Il mondo è cambiato irreversibilmente, forse sarebbe ora di cominciare a pensare...
Stellantis va all’attacco, Tavares indica un futuro tutto elettrico e lancia l’Electrification Day
Stellantis ha solo pochi mesi di vita ma deve già correre per non restare indietro nella serrata corsa dei big dell'auto verso un futuro sempre più incentrato sull'elettrico. Lo sa …
Orcel supera lo scoglio assemblea, Unicredit nelle mani del banchiere d’oro. M&A e non solo, le sfide del nuovo ceo
Come da attese è stata un esito sul filo di lana quello relativo alla politica di remunerazione 2021 di Unicredit con il tanto discosso maxi-stipendio garantito al nuovo ceo Andrea …
Coinbase sbarca a Wall Street e fa subito la storia, infiamma Bitcoin e batte il Nasdaq. Solo 93 società S&P 500 hanno capitalizzazione maggiore
Lo sbarco di Coinbase sul Nasdaq, indubbiamente, ha fatto e continuerà a fare la storia del Bitcoin e delle criptovalute: per la prima volta in assoluto una piattaforma di trading …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1
    L'avatar di Charlie
    Data Registrazione
    Feb 2000
    Messaggi
    76,155
    Mentioned
    22 Post(s)
    Quoted
    33438 Post(s)
    Potenza rep
    42949694

    Il mondo è cambiato irreversibilmente, forse sarebbe ora di cominciare a pensare...

    a come salvaguardare aziende più strategiche, a come innovare e cavalcare i cambiamenti, ormai irreversibili, a come ridisegnare l'economia e la società, invece di stare ancora a strepitare su ristoranti e bar che chiudono alle 18, e ai danni psicologici per i gggiovani che soffrono se non fanno aperitivi ammassati a centinaia tutti i giorni
    Questo articolo ha contenuti DRAMMATICI, e parliamo di Milano, figuriamoci in aree più depresse:

    Crisi in Lombardia, 15 multinazionali sono pronte alla fuga - la Repubblica

    Henkel e Deutsche Bank, la Sematic che punta sull’Ungheria e la farmaceutica Sicor lasciata da Teva: le multinazionali riducono gli investimenti



    Il dossier sul tavolo dell'assessorato regionale allo Sviluppo economico parla di almeno 15 casi di aziende multinazionali pronte a ridurre la propria presenza in Lombardia. Settori della chimica, della meccanica, della moda, del mondo bancario: una grande varietà purtroppo.

    In alcuni casi viene chiusa una parte dei negozi, vedi ad esempio il caso delle catena di profumerie Douglas Italia che rinuncia a 19 punti vendita su 68 da qui a due anni; in altre si tira giù la serranda per trasferirsi dove il costo del lavoro è più basso, tipo la Sematic che da Osio Sotto va in Ungheria. "Nei prossimi cinque anni cambieranno il 50 per cento delle mansioni che noi conosciamo", dice il segretario regionale della Fim Cisl Mirko Dolzadelli, a proposito del settore manifatturiero. Altri cambiamenti sono dovuti alle nuove tecnologie e ai cambiamenti organizzativi, vedi ad esempio Deutsche Bank che chiude un quinto delle proprie filiali: ormai si fa tutto online, non è un addio all'ufficio in carne e ossa ma insomma, è chiaro che nulla sarà più come prima. "Dobbiamo continuare a mantenere un'alta attrattività, non solo di capitale e industriale ma occupazionale", confida Dolzadelli. Ma serve programmazione e probabilmente anche un maggior protagonismo del pubblico e quindi della politica.

    Lavoro a Milano, persi cinque anni: Il Covid ha azzerato l’onda lunga dell’Expo
    di Alessia Gallione
    02 Marzo 2021

    Nella provincia di Lecco, a Bulciago, la Teva, multinazionale israeliana che ha acquisito la Sicor, azienda farmaceutica che produce prodotti anche contro l'alzhaimer e altre patologie gravi, vuole cancellare cinquant'anni di storia e lasciare i 109 dipendenti senza lavoro. "La chiusura dello stabilimento, che porterà anche a problemi di tipo ambientale con bonifiche necessarie da fare, è stato annunciato dal gruppo in maniera irreversibile", spiega il rapporto della Regione. Tre mesi di tempo e addio. Ma la cosa che più stupisce è che nel 2020, anno di pandemia da coronavirus, Sicor ha fatto 29 milioni di euro di utili. Ampi profitti che non guardano in faccia a nessuno. "Siamo convinti che Bulciago possa e debba continuare a produrre con Teva o senza di Teva - spiegano le rappresentanze sindacali di Filtcem Cgil e Ulitec Uil - e non ci arrendiamo all'idea che non sia possibile trovare altri soggetti industriali che abbiano le competenze e la volontà di investire in un settore strategico come l'industria farmaceutica". Lo slogan che hanno coniato questi lavoratori è infatti "Lasciateci le chiavi".

    Henkel chiude lo stabilimento di Lomazzo, 150 dipendenti a rischio: sciopero in tutte le sedi italiane della società
    16 Febbraio 2021

    C'è, ancora, il gruppo L'Alco, che in Lombardia gestisce ben 44 negozi a marchio Despar, Eurospar, Interspar e Cash&Carry Alta Sfera. I cui dipendenti sabato scorso hanno scioperato per l'intera giornata perché nelle ultime settimane non c'è stata nessuna comunicazione o informazione sullo stato di avanzamento delle trattative di cessione dei marchi, nulla sul pagamento degli stipendi e nulla sulle retribuzioni arretrate mancanti. E infine, altro caso e altra multinazionale, la Henkel di Lomazzo, in provincia di Como. Una fabbrica che è un po' il cuore della cittadina, 150 persone presto a casa e la produzione che viene spostata a Ferentino, in provincia di Frosinone.

    In ogni caso è comunque un assaggio di ciò che potrebbe accadere, e stavolta su più ampia scala, una volta terminato il blocco dei licenziamenti, che al momento scade il prossimo 31 marzo.

  2. #2
    L'avatar di sandalio
    Data Registrazione
    Feb 2007
    Messaggi
    6,209
    Mentioned
    7 Post(s)
    Quoted
    2866 Post(s)
    Potenza rep
    42949687
    Purtroppo manca un entità politica che porti avanti progetti di questo tipo.

  3. #3
    L'avatar di Charlie
    Data Registrazione
    Feb 2000
    Messaggi
    76,155
    Mentioned
    22 Post(s)
    Quoted
    33438 Post(s)
    Potenza rep
    42949694
    Citazione Originariamente Scritto da sandalio Visualizza Messaggio
    Purtroppo manca un entità politica che porti avanti progetti di questo tipo.
    c'è. Si chiama Europa. Che periodicamente, da decenni, ci indica quali dovrebbero essere le riforme da fare. Che non abbiamo fatto e che non faremo, per poi frignare contro i tedeschi brutti e cattivi che non vogliono pagarci i forestali e i camminatori a pie' di lista...

  4. #4
    L'avatar di Triplet
    Data Registrazione
    May 2010
    Messaggi
    32,155
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    7329 Post(s)
    Potenza rep
    42949683
    Citazione Originariamente Scritto da sandalio Visualizza Messaggio
    Purtroppo manca un entità politica che porti avanti progetti di questo tipo.


    c'è il ministero della transizione ecologica...

    sarà un vero successo

  5. #5
    L'avatar di Triplet
    Data Registrazione
    May 2010
    Messaggi
    32,155
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    7329 Post(s)
    Potenza rep
    42949683
    Citazione Originariamente Scritto da Charlie Visualizza Messaggio
    c'è. Si chiama Europa. Che periodicamente, da decenni, ci indica quali dovrebbero essere le riforme da fare. Che non abbiamo fatto e che non faremo, per poi frignare contro i tedeschi brutti e cattivi che non vogliono pagarci i forestali e i camminatori a pie' di lista...

    i partiti non faranno mai quelle riforme di cui parli,

    se abbastanza intelligente per capire anche il perchè non le faranno

    da quanti decenni si sente parlare di sburocratizzazione, tagli agli sprechi e abbassamento delle tasse...

  6. #6
    L'avatar di oneone
    Data Registrazione
    Nov 2009
    Messaggi
    53,257
    Mentioned
    11 Post(s)
    Quoted
    8723 Post(s)
    Potenza rep
    42949684
    Charlie si fida di forza Italia

    LOL

  7. #7
    L'avatar di Charlie
    Data Registrazione
    Feb 2000
    Messaggi
    76,155
    Mentioned
    22 Post(s)
    Quoted
    33438 Post(s)
    Potenza rep
    42949694
    Citazione Originariamente Scritto da Triplet Visualizza Messaggio
    i partiti non faranno mai quelle riforme di cui parli,

    se abbastanza intelligente per capire anche il perchè non le faranno

    da quanti decenni si sente parlare di sburocratizzazione, tagli agli sprechi e abbassamento delle tasse...
    infatti l'ho scritto, che non abbiamo fatto e non faremo
    Ultima speranza Mario Draghi, che riesca a sottrarre ai partiti i soldi del recovery fund, che sperpererebbero in spese clientelari per acquistare consenso e non in investimenti produttivi e infrastrutture per TRASFORMARE l'economia
    ragazzi, ma qua veramente pensiamo che il problema siano le chiusure di bar ristoranti discoteche e similari? senza il lavoratore della multinazionale, a cosa serve il bar sotto la sede chiusa della multinazionale?

  8. #8
    L'avatar di Zio Arduino
    Data Registrazione
    Sep 2010
    Messaggi
    3,468
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    1233 Post(s)
    Potenza rep
    42949683
    ancora con sta storia dei cambiamenti irrevesersibili....ma perchè? a settembre sarà tutto finito e si tornerà alla normalità...io vorrei capire quali sarebbero le cose che non cambieranno...lo smart working coi bambini che strillano in sottofondo? la dad coi genitori che suggeriscono le risposte non inquadrati dalla web cam? continueremo a mettere la mascherina per abitudine? ma che cavolo dici?

  9. #9
    L'avatar di benjamin_linus
    Data Registrazione
    Feb 2009
    Messaggi
    36,938
    Blog Entries
    1
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    6619 Post(s)
    Potenza rep
    42949685
    Io sono per la vera rivoluzione green: erba, figa e gioco d'azzardo.
    2 punti di PIL IMMEDIATI e a COSTO ZERO.

  10. #10
    L'avatar di benjamin_linus
    Data Registrazione
    Feb 2009
    Messaggi
    36,938
    Blog Entries
    1
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    6619 Post(s)
    Potenza rep
    42949685
    Citazione Originariamente Scritto da Zio Arduino Visualizza Messaggio
    a settembre sarà tutto finito e si tornerà alla normalità...


Accedi