Ue, via libera al Prosek, il prosecco croato. Produttori furibondi.
L’energy crunch decreta due grandi vincitori: settore oil e azionario Russia
I mercati hanno ripreso vigore nella prima parte di ottobre dopo il settembre incolore con Wall Street e Borse UE. Tra i settori a fare la voce grossa spicca ancora …
Enel si risveglia dal letargo, per il peso massimo di Piazza Affari sponda da rumor in Spagna. Analisti vedono upside di almeno il 25%
Ulteriore accelerazione a Piazza Affari per il titolo Enel che arriva a segnare oltre +2% in area 7,05 euro. A dare slancio all'utility guidata da Francesco Starace sono le notizie …
Squid Game effect anche a Wall Street, riflettori su Netflix. Attese per 3° trimestre e analisi tecnica del titolo
La tornata di trimestrali di Wall Street in arrivo nei prossimi giorni vede in primo piano i numeri di Netflix che alzerà il velo sui conti oggi a mercati chiusi. …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1

    Data Registrazione
    Nov 2015
    Messaggi
    27,925
    Blog Entries
    1
    Mentioned
    12 Post(s)
    Quoted
    22373 Post(s)
    Potenza rep
    42949678

    Ue, via libera al Prosek, il prosecco croato. Produttori furibondi.

    Ue, via libera al Prosek, il prosecco croato. Produttori furibondi. Zaia: <<Vergogna>>. Il Ministero: <<Ci opporremo>>

    BRUXELLES - La Commissione europea procederà alla pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale Ue della domanda di registrazione della menzione tradizionale «Prosek» da parte delle autorità croate. È quanto scrive lo stesso Esecutivo Ue rispondendo a una interrogazione urgente dell'eurodeputata della Lega Mara Bizzotto. «Di fronte a questa folle decisione della Ue - si legge in una nota di Bizzotto - siamo pronti alle barricate per difendere in ogni modo e in ogni sede il Prosecco Made in Italy perché deve essere chiaro a tutti che l'unico vero prosecco è quello prodotto nelle nostre terre». «Nei prossimi 2 mesi, che rappresentano i termini temporali per presentare ricorsi e obiezioni prima della decisione finale della Commissione Ue - conclude Bizzotto - noi della Lega e tutto il nostro territorio porteremo avanti una battaglia campale per difendere la tipicità e la qualità del nostro Prosecco e il lavoro di migliaia di aziende».


    Il Ministero: ci opporemo

    «La decisione della Commissione Europea sul riconoscimento dell'indicazione geografica protetta del vino croato Prosek è sbagliata. Il Ministero si è già opposto a questo riconoscimento e utilizzerà ogni argomentazione utile per respingere la domanda di registrazione promossa dalla Croazia, anche appellandosi ai principi di tutela espressi dalla Corte di Giustizia in casi analoghi, come ad esempio avvenuto nel recentissimo caso dello "Champanillo" spagnolo». E' la posizione ufficiale del ministero delle Politiche agricole.


    Zaia: vergogna, non ho parole


    «Non ho parole per commentare quanto accaduto. Di questa Europa non sappiamo cosa farcene. Un'Europa che non difende l'identità dei suoi territori, un'Europa che dovrebbe conoscere la storia del prosecco - è il commento del governatore del Veneto Luca Zaia alla notizia della pubblicazione della richiesta della Croazia di protezione della menzione tradizionale «Prošek», fatta dal Commissario Europeo all'Agricoltura Wojciechowski dando così risposta alle interrogazioni parlamentari presentate da alcuni eurodeputati. - Dovrebbe capire che, non solo si tratta di un prodotto che ha avuto tutti i riconoscimenti formali, dalle stesse strutture amministrative della Commissione Europea, anche rispetto alla riserva del suo nome - continua Zaia - ma il prosecco ha, addirittura ottenuto il massimo riconoscimento di Patrimonio dell'Umanità da parte dell'Unesco. Tanto è vero che il territorio in cui si produce è definito "le colline del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene". E, quindi, adesso saremmo costretti a discutere anche sul nome di un sito già proclamato ufficialmente Patrimonio dell'Umanità». Si tratta, per il Governatore del Veneto, «di una decisione che si pone, per altro, in aperta contraddizione con la sentenza diffusa appena qualche giorno fa, il 9 settembre scorso, dalla Corte di Giustizia dell'Unione Europea, che vieta l'uso di nomi o grafiche che evocano in modo strumentale ed ingannevole prodotti a denominazione di origine riconosciuti e tutelati dalle norme UE». «Ciò che sta accadendo è vergognoso - conclude -. Così non si difende l'agricoltura e così non difendono investimenti. Ma, soprattutto, così si mortifica la storia e l'identità di un territorio. Spero che ci siano gli strumenti per ricorrere. La Regione farà la sua parte».

  2. #2
    L'avatar di paoloconte
    Data Registrazione
    Jul 2002
    Messaggi
    19,727
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    4071 Post(s)
    Potenza rep
    42949692
    ci vuole più europppaaaa....

  3. #3
    L'avatar di zazen
    Data Registrazione
    Jul 2007
    Messaggi
    19,782
    Mentioned
    4 Post(s)
    Quoted
    7571 Post(s)
    Potenza rep
    42949687
    grazie europa

  4. #4
    L'avatar di Newnick
    Data Registrazione
    Aug 2007
    Messaggi
    4,501
    Mentioned
    13 Post(s)
    Quoted
    2606 Post(s)
    Potenza rep
    42949687
    Ricordo che i produttori friulani hanno dovuto rinunciare a chiamare il loro vino "tocai", dopo decenni se non di piu', dietro opposizione ungherese.

    Friulano (vitigno) - Wikipedia

    Ma evidentemente, gli ungheresi sono come il marchese del grillo e noi italiani non siamo un *****.

  5. #5
    L'avatar di Sardonicus
    Data Registrazione
    Nov 2012
    Messaggi
    34,500
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    132 Post(s)
    Potenza rep
    42949681
    Zaia deve pensare nell'ordine
    all'autonomia
    al Covid
    alle feste ebraiche


    non ha assolutamente tempo per queste facezie







    ah dimenticavo una delle tante battaglie perdute dal podestà trevixan

    Sappada lascia il Veneto e torna al Friuli Venezia Giulia: la Camera ha deciso - la Repubblica




  6. #6
    L'avatar di Charlie
    Data Registrazione
    Feb 2000
    Messaggi
    79,523
    Mentioned
    25 Post(s)
    Quoted
    36055 Post(s)
    Potenza rep
    42949694
    Citazione Originariamente Scritto da paoloconte Visualizza Messaggio
    ci vuole più europppaaaa....
    Senza un'authority regolatoria ognuno avrebbe chiamato il proprio vino come gli pareva, di prosek ne avresti avuti a decine senza poterci fare nulla

    Invece con l'Europa le possibilità di bloccare etichette fake ci sono eccome, nel 99% dei casi, e probabilmente ci si riuscirà anche con il prosek

    infatti negli USA dilagano il parmesan e similari, e non ci puoi fare nulla di nulla, quindi ringrazia l'Europa e il suo potere regolatorio e sanzionatorio sui mercati

  7. #7
    L'avatar di Charlie
    Data Registrazione
    Feb 2000
    Messaggi
    79,523
    Mentioned
    25 Post(s)
    Quoted
    36055 Post(s)
    Potenza rep
    42949694
    Citazione Originariamente Scritto da fallugia Visualizza Messaggio
    ". Di questa Europa non sappiamo cosa farcene." ....
    ..... «di una decisione che si pone, per altro, in aperta contraddizione con la sentenza diffusa appena qualche giorno fa, il 9 settembre scorso, dalla Corte di Giustizia dell'Unione Europea, che vieta l'uso di nomi o grafiche che evocano in modo strumentale ed ingannevole prodotti a denominazione di origine riconosciuti e tutelati dalle norme UE». «Ciò che sta accadendo è vergognoso - conclude -. Così non si difende l'agricoltura e così non difendono investimenti. Ma, soprattutto, così si mortifica la storia e l'identità di un territorio. Spero che ci siano gli strumenti per ricorrere. La Regione farà la sua parte».
    Quindi riassumendo dell'Unione Europea non sa cosa farsene, però si appella alla sentenza della Corte di Giustizia dell'Unione Europea

    lega sempre più incartata e in confusione

  8. #8
    L'avatar di sivel
    Data Registrazione
    Sep 2009
    Messaggi
    50,057
    Mentioned
    9 Post(s)
    Quoted
    8318 Post(s)
    Potenza rep
    42949685
    Citazione Originariamente Scritto da Charlie Visualizza Messaggio
    Quindi riassumendo dell'Unione Europea non sa cosa farsene, però si appella alla sentenza della Corte di Giustizia dell'Unione Europea

    lega sempre più incartata e in confusione
    A chi dovrebbero rivolgersi ? Mi pare che in confusione sei te

  9. #9

    Data Registrazione
    Aug 2009
    Messaggi
    33,019
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    6612 Post(s)
    Potenza rep
    42949685
    Citazione Originariamente Scritto da Charlie Visualizza Messaggio
    Senza un'authority regolatoria ognuno avrebbe chiamato il proprio vino come gli pareva, di prosek ne avresti avuti a decine senza poterci fare nulla

    Invece con l'Europa le possibilità di bloccare etichette fake ci sono eccome, nel 99% dei casi, e probabilmente ci si riuscirà anche con il prosek

    infatti negli USA dilagano il parmesan e similari, e non ci puoi fare nulla di nulla, quindi ringrazia l'Europa e il suo potere regolatorio e sanzionatorio sui mercati
    Fanno bene a pisciarci in faccia le altre nazioni. Mascherina, greencazz e muti.

  10. #10
    L'avatar di Gigirock1
    Data Registrazione
    May 2005
    Messaggi
    52,925
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    13367 Post(s)
    Potenza rep
    42949689
    e noi per fargliela chiameremo sciampagne il vinello di mele che bevono le nonne a natale

Accedi