Alitalia vale un euro, è costata 13 mld. Ma non finisce mai
Vietnam e Arabia alla guida dei VARPS. Focus su cinque paesi decorrelati dai mercati emergenti principali
Di seguito pubblichiamo il commento a cura di Tim Love, Investment Director responsabile delle strategie azionarie dei paesi emergenti di GAM Nel 2016 abbiamo identificato cinque mercati chiave all’interno dell’universo …
Mps-UniCredit: da Stato aumento capitale per il Monte fino a 7 miliardi? Intanto arrivano rumor pro-banche su proroga dote fiscale
Mps-UniCredit, lo Stato dovrà versare di tasca sua (nostra) fino a 5-7 miliardi di euro per favorire la cessione del Monte dei Paschi al gruppo di Andrea Orcel? Sembrerebbe così, …
L’Intelligenza Artificiale va controcorrente, ecco i tre mercati con pi peso nell’ETF AI Powered
L’intelligenza artificiale guarda all’Estremo Oriente come migliore opportunit d’investimento del momento. L’ETF che segue i che punta ai titoli al di fuori degli Stati Uniti sta accumulando azioni giapponesi e …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1
    L'avatar di reganam
    Data Registrazione
    Nov 2009
    Messaggi
    17,631
    Blog Entries
    1
    Mentioned
    28 Post(s)
    Quoted
    5293 Post(s)
    Potenza rep
    42949684

    Alitalia vale un euro, è costata 13 mld. Ma non finisce mai

    Alitalia vale un euro. E' costata 13 miliardi. E non finisce mai

    Alitalia vale un euro, tanto costato ad Ita acquisirne il ramo volo e tanto il valore sul mercato di unazienda che opera in perdita strutturale e irremovibile. Alitalia costata negli anni 13 miliardi. Tredici miliardi di euro di soldi pubblici, tredici miliardi! Eppure Alitalia fallita, infatti vale un euro. Ma Alitalia non finisce mai, in atto e va in scena un rumoroso tentativo di trapianto di Alitalia in Ita. Sindacati non senza sponde politiche vogliono che Ita sia come Alitalia: capace di assorbire miliardi di denaro pubblico e di valere alla fine un euro.

    Chi assume chi
    In Ita allinizio delle attivit c posto per circa 2800 dipendenti. Ad Ita sono arrivate circa trentamila domande di assunzione, tutte corredate da relative e diversificate competenze. Dei trentamila che si offrono per lavorare in Ita circa 7000 sono ex dipendenti Alitalia (settemila dei circa undicimila totali). I sindacati pongono come condizione irrinunciabile che Ita assuma in via pregiudiziale gli ex Alitalia, quindi che tutto il personale di Ita sia di fatto composto da ex Alitalia secondo parametri ed elenchi su cui sindacato metter bocca e parole decisive. Quindi Ita sarebbe una azienda che non sceglie i suoi dipendenti, li acquisisce per via sindacale.

    Cassa integrazione fino al 2025 e allottanta per cento dello stipendio
    I sindacati che hanno rotto le trattative chiedono ad Ita cassa integrazione fino al 2025 per gli ex dipendenti Alitalia che non saranno assunti da Ita. Anche si facesse come vogliono i sindacati (tutti i 2800 assunti ex Alitalia) ne restano fuori circa ottomila ex Alitalia. A questi sindacati chiedono siano riconosciuti e garantiti quattro e passa anni di Cassa Integrazione pari allottanta per cento dello stipendio.

    Nettamente di pi e per pi tempo di quanto non sia riconosciuto e garantito ai lavoratori di altri comparti industriali e aziende. Perch? Perch entro il 2025 dovrebbero essere riassunti tutti o quasi e quindi i quattro anni potrebbero essere cos di relativa serena attesa. E poi soprattutto perch Alitalia Alitalia. E tale deve essere anche Ita. Il precedente per una Cassa Integrazione allottanta per cento dello stipendio? Certo che c: Alitalia nel 2008.

    Contratti di lavoro
    Ita ha proposto contratti di lavoro dove compaiono parti della retribuzione legate ai risultati di esercizio. Pi o meno un 15% in meno di retribuzione fissa, recuperabile se azienda va bene. Sindacati hanno detto che non se ne parla.

    La differenza chi la mette?
    La differenza tra Alitalia e Ita per i sindacati deve essere ridotta al minimo. La differenza in milioni (e se necessario anche miliardi) tra quanto costa una compagnia aerea che non vola a perdere ed Ina modello Alitalia ce la deve mettere lo Stato. Cos i sindacati hanno replicato al ministro Giorgetti (leghista) che ha osato dire che Ita deve essere economicamente compatibile con la realt. Non ha fatto cos lo Stato da 13 miliardi in qua? Alitalia, non finisce mai.

  2. #2

    Data Registrazione
    Feb 2001
    Messaggi
    10,616
    Mentioned
    15 Post(s)
    Quoted
    4160 Post(s)
    Potenza rep
    42949693
    Alitalia ed Italy valgono 0,nulla purtroppo

  3. #3

    Data Registrazione
    Jan 2005
    Messaggi
    7,269
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    3443 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Citazione Originariamente Scritto da reganam Visualizza Messaggio
    Alitalia vale un euro. E' costata 13 miliardi. E non finisce mai

    Alitalia vale un euro, tanto costato ad Ita acquisirne il ramo volo e tanto il valore sul mercato di unazienda che opera in perdita strutturale e irremovibile. Alitalia costata negli anni 13 miliardi. Tredici miliardi di euro di soldi pubblici, tredici miliardi! Eppure Alitalia fallita, infatti vale un euro. Ma Alitalia non finisce mai, in atto e va in scena un rumoroso tentativo di trapianto di Alitalia in Ita. Sindacati non senza sponde politiche vogliono che Ita sia come Alitalia: capace di assorbire miliardi di denaro pubblico e di valere alla fine un euro.

    Chi assume chi
    In Ita allinizio delle attivit c posto per circa 2800 dipendenti. Ad Ita sono arrivate circa trentamila domande di assunzione, tutte corredate da relative e diversificate competenze. Dei trentamila che si offrono per lavorare in Ita circa 7000 sono ex dipendenti Alitalia (settemila dei circa undicimila totali). I sindacati pongono come condizione irrinunciabile che Ita assuma in via pregiudiziale gli ex Alitalia, quindi che tutto il personale di Ita sia di fatto composto da ex Alitalia secondo parametri ed elenchi su cui sindacato metter bocca e parole decisive. Quindi Ita sarebbe una azienda che non sceglie i suoi dipendenti, li acquisisce per via sindacale.

    Cassa integrazione fino al 2025 e allottanta per cento dello stipendio
    I sindacati che hanno rotto le trattative chiedono ad Ita cassa integrazione fino al 2025 per gli ex dipendenti Alitalia che non saranno assunti da Ita. Anche si facesse come vogliono i sindacati (tutti i 2800 assunti ex Alitalia) ne restano fuori circa ottomila ex Alitalia. A questi sindacati chiedono siano riconosciuti e garantiti quattro e passa anni di Cassa Integrazione pari allottanta per cento dello stipendio.

    Nettamente di pi e per pi tempo di quanto non sia riconosciuto e garantito ai lavoratori di altri comparti industriali e aziende. Perch? Perch entro il 2025 dovrebbero essere riassunti tutti o quasi e quindi i quattro anni potrebbero essere cos di relativa serena attesa. E poi soprattutto perch Alitalia Alitalia. E tale deve essere anche Ita. Il precedente per una Cassa Integrazione allottanta per cento dello stipendio? Certo che c: Alitalia nel 2008.

    Contratti di lavoro
    Ita ha proposto contratti di lavoro dove compaiono parti della retribuzione legate ai risultati di esercizio. Pi o meno un 15% in meno di retribuzione fissa, recuperabile se azienda va bene. Sindacati hanno detto che non se ne parla.

    La differenza chi la mette?
    La differenza tra Alitalia e Ita per i sindacati deve essere ridotta al minimo. La differenza in milioni (e se necessario anche miliardi) tra quanto costa una compagnia aerea che non vola a perdere ed Ina modello Alitalia ce la deve mettere lo Stato. Cos i sindacati hanno replicato al ministro Giorgetti (leghista) che ha osato dire che Ita deve essere economicamente compatibile con la realt. Non ha fatto cos lo Stato da 13 miliardi in qua? Alitalia, non finisce mai.
    Pensate che se se ne va Draghi, questi vincono.

  4. #4
    L'avatar di lorenzov1963
    Data Registrazione
    Jul 2008
    Messaggi
    22,899
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    7478 Post(s)
    Potenza rep
    42949686
    Citazione Originariamente Scritto da reganam Visualizza Messaggio
    Alitalia vale un euro. E' costata 13 miliardi. E non finisce mai

    Alitalia vale un euro, tanto costato ad Ita acquisirne il ramo volo e tanto il valore sul mercato di unazienda che opera in perdita strutturale e irremovibile. Alitalia costata negli anni 13 miliardi. Tredici miliardi di euro di soldi pubblici, tredici miliardi! Eppure Alitalia fallita, infatti vale un euro. Ma Alitalia non finisce mai, in atto e va in scena un rumoroso tentativo di trapianto di Alitalia in Ita. Sindacati non senza sponde politiche vogliono che Ita sia come Alitalia: capace di assorbire miliardi di denaro pubblico e di valere alla fine un euro.

    Chi assume chi
    In Ita allinizio delle attivit c posto per circa 2800 dipendenti. Ad Ita sono arrivate circa trentamila domande di assunzione, tutte corredate da relative e diversificate competenze. Dei trentamila che si offrono per lavorare in Ita circa 7000 sono ex dipendenti Alitalia (settemila dei circa undicimila totali). I sindacati pongono come condizione irrinunciabile che Ita assuma in via pregiudiziale gli ex Alitalia, quindi che tutto il personale di Ita sia di fatto composto da ex Alitalia secondo parametri ed elenchi su cui sindacato metter bocca e parole decisive. Quindi Ita sarebbe una azienda che non sceglie i suoi dipendenti, li acquisisce per via sindacale.

    Cassa integrazione fino al 2025 e allottanta per cento dello stipendio
    I sindacati che hanno rotto le trattative chiedono ad Ita cassa integrazione fino al 2025 per gli ex dipendenti Alitalia che non saranno assunti da Ita. Anche si facesse come vogliono i sindacati (tutti i 2800 assunti ex Alitalia) ne restano fuori circa ottomila ex Alitalia. A questi sindacati chiedono siano riconosciuti e garantiti quattro e passa anni di Cassa Integrazione pari allottanta per cento dello stipendio.

    Nettamente di pi e per pi tempo di quanto non sia riconosciuto e garantito ai lavoratori di altri comparti industriali e aziende. Perch? Perch entro il 2025 dovrebbero essere riassunti tutti o quasi e quindi i quattro anni potrebbero essere cos di relativa serena attesa. E poi soprattutto perch Alitalia Alitalia. E tale deve essere anche Ita. Il precedente per una Cassa Integrazione allottanta per cento dello stipendio? Certo che c: Alitalia nel 2008.

    Contratti di lavoro
    Ita ha proposto contratti di lavoro dove compaiono parti della retribuzione legate ai risultati di esercizio. Pi o meno un 15% in meno di retribuzione fissa, recuperabile se azienda va bene. Sindacati hanno detto che non se ne parla.

    La differenza chi la mette?
    La differenza tra Alitalia e Ita per i sindacati deve essere ridotta al minimo. La differenza in milioni (e se necessario anche miliardi) tra quanto costa una compagnia aerea che non vola a perdere ed Ina modello Alitalia ce la deve mettere lo Stato. Cos i sindacati hanno replicato al ministro Giorgetti (leghista) che ha osato dire che Ita deve essere economicamente compatibile con la realt. Non ha fatto cos lo Stato da 13 miliardi in qua? Alitalia, non finisce mai.
    E' ora di finire con queste cose. NON ce le possiamo piu' permettere. NON sta in piedi? Si chiude. Si chiede il conto a chi l'ha gestita ... ma basta con sti carrozzoni. E la RAI la stessa cosa.

  5. #5
    L'avatar di volopazzo
    Data Registrazione
    Feb 2002
    Messaggi
    57,834
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    5470 Post(s)
    Potenza rep
    42949692
    Alitalia, manifestanti bloccano autostrada Roma-Fiumicino: traffico in tilt

    bloccata la roma fiumicino?

    e i diritti degli altri?

    e basta

  6. #6

    Data Registrazione
    Oct 2016
    Messaggi
    2,606
    Mentioned
    5 Post(s)
    Quoted
    1849 Post(s)
    Potenza rep
    42949678
    Mica finita qui, c' la cassaintegrazione a vita

  7. #7
    L'avatar di gaglioffo
    Data Registrazione
    Jul 2014
    Messaggi
    8,066
    Mentioned
    7 Post(s)
    Quoted
    4531 Post(s)
    Potenza rep
    42949680
    1 euro...

    leggendo il titolo mi ero illuso che sarebbe stato il costo del marchio che lo stato con ITA avrebbe dovuto pagare
    Invece a quanto pare si rimane sui preventivati 250 milioni buttati nel cesso


    ahhhh dannato neolibbbberismo che ha ucciso questo povero paese!

  8. #8

    Data Registrazione
    Feb 2001
    Messaggi
    10,616
    Mentioned
    15 Post(s)
    Quoted
    4160 Post(s)
    Potenza rep
    42949693
    Citazione Originariamente Scritto da gaglioffo Visualizza Messaggio
    1 euro...

    leggendo il titolo mi ero illuso che sarebbe stato il costo del marchio che lo stato con ITA avrebbe dovuto pagare
    Invece a quanto pare si rimane sui preventivati 250 milioni buttati nel cesso


    ahhhh dannato neolibbbberismo che ha ucciso questo povero paese!
    L'asta per il marchio andata deserta mi pare: simbolo di ricchezza e prestigio italico nel passato, associata al terrore oggi grazie ai "migliori" al Governo

    Alitalia, marchio flop dellasta: Ita non partecipera alla gara

    Asta deserta per il marchio Alitalia. Il cda di Ita, che si riunito ieri mattina sotto la presidenza di Alfredo Altavilla, avrebbe deciso di non partecipare, almeno per ora, al bando per rilevare lo storico brand tricolore. Nessuna comunicazione ufficiale, ma l'orientamento chiaro.

  9. #9

    Data Registrazione
    Aug 2009
    Messaggi
    32,932
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    6555 Post(s)
    Potenza rep
    42949685
    Fanno benissimo.

    Green pass e muti che loro magnano sempre di piu'.

  10. #10

    Data Registrazione
    Aug 2000
    Messaggi
    40,049
    Mentioned
    10 Post(s)
    Quoted
    17531 Post(s)
    Potenza rep
    42949694
    Citazione Originariamente Scritto da volopazzo Visualizza Messaggio
    Alitalia, manifestanti bloccano autostrada Roma-Fiumicino: traffico in tilt

    bloccata la roma fiumicino?

    e i diritti degli altri?

    e basta
    Gran parte dei dipendenti Alitalia sono romani, e bloccano le strade di Roma

    Se ne deduce che sono problemi dei romani


    A Milano, come a Palermo, nessuno, o ben pochi, se ne accorge se manca Alitalia

Accedi