di Marco Travaglio A leggere i giornaloni italiani ed esteri, domani Montecitorio po
La disuguaglianza dell’inflazione: Donovan (UBS) spiega perché l’inflazione cpi è sbagliata per la maggior parte di noi
L’indice dei prezzi al consumo può essere un valore fuorviante se calcolato in maniera generalizzata per la maggior parte delle persone. “L’inflazione misurata dal consumer price index (CPI) “è una …
Wall Street mette il turbo dopo 100 giorni da incubo, ecco l’entità dei rimbalzi dell’S&P 500 in situazioni simili del passato
Settimana in poderoso recupero per i listini azionari, in particolare Wall Street. A supportare il movimento nelle ultime sedute sono state in prima battuta le minute Fed e poi le …
Tim accelera su rete unica, vicina la firma del MoU con CDP
Seduta all?insegna della bassa volatilità per Tim dopo il CdA di ieri che ha fatto il punto su rete unica e altri temi in vista della presentazione della riorganizzazione del …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1
    L'avatar di ennio1963
    Data Registrazione
    Jun 2006
    Messaggi
    40,045
    Mentioned
    6 Post(s)
    Quoted
    14507 Post(s)
    Potenza rep
    42949688

    di Marco Travaglio A leggere i giornaloni italiani ed esteri, domani Montecitorio po

    di Marco Travaglio

    A leggere i giornaloni italiani ed esteri, domani Montecitorio potrebbe restare tranquillamente chiuso e risparmiarsi i lavori del seggio-parcheggio per i grandi elettori positivi al Covid: tanto al Quirinale è già stato eletto Mario Draghi col 101% dei voti.

    È un nuovo sistema elettorale perfettamente in linea con i tempi che corrono: l’elezione per acclamazione, riservata non più ai rappresentanti del popolo, ma a quelli del mestiere più antico del mondo (il giornalismo: che avevate capito?).

    Un sistema che presenta l’indubbio vantaggio della rapidità e anche del risparmio di carta (al posto delle schede, le lingue).

    Purtroppo, salvo Dpcm dell’ultim’ora, si sono scordati di brevettarlo e toccherà fare come le altre volte: con quelle barbose procedure chiamate Costituzione, Parlamento e Democrazia Rappresentativa.

    La situazione, a ieri sera, è la seguente.

    Gli spingitori.

    Draghi al Quirinale lo spingono più all’estero che in Italia, anche perché accade solo in Italia che per nominare il premier o addirittura il capo dello Stato (italiano) si chieda il permesso all’estero.

    In tutti i sondaggi, due terzi degli italiani non vogliono che il premier diventi capo dello Stato: sia perché doveva portarci fuori dalla pandemia e abbiamo 3-400 morti al giorno, norme-barzelletta come il Dpcm sui tamponi all’edicola, e alle Poste per la pensione e al supermercato per lo shopping con rastrellamenti della forza pubblica cassa per cassa, norme già fallite come il Green pass anti-contagi e l’obbligo vaccinale per gli over 50 (ne ha convinto appena 1 su 10 e dal 1° febbraio gli altri 9 stanno a casa); sia perché questo governo-ammucchiata è nato su misura di Draghi e non c’è nessun clone che possa tenerlo in piedi al posto suo.

    Non lo vogliono neanche i costituzionalisti con la testa sul collo, perché non s’è mai visto un premier che trasloca al Colle e continua a governare di lì per interposto prestanome: quello si chiamerebbe presidenzialismo se avessimo i contrappesi previsti di regimi presidenziali (negli Usa il presidente può avere contro una delle due Camere, o anche entrambe), invece non li abbiamo e quindi si chiamerebbe monarchia assoluta.

    Quanto ai big della politica, la resa anticipata al banchiere è stata finora sventata dai no di Conte, Salvini e Meloni (che avrebbe votato Draghi in cambio delle elezioni, ma ora ha capito che non avrà neppure quelle, mentre con lui sul Colle dovrà compiere 120 anni per fare il premier se vince le elezioni).

    Al momento gli unici a volere Draghi sono Gianni Letta (che non è parlamentare), Enrico Letta (che non può dirlo perché mezzo Pd non lo vuole) e il duo Toti-Brugnaro (che non sono big).

    Perciò gli spingitori di Draghi nei giornaloni ripetono a mantra che sono tutti per lui e lui è già al Colle: per convincerli che è così e non può che esserlo, puntando sulla rassegnazione dei peones e sullo sport nazionale del salto sul carro del vincitore.

    E non è detto che, in caso di stallo permanente, a furia di fumate nere, la maxi-balla non si autoavveri. Ora come ora gli spingitori sono così mal messi che il Corriere deve titolare: “Il premier in testa alle preferenze. Il 62% vorrebbe una donna”, dal che si deduce che Draghi è un ermafrodito, come le cernie, le ostriche piatte e le cappesante.

    I quirinabili.

    Siccome, per la prima volta nella storia, non esiste una maggioranza né di centrodestra né di centrosinistra, ha più chance chi non appartiene a nessuno dei due (tipo Draghi, ma anche personalità meno ingombranti come Belloni o Severino o figure simili) o chi appartiene a entrambi (tipo Casini).

    E, fra questi, chi ha la fortuna di non essere nominato (nel senso del Grande Fratello: bruciato) da nessun capo-partito.

    In questa fase, chi meno parla più conta. E non è detto che queste procedure carbonare si rivelino, a conti fatti, una disgrazia: persino Berlusconi potrebbe rendersi utile alla democrazia, ovviamente a sua insaputa, se per ripicca o gelosia, dopo aver contribuito a liberarci del penultimo aspirante padrone (Renzi) e rinunciato a diventarlo lui, sbarrasse sul serio la strada pure all’ultimo (Draghi).

    I cappellai.

    C’è chi dice che tra i supporter di Draghi ci siano anche Renzi e Di Maio.

    È vero, ma la questione è più complessa.

    I due ambiscono a intestarsi a posteriori chiunque venga eletto, mettendo il cappello a priori su qualunque candidato leggano sui giornali.

    Il primo, meno furbo, lo fa con tre-quattro interviste al giorno in cui promuove tutti e non boccia nessuno: così, dopo, farà il solito giochino della mosca cocchiera o della pulce con la tosse (“Ho vinto io! Ho fatto tutto io! È mio!”).

    Il secondo, più furbo, non dice nulla e incontra tutti: oltre a Draghi, ha visto o sentito Casini, Moratti, Giorgetti, Casellati, Brugnaro, Amato, Riccardi, Confalonieri, Letta sr. e jr..

    Secondo il Corriere, è “pronto ad avallare qualunque soluzione risulti vincente” e “pur di restare alla Farnesina, si è promesso a tutti, affiancando addirittura un proprio sherpa a ogni candidato”.

    Quanto conti il suo apporto non si sa: i suoi fedelissimi in Parlamento non superano la ventina, ma sui giornaloni lievitano prodigiosamente ora a 70 ora a 100 (si attendono i dati della Questura), come i carri armati di Mussolini.

    E, siccome i candidati ogni tanto si parlano, capita che uno si vanti con l’altro di avere l’appoggio di Di Maio e si senta rispondere: “Ma lo sai che anch’io?”.

    FQ 23 gennaio


  2. #2

    Data Registrazione
    Oct 2005
    Messaggi
    71,415
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    22242 Post(s)
    Potenza rep
    42949689
    Citazione Originariamente Scritto da ennio1963 Visualizza Messaggio
    di Marco Travaglio

    A leggere i giornaloni italiani ed esteri, domani Montecitorio potrebbe restare tranquillamente chiuso e risparmiarsi i lavori del seggio-parcheggio per i grandi elettori positivi al Covid: tanto al Quirinale è già stato eletto Mario Draghi col 101% dei voti.

    È un nuovo sistema elettorale perfettamente in linea con i tempi che corrono: l’elezione per acclamazione, riservata non più ai rappresentanti del popolo, ma a quelli del mestiere più antico del mondo (il giornalismo: che avevate capito?).

    Un sistema che presenta l’indubbio vantaggio della rapidità e anche del risparmio di carta (al posto delle schede, le lingue).

    Purtroppo, salvo Dpcm dell’ultim’ora, si sono scordati di brevettarlo e toccherà fare come le altre volte: con quelle barbose procedure chiamate Costituzione, Parlamento e Democrazia Rappresentativa.

    La situazione, a ieri sera, è la seguente.

    Gli spingitori.

    Draghi al Quirinale lo spingono più all’estero che in Italia, anche perché accade solo in Italia che per nominare il premier o addirittura il capo dello Stato (italiano) si chieda il permesso all’estero.

    In tutti i sondaggi, due terzi degli italiani non vogliono che il premier diventi capo dello Stato: sia perché doveva portarci fuori dalla pandemia e abbiamo 3-400 morti al giorno, norme-barzelletta come il Dpcm sui tamponi all’edicola, e alle Poste per la pensione e al supermercato per lo shopping con rastrellamenti della forza pubblica cassa per cassa, norme già fallite come il Green pass anti-contagi e l’obbligo vaccinale per gli over 50 (ne ha convinto appena 1 su 10 e dal 1° febbraio gli altri 9 stanno a casa); sia perché questo governo-ammucchiata è nato su misura di Draghi e non c’è nessun clone che possa tenerlo in piedi al posto suo.

    Non lo vogliono neanche i costituzionalisti con la testa sul collo, perché non s’è mai visto un premier che trasloca al Colle e continua a governare di lì per interposto prestanome: quello si chiamerebbe presidenzialismo se avessimo i contrappesi previsti di regimi presidenziali (negli Usa il presidente può avere contro una delle due Camere, o anche entrambe), invece non li abbiamo e quindi si chiamerebbe monarchia assoluta.

    Quanto ai big della politica, la resa anticipata al banchiere è stata finora sventata dai no di Conte, Salvini e Meloni (che avrebbe votato Draghi in cambio delle elezioni, ma ora ha capito che non avrà neppure quelle, mentre con lui sul Colle dovrà compiere 120 anni per fare il premier se vince le elezioni).

    Al momento gli unici a volere Draghi sono Gianni Letta (che non è parlamentare), Enrico Letta (che non può dirlo perché mezzo Pd non lo vuole) e il duo Toti-Brugnaro (che non sono big).

    Perciò gli spingitori di Draghi nei giornaloni ripetono a mantra che sono tutti per lui e lui è già al Colle: per convincerli che è così e non può che esserlo, puntando sulla rassegnazione dei peones e sullo sport nazionale del salto sul carro del vincitore.

    E non è detto che, in caso di stallo permanente, a furia di fumate nere, la maxi-balla non si autoavveri. Ora come ora gli spingitori sono così mal messi che il Corriere deve titolare: “Il premier in testa alle preferenze. Il 62% vorrebbe una donna”, dal che si deduce che Draghi è un ermafrodito, come le cernie, le ostriche piatte e le cappesante.

    I quirinabili.

    Siccome, per la prima volta nella storia, non esiste una maggioranza né di centrodestra né di centrosinistra, ha più chance chi non appartiene a nessuno dei due (tipo Draghi, ma anche personalità meno ingombranti come Belloni o Severino o figure simili) o chi appartiene a entrambi (tipo Casini).

    E, fra questi, chi ha la fortuna di non essere nominato (nel senso del Grande Fratello: bruciato) da nessun capo-partito.

    In questa fase, chi meno parla più conta. E non è detto che queste procedure carbonare si rivelino, a conti fatti, una disgrazia: persino Berlusconi potrebbe rendersi utile alla democrazia, ovviamente a sua insaputa, se per ripicca o gelosia, dopo aver contribuito a liberarci del penultimo aspirante padrone (Renzi) e rinunciato a diventarlo lui, sbarrasse sul serio la strada pure all’ultimo (Draghi).

    I cappellai.

    C’è chi dice che tra i supporter di Draghi ci siano anche Renzi e Di Maio.

    È vero, ma la questione è più complessa.

    I due ambiscono a intestarsi a posteriori chiunque venga eletto, mettendo il cappello a priori su qualunque candidato leggano sui giornali.

    Il primo, meno furbo, lo fa con tre-quattro interviste al giorno in cui promuove tutti e non boccia nessuno: così, dopo, farà il solito giochino della mosca cocchiera o della pulce con la tosse (“Ho vinto io! Ho fatto tutto io! È mio!”).

    Il secondo, più furbo, non dice nulla e incontra tutti: oltre a Draghi, ha visto o sentito Casini, Moratti, Giorgetti, Casellati, Brugnaro, Amato, Riccardi, Confalonieri, Letta sr. e jr..

    Secondo il Corriere, è “pronto ad avallare qualunque soluzione risulti vincente” e “pur di restare alla Farnesina, si è promesso a tutti, affiancando addirittura un proprio sherpa a ogni candidato”.

    Quanto conti il suo apporto non si sa: i suoi fedelissimi in Parlamento non superano la ventina, ma sui giornaloni lievitano prodigiosamente ora a 70 ora a 100 (si attendono i dati della Questura), come i carri armati di Mussolini.

    E, siccome i candidati ogni tanto si parlano, capita che uno si vanti con l’altro di avere l’appoggio di Di Maio e si senta rispondere: “Ma lo sai che anch’io?”.

    FQ 23 gennaio

    Quindi se invece lo diventasse casini che fa travaglio?
    Smette di scrivere?

  3. #3
    L'avatar di ennio1963
    Data Registrazione
    Jun 2006
    Messaggi
    40,045
    Mentioned
    6 Post(s)
    Quoted
    14507 Post(s)
    Potenza rep
    42949688
    Citazione Originariamente Scritto da franz.old Visualizza Messaggio
    Quindi se invece lo diventasse casini che fa travaglio?
    Smette di scrivere?
    Travaglio continuerà a scrivere quello che gli pare visto che non ha padroni

  4. #4

    Data Registrazione
    Oct 2005
    Messaggi
    71,415
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    22242 Post(s)
    Potenza rep
    42949689
    Citazione Originariamente Scritto da ennio1963 Visualizza Messaggio
    Travaglio continuerà a scrivere quello che gli pare visto che non ha padroni
    Però che ci dia un suggerimento di chi mettere al colle e non una lista infinita di chi non vuole.
    Un capo dello stato lo vogliamo e lo dobbiamo avere

    Anzi travaglio,hai già 50 anni?
    Fallo tu il pdr,che non sbagli maimai

  5. #5
    L'avatar di Trauptman
    Data Registrazione
    May 2009
    Messaggi
    27,781
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    6555 Post(s)
    Potenza rep
    42949686
    Citazione Originariamente Scritto da franz.old Visualizza Messaggio
    Però che ci dia un suggerimento di chi mettere al colle e non una lista infinita di chi non vuole.
    Un capo dello stato lo vogliamo e lo dobbiamo avere

    Anzi travaglio,hai già 50 anni?
    Fallo tu il pdr,che non sbagli maimai
    Ti dirò che hai avuto un'ottima idea.

  6. #6
    L'avatar di er_drago
    Data Registrazione
    Mar 2000
    Messaggi
    1,992
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    394 Post(s)
    Potenza rep
    42949695
    Citazione Originariamente Scritto da ennio1963 Visualizza Messaggio
    di Marco Travaglio
    Un sistema che presenta l’indubbio vantaggio della rapidità e anche del risparmio di carta (al posto delle schede, le lingue).

    Anche il tuo idolo mi sembra si dia un gran daffare con il lavorio di lingua nei confronti di Conte, spero almeno che gli sia rimasta integra qualche papilla gustativa

  7. #7

    Data Registrazione
    Oct 2015
    Messaggi
    14,893
    Mentioned
    4 Post(s)
    Quoted
    8513 Post(s)
    Potenza rep
    42949679
    Citazione Originariamente Scritto da Trauptman Visualizza Messaggio
    Ti dirò che hai avuto un'ottima idea.
    Travaglio PdR
    Giuseppe PdC
    Luigi Ministro degli Esteri
    Azzolina ministra dell'ignoranza
    Rocco ministro dell'informazione

    Altre richieste per un partito con il 2% che alle ultime elezioni a Milano ha preso meno voti della Lista Italexit di Paragone?

  8. #8
    L'avatar di The Beast
    Data Registrazione
    Jan 2008
    Messaggi
    16,424
    Mentioned
    5 Post(s)
    Quoted
    5214 Post(s)
    Potenza rep
    42949687
    Citazione Originariamente Scritto da ennio1963 Visualizza Messaggio
    Travaglio continuerà a scrivere quello che gli pare visto che non ha padroni
    certo, certo.
    Quanto spazio ha dedicato al caso "Moby" e Grillo? manettaro e giustizialista ma solo con chi non è suo "amico"

  9. #9

    Data Registrazione
    May 2015
    Messaggi
    3,494
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    1789 Post(s)
    Potenza rep
    34340913
    Citazione Originariamente Scritto da The Beast Visualizza Messaggio
    certo, certo.
    Quanto spazio ha dedicato al caso "Moby" e Grillo? manettaro e giustizialista ma solo con chi non è suo "amico"
    In realta' gli ha dedicato svariate pagine:

    Risultati di ricerca - Il Fatto Quotidiano

  10. #10

    Data Registrazione
    Feb 2001
    Messaggi
    17,042
    Mentioned
    16 Post(s)
    Quoted
    6833 Post(s)
    Potenza rep
    42949694
    Citazione Originariamente Scritto da franz.old Visualizza Messaggio
    Quindi se invece lo diventasse casini che fa travaglio?
    Smette di scrivere?
    Casini è ufficialmente candidato da Matteo&Matteo, la premiata ditta delle comiche. Vedremo molto presto...

    Spunta il nome di Pierferdinando Casini, candidato di Matteo Renzi e dei gialloverdi

Accedi