hanno ben chiaro che il CDX sfonderà di brutto e a loro resteranno pochissimi seggi, spero che M5S non faccia errori clamorosi in questa ultima fase della campagna elettorale: bisogna togliere più seggi possibile ai piddini
    i movimentati ne perderanno almeno 4 quinti

  10. #10
    L'avatar di oneone
    Data Registrazione
    Nov 2009
    Messaggi
    57,391
    Mentioned
    13 Post(s)
    Quoted
    11381 Post(s)
    Potenza rep
    42949685
    Citazione Originariamente Scritto da franz.old Visualizza Messaggio
    i movimentati ne perderanno almeno 4 quinti
    Anche eleggessero solo 5 senatori e 10 deputati sono 15 piddini in meno, questo è ciò che conta

Accedi