Erdogan caccia il governatore e la lira turca crolla - Pagina 12
Fed sotto assedio su inflazione, Bill Ackman: ‘adotti una strategia shock and awe’. Dimon (JP Morgan): necessari fino a sette rialzi dei tassi
La Fed deve ricorrere alla strategia ‘shock and awe’, ovvero deve ‘scioccare e terrorizzare’ i mercati finanziari al fine di “ripristinare la propria credibilità”,chiedendosi se davvero quattro strette monetarie, nel …
Imprese, in Italia cybersicurity e stop attività percepiti come rischi principali nel 2022
In Italia, i rischi Informatici e l'Interruzione di attività si posizionano, per il secondo anno consecutivo, al primo e al secondo posto nella classifica dei primi 10 rischi. Le Catastrofi naturali …
Petrolio non si ferma più: Brent ai top 2014 dopo attacco droni ad Abu Dhabi. Goldman lo vede a 100$ e declassa il rischio omicron
Nuovi massimi dal 2014 per il Brent. A scaldare nuovamente i prezzi del petrolio sono le tensioni in Medioriente causate da un attacco tramite droni nella periferia di Abu Dhabi …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #111

    Data Registrazione
    Jan 2009
    Messaggi
    12,361
    Mentioned
    5 Post(s)
    Quoted
    5812 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Citazione Originariamente Scritto da fallugia Visualizza Messaggio
    “Contrariamente a quanto asserisce la teoria economica, egli crede che gli alti tassi provochino inflazione, ragione per cui si auto-proclama suo fiero nemico. A suo dire, se il denaro costa troppo, le imprese non investono e così l’offerta futura di beni e servizi si riduce, alimentando la corsa dei prezzi al consumo.”

    Cos'e questa teoria di Erdogan sull'inflazione, che sta portando l'economia turca allo sfacelo?
    Erdogan ha sostanzialmente ragione dato inoltre che il tasso d'interesse in Turchia è molto elevato.
    Il problema è che la Turchia è inserita in uno schema di speculazione globalizzato, perciò la reazione degli speculatori è di guerra e Erdogan non ha la possibilità di prevalere a meno che la popolazione non tolleri in silenzio notevoli sofferenze.
    Fa un poco specie che sia solo ostinato sul tasso e non tenti qualche altra misura.

  2. #112

  3. #113
    L'avatar di The Beast
    Data Registrazione
    Jan 2008
    Messaggi
    16,139
    Mentioned
    4 Post(s)
    Quoted
    5075 Post(s)
    Potenza rep
    42949687
    Citazione Originariamente Scritto da Kovalsky Visualizza Messaggio
    Erdogan ha sostanzialmente ragione dato inoltre che il tasso d'interesse in Turchia è molto elevato.
    Il problema è che la Turchia è inserita in uno schema di speculazione globalizzato, perciò la reazione degli speculatori è di guerra e Erdogan non ha la possibilità di prevalere a meno che la popolazione non tolleri in silenzio notevoli sofferenze.
    Fa un poco specie che sia solo ostinato sul tasso e non tenti qualche altra misura.

    1) chi decide se il tasso di interesse è "molto elevato" o meno?
    2) QUALE paese non è inserito in uno "schema di speculazione globalizzato"?! Direi tutti a parte Nord Corea?!

  4. #114

    Data Registrazione
    Jan 2009
    Messaggi
    12,361
    Mentioned
    5 Post(s)
    Quoted
    5812 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Citazione Originariamente Scritto da The Beast Visualizza Messaggio
    1) chi decide se il tasso di interesse è "molto elevato" o meno?
    2) QUALE paese non è inserito in uno "schema di speculazione globalizzato"?! Direi tutti a parte Nord Corea?!
    Ogni paese ha la sua storia economica e strutture politiche e sociali che ne definiscono varie convenzioni e consuetudini. Il tasso d'interesse è uno di quelli e in Turchia è sempre stato mediamente elevato, sia per una inflazione non cedente e sia per la difesa del tasso di cambio.
    Erdogan è convinto che il tasso d'interesse nominale deve essere fissato a livelli molto più bassi e che ciò ridurrebbe pure i costi e l'inflazione.
    A prescindere dalla bontà della sua teoria e dalla capacità di controllare automatismi interni che moltiplicherebbero l'inflazione, il paese è diventato un centro della speculazione finanziaria, specie in dollari e sterline, pertanto l'interferire con il consolidato e redditizio meccanismo speculativo porta alla controreazione e punizione del tasso di cambio, che può scatenare una assai elevata e intollerabile inflazione.
    Nonostante la banca centrale possa definire il tasso nominale, fino a un certo punto, nell'universo del dominio dei cicli della speculazione internazionale sorgono dei dilemmi.

    Sostanzialmente tutti i paesi sono inseriti nei cicli o schemi di speculazione globalizzata, il solo a non esserlo è l'impero, per l'imperialismo del dollaro, su cui è anche costruita la speculazione.
    Il riferimento che fai alla Corea del Nord calza nella misura in cui segnala la necessità di introdurre compartimenti stagni, che in qualche modo isolino un poco la moneta locale e il suo sistema finanziario nazionale; ma ciò comporta alcuni costi e rigidità.
    La Cina negli ultimi anni si è notevolmente aperta a certi schemi speculativi finanziari internazionali, perciò non desterebbe sorpresa se in un vicino futuro possa soffrire turbolenze speculative anche di rilievo.

  5. #115
    L'avatar di lorenzov1963
    Data Registrazione
    Jul 2008
    Messaggi
    24,121
    Mentioned
    7 Post(s)
    Quoted
    8085 Post(s)
    Potenza rep
    42949686
    Citazione Originariamente Scritto da The Beast Visualizza Messaggio
    1) chi decide se il tasso di interesse è "molto elevato" o meno?
    2) QUALE paese non è inserito in uno "schema di speculazione globalizzato"?! Direi tutti a parte Nord Corea?!
    Mah ...

    Ciò che della Turchia non va dimenticato è che è un bastione nato anzi IL bastione Nato in mezzo al medioriente - Che USA UE hanno investito molto su di essa, e che una Turchia Kemal Ataturk style era consona alle sue necessità ed alle necessità occidentali, lo è meno molto meno quella forgiata da Erdogan con i suoi levantinismi, il suo voler essere il nuovo impero ottomano, con gli acquisti degli s400 dalla Russia, follia pura, il suo voler portare la Turchia nella SCO salvo poi inginocchiarsi davanti a Biden e mandare gli F16 a fare polizia aerea nelle Repubbliche Baltiche nonchè vendere i droni all'Ucraina .. Tutto ciò ne fa un interlocutore NON affidabile per nessuna delle parti, per cui la speculazione di cui è oggetto è solo uno degli aspetti deteriori che accadono quando si manda al diavolo gli States... che non è davvero una mossa brillante. Insomma e riassumendo vuole applicare un sincretismo non funzionale e distopico.

Accedi