PNRR: Ieri ha detto che perdiamo circa il 40% dell'acqua per colpa degli acquedotti.
Banche italiane promosse da DBRS: risultati semestrali solidi, ecco i fattori chiave
Promosse a pieni voti le grandi banche italiane. Intesa Sanpaolo, UniCredit, fino a Banco BPM, BPER e MPS, hanno registrato nel secondo trimestre del 2022
Sorpresa inflazione USA: a luglio rallenta crescita prezzi al consumo (+8,5%), sospiro di sollievo per la FED. I mercati festeggiano
A luglio i prezzi al consumo negli Stati Uniti sono aumentati dell?8,5% rispetto a un anno fa, un ritmo in rallentamento rispetto al mese precedente (+9,1%) dovuto principalmente al calo dei prezzi della benzina. Mentre su base mensile, i prezzi sono rimasti invariati poiché i prezzi dell?energia sono diminuiti sostanzialmente del 4,6% e la benzina è
Volatilità sui mercati nel giorno dell’inflazione Usa. Ftse Mib tra i migliori in Europa  
  Volatilità sui mercati europei nel giorno della pubblicazione dell’inflazione Usa di luglio, il dato clou della settimana visto che l'a
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1
    L'avatar di Sir Wildman
    Data Registrazione
    Jun 2003
    Messaggi
    83,724
    Mentioned
    26 Post(s)
    Quoted
    30985 Post(s)
    Potenza rep
    42949692

    PNRR: Ieri ha detto che perdiamo circa il 40% dell'acqua per colpa degli acquedotti.

    Quanti soldi del PNRR vanno al ripristino degli stessi?

  2. #2
    L'avatar di Sency
    Data Registrazione
    Aug 2004
    Messaggi
    3,649
    Mentioned
    8 Post(s)
    Quoted
    1890 Post(s)
    Potenza rep
    42949690
    Questo è il risultato della gestione pubblica dell'acqua, con acquedotti governati quasi sempre da amministratori strapagati, raccomandati e raccomandanti di nomina politica. Situazione peraltro voluta e votata dagli italiani col 95% dei voti dell'unico referendum che ha avuto quorum in 30 anni.
    Come sosteneva Renzi, che è andato a casa anche per questa storia, la gestione dell'acqua, reti comprese, va immediatamente data in concessione ai privati, con gara pubblica sul prezzo. Al limite la politica si può tenere in mano la possibilità di annullare la gara se i risultati in corso d'opera non sono soddisfacenti.
    Come al solito, tutto quello che in Italia viene toccato dalla politica e dalla gestione pubblica, finisce allo sfascio e nella corruzione.

  3. #3
    L'avatar di Sir Wildman
    Data Registrazione
    Jun 2003
    Messaggi
    83,724
    Mentioned
    26 Post(s)
    Quoted
    30985 Post(s)
    Potenza rep
    42949692
    Citazione Originariamente Scritto da Sency Visualizza Messaggio
    Questo è il risultato della gestione pubblica dell'acqua, con acquedotti governati quasi sempre da amministratori strapagati, raccomandati e raccomandanti di nomina politica. Situazione peraltro voluta e votata dagli italiani col 95% dei voti dell'unico referendum che ha avuto quorum in 30 anni.
    Come sosteneva Renzi, che è andato a casa anche per questa storia, la gestione dell'acqua, reti comprese, va immediatamente data in concessione ai privati, con gara pubblica sul prezzo. Al limite la politica si può tenere in mano la possibilità di annullare la gara se i risultati in corso d'opera non sono soddisfacenti.
    Come al solito, tutto quello che in Italia viene toccato dalla politica e dalla gestione pubblica, finisce allo sfascio e nella corruzione.
    Ma per favore, una barzelletta ...

    Water privatisation: a worldwide failure? | Access to water | The Guardian

    Tutte le volte che privatizzi un monopolio (locale o non) e' sempre un disastro. Se poi la domanda e' piuttosto rigida pure peggio.
    E il motivo e' perfettamente ovvio: il privato entra in campo per fare profitti, e questi son la differenza tra entrate e costi.
    Se vuoi fare piu' profitti devi o aumentare le entrate, o diminuire le uscite, e entrambe le cose.
    Quindi privatizzazione uguale o aumento delle bollette, o meno soldi in manutenzione, o entrambe le cose.

    Le autostrade sono un esempio perfetto di quello che avresti anche con l'acqua: una rete al disastro (pure peggio
    di adesso) e tariffe alle stelle.

    Il vero problema e' che la manutenzione e' stata tagliata di brutto. E non solo quella della rete idrica: hai la stessa cosa
    per il sistema idrogeologico e mille altre cose. Si e' tagliato brutalmente con l'accetta.

    E' quell'operazione che, a partire dagli anni 90, han chiamato "risanamento".

  4. #4
    L'avatar di NeoDinox
    Data Registrazione
    Aug 2004
    Messaggi
    25,256
    Mentioned
    10 Post(s)
    Quoted
    7306 Post(s)
    Potenza rep
    42949690
    tranne quella imposta dalla Raggibambolinacon due OO nonda poco

    e a roma in pochi anni calato spreco in modo stratosferico.
    solo grazie alla raggi

  5. #5

    Data Registrazione
    Feb 2001
    Messaggi
    18,838
    Mentioned
    16 Post(s)
    Quoted
    7753 Post(s)
    Potenza rep
    42949694
    Lo sento dire da 50 anni almeno. Cosa hanno risolto questi "migliori"?

  6. #6

    Data Registrazione
    Nov 2017
    Messaggi
    4,166
    Mentioned
    4 Post(s)
    Quoted
    2837 Post(s)
    Potenza rep
    42949677
    L'1% del PNRR è dedicato a opere idriche.

    Il fatto che ci sia una percentuale di perdita negli acquedotti è fisiologico: non esce veleno, esce acqua piovana.
    Quindi va fatto un giusto compromesso tra i costi e l'obiettivo di garantire l'approvvigionamento e contenere le inondazioni.
    Certo è che le opere idriche sembrano non portare voti, non sono mai argomento di campagna elettorale.

  7. #7
    L'avatar di maxbank
    Data Registrazione
    May 2014
    Messaggi
    44,838
    Mentioned
    33 Post(s)
    Quoted
    21702 Post(s)
    Potenza rep
    42949681
    Abbiamo i tubi degli anni 60....

  8. #8
    L'avatar di volopazzo
    Data Registrazione
    Feb 2002
    Messaggi
    59,912
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    6158 Post(s)
    Potenza rep
    42949693
    La dispersione e le perdite
    La differenza tra i volumi prelevati ed utilizzati (7,6 miliardi di m3) mostra il livello complessivo di dispersioni d’acqua e dimensiona lo spreco del sistema.

    La dispersione è molto più accentuata nel settore civile, con perdite del 45,3%. Per le pratiche irrigue si stima invece una dispersione di acqua del 15%; risultano minime infine le percentuali di dispersione per gli altri usi.

    Il dato più eclatante è quello degli acquedotti, si è detto tantissimo su questo aspetto che non lascia spazio a dubbi sullo stato della rete: si perdono in media 41,4 litri ogni 100 immessi nelle reti di distribuzione (inclusi nel dato gli allacciamenti abusivi e gli errori di misurazione).

    Gli acquedotti in Italia si sviluppano per 425mila km di rete, inclusi gli allacciamenti si arriva a 500mila km. Il 60% delle rete nazionale è stato posato oltre 30 anni fa e il 25% supera anche i 50 anni. Ma il tasso nazionale di rinnovo è pari a 3,8 metri di condotte per ogni km di rete: significa che a questo ritmo occorrerebbero oltre 250 anni per sostituire l’intera rete. Utilitalia stima in 5 miliardi all’anno l’investimento per adeguare e mantenere la rete idrica nazionale, una cifra enorme non alla portata delle finanze italiane. Attualmente gli investimenti si attestano a circa 32-34 euro per abitante all’anno, mentre la media europea è di circa 100 euro (in Danimarca si arriva a 129 euro).

  9. #9
    L'avatar di suiller
    Data Registrazione
    Nov 2011
    Messaggi
    4,356
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    2040 Post(s)
    Potenza rep
    42949683
    sentii x radio che la prov di latina ha il record negativo di perdite... circa il 70% dell'acqua immessa si "perde".... esti*****!

  10. #10
    L'avatar di volopazzo
    Data Registrazione
    Feb 2002
    Messaggi
    59,912
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    6158 Post(s)
    Potenza rep
    42949693
    eh, ma la TAV....

    volete la pace o lavarvi in casa?

Accedi