Il delitto della motosega
Salva-spread Draghi al Quirinale: outlook BTP e consigli su Piazza Affari con rebus Italia
Elezioni presidenziali e incognita Draghi tra market mover principali degli asset made in Italy, spread BTP-Bund e Piazza Affari in primis. Analisti ed economisti continuano a focalizzarsi sui temi cruciali …
Iliad spiazza la concorrenza con l’offerta sul fisso e smentisce l’accordo con Vodafone
Il lancio della nuova offerta su rete fissa da parte di Iliad oggi ha scosso il mercato delle telecomunicazioni italiano. L’operatore francese con un’offerta da 15,99 € al mese per …
Bce e tassi, Deutsche Bank più hawkish: inflazione rallenterà meno delle attese, rialzo tassi già quest’anno. Il rischio stretta 50 pb
Primo rialzo dei tassi da parte della Bce a dicembre di quest'anno: è l'outlook firmato dagli economisti di Deutsche Bank che, in un momento in cui i mercati percepiscono il …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1
    L'avatar di jurassic88
    Data Registrazione
    Jan 2017
    Messaggi
    8,330
    Mentioned
    6 Post(s)
    Quoted
    5825 Post(s)
    Potenza rep
    42949677

    Il delitto della motosega

    E’ stato portato a San Vittore in serata, dopo essere stato fermato con l’accusa di omicidio aggravato e tentato incendio, Dorel Grec, il 35enne romeno rintracciato dai Carabinieri e sospettato di essere il killer di Pierantonio Secondi, il pensionato di 82 anni, ucciso a coltellate e con anche una motosega nella sua casa in via Giulio Romano a Milano.

    Grec, interrogato dal pm Elio Ramondini, si è avvalso della facoltà di non rispondere. Tra lui e Secondi ci sarebbe stata una relazione cominciata circa un anno fa e a cui l’anziano, la scorsa estate, ha messo fine. Una fine che il romeno, per altro denunciato dall’anziano per stalking, non avrebbe accettato. Ora il pm dovrà chiedere al gip la convalida del fermo e la custodia cautelare in carcere.

    Il Corriere della Sera ricostruisce la dinamica dell’omicidio e il profilo del killer che ha nascosto la motosega in un trolley nero:

    In alto la cerniera della valigia è in parte lasciata aperta per far uscire un pezzo del manico di un’ascia da boscaiolo. È pesante, pesantissima. Le telecamere della portineria lo immortalano mentre quasi non riesce a sollevare il bagaglio sui gradini che portano all’ascensore.

    Dorel Grec è un magazziniere alla farmacia Petrini di Melegnano.

    Sposato, anche se di fatto separato in casa, e padre di due figli. I militari lo hanno trovato proprio nei dintorni della farmacia. Contro di lui non ci sono solo le immagini delle telecamere del palazzo e le testimonianze di alcuni vicini, ma soprattutto una serie di email che il presunto killer ha lasciato, stampate, in una busta sul pianerottolo davanti alla portineria. Messaggi, inviati all’indirizzo della vittima due ore prima del delitto (e probabilmente mai letti dall’anziano) in cui il 35enne racconta il movente del delitto e minaccia anche la sorella (che vive nell’hinterland) e il nuovo compagno.

    Il movente del delitto sarebbe da rintracciare nella relazione, finita male, fra i due.

    Tutto nasce lo scorso 21 luglio quando Secondi si presenta in questura per chiedere «l’ammonimento» del 35enne che da mesi lo molestava. L’iter era stato avviato ma il 26 agosto la vittima era stata aggredita alla fermata della metropolitana di Porta Romana: Grec lo aveva spinto e gettato a terra, per poi colpirlo con calci alla testa e rubargli il borsello. Secondi era rimasto ferito in maniera seria e aveva riportato 21 giorni di prognosi. Il 14 ottobre, dopo altri episodi, il gip del Tribunale di Milano aveva emesso un divieto di avvicinamento alla casa della vittima e ai luoghi da lui frequentati. Proprio venerdì mattina, infine, i carabinieri di Melegnano avevano cercato di rintracciarlo per notificargli un nuovo provvedimento emesso dal gip stavolta nei confronti della sorella e del nuovo compagno di Secondi. Il 35enne però non era in casa e per tutto il giorno non ha risposto al telefono.

  2. #2
    L'avatar di jurassic88
    Data Registrazione
    Jan 2017
    Messaggi
    8,330
    Mentioned
    6 Post(s)
    Quoted
    5825 Post(s)
    Potenza rep
    42949677
    Ma chi pensava di essere questo, Tony montana?

  3. #3
    L'avatar di goodseeds
    Data Registrazione
    May 2007
    Messaggi
    27,553
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    5239 Post(s)
    Potenza rep
    42949687
    Citazione Originariamente Scritto da zazen Visualizza Messaggio
    quindi il pensionato 82enne aveva una tresca con il rumeno 35enne?
    arrotondava ma per amore.
    incredibile il bauscia 82 enne che prima da un pezzetto di benessere al povero troglodita e poi glielo ritira cos' damblè?

  4. #4
    L'avatar di jurassic88
    Data Registrazione
    Jan 2017
    Messaggi
    8,330
    Mentioned
    6 Post(s)
    Quoted
    5825 Post(s)
    Potenza rep
    42949677
    Citazione Originariamente Scritto da zazen Visualizza Messaggio
    quindi il pensionato 82enne aveva una tresca con il rumeno 35enne?
    Viviamo in tempi folli

  5. #5
    L'avatar di ovchalexa
    Data Registrazione
    Jan 2020
    Messaggi
    5,351
    Mentioned
    18 Post(s)
    Quoted
    4209 Post(s)
    Potenza rep
    42949675
    Citazione Originariamente Scritto da jurassic88 Visualizza Messaggio
    E’ stato portato a San Vittore in serata, dopo essere stato fermato con l’accusa di omicidio aggravato e tentato incendio, Dorel Grec, il 35enne romeno rintracciato dai Carabinieri e sospettato di essere il killer di Pierantonio Secondi, il pensionato di 82 anni, ucciso a coltellate e con anche una motosega nella sua casa in via Giulio Romano a Milano.

    Grec, interrogato dal pm Elio Ramondini, si è avvalso della facoltà di non rispondere. Tra lui e Secondi ci sarebbe stata una relazione cominciata circa un anno fa e a cui l’anziano, la scorsa estate, ha messo fine. Una fine che il romeno, per altro denunciato dall’anziano per stalking, non avrebbe accettato. Ora il pm dovrà chiedere al gip la convalida del fermo e la custodia cautelare in carcere.

    Il Corriere della Sera ricostruisce la dinamica dell’omicidio e il profilo del killer che ha nascosto la motosega in un trolley nero:

    In alto la cerniera della valigia è in parte lasciata aperta per far uscire un pezzo del manico di un’ascia da boscaiolo. È pesante, pesantissima. Le telecamere della portineria lo immortalano mentre quasi non riesce a sollevare il bagaglio sui gradini che portano all’ascensore.

    Dorel Grec è un magazziniere alla farmacia Petrini di Melegnano.

    Sposato, anche se di fatto separato in casa, e padre di due figli. I militari lo hanno trovato proprio nei dintorni della farmacia. Contro di lui non ci sono solo le immagini delle telecamere del palazzo e le testimonianze di alcuni vicini, ma soprattutto una serie di email che il presunto killer ha lasciato, stampate, in una busta sul pianerottolo davanti alla portineria. Messaggi, inviati all’indirizzo della vittima due ore prima del delitto (e probabilmente mai letti dall’anziano) in cui il 35enne racconta il movente del delitto e minaccia anche la sorella (che vive nell’hinterland) e il nuovo compagno.

    Il movente del delitto sarebbe da rintracciare nella relazione, finita male, fra i due.

    Tutto nasce lo scorso 21 luglio quando Secondi si presenta in questura per chiedere «l’ammonimento» del 35enne che da mesi lo molestava. L’iter era stato avviato ma il 26 agosto la vittima era stata aggredita alla fermata della metropolitana di Porta Romana: Grec lo aveva spinto e gettato a terra, per poi colpirlo con calci alla testa e rubargli il borsello. Secondi era rimasto ferito in maniera seria e aveva riportato 21 giorni di prognosi. Il 14 ottobre, dopo altri episodi, il gip del Tribunale di Milano aveva emesso un divieto di avvicinamento alla casa della vittima e ai luoghi da lui frequentati. Proprio venerdì mattina, infine, i carabinieri di Melegnano avevano cercato di rintracciarlo per notificargli un nuovo provvedimento emesso dal gip stavolta nei confronti della sorella e del nuovo compagno di Secondi. Il 35enne però non era in casa e per tutto il giorno non ha risposto al telefono.
    Secondo i più il presunto assassino ha diritto ad un giusto processo (se no cadrebbe il principio di Stato Democratico) secondo me, invece ha diritto ad un processo sommario e poi se ci fosse...la pena capitale dopo 30 anni nel braccio della morte (che però non c'è )

  6. #6

    Data Registrazione
    Sep 2014
    Messaggi
    1,484
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    568 Post(s)
    Potenza rep
    42949680
    Va oltre l'immaginazione. Neache i fratelli Coen avrebbero potuto scrivere una sceneggiatura del genere.

  7. #7
    L'avatar di torre1
    Data Registrazione
    May 2008
    Messaggi
    38,965
    Blog Entries
    8
    Mentioned
    29 Post(s)
    Quoted
    5867 Post(s)
    Potenza rep
    42949686
    Citazione Originariamente Scritto da ovchalexa Visualizza Messaggio
    Secondo i più il presunto assassino ha diritto ad un giusto processo (se no cadrebbe il principio di Stato Democratico) secondo me, invece ha diritto ad un processo sommario e poi se ci fosse...la pena capitale dopo 30 anni nel braccio della morte (che però non c'è )
    Perfettamente d'accordo sulla parte evidenziata, aggiungendo però come condizioni nel braccio della morte un carcere duro vero, come quello vigente in altri paesi.
    Probabilmente si suiciderebbe ben prima dei 30 anni.
    Comunque, è il solito omicidio ampiamente annunciato in cui lo stato lascia indifesa la vittima designata, che se poi si muove d'anticipo viene trattata anche peggio dell'omicida, perchè in questo paese reagire, anche per difesa personale, è più grave dell'essere aggrediti

  8. #8
    L'avatar di reganam
    Data Registrazione
    Nov 2009
    Messaggi
    18,336
    Blog Entries
    1
    Mentioned
    29 Post(s)
    Quoted
    5769 Post(s)
    Potenza rep
    42949685
    Citazione Originariamente Scritto da fedinca Visualizza Messaggio
    Va oltre l'immaginazione. Neache i fratelli Coen avrebbero potuto scrivere una sceneggiatura del genere.
    Mica vero, la porta era chiusa, con la motosega ha aperto un varco per entrare in casa.
    Aveva provato altre volte a aspettarlo fuori ma chiamavano i carabinieri.

  9. #9
    L'avatar di ovchalexa
    Data Registrazione
    Jan 2020
    Messaggi
    5,351
    Mentioned
    18 Post(s)
    Quoted
    4209 Post(s)
    Potenza rep
    42949675
    Citazione Originariamente Scritto da torre1 Visualizza Messaggio
    Perfettamente d'accordo sulla parte evidenziata, aggiungendo però come condizioni nel braccio della morte un carcere duro vero, come quello vigente in altri paesi.
    Probabilmente si suiciderebbe ben prima dei 30 anni.
    Comunque, è il solito omicidio ampiamente annunciato in cui lo stato lascia indifesa la vittima designata, che se poi si muove d'anticipo viene trattata anche peggio dell'omicida, perchè in questo paese reagire, anche per difesa personale, è più grave dell'essere aggrediti
    Infatti in Russia la pena capitale è sospesa (non si applica) ma si suicidano da soli dopo mesi... di carcere...

  10. #10
    L'avatar di jurassic88
    Data Registrazione
    Jan 2017
    Messaggi
    8,330
    Mentioned
    6 Post(s)
    Quoted
    5825 Post(s)
    Potenza rep
    42949677
    Citazione Originariamente Scritto da reganam Visualizza Messaggio
    Mica vero, la porta era chiusa, con la motosega ha aperto un varco per entrare in casa.
    Aveva provato altre volte a aspettarlo fuori ma chiamavano i carabinieri.
    Tutto questo per un amore non corrisposto?
    Piu facile che ci sia del denaro di mezzo

Accedi